Passa ai contenuti principali

VENEZUELA: Come Si Distrugge un Paese

Era la nazione più ricca del Sudamerica, oggi è sul lastrico, con un'inflazione grottesca e la gente che muore di fame. Tutto per colpa di due dittatori comunisti. Intervista all'economista (ed ex ministro venezuelano) Ricardo Hausmann

Come può il Paese che ha le maggiori riserve al mondo di petrolio introdurre una tessera per razionare carne e pane, il cosiddetto Carnet della Patria, avere l'inflazione più alta al mondo, 1 milione per cento (ma il 2018 potrebbe chiudere all'astronomica cifra di 14.000.000 per cento) e un Pil crollato del 50 per cento nel giro di 4 anni?

 Come può aver costretto alla fuga oltre due milioni di persone (si parla di altri 5 milioni entro i prossimi 6 mesi), per non morire letteralmente di fame?

Il Paese è il Venezuela e Panorama lo ha chiesto a Ricardo Hausmann, che dal 2005 dirige il Centro per lo Sviluppo Internazionale dell'Università di Harvard. Nato in Venezuela (dove, nel 1992, fu ministro della Pianificazione) e statunitense di adozione, per il 62enne professor Hausmann "è difficile spiegare perché accadano determinate catastrofi come quella del mio Paese, la scienza risponde meglio alle domande sul come.

La legge di gravità spiega per esempio come i corpi celesti si attraggono tra di loro a distanza ma non dice perché, la biologia può assicurarci che aumentiamo di peso se consumiamo più calorie di quante ne bruciamo, ma non spiega perché ciò accada più sovente a me che ad altri" dice il professor Hausmann.

VENEZUELA: Come Si Distrugge un Paese
Caracas 2018 Getty images

Nella Grande depressione, tra il 1928 e il 1933, l'economia statunitense si contrasse del 28,9 per cento. Come è possibile che la recessione del Venezuela di oggi faccia impallidire la crisi del 1929 e, per giunta, abbia anche un'inflazione che, nella storia, è stata registrata solo nella Germania del 1923 e nello Zimbabwe del 2008-09?
Il "come" è sin troppo facile da spiegare. Chávez usò il boom del petrolio iniziato nel 2004 per togliere potere alla società e aumentare il controllo dello Stato sulla produzione e sul mercato, mentre contemporaneamente si indebitava in modo massivo sui mercati internazionali. Anche se il controllo statale pregiudicò la produzione, Chávez riuscì a proteggere i venezuelani dalle conseguenze attraverso importazioni sovvenzionate che però danneggiarono ulteriormente la produzione "made in Venezuela".
Come si è arrivati alla carestia di oggi con questo spaventoso esodo di massa della popolazione?
Quando iniziò a governare, Chávez approfittò della favorevole condizione economica internazionale, ossia bassi tassi d'interesse, prezzo del petrolio alle stelle, grande richiesta di materie prime a cominciare dalla Cina, per inanellare una serie di eccessi fiscali e monetari possibili solo quando in uno Stato non esiste la trasparenza, che è "figlia" della divisione dei poteri; e questo è avvenuto moltiplicando senza limiti la spesa pubblica improduttiva e dando sussidi in massa con l'unico obiettivo di accrescere il consenso elettorale.
Ci sono altre cause dell'attuale crisi?
Le riserve petrolifere distribuite a pioggia a molti paesi del continente per crearsi una base di appoggio politico, dando anche vita a fondi neri, messi a disposizione di molti partiti per vincere le elezioni presidenziali. Il risultato di questi "regali" e di politiche insostenibili sul fronte interno è stato duplice: da un lato l'appoggio incondizionato al regime di alcuni Stati membri dell'Oea, l'Organizzazione degli Stati americani, dall'altro il crollo del modello economico, con Caracas che oggi ha l'inflazione più alta del mondo mentre le riserve della Banca centrale, nonostante le ingenti risorse petrolifere, sono evaporate.
Invece di affrontare le conseguenze di una politica economica non sostenibile, il chavismo cosa fece?
Per combattere l'inflazione lo Stato è intervenuto con un rigido di controllo sui prezzi che, anziché sconfiggere gli aumenti, ha causato, al pari di tutti gli altri esempi nella storia dell'economia a cominciare dall'ex Urss, una scarsità mai vista di quasi tutti i prodotti e lunghissime file nei negozi. Si è poi tentato di fermare l'emorragia di valuta straniera con una serie di misure, come l'imposizione di un cambio fisso a partire dal 2003. Inutilmente.
Entrambi i modelli economici, quello di Chávez prima, e dal 2013 quello di Maduro, sono antitetici al mercato dunque...
L'economia di mercato è per definizione quella in cui si possono esercitare attività commerciali e industriali private senza dovere dipendere esclusivamente dal potere del governo-Stato e dove, soprattutto, il diritto di proprietà è tutelato. In Venezuela, invece, oggi l'unico in grado di esercitare il diritto di proprietà sembra essere il governo che a poco a poco si è impossessato di ogni aspetto della vita economica, diventando proprietario di tutto. Dagli espropri indiscriminati, il contadino Franklin Brito morì dopo 4 mesi di sciopero della fame nel 2010 per la terra che gli era stata espropriata, agli arresti dei commercianti colpevoli di non vendere ai "prezzi giusti" fissati dal governo, dal 2008 in poi. Oggi persino il diritto di vivere, con la distribuzione di cibo, seppur di pessima qualità, in cambio dell'appoggio politico dimostrabile tramite il voto registrato dal Carnet della Patria, è detenuto dallo Stato.
Quando, secondo lei, è stato raggiunto il punto di non ritorno?
Nel 2013, quando l'eccessivo indebitamento del governo fece perdere al Venezuela l'accesso ai mercati internazionali del capitale, scatenando l'inizio della recessione. Nel 2014, poi, il prezzo del petrolio registrò una forte caduta, rendendo impossibile il livello di importazioni mantenuto da Caracas e causando da allora il proprio collasso. Fu evidente in quel momento che il governo venezuelano doveva modificare la sua direzione in materia economica; persino alcuni membri dell'amministrazione del presidente Maduro proposero di tornare a politiche più favorevoli al mercato, accettando aiuti finanziari internazionali. Ma invece di fare questo, Maduro indurì la sua posizione, intensificando i controlli distorsivi sia sui prezzi dei beni di consumo che sul tasso di cambio.
Oggi la gente rischia di morire di fame.
Verso la fine del 2015 la catastrofe era a un passo e Maduro fece finta di nulla, rifiutando persino gli aiuti umanitari. Di fronte al collasso delle importazioni, della produzione interna e delle entrate fiscali, il governo di Caracas ha scelto di stampare denaro all'infinito per coprire il deficit, stimolando un'inflazione mostruosa e distruggendo il potere di acquisto dei salari e le poche imprese private rimaste.
Ma perché, avendo davanti tante alternative, Maduro ha scelto la via più prevedibilmente disastrosa, imponendo un costo umano così elevato al suo popolo?
Sono tre le possibili spiegazioni: ignoranza, volontà o ciò che gli economisti definiscono le "interazioni strategiche". Difficile sia una questione di ignoranza: pur avendo Maduro appena il diploma dell'obbligo, molti chavisti a partire dal 2014 tentarono di fargli cambiare politica economica, ma lui li ignorò, allontanandoli dal governo. Per parlare di "interazioni strategiche" ci vorrebbero due gruppi chiaramente contrapposti, come scritto da Allan Drazen ed Alberto Alesina nel loro studio del 1991, ma in un regime totalitario come quello venezuelano sono difficili persino da identificare. Non resta che la volontà: di fronte all'alternativa tra restituire il potere alla società, concedendole di riorganizzare una produzione basata sul mercato, cioè la libera fluttuazione dei prezzi e del cambio, e far patire la fame al popolo, Maduro ha scelto quest'ultima strada, corrompendo anche solo con una cassa di cibo quanti seguaci gli fossero necessari e costringendo milioni all'esilio. Il dizionario spagnolo dell'Accademia Reale definisce il "fare del male" come "perseguitare qualcuno, insultarlo, causargli danni e dolori". Ecco, alla fine, non esiste altra spiegazione plausibile se non questo per spiegare quanto accaduto in Venezuela, dove la gente, stanca di essere perseguitata, non può fare altro se non votare con i piedi, scegliendo a milioni la via dell'esilio.

Articolo pubblicato su PANORAMA del 30 Agosto 2018

Commenti

Popular Posts

Recensione Trading Fineco 2024

Molteplici regolamentazioni di alto livello, tra cui Consob in Italia e FCA nel Regno Unito Fondata nel 1999 La protezione degli investitori è di 100.000 € per contanti e 20.000 € per titoli Un track record pulito: nessun incidente normativo o multa di rilievo La nostra opinione su Fineco Bank Fineco Bank   è un agente di cambio e una banca italiana, regolamentata dalla Banca d'Italia, Consob e soggetta a regolamentazione limitata da parte delle principali autorità FCA e PRA.  Fineco Bank applica commissioni non di negoziazione basse, inclusa l'assenza di commissioni per inattività, deposito o prelievo.  La sua piattaforma di trading mobile è ben progettata e facile da usare.  In qualità di broker quotato con esperienza bancaria, Fineco Bank ottiene ottimi risultati in termini di sicurezza.  Il lato negativo è che puoi utilizzare solo il bonifico bancario per il deposito.  I materiali didattici consistono solo in pochi video, webinar e alcuni articoli di "Guida".  Inf

Gratta e Vinci o Lotto: dove è più facile vincere

La risposta breve è che è più facile vincere qualcosa con un Gratta e Vinci, ma vincere un premio consistente è più probabile con il Lotto. Gratta e Vinci: Probabilità di vincita più alta: In generale, i Gratta e Vinci offrono una probabilità di vincita più alta rispetto al Lotto. Alcuni Gratta e Vinci arrivano ad avere 1 biglietto vincente su 3. Premi più piccoli: Tuttavia, la maggior parte delle vincite ai Gratta e Vinci sono di importo modesto, spesso pari o poco superiore al costo del biglietto stesso. Trasparenza: Le probabilità di vincita di ogni Gratta e Vinci sono indicate sul retro del biglietto o sul sito web di Lottomatica. Lotto: Probabilità di vincita più bassa: Le probabilità di vincere al Lotto sono molto più basse rispetto ai Gratta e Vinci. Premi più alti: In compenso, i premi del Lotto possono essere molto più sostanziosi, arrivando a milioni di euro. Conclusione: Se cerchi la soddisfazione immediata di vincere qualcosa, anche se di piccolo valore, i Gr

Fedez: canzoni, fidanzata, tatuaggi, altezza e Chiara Ferragni

Fedez è uno dei musicisti più amati in questo momento in Italia, conosciamo le sue canzoni , la sua fidanzata , i suoi tatuaggi e le sue misure . Innanzitutto diciamo subito che Fedez viene descritto come 'cantante' ma in realtà un rapper, che molti seguaci dell'Hop-Hop italiano però criticano, in quanto l'accusano di essere 'troppo commerciale'. Federico Leonardo Lucia è l'anticonformismo per eccezione. E' un rapper che fa costume e tendenza. Ma anche un produttore discografico. Fedez è uno dei musicisti italiani tra i più acclamati. Un personaggio amato da donne bellissime e allo stesso tempo particolari. Anche al centro del dibattito politico. Fedez fa parlare di se quasi quotidianamente nel bene e nel male. Ha fatto registrare 60 milioni di download per “ Vorrei ma non posto ”. Le canzoni di Fedez: "Happy birthday baby” E' il messaggino per il compleanno, pubblicato sul profilo di Fedez su Instagram da di Chiara ferragni, come

Resilienza: significato del Tatuaggio

Anche Gianluca Vacchi ha un tatuaggio con la scritta resilienza , ma cosa significa questa parola? La resilienza indica tutte quelle persone che, nonostante le avversità della vita, non si abbattono e si rialzano anche più forti di prima. Descrive tutte quelle persone che hanno un carattere forte e che sanno fare tesoro delle esperienze negative della vita e sfruttarle a proprio vantaggio. Descrive la capacità di evolvere anche grazie agli eventi negativi. Il termine ha spopolato grazie all’imprenditore Gianluca Vacchi c he tra Facebook e Istagram conta oltre un milione di fan. Vacchi ha tatuato la parola “resilienza” sul proprio corpo e ne ha fatto anche una filosofia di vita . Resilienza significato La resilenza indica la capacità di un corpo di resistere ad eventi che provocano uno choc e di riprendere la sua struttura iniziale. In ambito psicologico indica la capacità di un individuo di superare i momenti dolorosi dell’esistenza e di evolvere, nonostante le avversità.

"Migliori Banche in Italia" il sito specializzato in Banche ed Investimenti

 " Migliori Banche in Italia " è un ito di finanza che parla di banche ed investimenti  Questo sito di finanza è specializzato in banche e investimenti offre una vasta gamma di informazioni e risorse relative al settore bancario e agli investimenti finanziari. Questo tipo di sito può coprire vari aspetti, tra cui: Notizie finanziarie : Aggiornamenti sulle ultime notizie del settore, inclusi sviluppi significativi nelle banche, cambiamenti normativi, e analisi delle tendenze del mercato. Analisi di mercato : Approfondimenti e analisi su diversi mercati finanziari, come quelli azionari, obbligazionari e delle materie prime. Queste analisi possono includere previsioni e raccomandazioni basate su modelli economici e finanziari. Consigli sugli investimenti : Informazioni su vari strumenti di investimento, come azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento, ETF, e altri derivati. Il sito può offrire strategie di investimento, gestione del portafoglio, e suggerimenti su come m

Londra: i cacciatori di teste del XXI° secolo

Un'episodio che ha dell'incredibile ieri a Londra , come in un reale film horror di zombie . Due uomini neri, che parlavano un perfetto inglese erano fuori di una caserma di soldati britannici, hanno aspettato che uno di loro uscisse con la macchina, lo hanno speronato, accoltellato, tagliato la testa con una mannaia da macellaio e lasciato il cadavere in mezzo alla strada.

Top Richest Italian Singers

Have you ever wondered to, what is the richest Italian singer in history? Who was the Italian musician, who became the richest of them all? To estimate today, it is not simple. The music world has changed a lot over time. The first revolution occurred in early 1900, when they reached the vinyl records. Everyone started to buy the first disc which was recorded two songs, one on each side, the disks they cost very little and even the less well off could afford them. The second great revolution has arrived with the digital, in the late 90's, early 2000. Both internet, listening in streaming, but also the digital download has revolutionized a little everything. Now hardly an artist earns money by selling songs, ie via download, but a series of things, that is, the concerts, the number of views of video, participation in television programs and finally the download. Sometimes however, there are still many singers who earn almost exclusively by paid downloads, but they are no lo

Sardinia: where oldest european people leaves

Below, is a nice video on the most ancient European people , the Sardinians . The earliest evidence of human life in Sardinia date back between 100,000 and 500,000 years ago, before Homo sapiens. For thousands of years, the waters of the Mediterranean Sea was much lower than now, such as the Island of Elba, it seems that it was within walking distance from Italy, and perhaps even Sardinia , otherwise not explained how the homo erectus could have access ...

Migliori Azioni da Comprare Oggi 12 Marzo

 Ecco le migliori azioni di oggi della Borsa di Milano del 12 Marzo 2024 Titolo Valore Var % ESPE 4,12 13,19% ORACLE 118,2000 13,15% IMPRENDIROMA 2,3000 12,75% GISMONDI 1754 4,6000 12,20% IERVOLINO & LADY BACARDI ENTER 0,6400 9,22% FAE TECHNOLOGY 4,9000 8,17% COMPAGNIA DEI CARAIBI 0,8620 8,02% WACKER CHEMIE 111,0000 7,30% BIOERA 0,0320 6,67% GENERAL ELECTRIC 158,0000 6,40% MEGLIOQUESTO 0,201 5,79% TRATON 32,4000 5,54% GVS 6,7000 5,35% LEONARDO 20,8900 5,24% SCIUKER FRAMES 2,9250 5,22% Migliori azioni da comprare oggi: ESPE: ESPE (European Society for Philosophy of Education) è una società accademica internazionale che promuove la ricerca e la discussione filosofica sull'educazione. Fondata nel 1973, ESPE ha sede in Belgio e conta oltre 1.500 membri da tutto il mondo. Attività: Organizza congressi annuali e biennali su vari temi di filosofia dell'educazione. Pubblica la rivista "Educational Philosophy and Theory". Promuove la collaborazione tra ricercatori di d

App Bancarie Per Smartphone Recensione [2024]

 Qui di seguito, una recensione delle App di Banca per Smartphone, Un'app bancaria per smartphone è un'applicazione software creata da banche e istituti finanziari per consentire ai clienti di gestire i propri conti, visualizzare i dettagli finanziari ed effettuare transazioni monetarie utilizzando smartphone o tablet. Le app bancarie per smartphone offrono una serie di funzionalità che consentono ai clienti di gestire le proprie finanze in modo rapido e semplice, anche quando sono in movimento. Queste funzionalità possono includere: Controllo del saldo e dei movimenti dei conti Erogazione di bonifici e pagamenti Gestione delle carte di credito e di debito Richiesta di prestiti e servizi finanziari Accesso a informazioni e prodotti bancari Le app bancarie per smartphone sono un modo conveniente e sicuro per gestire le proprie finanze. Sono disponibili per la maggior parte delle banche e degli istituti finanziari, e possono essere scaricate gratuitamente dagli app store. E