Passa ai contenuti principali

Previsioni Mercati Finanziari 2024 Settore Bancario

Cose da sapere

  1. Un’economia globale in rallentamento, unita a un panorama economico divergente, metterà alla prova il settore bancario nel 2024. La  capacità delle banche di generare reddito e gestire i costi sarà messa alla prova in nuovi modi.
  2. Molteplici forze dirompenti stanno rimodellando l’architettura fondamentale del settore bancario e dei mercati dei capitali. Tassi di interesse più elevati, ridotta offerta di moneta, normative più assertive, cambiamento climatico e tensioni geopolitiche sono i fattori chiave alla base di questa trasformazione.


Il ritmo esponenziale delle nuove tecnologie e la confluenza di molteplici tendenze stanno influenzando il modo in cui le banche operano e soddisfano le esigenze dei clienti. L’impatto dell’intelligenza artificiale generativa, della convergenza industriale, della finanza integrata, degli open data, della digitalizzazione del denaro, della decarbonizzazione, dell’identità digitale e delle frodi aumenterà nel 2024.

Le banche, in generale, godono di solide basi, ma i modelli di reddito saranno messi alla prova. La crescita organica sarà modesta, costringendo le istituzioni a perseguire nuove fonti di valore in un contesto di scarsità di capitale.

Le attività bancarie di investimento e le attività di vendita e commercio dovranno adattarsi alle nuove dinamiche competitive. Forze come la crescita del capitale privato sfideranno questo settore a offrire più valore sia ai clienti aziendali che a quelli buy-side.

Gli shock che hanno colpito il settore bancario globale all’inizio del 2023 hanno spinto il settore a rivalutare le proprie strategie. Mentre i leader bancari si concentrano sulle modifiche normative proposte in materia di capitale, liquidità e gestione del rischio per le banche statunitensi, c’è ancora molto da fare per evolvere i modelli di business.

SOMMARIO

  1. Sfide economiche globali
  2. Forze dirompenti
  3. Attività bancarie al dettaglio
  4. Pagamenti dei consumatori
  5. Gestione patrimoniale
  6. Attività bancarie aziendali e transazionali
  7. Banche d'investimento e mercati dei capitali
  8. Infrastrutture di mercato
  9. Navigare nei contorni mutevoli dell’economia globale

Un rallentamento dell’economia globale abbinato a un panorama economico divergente metterà alla prova il settore bancario in nuovi modi nel 2024. Sebbene i recenti sforzi per combattere l’inflazione stiano mostrando segni di successo in molti paesi, i rischi messi in luce dalle interruzioni della catena di approvvigionamento, dalla riorganizzazione delle relazioni commerciali , e le attuali tensioni geopolitiche complicheranno la crescita economica in tutto il mondo. Anche eventi meteorologici estremi, come inondazioni, ondate di caldo e uragani, possono causare gravi perturbazioni economiche.

Leggi anche:

Previsioni Mercati Finanziari 2024 Settore Bancario


In questo contesto, il Fondo monetario internazionale (FMI) prevede che l’economia mondiale crescerà non oltre il 3,0% nel 2024.1 Le economie avanzate, ovvero Stati Uniti, area euro, Giappone, Regno Unito e Canada, sono Si prevede una crescita tiepida, pari all’1,4% nel 2024. 2 Ma molte economie emergenti dovrebbero vedere una crescita più elevata sulla scia della forte domanda dei consumatori, di una demografia più giovane e del miglioramento delle bilance commerciali. In particolare, si prevede che l’India avrà uno dei tassi di crescita più elevati: 6,3% nel 2024.3


D’altro canto, la Cina si trova ad affrontare un potenziale rallentamento economico con una domanda dei consumatori debole e mercati immobiliari in difficoltà. La debolezza delle esportazioni e importazioni cinesi non avrà solo un impatto sui suoi partner commerciali, ma potrebbe mettere a dura prova le dinamiche della catena di approvvigionamento e indebolire ulteriormente la ripresa globale. I recenti sforzi per rilanciare la fiducia dei consumatori e delle imprese in Cina potrebbero influenzare la crescita economica in altri paesi, in particolare in Asia.


Secondo l’FMI, l’inflazione globale dovrebbe scendere al 5,2% nel 2024, da un massimo dell’8,7% nel 2022. In paesi come gli Stati Uniti, il mercato del lavoro e la spesa dei consumatori mostrano segni di decelerazione ma sono ancora elevati, mettendo in discussione gli obiettivi fissati dalle banche centrali. In effetti, il FMI prevede che l’inflazione in quasi tutti i paesi rimarrà al di sopra dei tassi obiettivo. 4


Le banche centrali adegueranno le loro politiche monetarie fino al 2024 (figura 1). Si prevede che il tasso dei fondi federali negli Stati Uniti rimarrà elevato pari o superiore a 550 punti base nel 2024, ma potrebbe scendere tra 450 e 500 punti base nella seconda metà del 2024, secondo le ultime proiezioni del FOMC. 5 Si prevede che la Banca Centrale Europea (BCE) inizierà a ridurre i tassi di interesse; nell’agosto 2023, il tasso di riferimento della BCE si collocava al 3,75%, raggiungendo il picco del 2001.6


Nel frattempo, la Banca d’Inghilterra dovrebbe abbassare il tasso ufficiale nella prima metà del 2024, dopo aver raggiunto un picco del 5,75% alla fine del 2023.7 La storia è simile a quella della Banca del Canada: i tassi dovrebbero scendere nella seconda metà del 2024 dopo aver superato il 5%, secondo le previsioni trimestrali economiche canadesi di TD Economics. 8 A differenza di altre banche centrali, la Banca del Giappone ha mantenuto il tasso di riferimento vicino allo zero, ma nella sua riunione di luglio 2023 ha indicato che avrebbe modificato gli schemi di controllo della curva dei rendimenti obbligazionari per rispondere più rapidamente alle pressioni sui prezzi. 9


Ma in generale, le misure di restrizione quantitativa delle banche centrali contrarranno l’offerta di moneta globale. Negli Stati Uniti, infatti, l’offerta di moneta, misurata da M2, sta diminuendo al ritmo più veloce dagli anni ’30. 10



Queste sfide si tradurranno in una crescita economica divergente e sporadica. Alcune economie si troveranno ad affrontare un futuro migliore, mentre altre dovranno ancora combattere un’inflazione più vischiosa e una crescita bassa.


Che impatto avrà il contesto macroeconomico nel 2024 sul settore bancario?


Nel 2024 le banche a livello globale dovranno affrontare un mix unico di sfide. Ciascuno di questi ostacoli avrà un impatto sulla capacità delle banche di generare reddito e gestire i costi (sia costi per interessi che spese operative).


I costi di deposito sono qui per restare, per ora


Tassi di interesse più alti sono stati un vantaggio per il settore bancario. Nel 2022, il margine di interesse netto è aumentato in modo significativo in molte giurisdizioni, con le banche americane e canadesi che hanno registrato un aumento del 18% su base annua (anno su anno), seguite dalle loro omologhe europee all’11%. 11


Tuttavia, i tassi elevati continueranno a spingere verso l’alto i costi di finanziamento e a comprimere i margini. Il ritmo e la ripidità degli attuali cicli dei tassi hanno aumentato drammaticamente il costo dei depositi fruttiferi per le banche statunitensi. Ma questi costi sono aumentati in modo più marcato per le banche regionali e di medie dimensioni. Ad esempio, i costi dei depositi per le banche più grandi si sono attestati al 2,2% nel secondo trimestre del 2023, rispetto al 2,5% per le banche più piccole. 12 Questo è un modello simile in altri paesi che hanno sperimentato aumenti dei tassi.


In futuro, il settore bancario globale potrebbe trovarsi in difficoltà nel ridurre gli elevati costi di deposito (e abbassare i beta dei depositi) anche se i tassi di interesse scendono. Le aspettative dei clienti di tassi più alti, insieme alla maggiore concorrenza sul mercato, costringeranno molte banche a offrire tassi di deposito più elevati per fidelizzare i clienti e sostenere la liquidità. La situazione varierà però da regione a regione. Le banche europee, ad esempio, potrebbero essere in grado di ridurre i costi dei depositi più rapidamente. Il settore bancario europeo non ha dovuto affrontare la stessa concorrenza dei fondi del mercato monetario, a differenza degli Stati Uniti. Durante le turbolenze bancarie del marzo 2023, gli afflussi nei fondi del mercato monetario europeo sono stati pari a 19,3 miliardi di dollari, un valore insignificante rispetto ai 367 miliardi di dollari dei fondi del mercato monetario statunitense. 13 , 14  Allo stesso modo, le banche asiatiche, in India, ad esempio, potrebbero sostenere tassi più elevati sulla scia di una crescita economica più forte. Si prevede infatti che le banche della regione Asia-Pacifico (APAC) supereranno le loro controparti globali nel generare un reddito netto da interessi più forte.


La crescita dei prestiti sarà, nella migliore delle ipotesi, modesta


In termini di crescita dei prestiti, prevediamo che la domanda sarà modesta date le condizioni macroeconomiche e gli elevati costi di finanziamento. Anche le banche probabilmente continueranno le loro politiche restrittive di concessione di credito. Secondo le recenti indagini sui prestiti bancari condotte dalla Federal Reserve e dalla BCE, molte banche hanno già inasprito gli standard di credito in tutte le categorie di prodotti. Si prevede un ulteriore inasprimento a causa di prospettive economiche meno favorevoli e del probabile deterioramento dei valori delle garanzie e della qualità del credito. 15 , 16


Tuttavia, l’impatto del contesto macroeconomico sarà diverso a seconda delle categorie di prestiti. La spesa dei consumatori è rimasta solida nelle principali economie, ma con l’esaurirsi dei risparmi dei consumatori, la domanda di carte di credito e prestiti per l’auto dovrebbe rimanere forte. Allo stesso tempo, negli Stati Uniti e in Europa, la domanda di prestiti bancari da parte delle imprese è diminuita in modo significativo. I prestiti bancari alle imprese potrebbero indebolirsi nel breve termine, ma potrebbero riprendersi più avanti nel 2024. (Vedere il riquadro laterale, “Terrore nel settore immobiliare” per un commento sui prestiti immobiliari commerciali).


Terrore nel settore immobiliare

La concessione di mutui residenziali negli Stati Uniti potrebbe registrare un forte aumento a differenza di altre economie avanzate come Regno Unito, Germania e Australia. Tuttavia, il settore immobiliare commerciale (CRE) negli Stati Uniti continuerà a essere sotto pressione, e ciò colpirà in particolare le banche regionali e di medie dimensioni che potrebbero essere sovraesposte agli spazi per uffici. Alla luce della maggiore incertezza, dei prezzi immobiliari gonfiati e delle preoccupazioni sul rimborso del debito, le banche saranno più selettive nella creazione e nel rifinanziamento di nuovi CRE. Le banche potrebbero anche essere costrette a realizzare perdite su alcuni portafogli di prestiti in caso di svendite o pignoramenti su larga scala. Le inadempienze sui prestiti CRE sono già in aumento. Il tasso di insolvenza (oltre 90 giorni di scaduto) negli Stati Uniti è aumentato, dall’1,84% nel quarto trimestre del 2022 al 3,3% nel primo trimestre del 2023.17


 


Il mercato europeo dei CRE sembra essere più resiliente rispetto al mercato statunitense. I prestiti CRE europei sono in gran parte concentrati tra le banche più grandi e ben capitalizzate. 18 Si prevede che anche la regione APAC seguirà una traiettoria più fluida; la domanda proveniente dal settore dell’ospitalità dovrebbe sostenere la crescita dei prestiti CRE, mentre i mutui residenziali multifamiliari registreranno probabilmente un aumento continuo.


Anche il cambiamento climatico dovrebbe svolgere un ruolo importante nella domanda di prestiti e nella disponibilità di credito. Secondo una recente indagine della Banca dell’UE, 19 nei prossimi 12 mesi, le banche si aspettano una maggiore stretta creditizia a causa dei rischi climatici sugli standard di credito per i prestiti alle imprese “marroni”, mentre si prevede un netto allentamento per le imprese verdi e le imprese in transizione verso decarbonizzazione. In futuro, i rischi di transizione legati al clima e i rischi fisici specifici dell’impresa dovrebbero avere un ruolo molto più importante nelle erogazioni di credito. 20


La combinazione di costi di deposito più elevati, tassi ufficiali più bassi e potenziale di prestito alquanto limitato può avere un impatto negativo sulla capacità delle banche di generare un forte margine di interesse netto (NIM) nel 2024. In effetti, i NIM delle banche potrebbero già aver raggiunto il picco, come suggerito da recenti studi bancari. guadagni. Le banche statunitensi ed europee dovrebbero registrare un calo dei margini di interesse netti nel 2024 (figura 2). È più probabile che le banche dell’area APAC godano di un reddito netto da interessi più elevato il prossimo anno con un contesto di tassi più elevati – e forse in aumento – in molti paesi in via di sviluppo. Questi nuovi fattori probabilmente costringeranno le banche a rivalutare il costo reale dei depositi e il modo in cui potrebbero essere utilizzati.



Verranno ricercate più fonti di reddito diverso dagli interessi


Le banche dovrebbero dare priorità al reddito da interessi nel 2024 per compensare il deficit del reddito da interessi netto. Si prevede che il reddito non da interessi crescerà in modo significativo nei prossimi anni (figura 3 ). La maggior parte delle banche cercherà di aumentare le commissioni attraverso una varietà di canali, ma nel farlo potrebbero trovarsi ad affrontare alcuni vincoli. Le commissioni incentrate sul consumatore, come le commissioni di scoperto, le commissioni sui fondi insufficienti e le commissioni per i ritardi sulle carte di credito, potrebbero attirare il controllo normativo.


Tuttavia, le banche con servizi di consulenza, sottoscrizione e corporate banking più forti dovrebbero avere più spazio per aumentare le proprie commissioni. Valutazioni più chiare e un arretrato di operazioni dovrebbero portare a un aumento delle attività di M&A e di emissione negli Stati Uniti, con un conseguente aumento delle commissioni. Tuttavia, la ridotta volatilità dei diversi prodotti limiterà la crescita dei ricavi sia nel trading azionario che in quello FICC (reddito fisso, materie prime e valute).



Rafforzare la disciplina dei costi


Con la crescente pressione sulla generazione di ricavi, la disciplina dei costi diventerà ancora più una priorità e forse un elemento di differenziazione competitiva per le banche. Il tasso di efficienza è migliorato negli ultimi anni a livello globale (Figura 4), ma si prevede che aumenterà leggermente nel 2024, a causa della lenta crescita dei ricavi e delle elevate spese operative e di compensazione. Molte banche continueranno inoltre a investire in tecnologia per rimanere competitive. Attrarre talenti in aree specializzate come l’intelligenza artificiale, il cloud, la scienza dei dati e la sicurezza informatica dovrebbe aumentare le spese di compensazione, anche se le banche razionalizzano in altri settori. Inoltre, la rigidità dei mercati del lavoro e l’accelerazione della crescita salariale nelle tradizionali località offshore dovrebbero aumentare la pressione sui costi del settore.



Protezione contro le perdite sui prestiti


Nella prima metà del 2023, molte banche hanno aumentato gli accantonamenti per future perdite su crediti, prevedendo un aumento delle inadempienze sui prestiti rispetto ai minimi dell’era della pandemia. Ad esempio, nel secondo trimestre del 2023, gli accantonamenti cumulativi per le prime 10 banche statunitensi sono aumentati del 26% trimestre su trimestre (trimestrale). 21  Si prevede che la qualità del credito peggiori man mano che diminuisce la capacità dei clienti di ripagare i prestiti e che l’impatto completo dell’inflazione e della stretta monetaria si fa sentire su imprese e consumatori. Esistono già prove di un aumento delle inadempienze in alcune categorie di prestiti, come le carte di credito e i CRE. 22 , 23  Allo stesso modo, anche i tassi di default delle imprese di grado speculativo potrebbero aumentare.


Mentre la qualità del credito sta diminuendo e mostra tensioni in segmenti specifici, la qualità del credito nel suo complesso sembra normalizzarsi ai livelli prepandemici. Le banche continuano a costituire riserve per ripristinare i saldi ridotti negli ultimi anni. La maggior parte delle grandi banche, a livello globale, sembrano avere liquidità adeguata e forti riserve di capitale per resistere a una grave recessione, come evidenziato dai recenti risultati degli stress test condotti dalla Federal Reserve, dalla BCE e dalla Banca d’Inghilterra. 24 , 25


Implicazioni finali di Basilea III negli Stati Uniti

Le autorità di regolamentazione bancaria federale degli Stati Uniti hanno recentemente pubblicato un avviso di proposta di regolamentazione (NPR) sulle riforme finali di Basilea III. Le modifiche proposte mirano a migliorare “la forza e la resilienza” del sistema bancario statunitense e avranno un impatto sui quadri patrimoniali regolamentari per le banche con asset superiori a 100 miliardi di dollari (circa 36 banche). Anche le banche più piccole con un’attività commerciale significativa saranno soggette al nuovo quadro di rischio. Si stima che questi cambiamenti comporteranno un aumento del 16% dei livelli di capitale CET1 (common equity tier 1) e un aumento del 20% delle RWA (attività ponderate per il rischio) per le grandi società holding bancarie. 26


 


È probabile che requisiti patrimoniali più elevati svantaggino le banche globali domiciliate negli Stati Uniti e limitino i prestiti, i mercati dei capitali e le attività commerciali di tutte le banche, avvantaggiando eventualmente le istituzioni non bancarie e le istituzioni più piccole. Questi cambiamenti estesi, inclusa l’applicazione dell’AOCI, della sovrattassa G-SIB e dei requisiti dual-RWA, porteranno a oneri operativi più elevati, richiedendo investimenti significativi nella gestione del rischio, nei dati, nei controlli, nella conformità e nell’infrastruttura di convalida.


 


L’impatto sulle banche con grandi attività ricorrenti e basate su commissioni, come le commissioni sulle carte di credito e sulle banche di investimento, secondo la Federal Reserve sarà “esacerbato dall’uso di un moltiplicatore di perdite interno che potrebbe comportare un eccessivo requisito patrimoniale complessivo per rischio operativo." 27 Le nuove disposizioni ridurranno i margini commissionali per la sottoscrizione di titoli e potrebbero ridurre sostanzialmente la profondità dei prodotti bancari. Ciò potrebbe aumentare ulteriormente il trasferimento di servizi e dei rischi associati a settori non bancari/non regolamentati.


 


Le nuove regole imporranno inoltre alle banche di tenere conto degli utili e delle perdite non realizzati nei coefficienti patrimoniali per rispettare il requisito del coefficiente di leva finanziaria supplementare e del buffer di capitale anticiclico. Nel breve termine, alcune banche potrebbero considerare una riduzione dei riacquisti. Potrebbero anche avere un impatto sugli investimenti in tecnologia e sulle strategie di espansione del mercato.


 


L’NPR di Basilea 3 prevede un periodo transitorio di tre anni, a partire dal 1° luglio 2025.28 Le norme proposte si evolveranno senza dubbio in futuro, ma sarà importante che le banche valutino l’infrastruttura interna esistente e le potenziali implicazioni strategiche, e si impegnino in una continua conversazioni con le autorità di regolamentazione. 29


La redditività delle banche in molte regioni sarà messa alla prova nel 2024 a causa dei maggiori costi di finanziamento e della lenta crescita dei ricavi (figura 5). Tuttavia, le banche con flussi di entrate più diversificati e una forte disciplina dei costi dovrebbero essere in grado di aumentare la propria redditività, e possibilmente la propria valutazione di mercato, più della maggior parte delle altre.



L’inclinazione verso l’Asia


In futuro, le dimensioni e la portata del sistema bancario globale cambieranno ancora di più. Il settore bancario globale ha già assistito a cambiamenti fondamentali con le banche cinesi e americane che dominano le classifiche globali. La Figura 6 mostra le variazioni nelle dimensioni (misurate in termini di asset) e il numero di banche di ciascun paese tra le prime 100 banche globali. Nel corso del prossimo decennio, si prevede che altre banche dell’India e del Medio Oriente si uniranno ai ranghi delle prime 100, spostando la bilancia verso l’Asia e il Medio Oriente. Le banche indiane aumenteranno i loro bilanci man mano che l’economia cresce e vengono fatti enormi investimenti nelle infrastrutture nazionali, ma potrebbero avere difficoltà a uscire dai mercati nazionali. Nel frattempo, i fondi sovrani del Medio Oriente eserciteranno probabilmente una forte influenza sui flussi monetari globali.



Le forze che plasmano il futuro del settore B&CM

Oltre ai fattori macroeconomici evidenziati nel capitolo precedente, il settore bancario e dei mercati dei capitali deve confrontarsi con varie forze fondamentali e dirompenti che mettono a dura prova i modelli di business degli istituti storici nel 2024 (figura 7 ).



Non solo stanno cambiando le dinamiche competitive, ma il ritmo e l’intensità con cui i rivali stanno sfidando le banche non hanno precedenti. Le banche sono ora più intensamente contrapposte ai rivali tradizionali e nuovi poiché sempre più clienti sono aperti a far sì che le loro esigenze vengano soddisfatte da istituzioni non finanziarie.


I depositi, ad esempio, sono diventati un feroce campo di battaglia. Le banche al dettaglio competono con le banche digitali che offrono costi di deposito più elevati. E nell’arena dei pagamenti, i portafogli digitali e i pagamenti da conto a conto stanno rapidamente diventando le opzioni di pagamento di fatto in molti paesi, mentre “acquista ora, paga dopo” (BNPL) è più ampiamente accettato come offerta tradizionale e alternativa al finanziamento con carta di credito. .


Anche i mercati dei capitali e le attività bancarie di investimento non sono immuni dalle nuove forze competitive. Le dimensioni hanno aiutato le banche di investimento negli Stati Uniti ad aumentare la quota di mercato; tuttavia, potrebbe essere in corso una ripresa tra le banche europee che si concentrano su servizi specializzati e che le società boutique partecipano sempre più ad operazioni più grandi. Nel frattempo, il capitale privato potrebbe rappresentare una minaccia maggiore per la fornitura di credito e i talenti. Gli hedge fund stanno inoltre penetrando sempre più nella catena del valore delle banche di investimento. Nelle infrastrutture di mercato, le borse tradizionali vedono una crescente concorrenza da parte delle borse di nicchia e la crescita delle sedi di negoziazione nei mercati emergenti.


Allo stesso tempo, i rapporti tra banche, fintech e bigtech si stanno evolvendo rapidamente. Le fintech non sono più viste come avversari; la collaborazione con gli operatori storici è ormai un luogo comune. Con la crescente convergenza del settore, le partnership strategiche delle banche con marchi in franchising nel settore tecnologico e in altri settori non finanziari stanno diventando la norma per l’acquisizione e la fidelizzazione dei clienti.


Allo stesso tempo, i clienti stanno diventando sempre più espliciti riguardo alle loro aspettative in evoluzione. Vogliono che le loro banche bilancino le esperienze digital-first senza compromettere il tocco personale. Anche l’informazione sta diventando democratizzata, con la tecnologia e i social media che danno potere ai clienti in modi mai visti prima. Le banche dovrebbero prestare attenzione a queste nuove richieste poiché i clienti al dettaglio hanno l’imbarazzo della scelta e molti saranno disposti a cambiare account e diversificare le proprie relazioni su più piattaforme con un semplice tocco sui propri smartphone. I consumatori più giovani, in particolare, chiedono a gran voce un’esperienza superiore offerta da alcune aziende tecnologiche e piattaforme fintech. I clienti del settore della gestione patrimoniale esprimono sempre più il loro desiderio di esperienze omnicanale a costi inferiori. E i clienti aziendali e istituzionali, dal canto loro, sembrano più intenzionati che mai ad ampliare il numero dei rapporti bancari per diversificare il rischio.


Sul fronte normativo, continuiamo a osservare una divergenza nelle leggi e nelle politiche, con alcune giurisdizioni che in genere tracciano un percorso più assertivo, come nel nuovo AI Act dell’UE. 30 Di conseguenza, manca ancora un approccio coordinato e globale alle criptovalute, alle risorse digitali, alla privacy dei dati, all’intelligenza artificiale e persino al rischio climatico. Ma il controllo normativo è in aumento, con i governi che si concentrano sempre più sulla protezione dei consumatori, sulla resilienza del settore e sulla concorrenza aperta. Sempre più regolatori e politici in tutto il mondo stanno ora sondando le pratiche di prestito delle banche e chiedendo loro di fare di più per aiutare i consumatori.


Inoltre, le banche, in particolare negli Stati Uniti, potrebbero dover far fronte a requisiti patrimoniali più severi nell’ambito di una proposta di revisione delle regole patrimoniali come parte della “fine dei giochi” di Basilea 3 a partire da luglio 2025.31 Queste regole potrebbero incidere sulla capacità delle banche di sostenere alcune attività sui mercati dei capitali , come il commercio di oggetti di scena. Potrebbero anche ostacolare la capacità delle banche al dettaglio di concedere prestiti nel settore dei mutui residenziali.


Le pressioni normative saranno particolarmente acute per le banche regionali e di piccole dimensioni, in particolare quelle che si concentrano sul portafoglio di investimenti e prestiti e sul mix di depositi. Molte banche trascorreranno gran parte del 2024 cercando di inasprire gli standard di prestito e di diversificare i propri bilanci lontano da attività rischiose come i prestiti CRE e persino da attività sicure come i titoli del Tesoro a lungo termine.


Nel frattempo, le normative sull’open banking nel Regno Unito, Europa, Australia, Arabia Saudita, Brasile e Messico stanno riducendo le barriere per la condivisione dei dati e offrendo ai clienti una scelta più ampia di prodotti e servizi finanziari. Il Consumer Financial Protection Bureau (CFPB) degli Stati Uniti sta riflettendo su regole simili. 32 osservatori statunitensi dei consumatori stanno anche lanciando l’allarme sulla proliferazione dei chatbot basati sull’intelligenza artificiale (AI) nel settore bancario.


Le dimensioni e la diversificazione, una maggiore supervisione normativa e il desiderio di eliminare asset a basso rendimento dovrebbero favorire un ulteriore consolidamento e fusioni e acquisizioni nel settore bancario.


Nell’arena tecnologica, è difficile non lasciarsi prendere dall’entusiasmo che circonda l’incredibile potenziale dell’intelligenza artificiale generativa. A detta di tutti, può essere una forza estremamente trasformativa. Ma più in generale, l’intelligenza artificiale e l’automazione non sono una novità per il settore bancario. In effetti, gli algoritmi di machine learning/deep learning e le tecniche di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) sono ampiamente utilizzati da anni per aiutare ad automatizzare il trading, modernizzare la gestione del rischio e condurre ricerche sugli investimenti. Tuttavia, nonostante i miliardi di dollari spesi per automatizzare le varie funzioni durante il ciclo di vita delle transazioni, esiste ancora un buon numero di attività che vengono svolte utilizzando prezioso capitale umano. Ma i modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) potrebbero aiutare ad automatizzare molte attività, dalla generazione di prodotti di marketing alla codifica. L’intelligenza artificiale generativa non solo può far risparmiare denaro, ma anche migliorare la produttività dei lavoratori. Potrebbe anche liberare risorse per stimolare l’innovazione e consentire ai dipendenti di concentrarsi maggiormente sull’interazione produttiva con i clienti.


Il ridimensionamento dell’IA generativa richiederà tempo. Nel breve termine, una delle sfide più grandi nel 2024 sarà stabilire il focus. Nel valutare i numerosi potenziali casi d’uso, i leader dovrebbero scegliere quelli che avranno il maggiore impatto. I vantaggi dei LLM potrebbero non essere uniformi. Dovrebbero inoltre considerare la potenziale facilità di esecuzione e gli eventuali rischi associati.


Ma affinché ognuna di queste tecnologie abbia il massimo impatto, sarà fondamentale disporre dei dati giusti e garantire che siano accessibili e condivisi in tutta l’azienda. Sebbene le banche stiano sviluppando da anni capacità di gestione dei dati, la pressione per ricavare informazioni utili per ottenere una visione più olistica dei clienti non è mai stata così forte. C’è un crescente appetito tra i clienti per i dati in tempo reale sui loro pagamenti, posizioni di cassa, negoziazione e valutazioni. Inoltre, i progressi nell’open banking a livello globale stanno gradualmente erodendo quello che un tempo costituiva il vantaggio competitivo delle banche tradizionali. Sta diventando sempre più importante per le banche sfruttare in modo significativo sia i set di dati tradizionali che quelli alternativi, nonché stringere nuove partnership con terze parti, per creare nuovo valore sotto forma di approfondimenti personalizzati, offerte di prodotti su misura ed esperienze cliente migliorate.


La proliferazione di nuove tecnologie sta aprendo le banche a rischi con cui forse non hanno mai dovuto confrontarsi prima. L’open banking e l’aumento delle partnership con partner tecnologici, ad esempio, possono esporre l’infrastruttura delle banche a nuove vulnerabilità e attacchi informatici. Anche i rischi di quarte parti stanno diventando sempre più una minaccia poiché le banche stringono sempre più partnership con fornitori di servizi che hanno i propri fornitori. Anche la velocità con cui queste minacce prendono forma sta accelerando. L’intelligenza artificiale generativa ha acquisito la sofisticazione necessaria per creare “deepfake”, il che rende più difficile per le istituzioni finanziarie differenziare i clienti umani dai media digitali che imitano le loro somiglianze. Nel complesso, questo ambiente di rischio in rapida evoluzione si sta rivelando un enorme ostacolo al mantenimento della fiducia dei clienti.


E, naturalmente, non si può ignorare ciò che il cambiamento climatico sta già causando al nostro pianeta: le molteplici ondate di calore, inondazioni e incendi nella prima metà del 2023 sono un precursore di quella che probabilmente sarà la norma in futuro. Le banche, in quanto intermediari finanziari chiave, svolgono un ruolo importante nel piegare l’arco del cambiamento climatico. Ma guardando oltre, le banche hanno un’opportunità unica di sostenere l’innovazione climatica attraverso la finanza verde e i mercati del carbonio. Non solo possono fornire finanziamenti in fase iniziale alle startup che sperimentano tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio e di rimozione dell’anidride carbonica, ma possono anche aiutare a indirizzare più capitali agli sviluppatori di progetti sul carbonio nelle economie emergenti.


Infine, il modo in cui le banche gestiranno il proprio talento sarà uno dei fattori di successo più critici nel 2024 e oltre. La guerra per i talenti tecnologici rimane un punto di pressione per molte banche. Le banche potrebbero dover pagare a caro prezzo l’assunzione di talenti tecnologici specializzati da aziende esterne o la formazione dei propri dipendenti affinché diventino più esperti di tecnologia, soprattutto con l’espansione delle innovazioni provenienti e all’interno dell’intelligenza artificiale. I banchieri dovrebbero avere le conoscenze e le risorse di cui avranno bisogno per consigliare adeguatamente i clienti in condizioni di incertezza del mercato. Come per altri settori, anche le banche potrebbero dover instillare una cultura che ricolleghi i dipendenti alla loro identità aziendale e crei un senso di appartenenza che possa essere trasmesso in un ambiente di lavoro ibrido.


Per far fronte in modo efficace alle forze sopra delineate, le banche dovranno probabilmente fare dell’agilità un attributo fondamentale. I dirigenti dovrebbero essere audaci, decisi e creativi, pur rimanendo fedeli alla loro identità di intermediari finanziari.


Nei capitoli seguenti, evidenziamo come questi temi avranno un impatto su segmenti specifici dei mercati bancari e dei capitali, tra cui servizi bancari al dettaglio, pagamenti al consumo, gestione patrimoniale, servizi bancari aziendali e di transazione, servizi bancari di investimento e infrastrutture di mercato .


Servizi bancari al dettaglio: rafforzare le relazioni con i clienti e detenere una quota maggiore del portafoglio

Priorità per le banche al dettaglio nel 2024 e oltre

Le attività bancarie al dettaglio non solo dovranno affrontare costi di finanziamento più elevati e una crescita dei prestiti più lenta, ma dovranno anche fare i conti con un calo della fedeltà e un aumento delle defezioni dei clienti. Anche se i flussi di deposito dovrebbero stabilizzarsi, resterà probabilmente difficile contenere i costi dei depositi anche in caso di calo dei tassi ufficiali. Le banche dovrebbero anche aspettarsi nuove regole e regolamenti sotto forma di requisiti patrimoniali e di liquidità più elevati, nonché un maggiore controllo della modellizzazione del rischio. Inoltre, l’indebolimento delle finanze delle famiglie continuerà a esercitare pressioni sui portafogli di prestiti delle banche, provocando un’ulteriore stretta creditizia.


 


Le banche al dettaglio dovrebbero trovare nuovi modi per creare relazioni più profonde con i clienti e instillare un maggiore senso di empowerment finanziario. La personalizzazione sarà fondamentale per dimostrare il valore della vita. Ma le banche probabilmente avranno difficoltà a personalizzare prodotti e servizi a causa dei sistemi legacy e della loro incapacità di curare esperienze su misura utilizzando i dati dei clienti. Dovrebbero sforzarsi di adottare strumenti di modellazione avanzati che generino informazioni predittive e consentano di fornire consulenza finanziaria in tempo reale. Le banche dovrebbero anche considerare come le tecnologie emergenti possano migliorare il rischio, la conformità e le attività operative oltre a migliorare l’esperienza del cliente. Ad esempio, possono considerare come l’intelligenza artificiale generativa possa accelerare le valutazioni del rischio di credito, avvisare istantaneamente i richiedenti un mutuo in caso di documenti mancanti o incompleti e aumentare la produttività dei team a contatto con i clienti.


Le banche al dettaglio sono alle prese con una confluenza di pressioni, tra cui costi di finanziamento più elevati, crescente concorrenza da parte delle banche digitali e crescente domanda di servizi sempre più personalizzati, anche se esplorano il modo migliore per implementare l’intelligenza artificiale generativa e rafforzare le proprie capacità di analisi dei dati. Molte di queste sfide saranno aggravate dal fatto che i clienti al dettaglio hanno l’imbarazzo della scelta ed è diventato più facile per loro cambiare conto e diversificare i depositi su più piattaforme. Inoltre, la crescita della finanza integrata e dell’open banking stanno cambiando il volto del retail banking così come lo conoscono i clienti.


Sebbene i deflussi di depositi si siano sostanzialmente stabilizzati dopo una prima metà turbolenta del 2023, persistono molte sfide. Sul fronte dei prestiti, i tassi più elevati continuano a ridurre l'appetito dei mutuatari, determinando un rallentamento del ritmo di crescita dei nuovi prestiti e dei rifinanziamenti. I clienti al dettaglio sono in ritardo con i pagamenti, causando la morosità di un numero maggiore di prestiti per auto, carte di credito e al consumo. Le banche di tutto il mondo stanno aumentando le proprie riserve per prepararsi a un tasso di default più elevato. I cinque maggiori istituti di credito canadesi, ad esempio, hanno aumentato di 13 volte gli accantonamenti per perdite su prestiti su base annua nei primi tre mesi del 2023.33 Le banche probabilmente restringeranno ulteriormente il credito in vista del 2024 e potrebbero persino cercare di vendere prestiti subprime per l’ auto e prestiti più rischiosi per azioni immobiliari a rafforzare i propri bilanci.


Queste sfide crescenti avranno impatti disparati sulle banche retail nel 2024. Quali banche saranno maggiormente messe a dura prova e come potranno riposizionare i propri modelli di business per offrire più valore ai propri clienti? Quali altre opportunità potrebbero essere disponibili per le banche per riconquistare la fedeltà dei clienti e servire i clienti oltre il punto di transazione?


La lotta per i depositi continuerà


Sebbene i flussi di depositi si siano stabilizzati nel secondo trimestre del 2023, le banche dovranno sostenere costi sempre più elevati per trattenere i depositi. Ad esempio, il costo dei depositi fruttiferi (compresi certificati di deposito, conti di deposito del mercato monetario e depositi a risparmio) negli Stati Uniti è aumentato di 192 punti base al 2,1% entro la fine del primo semestre 2023, rispetto allo 0,2% annuo. fa. 34 Questa tendenza si è accelerata in seguito ai fallimenti bancari, quando l’obiettivo di trattenere i depositi è diventato ancora più fondamentale. In futuro, il settore dovrebbe avere difficoltà a ridurre i costi dei depositi anche se il tasso ufficiale diminuisce (figura 8).



I clienti al dettaglio chiedono tassi più alti sui loro depositi e molti hanno già convertito i loro contanti in depositi vincolati a rendimento più elevato. 35 Alcuni intermediari statunitensi stanno cominciando a inseguire il “contante tenuto da parte” presso le banche al dettaglio con nuovi servizi attraverso rendimenti più elevati. 36 Anche il digital banking contribuisce a questo fenomeno. Le banche esclusivamente digitali, ad esempio, continueranno probabilmente a offrire tariffe CD più elevate; offrono anche variazioni su caratteristiche tipiche come un CD senza penalità per il ritiro anticipato. Diverse banche online, come Ally Financial e Marcus di Goldman Sachs, hanno contrastato la tendenza all’esodo dei depositi sperimentata da alcune banche regionali e di medie dimensioni e hanno ampliato la loro base di depositi durante la prima metà del 2023.37 Queste banche e fintech esclusivamente digitali, sostenute da banche tradizionali, si sono uniti alle grandi banche tradizionali come vincitori della fuga verso la sicurezza di marzo 2023. 38 Choice Financial Group, che sponsorizza la fintech Mercury, ha registrato una crescita dei depositi del 17% in quel trimestre. SoFi e Varo Bank hanno registrato rispettivamente una crescita dei depositi trimestrale del 37% e del 43%. 39


Allo stesso modo, le case automobilistiche europee sono sempre più alla ricerca di fonti alternative di finanziamento per i prestiti automobilistici, dati i costi alle stelle delle obbligazioni societarie e dei titoli garantiti da attività. Di conseguenza, stanno emergendo anche come rivali delle banche tradizionali. 40 Queste società automobilistiche attirano i depositanti con tassi di interesse più elevati per depositi e denaro in conti di risparmio. 41


Inoltre, i clienti europei prelevano sempre più denaro dalle banche alla ricerca di condizioni migliori a causa della riluttanza di alcuni istituti di credito a pagare di più per trattenere depositi di cui credono di poter fare a meno. La maggior parte delle maggiori banche europee ha registrato deflussi netti di depositi anno su anno per il primo trimestre del 2023.42 I fondi del mercato monetario sono apprezzati anche dai risparmiatori europei che cercano un rendimento più elevato sulla propria liquidità a fronte di livelli di inflazione persistentemente elevati.


Nuove norme e regolamenti metteranno pressione anche sulle banche al dettaglio. In particolare, requisiti patrimoniali e di liquidità più elevati, una rivalutazione delle ipotesi sulla vischiosità dei depositi da parte delle autorità di vigilanza e un controllo più attento su come le dinamiche del capitale e dei depositi dovrebbero tenere conto nella modellizzazione del rischio delle banche saranno le priorità dell’agenda normativa. Gli eventi recenti hanno inoltre ribadito l’importanza della scala e della stabilità. Alcune banche potrebbero non avere voglia di rimanere al di sotto di determinate soglie di attività. Di conseguenza, è probabile un aumento delle attività di M&A nel settore bancario. Le entità con depositi vischiosi e prive di solide piattaforme di prestito potrebbero essere obiettivi particolarmente attraenti durante qualsiasi imminente ondata di consolidamento. 43  Alcune banche di medie dimensioni e regionali potrebbero anche cercare fusioni che portino abbastanza capitale esterno per consentire la vendita di attività a basso rendimento. 44


Le banche dovrebbero adottare misure per ricordare ai clienti il ​​valore che offrono oltre ai depositi, ampliando il discorso per includere ulteriori vie di supporto, come la gestione patrimoniale e i servizi assicurativi. Dovrebbero inoltre utilizzare l’analisi dei dati per identificare i titolari di conti a rischio e creare soluzioni di prodotti e prezzi personalizzati che potrebbero essere preferibili per le loro circostanze specifiche. 45


Le pressioni sui prestiti continueranno a pesare sulle banche


Tassi più alti, inflazione persistente e indebolimento delle finanze delle famiglie continueranno a esercitare pressioni sui portafogli di prestiti delle banche. Sebbene molte banche siano state sostenute dal reddito da interessi netti, il potenziale aumento delle insolvenze e delle riserve per perdite su crediti dovrebbero iniziare a incidere maggiormente sulla redditività. Il ritorno al pagamento del debito studentesco negli Stati Uniti aggiungerà anche ulteriore stress finanziario e ostacolerà la spesa in un momento in cui molti consumatori sono alle prese con il costo della vita più elevato. Di conseguenza, sarà sempre più importante per le banche impegnarsi attivamente con i clienti e orientarsi verso un modello basato sulla consulenza per aiutarli a gestire i propri debiti.


Le banche statunitensi dovrebbero anche anticipare una crescita più lenta e prepararsi a un aumento delle inadempienze sui prestiti al consumo. Alcune banche hanno iniziato a ridurre la propria esposizione ai mutui immobiliari poiché le erogazioni di mutui ipotecari sono scese al livello più basso degli ultimi 20 anni, scendendo del 56% tra i primi trimestri del 2022 e del 2023.46 Inoltre, i grandi istituti di credito potrebbero presto dover far fronte a requisiti patrimoniali più severi nell’ambito della proposta revisione delle regole sul capitale bancario da parte delle autorità di regolamentazione bancaria statunitensi. 47 Questi cambiamenti potrebbero incidere sulla capacità delle banche di concedere prestiti agli acquirenti di case per la prima volta e sottorappresentati. 48


Si prevede che anche la domanda di mutui e prestiti al consumo in Europa vacillerà, mentre l’inasprimento degli standard di credito potrebbe limitare la spesa e la crescita. 49 Nel frattempo, anche l’APAC è alle prese con una domanda di prestiti anemica, che spinge molte banche a prendere in considerazione nuove fonti di entrate. Le banche nella Cina continentale, ad esempio, stanno cercando di stimolare la domanda di mutui offrendo prestiti relè per mutuatari anziani che vengono ereditati dai figli se non possono pagare, così come prestiti congiunti per coppie non sposate. 50 I principali istituti di credito australiani stanno inoltre iniziando a distogliere risorse dai mutui residenziali e stanno valutando la possibilità di spostarsi verso altre attività, come i prestiti commerciali. 51


Anche i regolatori e i politici di tutto il mondo stanno esaminando sempre più attentamente le pratiche di prestito delle banche e chiedono al settore di fare di più per aiutare i consumatori. Il Consumer Financial Protection Bureau si sta concentrando sulle “commissioni spazzatura” bancarie e sta lavorando per rendere il servizio dei mutui e il prestito auto meno rischioso per i mutuatari. 52 Nel frattempo, una nuova regolamentazione del Regno Unito porterà maggiore trasparenza ai prestiti ipotecari, 53 e la Corea del Sud ha reso più semplice per i nuovi operatori competere con i grandi istituti di credito. 54


Le banche dovrebbero inoltre adottare misure per contribuire a migliorare i propri modelli di rischio di credito rendendoli più inclusivi con l’aggiunta di dati più alternativi. La cronologia dei pagamenti degli affitti, il reddito della gig economy e i pagamenti delle bollette possono aiutare a dare credito agli invisibili: consumatori con informazioni limitate per dimostrare l’affidabilità creditizia. Inoltre, possono sviluppare strumenti finanziari maggiormente integrati nei processi di prestito, come l’aggiunta di tecnologie che consentano l’approvazione immediata dei prestiti presso una concessionaria di automobili.


Dare potere ai clienti e reinventare la fidelizzazione


Le banche globali non possono fare affidamento esclusivamente sul riconoscimento del marchio per ampliare la propria base di clienti. Dovrebbero compiere ulteriori passi avanti per ridefinire il concetto di fidelizzazione dei clienti e creare relazioni più profonde supportando e responsabilizzando i clienti.


Le banche dovrebbero sforzarsi di essere il punto di riferimento per la maggior parte delle esigenze finanziarie dei consumatori, soprattutto perché le incertezze economiche peseranno maggiormente sui clienti nel prossimo anno. Solo il 21% dei clienti intervistati afferma di aver ricevuto indicazioni o consigli dalla propria banca principale tra gennaio 2022 e gennaio 2023, anche se la salute finanziaria di molti americani è diminuita notevolmente in quel periodo. 55 I clienti che hanno ricevuto consulenza e hanno ritenuto che soddisfacesse le loro esigenze erano più propensi a ricompensare la banca di conseguenza: circa la metà ha aperto un nuovo conto presso quell’istituto. 56


Le banche dovrebbero cercare dove utilizzare i dati dei clienti per personalizzare le esperienze e aumentare il valore della vita del cliente. Questa è stata una priorità per i leader bancari globali per qualche tempo, ma gli sforzi di personalizzazione sono stati ostacolati da sistemi legacy, preoccupazioni sulla privacy dei dati, mancanza di dati e incapacità di sfruttare appieno i dati per curare esperienze su misura. Di conseguenza, due banche su tre riferiscono di non essere in grado di valutare il contesto della situazione di un cliente al di fuori di un singolo momento nel tempo. 57 Questa incapacità non è solo dannosa per l’esperienza del cliente; può anche ostacolare la performance finanziaria e il rilevamento delle frodi (figura 9).



Le banche dovrebbero investire sempre più in strumenti di modellazione avanzati in grado di analizzare i dati delle transazioni e fornire informazioni predittive su più punti di contatto con i clienti. Possono anche utilizzare le capacità emergenti dell’intelligenza artificiale per fornire servizi di consulenza più completi e mirati. Nel corso del tempo, le banche dovrebbero cercare di promuovere l’iperpersonalizzazione al punto che i clienti si sentano parte di un unico segmento. 58 Ad esempio, se una banca vede che un aspirante mutuatario ha abbandonato una richiesta di mutuo per verificare altre piattaforme di prestito, può inviare un consulente per contattare il richiedente con un tasso più competitivo e un’offerta di supporto personalizzato. 59


Le banche dovrebbero inoltre abbandonare un modello di business incentrato sul prodotto per diventare un’organizzazione incentrata sul consumatore. Poiché i confini del settore si confondono e le aspettative dei clienti sono influenzate dalle esperienze in altri settori, i clienti si aspettano sempre più che le banche replichino i servizi che ottengono altrove. Alcuni si sentono anche più a loro agio nel far sì che i loro bisogni siano soddisfatti da istituzioni non finanziarie. I leader bancari possono imparare dalle interazioni dei clienti con entità esterne al settore bancario e considerare nuove opportunità per servirli in un modo più unico e olistico. Northwestern Mutual, ad esempio, ha preso spunto da un playbook di un'app di appuntamenti per progettare un algoritmo di matchmaking che accoppia i clienti con i consulenti finanziari più adatti alle loro esigenze. 60


Anche le partnership strategiche con marchi in franchising possono essere un potente strumento per l’acquisizione e la fidelizzazione dei clienti, soprattutto se la banca collabora con istituti terzi per offrire premi personalizzati. Ad esempio, centinaia di appassionati di musica hanno condiviso sui social media l’intenzione di richiedere una carta Capital One per avere accesso alla prevendita dei biglietti per un popolare tour di concerti del 2023. 61 Questi vantaggi non tradizionali e non bancari stanno iniziando a svolgere un ruolo maggiore nella scelta dei clienti di un primario fornitore di servizi finanziari. Tuttavia, tali sponsorizzazioni di marchi potrebbero comportare anche alcuni rischi.


Andare avanti con i progressi tecnologici e l’innovazione


Le banche dovrebbero inoltre cogliere l’opportunità di utilizzare le tecnologie emergenti per ridurre i rischi, semplificare le operazioni e creare fiducia con i clienti offrendo nuove garanzie contro le frodi. Ad esempio, le iniziative di open banking che offrono ai clienti un maggiore controllo sulle proprie finanze stanno prendendo piede in molte parti del mondo. Le autorità di regolamentazione e le banche centrali continuano ad abbassare le barriere per la condivisione dei dati nel Regno Unito, Europa, Australia, Arabia Saudita, Brasile e Messico. Il mercato statunitense potrebbe presto inaugurare un’ondata di open banking, poiché il CFPB elabora una nuova regola per dare ai clienti maggiori diritti sui propri dati personali. La norma potrebbe aprire la strada alle aziende terze per chiedere il consenso per l’accesso ai dati dei clienti attraverso le interfacce di programmazione delle applicazioni (API) e fornire servizi più personalizzati come la definizione del budget, la gestione finanziaria e i prestiti. Ciò potrebbe anche aiutare le grandi banche a ottenere dati da altre istituzioni, come le banche comunitarie e le cooperative di credito, che potrebbero essere utili per far crescere le proprie linee di business. 62


Le banche possono anche sviluppare nuovi metodi per emettere e autenticare l’identità digitale, soprattutto quando emergono sempre più deepfake che assumono le sembianze di esseri umani reali o inventati. Una maggiore adozione dei portafogli digitali sta inoltre aumentando la necessità di misure di salvaguardia. Nei paesi nordici e in Canada, molte istituzioni finanziarie hanno ottenuto molta buona volontà e fiducia promuovendo i sistemi BankID e Interac Verified, 63 dimostrando il loro ruolo di agenti di credibilità nell’economia digitale. Anche la biometria, inclusa la biometria comportamentale che analizza il comportamento del consumatore sul touchscreen, la navigazione nelle app mobili e le abitudini di digitazione, diventerà sempre più fondamentale nella lotta contro le frodi.


Inoltre, nel breve termine, l’intelligenza artificiale generativa porterà numerosi vantaggi in termini di rischio, conformità e funzioni operative. Ad esempio, le banche stanno valutando come la tecnologia possa migliorare le richieste di mutuo eseguendo processi di sottoscrizione più rapidi e accurati e abilitando strumenti di intelligenza artificiale conversazionale per avvisare immediatamente i mutuatari in caso di documenti mancanti o incompleti.


Alcune banche stanno lanciando progetti pilota per scoprire come assistere meglio i clienti con la tecnologia nascente. ABN Amro nei Paesi Bassi, ad esempio, utilizza l’intelligenza artificiale generativa con 200 dipendenti per riassumere le conversazioni con i clienti. Sta inoltre testando come raccogliere i dati dei clienti per risolvere i problemi in tempo reale. 64 La banca svedese Klarna Bank ha dotato ogni dipendente dell'accesso a modelli linguistici di intelligenza artificiale generativa e ha chiesto loro di sperimentare la tecnologia. 65 JPMorgan Chase stima che questi strumenti genereranno un valore aggiuntivo di 1,5 miliardi di dollari entro la fine del 2023.66 La sua banca al dettaglio ha riscontrato successo nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale per estendere offerte personalizzate, come gli aggiornamenti delle carte di credito. 67


Le istituzioni finanziarie sono ancora riluttanti a incorporare l’intelligenza artificiale nelle applicazioni dei clienti poiché può comportare nuove esposizioni a rischi etici e di sicurezza. Negli Stati Uniti, il CFPB ha avvertito che le banche che utilizzano l’intelligenza artificiale generativa potrebbero non fornire risposte “tempestive e dirette” alle domande degli utenti e ha espresso preoccupazione sulla capacità degli strumenti di rispettare le leggi sulla protezione dei consumatori.68 Ma man mano che le banche imparano a utilizzare l’ IA generativa Con l'intelligenza artificiale, possono rendere i chatbot più sofisticati e più facili da capire, fornire campagne di marketing personalizzate in base alle abitudini di consumo dei contenuti di ciascun target e ridurre i tempi di attesa per processi come i prestiti ipotecari.


Pagamenti al consumo: conquistare una fetta più grande della torta delle entrate in un ecosistema in rapida evoluzione

Priorità per gli istituti di pagamento nel 2024 e oltre

Il 2024 vedrà un’accelerazione di diverse tendenze che plasmeranno il futuro del settore dei pagamenti al consumo. La spesa dei consumatori si sposterà sempre più dal contante ai pagamenti digitali. Tuttavia, la crescita dei pagamenti digitali e in tempo reale, insieme alla proliferazione dell’intelligenza artificiale, renderà anche le frodi e le minacce informatiche più difficili da prevenire e individuare.


 


I governi, soprattutto nelle economie in via di sviluppo, svolgeranno un ruolo più importante nei pagamenti al consumo espandendo l’inclusione finanziaria, riducendo le inefficienze e promuovendo la concorrenza. Il trio di forze normative, di mercato e competitive metterà ulteriormente alla prova l’economia dei modelli di business incentrati sul volume. Molte istituzioni storiche riconoscono di dover fornire nuovo valore oltre l’esecuzione delle transazioni per rimanere rilevanti, poiché i confini tradizionali nell’ecosistema dei pagamenti si confondono.


 


L’uso di dati proprietari e alternativi e di modelli analitici più solidi dovrebbe consentire alle istituzioni di comprendere meglio le esigenze dei consumatori e offrire approfondimenti più personalizzati. Dovrebbero impegnarsi in modo collaborativo con l’ecosistema, ma scegliere i giusti fornitori terzi (TPP) di cui i consumatori si fidano per ridurre le preoccupazioni relative alla sicurezza e alla privacy. Investire in talenti tecnologici e utilizzare sofisticate tecnologie di intelligenza artificiale e biometrica potrebbe aiutare gli operatori storici a rafforzare i modelli di rilevamento delle frodi e a proteggere i pagamenti e i dati dei consumatori da soggetti malintenzionati.


Il mondo dei pagamenti al consumo globali si sta evolvendo rapidamente, guidato da una moltitudine di fattori. I portafogli digitali e i canali di pagamento più veloci stanno spingendo i metodi di pagamento tradizionali sempre più in secondo piano. Tuttavia, l’uso delle carte di credito è rimasto resiliente e BNPL ha ulteriormente democratizzato l’accesso al credito nel punto vendita, sia in negozio che digitale. I governi stanno attivamente spingendo il livello dell’inclusione finanziaria con pagamenti digitali più veloci, come la piattaforma di pagamento istantaneo negli Emirati Arabi Uniti e l’interfaccia di pagamento unificato (UPI) in India. 69


Tuttavia, il passaggio dai metodi di pagamento in contanti a quelli digitali mostra una divergenza nei livelli di maturità tra paesi e regioni. Paesi come la Norvegia e i Paesi Bassi sono ormai da alcuni anni pionieri nell’uso dei pagamenti digitali nel mondo sviluppato. A loro si aggiungono Cina, India e Brasile, che guidano la rivoluzione dei pagamenti digitali nelle economie in via di sviluppo. Nel frattempo, molti paesi in Europa e nell’Asia-Pacifico, nonostante le loro considerevoli economie, sono un po’ indietro nell’uso dei pagamenti senza contanti. 70


Nonostante queste differenze, la resilienza della spesa dei consumatori, soprattutto nel settore dei viaggi, si è tradotta positivamente per gli emittenti di carte e le reti di pagamento. JPMorgan Chase ha registrato un aumento del 7% nelle transazioni con carte di credito e debito e un aumento del 18% nei prestiti con carta nel secondo trimestre del 2023, in gran parte attribuito ai suoi volumi negli Stati Uniti. 71 Allo stesso modo, Mastercard ha registrato una crescita del 12% su base annua del valore globale lordo in dollari delle transazioni, pari a 2,3 trilioni di dollari nel secondo trimestre del 2023, attribuibile in gran parte ai viaggi internazionali e alle spese transfrontaliere. 72


Tuttavia, i consumatori stanno acquisendo sempre più debito, aumentando così il rischio di credito per gli emittenti. Le carte di credito rimangono il metodo di pagamento dominante per i consumatori americani, rappresentando il 31% dei pagamenti nel 2022.73 Il debito delle carte di credito al consumo negli Stati Uniti ha superato i mille miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2023, raggiungendo un nuovo picco dal 2003.74 Nello stesso trimestre, il metodo di pagamento da oltre 30 giorni Il tasso di insolvenza delle carte di credito è salito al 7,2%, un livello visto l’ultima volta più di dieci anni fa, nel 2012.75 La moratoria sui prestiti studenteschi statunitensi che terminerà a settembre 2023 potrebbe esaurire ulteriormente i risparmi dei consumatori e limitare la loro capacità di pagare in tempo le quote della carta di credito. .


