31 ott 2013

Filled Under: ,

Ospedali migliori in Italia, per intervento medico

I Migliori Ospedali d'Italia per intervento
Ministero della Salute
E'  da poco online un sito già definito il Tripadvisor degli Ospedali italiani, un portale privato che é già entrato in funzione e che si avvale di una fonte di dati istituzionale: Il Programma Nazionale Valutazione Esiti, presentato alcuni giorni fa dal Ministero della Salute.
Molto interessante sia l'iniziativa del Ministero della Salute, sia l'idea di un portale privato da usarsi come una sorta di cartina dei migliori ospedali italiani, dove gli utenti iscritti potranno dire le Loro impressioni su come sono stati curati, come i pazienti sono stati trattati e come i familiari ed amici dei malati si sono trovati in queste strutture mediche.
In pratica si tratta di una metodologia usata per elencare le migliori strutture ospedaliere a seconda della malattia per cui si viene curati; ecco un estratto da questo sito:

Parto

L'ospedale più virtuoso si trova Torino e, con 7913 parti l'anno (2012), è l'Ospedale Ostetrico S. Anna. L'Accordo Stato Regioni del 16 dicembre 2010 fissa in almeno 1000 nascite/anno lo standard cui tendere

Parto con taglio cesareo

L'ospedale che lo esegue in maniera più appropriata è l'Ospedale Vittorio Emanuele III presso Carate Brianza, in Lombardia, con appena 4,68% cesarei per 100 parti, contro una media nazionale di 26,27%

Infarto del miocardio

L'ospedale migliore dove essere ricoverati in caso di infarto è l'Azienda ospedaliera S. Maria degli Angeli - sede di Sacile a San Vito al Tagliamento in Friuli Venezia Giulia, in cui si registrano solo 1,68 decessi per 100 ricoveri contro una media nazionale di 9,98%.
Se si considera la quota di pazienti sottoposti ad angioplastica coronarica entro 48 ore dal ricovero tra tutti i pazienti ricoverati per infarto, la performance media in Italia è di 36,71%, mentre l'ospedale migliore, con il 77,41% dei pazienti, è l'Azienda Ospedaliera Policlinico Tor Vergata di Roma

Insufficienza cardiaca

Minore è il numero di decessi, più alta risulta la qualità delle cure offerte dall'ospedale in cui è avvento il ricovero. Per questo indicatore risulta primo in classifica in Italia è il Centro Cardiologico Monzino - Milano con appena 2,1% decessi contro un valore medio italiano di 10,67%

Ictus

Fra gli indicatori si considera il numero di pazienti ricoverati nuovamente in ospedale dopo 30 giorni dal primo ricovero: più basso è questo numero, più alta è la sicurezza del trattamento ricevuto nel primo ricovero. In questo caso l'ospedale numero uno sono gli Ospedali Riuniti di Bergamo con appena 3,28% di nuovi ricoveri contro un valore medio nazionale di 10,29%

Frattura del collo del femore

è l'Ospedale Cto di Milano ad avere il primo posto in classifica con 0,81% deceduti contro una media nazionale di 6,02%. Un altro indicatore seguito per la frattura del collo del femore è la tempestività dell'intervento che secondo gli standard internazionali deve avvenire entro 48 ore dal ricovero. La media nazionale per questo indicatore è il 40,16% degli interventi. La struttura migliore è l'Istituto Rizzoli di Bologna, con l'86,92% degli interventi eseguiti entro 48 ore

Bronco-pneumopatia cronico-ostruttiva (Bpco)

un indicatore di performance è la mortalità entro 30 giorni dal ricovero. La media nazionale è di 8,79% per cento pazienti ricoverati. Il miglior ospedale risulta la Fondazione Maugeri di Cassano delle Murge in Puglia con lo 0,5%

Tumore del colon

La performance è misurata sulla base della mortalità a 30 giorni dall'intervento. La media nazionale è di 4,37%, il primo ospedale è l'Ospedale di Magenta in Lombardia con 1,13%

Tumore del retto

La media nazionale di mortalità a 30 giorni dall'intervento è di 1,99%, il primo ospedale è l'Azienda ospedaliera di Perugia con 0,36%

Tumore del polmone

Anche in questo caso la performance ospedaliera è misurata sulla base della mortalità a 30 giorni dall'intervento. La media nazionale è di 1,54%, il primo ospedale è l'Azienda ospedaliera S. Martino di Genova con lo 0,3%

Intervento di artroscopia del ginocchio

Più è basso il numero di pazienti che devono subire un secondo intervento di artroscopia al ginocchio dopo 6 mesi dal primo, più alta è la buona riuscita del primo intervento. La media nazionale per questo indicatore è 1,44%. L'ospedale migliore è l'Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze con 0,21% dei casi
Qui, altre notizie di Scienza

0 commenti: