28 gen 2014

Filled Under:

Torcolo di S. Costanzo di Perugia: la vera ricetta

Il 29 Gennaio é il giorno in cui la Chiesa cattolica ricorda S. Costanzo, primo vescovo di Perugia , martirizzato nel 170 ai tempi dell'Imperatore  Marco Aurelio e oggi Santo Patrono della città capoluogo dell'Umbria.

Dopo averlo decapitato, il corpo del vescovo fu portato nei pressi di Perugia, dove fu eretta la prima cattedrale cristiana a Lui dedicata. S. Costanzo.
Il 29 gennaio, c'é da tempo immemorabile  la luminaria: una processione con torce e candele alla quale partecipano le autorità civili e religiose, che parte dalla Basilica di san Pietro e raggiunge la chiesa di san Costanzo ( dove c'é la facoltà di Agraria) .

Il 29,  c'é tradizionale mostra mercato lungo il Borgo XX Giugno, ed ha luogo la degustazione del torcolo di san Costanzo, dolce tipico della ricorrenza.
Questa ricorrenza è molto antica: proprio nella Basilica di San Costanzo i religiosi facevano grandi quantità di torcolo, che distribuivano ai poveri.
Ma qual'é la vera ricetta del Torcolo di S. Costanzo?
Torcolo di S. Costanzo di Perugia: la vera ricetta
Il Torcolo di San Costanzo, come si può vedere
da questa foto è basso e POCO LIEVITATO

  • Il vero torcono di S. Costanzo ha miliardi di calorie, è un dolce tipicamente invernale: zucchero, pinoli , uova, farina, burro, olio e uvetta sultanina sono i principali ingredienti, e va accompagnato dal Vin Santo, (vino dolce liquoroso), tipico di quelle terre.
  • Una vera e propria bomba calorica che sicuramente serviva alle persone indigenti dell'alto medio evo in epoche in cui racimolare calorie per i più poveri non era certo semplice, calorie di cui oggi si può fare tranquillamente a meno, però certo che un assaggio male non fa.
  • Il torcolo di S. Costanzo è uno di quei dolci tipici italiani da provare.
  • Una curiosità: si dice che fino a qualche decina di anni fa se una ragazza regalava il torcono di S. Costanzo ad un ragazzo questi significava che aveva delle pretese amorose nei suoi confronti... Roba d'altri tempi...

4 commenti: