12 nov 2014

Filled Under: , , ,

Enrico Fermi: Italian who changed the World

When Enrico Fermi went into the most prestigious Italian university, as a student, He teaching theoretical physics to students and teachers...
This talent is partly innate, partly due to the fact that when he was 14, his brother, and he died in despair, he began to study like a maniac.
In adolescence, he went to buy a book written in Latin "Elementorum physicae mathematicae" where they explained the basics of astronomy, mathematics, optics and acoustics.
Enrico Fermi was a student so bright that ended a year early high school, and when he appeared for the entrance exam to the faculty of mathematics and physics at the most prestigious Italian university, ie the Scuola Normale di Pisa, made an assessment that the professors did not believe he had written to him, but when they did the oral examination, he was told that in the future he would become a great scientist.

Enrico Fermi: Italian who changed the World
Oppenheimer, Fermi and Lawrence
His passion seems to be quantum mechanics, publishing several articles and studies, then went to Germany to study at the most prestigious university of quantum mechanics at the time (it was 1923), then won a scholarship in 1925 began teaching at the University of Florence, this is the time when trying to open the first chair of quantum physics in Italy. E 'in this period that causes the Fermi-Dirac statistics and invented the statistics of the particles.
  1. At 26, a physicist Enrico Fermi was famous in Germany, but not in Italy.
  2. In 1934 Fermi taught physics at the University of Rome "Boys of Via Panisperna", an informal school, where they discovered slow neutrons, and laid the theoretical basis for the construction of the first nuclear reactor and the first atomic bomb.
  3. In 1929, like all Italians who had to work with the State, he joined the Fascist Party, but since we were not given the necessary funding for its research, shortly after he moved to America (because his wife was Jewish).
  4. In 1933 he published the theory of decay,
  5. In 1934 he discovered nuclear fission
  6. In 1936-38, in the Italian Goverment denied funding for research (for reasons of power plays between academic)
  7. In 1938, after an offer by the Americans and after the racial laws, Fermi and his wife decided to leave Italy.
  8. In 1938 he was awarded the Nobel Prize for Physics.
  9. In 1939, he began to build the first atomic pile at Columbia University, which reaches its critical December 2, 1942 the US Navy had funded Fermi with $ 6,000, then came a lot of money (loans with no spending limits) due to the Project Manhattan: Fermi became a scientific leader of the project.
  10. Fermi in 1944-45, along with other scientific leaders of the Manhattan Project, he decided that the atomic bomb was to be used against Japan, in 2 different objectives which were present homes, factories and armaments.
  11. In 1953 he died of stomach cancer, probably because it always got in contact with radioactive material.

Poco tempo dopo la sua iscrizione presso la più prestigiosa Università italiana come studente, Enrico Fermi iniziò a fare lezioni di fisica teorica ai suoi compagni e ai professori.

Fermi è stato fin da bambino un gènio, riusciva a memorizzare molto più degli altri ragazzi della sua età.
enrico fermi italian scientist
Enrico Fermi, Italian scientist
Questo suo talento è in parte innato, in parte è dovuto al fatto che quando aveva 14 anni, suo fratello morì e lui per lo sconforto, si mise a studiare come un ossesso. In età adolescenziale, andò a comprarsi un libro scritto in latino "Elementorum physicae mathematicae" dove erano spiegate gli elementi base dell'astronomia,  la matematica, l'ottica e l'acustica.  Enrico Fermi era uno studente così brillante che finì con un anno di anticipo il liceo e che quando si presentò all'esame di ammissione per la facoltà di matematica e fisica alla più prestigiosa Università italiana, cioé la Normale di Pisa, fece un esame che i professori non credevano l'avesse scritto lui, ma quando fecero l'esame orale , gli dissero che in futuro sarebbe diventato un grande scienziato.

La sua passione fu la meccanica quantistica, di cui pubblica diversi articoli e studi, poi va a studiare in Germania, presso la più prestigiosa Università di meccanica quantistica dell'epoca ( era il 1923), quindi vinse una borsa di studio e nel 1925 iniziò ad insegnare presso l'Università di Firenze, è questo il periodo in cui cerca di aprire la prima cattedra di fisica quantistica in Italia. E' in questo periodo che sviluppa la Fermi–Dirac statistics e inventa la statistica delle particelle.
  1. A 26 anni, Enrico Fermi era un fisico famoso in Germania, ma non in Italia. 
  2. Nel 1934 Fermi insegnò fisica presso l'Università di Roma "I ragazzi di Via Panisperna", una scuola informale, da dove scoprirono i neutroni  lenti, e posero le basi teoriche per la costruzione del primo reattore nucleare e alla prima bomba atomica.
  3. Nel 1929, come tutti gli italiani che dovevano lavorare con lo Stato, si iscrisse al Partito fascista, ma visto che non gli venivano dati i fondi necessari alla sua ricerca, poco dopo si spostò in America ( anche perchè sua moglie era ebrea).
  4. Nel 1933 pubblica la teoria del decadimento
  5. Nel 1934 scopre la fissione nucleare
  6. Nel 1936-38 , in Italia gli vengono negati i fondi per la ricerca ( per ragioni di giochi di potere fra accademici)
  7. Nel 1938, dopo un'offerta da parte degli americani e dopo le leggi razziali, Fermi e sua moglie decidono di lasciare l'Italia.
  8. Nel 1938 gli viene conferito il Premio Nobel per la Fisica.
  9. Nel 1939, inizia a costruire la 1a pila atomica presso la Columbia University, la quale raggiunge la sua criticità il 2 dicembre 1942. la marina americana aveva finanziato Fermi con 6.000 dollari , poi arrivarono tanti soldi ( finanziamenti senza limiti di spesa)  grazie al Progetto Manhattan: Fermi diventò un leader scientifico di questo progetto.
  10. Nel 1945 Fermi, insieme ad altri 3 (Oppenheimer, Lawrence, Compton) responsabili scientifici del Progetto Manhattan, propose che la bomba atomica doveva essere usata e subito contro il Giappone, in 2 obiettivi diversi dove fossero presenti abitazioni, fabbriche ed armamenti. [fonte]
  11. Nel 1953 muore per un tumore allo stomaco, probabilmente preso perché sempre a contatto con materiale radioattivo.
fermilab
Fermilab in Chicago(Fermi National Accelerator Laboratory)

0 commenti: