Jovanotti ha detto che Chi non lavora non fa l'amore

Jovanotti ha detto che lavorare gratis si può, lui l'ha fatto e gli ha fatto bene.
Apriti cielo: i giornali italiani (non solo di Gossip) sono 3 giorni che ci martellano gli zebedèi perchè jovanotti ha detto una cosa che gran parte della popolazione italiana pensa, ha fatto, o che farà.

Chi scrive è contrario a lavorare gratis, lo ha fatto un paio di volte, dopo che gli furono promessi mari e monti non ottenne nulla, solo delle esperienze lavorative, nemmeno tanto formative.

Jovanotti ha detto che Chi non lavora non fa l'amore
Lavorare gratis? Anche sì, ma anche no, dipende...
  1. Un conto é se lavori gratis presso un avvocato che ti mette ad aiutarlo a difendere un cliente, quindi lavorare gratis per fare esperienza professionale.
  2. Altro conto é se ti mette a pagare bolli, bollettini, comprare colazioni, caffè, portarli, girarli e verso le 10 mettersi in ginocchio sotto il tavolo e fare un lavoretto, al capo... A quel punto é bene farsi pagare, altrimenti 'il lavoretto' può pure farselo da solo..
Ecco: dipende cosa fai, quando lavori gratis.
Il lavoro gratis é sbagliato?
Il concetto di lavorare gratis è certamente sbagliato eticamente, ma é anche contemplato dalla legge italiana.
Di solito, chi fa una specializzazione dopo aver conseguito una laurea, lo fa in modo completamente gratuito, è un metodo brutto ma che é sempre esistito in Italia.
Jovanotti ha detto che Lui qualche esperienza di lavoro gratis l'ha fatta, da ragazzino ha lavorato a delle sagre paesane e non lo hanno mica pagato, magari gli hanno dato solo un panino o una Coca-Cola, é così che funziona da sempre, non c'é niente di male.
Il male inizia ad esserci quando ad un'intera generazione di persone diplomate o laureate, si chiede di 'fare esperienza', di essere retribuiti 'tramite visibilità' o di lavorare proprio gratis anche dalle istituzioni.

'Jovanotti parla così perché é legato ai poteri forti':

Jovanotti ha detto una sua opinione, ha portato una sua esperienza, in linea con quanto fanno ed hanno fatto milioni di persone per trovarsi un lavoro,m ma di certo dire che Jovanotti è stato istruito dai poteri forti é una stupidaggine e pure grossa.
Jovanotti é stato 'un ragazzo fortunato', perchè ha creduto in un sogno, cioè quello dalla musica da discoteca, a 15 anni faceva già il DJ in una discoteca, ha sempre lavorato come DJ in radio, discoteche, poi ha iniziato a fare dischi di musica rap.
Era l'inizio del 1982, quando nessuno in Italia faceva rap, Jovanotti con il tempo, non ha mai voluto piegarsi ai voleri delle grandi case discografiche, ha aperto la sua casa discografica SoleLuna, dove produce anche numerosi artisti italiani.
Jovanotti é uno dei pochi self-made man italiani, chissà cosa avete fatto Voi, nella vita.

Chi non lavora non fa l'amore, una bella canzone di Celentano, cantata dalla moglie Claudia Mori a Sanremo.

Commenti

  1. Jovanotti, come al solito dice quello che pensa.

    E' uno di sinistra, con le proprie idee. Non mi piace un granchè come cantante, ma sicuramente non è uno stupido, è un artista che si è fatto da se, fa lavorare un sacco di persone, ha costruito un piccolo punto di rifermiento tutto italiano nella musica.

    A dirla tutta dovrebbe essere più un punto di riferimento per imprenditori di destra che di sinistra, è per questo che lo invitano alle università.

    Mi chiedo quelli che lo criticano, a quante persone danno lavoro, nel campo della cultura.

    Ce ne fossero, di Jovanotti in italia. Il 90% degli artisti italiani ha la mentalità tipica dell'artista italiano, cioé succhiare dalla mammella dello Stato italiano sovvenzioni, comparsate in TV eccetera.

    Chi critica jovanotti come imprenditore e come uomo lo fa perchè non lo conosce

    RispondiElimina

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.