23 ott 2013

Filled Under: , , ,

Zirichiltaggia (Fabrizio De André) traduzione testo video

traduzione testo Zirichiltaggia Fabrizio De André
Fabrizio De André
Come tutti sanno Fabrizio De André ha vissuto molti anni in Sardegna, dove aveva anche una grande casa.
De André ha scritto diverse canzoni in lingua sarda, una delle più famose é proprio questa Zirichiltaggia, una veloce ed allegra ballata che parla di 2 fratelli che.. diciamo non vanno molto d'accordo.
Di seguito il testo, la traduzione ed il video:

As everyone knows, Fabrizio De André has lived many years in Sardinia, where he also had a big house.
De André wrote several songs in the Sardinian language, one of the most famous is precisely this Zirichiltaggia, quick and cheerful ballad that speaks of 2 brothers .. let's not get along very well.
Below the lyrics, translation, and video:

Testo ZIRICHILTAGGIA,  FABRIZIO DE ANDRÉ

Di chissu che babbu ci ha lacatu
la meddu palti ti sei presa
la muntiggiu ruiu cu lu suaru
li acchi sulcini lu trau mannu
e m'hai laccatu monti muccju e zirichelti...

Ma tu ti sei tentu lu tiu e la casa
tuttu chissu che v'era 'ndrentu
li piri butirro e l'oltu cultiato
dapoi di sei mesi che mi n'era 'ndatu
paria un campusantu bumbaldatu...

Ti ni sei andatu a campà cun li signuri
fenditi comandà da to mudderi
e li soldi di babbu l'hai spesi tutti
in cosi boni, midicini e giornali
che to fiddolu a cattr'anni aja jà l'ucchijali...

Ma me mudderi campa da signora
a me fiddolu cunnosci più di milli parauli
la toja è mugnedi di la manzana a la sera
e li toi fiddoli so brutti di tarra e di lozzu
e andarani a cuiassi a calche ziraccu...

Candu tu seu oaltutu suldatu piagnii come unu steddu
e da li babbi di li toi amanti t'ha salvatu tu frateddu
e si lu curaggiu che t'è filmatu lu curaggiu è sempre chiddu
chill'emu a vidi in piazza ca l'ha più tostu lu murro
e pa lu stantu ponimi la faccia in culu

Traduzione ZIRICHILTAGGIA  ( trad. di DI LUGORI)

Di ciò che babbo ci ha lasciato
Ti sei preso la miglior parte
La collina rossa con i sughereti
Le vacche sorcine e il toro grande
E mi hai lasciato pietre, cisto e lucertole

Ti sei tenuto il ruscello la casa
E tutto ciò che c'era dentro,
Le pere al burro e l'orto coltivato
Che dopo sei mesi che me n'ero andato
Sembrava un cimitero bombardato

Te ne sei andato a vivere con i signori
Facendoti comandare da tua moglie
I soldi di papà li hai spesi tutti
In dolci medicine e giornali
E tuo figliolo a quattro anni ha già gli occhiali

Mia moglie vive da signora
E mio figlio conosce più di mille parole
La tua munge da mattina a sera
E le tue figlie sono sporche di terra e di letame
E andranno a spostarsi a qualche servo pastore

Quando sei partito soldato piangevi come un bimbo
E dai padri delle tue amanti t'ha salvato tuo fratello
E se il coraggio che ti è rimasto è sempre quello
Vedremo in piazza chi ha la testa dura
E nel frattempo mettimi la faccia in culo.
Si ringrazia: Il Blog di Luke Scintu

0 commenti: