Ballare Fino a Morire: i Rave Party nel Medioevo

Siamo nel 1518 in Germania, in una calda serata di giugno, quando una donna a Strasburgo si mette a ballare in mezzo alla strada.
Non c'é una vera e propria ragione, la donna balla, balla in maniera concitata e non la smette più.
Ormai sono ore che Frau Toffea balla, e le persone la guardano sempre con più interesse, lei balla e si sposta lungo la città.
Il mattino dopo, le persone ancora la vedono a ballare, il suo é un ballo concitato, irrefrenabile; ormai arriva la sera, siamo al secondo giorno, ma la donna continua a ballare, e non la smette.
La mattina dopo continua, le persone sono sempre più incuriosite, la donna sembra in estasi, sembra davvero parlare con Dio, non guarda in faccia a nessuno e continua a ballare, ecco allora che qualcuno vuole imitarla ed inizia anche Lui a ballare...

Ballano fino a morire - Germania
Epidemia di danza, 1518
Dopo pochi giorni sono già 34 le persone che ballano insieme a Frau Toffea in un mese siamo a 400 casi di persone che ballano, ormai questo fenomeno viene definito come un'epidemia di danza.

Nessuno sa bene cosa fare, siamo nel 1518 a Strasburgo, nel cuore del Sacro Romano Impero.
Alcuni parlano di influenze astrologiche, altri parlano di 'sangue caldo' e il salasso é l'unica terapia che provano.
Sì, perché queste persone ( in maggioranza donne) ballano senza mai smettere, una danza ossessiva che le porta ad avere degli attacchi di cuore, perchè danzano fino alla sfinimento alcune ballano fino a morire.

Ma cosa diavolo è successo 500 anni fa in Germania? Come mai queste donne si sono messe a ballare in modo così ossessivo, senza smettere fino a morirne?
Oggi potremmo definirlo come un episodio di isteria di massa, ma sicuramente ci ricorda la tarantella e il ballo della pizzica , ma resta comunque un episodio misterioso e di difficile interpretazione, quasi sconosciuto nel Nostro paese.

Questo, é solo uno dei tanti episodi di 'ballo compulsivo sociale', in Italia conosciuto come il Ballo di San Vito.
I primi episodi di cui si è a conoscenza, risalgono al '700, e si sono ripetuti in modo sporadico quasi 1.000 anni in Inghilterra, Olanda e Germania,  numerosi furono questi episodi in cui uomini, donne, giovani e vecchi si mettevano a ballare in maniera compulsiva fino a cadere a terra esausti, alcuni di loro addirittura morivano per il troppo sforzo fatto.
Ancora oggi non si riescono a capire le vere cause della Dancing mania o ballo di San Vito.
  • Un uso inconsapevole di droghe? 
  • Episodi di isteria collettiva?
Probabilmente si trattava di ingestione di pane integrale in cui i semi erano scaduti ed attaccati dalla stessa sostanza con cui oggi si sintetizza l'LSD.
Infatti questa 'epidemia' prendeva o una singola persona, o una famiglia oppure un gruppo ristretto di persone: i ballerini soffrivano di allucinazioni, vere e proprie 'crisi mistiche', avevano delle reazioni violente a colori violenti ( il rosso).
Resta però difficilmente spiegabile il fatto che alcuni di loro non ballavano solo per ore o qualche giorno ( sintomo che potrebbe far pensare all'ingestione di qualche sostanza stupefacente, seppure in modo inconsapevole) ma ballavano anche per settimane, in alcuni casi é stato riportato che ballavano anche per mesi.

Il ballo solitamente si svolgeva in cerchio, c'erano alcuni suonatori che scandivano il tempo e tutti ballavano.. Vi ricorda qualcosa?
A Noi ci sono venuti in mente i rave-party dove si balla per ore ed ore in modo compulsivo tutti insieme, finche non si smette perchè esausti...
Niente di nuovo quindi.
Da: Dancing plague of 1518 

Commenti

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.