Allo stesso tempo, gli istituti che operano nella catena del valore delle carte devono anche confrontarsi con i cambiamenti economici dei loro modelli di business. Ad esempio, le autorità di regolamentazione negli Stati Uniti prevedono di ridurre le commissioni per lo scorrimento delle carte. Nel frattempo, i governi nazionali stanno costruendo circuiti di carte sovrane e stringendo accordi bilaterali per rendere più efficienti i flussi di pagamento nazionali e transfrontalieri. I volumi di addebito sono sotto pressione a causa dell’aumento delle reti di pagamento in tempo reale basate su conto. Nel frattempo, i produttori di software stanno portando i pagamenti internamente, divorando le entrate degli acquirenti commerciali.


Date queste dinamiche contrastanti, cosa dovrebbero fare gli istituti di pagamento per aumentare la loro quota sulla torta delle entrate nel 2024 e oltre? Come possono reimmaginare la creazione e la fornitura di valore per rimanere rilevanti per i consumatori e rafforzare la loro competitività?


L’economia delle tariffe per la scansione delle carte deve affrontare una nuova minaccia


Da alcuni anni ormai le reti di carte subiscono pressioni da parte dei rivenditori per ridurre le tariffe per la scansione delle carte, ma questo problema sta trovando una nuova voce nei programmi di riforma dei legislatori in diverse giurisdizioni.


Negli Stati Uniti, il Credit Card Competition Act (CCCA), reintrodotto al Congresso nel giugno 2023, propone ai commercianti più scelte di rete per ridurre ulteriormente le commissioni di scorrimento. 76 Alcuni rivenditori trasferiscono parte di questo costo sui consumatori imponendo un sovrapprezzo sulle transazioni con carta di credito. I legislatori sperano che una maggiore concorrenza si tradurrà in costi inferiori per i rivenditori e, in ultima analisi, per i consumatori sotto forma di prezzi più bassi.


Ma se questa legge venisse approvata, potrebbe ostacolare la capacità delle reti di pagamento esistenti e degli emittenti di carte di offrire premi interessanti ai consumatori, che sono in gran parte finanziati dalle commissioni di scansione. La restrizione sulle commissioni di scansione potrebbe anche ridurre gli incentivi degli emittenti a emettere carte a consumatori con un accesso inadeguato al credito.


Inoltre, non è chiaro quanti risparmi dei rivenditori alla fine verrebbero trasferiti ai consumatori, se non del tutto. Ma una maggiore concorrenza sui prezzi metterebbe a dura prova i ricavi delle transazioni degli emittenti e delle reti e i prodotti di carte che offrono ai consumatori.


Le tariffe per lo swipe non sono una questione scottante in Europa, ma in altri paesi, come l’India, c’è una rinnovata attenzione all’espansione della concorrenza. Ad esempio, la banca centrale indiana ha imposto che gli emittenti di carte debbano emettere le proprie carte su più di una rete a partire dall’ottobre 2023.77 La mossa metterà fine agli accordi di emissione esclusiva tra le reti di carte e i principali emittenti.


I sistemi di pagamento sostenuti dal governo causano ulteriore frammentazione


Dopo aver costruito i propri circuiti di carte sovrane per ridurre la posizione dominante sui piani di pagamento internazionali, i governi nazionali stanno esplorando la modernizzazione dei pagamenti al consumo per renderli più convenienti ed economicamente vantaggiosi per i loro cittadini. Più di 70 paesi hanno adottato i pagamenti in tempo reale (RTP), e molte soluzioni hanno l’approvazione e il sostegno del governo. Il coinvolgimento del settore pubblico è altrettanto importante per affrontare le inefficienze nel mercato globale delle rimesse da circa 650 miliardi di dollari. 78  Secondo la Banca Mondiale, il costo medio globale dell’invio di 200 dollari in rimesse oltre confine è stato pari al 6,25% del valore nel primo trimestre del 2023, ricadendo in modo sproporzionato sui poveri. 79 Il costo medio delle rimesse rimane più del doppio del target degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite del 3%, che deve essere raggiunto entro il 2030.80


Mentre le speranze per una soluzione onnipresente ed efficiente per le rimesse transfrontaliere sono ancora vive, i governi nazionali stanno avviando accordi bilaterali per rendere i loro sistemi RTP nazionali interoperabili oltre confine, un paese alla volta. India e Singapore hanno collegato UPI e PayNow, i rispettivi canali di pagamento più veloci, per consentire trasferimenti di fondi rapidi ed economici. 81 Più recentemente, l'India ha firmato un accordo con la Mashreq Bank degli Emirati Arabi Uniti per utilizzare l'UPI per facilitare le rimesse straniere dalla diaspora indiana nella regione. 82


L’Europa prevede inoltre di creare una soluzione unificata per i pagamenti istantanei con la sua European Payments Initiative, un nuovo standard di pagamento per consumatori e commercianti europei per tutti i tipi di transazioni, comprese quelle in negozio, online, prelievi di contanti e peer-to-peer (P2P). . 83 Questa iniziativa, che sarà lanciata in Belgio, Francia e Germania nel 2024, mira a offrire ai consumatori una soluzione paneuropea per carte bancarie, portafogli digitali e pagamenti P2P per ridurre gli attriti nei pagamenti transfrontalieri.


Un aumento di tali accordi bilaterali e iniziative regionali renderebbe il panorama dei pagamenti globali più frammentato e creerebbe diversi blocchi di pagamenti regionali. Tuttavia, è incoraggiante il fatto che ci stiamo avvicinando sempre più a un sistema di pagamenti transfrontalieri più efficiente, un blocco di pagamenti alla volta.


La confusione delle linee di prodotto e la concorrenza per i portafogli dei clienti


Tradizionalmente, gli istituti di pagamento sono rimasti fedeli alle rispettive linee di prodotto, ma ora stanno invadendo le attività degli altri per aumentare i ricavi. Ad esempio, gli emittenti di carte stanno cercando di accaparrarsi una quota maggiore di pagamenti al consumo da conto a conto (A2A), man mano che le offerte RTP nazionali si espandono. Negli Stati Uniti, sia le banche grandi che quelle piccole sono state le prime ad adottare FedNow, il sistema di pagamenti A2A in tempo reale della Federal Reserve. Anche le reti globali di carte sono entusiaste dei pagamenti A2A e della creazione di proposte di valore multi-rail (ad esempio carte, P2P, A2A e criptovalute) (figura 10).



Anche le stablecoin basate su blockchain e garantite da valuta fiat stanno entrando nel mondo dei pagamenti al consumo. In alcuni casi, stanno disintermediando ulteriormente il ruolo degli istituti di pagamento tradizionali facilitando lo scambio di denaro nelle rimesse transfrontaliere, nei pagamenti P2P e persino nei pagamenti al dettaglio tra clienti e aziende.


Allo stesso tempo, i fornitori di portafoglio digitale e BNPL hanno lanciato offerte di carte; gli emittenti di carte, in cambio, stanno lanciando i propri portafogli digitali 85 e integrando le offerte BNPL nei loro portafogli. Gli emittenti stanno inoltre collaborando con i commercianti per offrire pagamenti integrati, consentendo alle società non finanziarie di offrire soluzioni di pagamento integrate ai propri consumatori.


Questi sforzi per espandersi oltre le loro offerte principali suggeriscono che gli emittenti e le reti di carte riconoscono che questa rete interconnessa di pagamenti, prodotti e servizi ferroviari diventerà sempre più complessa con l’ingresso nel 2024. Le innovazioni e le azioni competitive minacciano i loro ricavi da transazioni e rischiano di diminuire la visibilità e proprietà dei dati dei consumatori.


Inoltre, l’open banking in tutto il mondo sta gradualmente erodendo quello che un tempo era il vantaggio competitivo degli operatori storici dei pagamenti. Con l'open banking, i fornitori di terze parti, tra cui fintech, bigtech e altri fornitori di software, possono accedere ai dati dei clienti nei sistemi dei fornitori di pagamenti tramite API, incorporare pagamenti e aiutare i consumatori a pagare senza problemi durante i loro percorsi di acquisto. Questo potrebbe essere l’inizio di dati aperti che comprendono anche interazioni non finanziarie, come ad esempio con operatori di telecomunicazioni e servizi di pubblica utilità. Allo stesso tempo, garantire la privacy e la sicurezza dei dati sarà fondamentale. In quest’ottica, l’UE sta valutando nuove normative per l’uso e l’accesso agli open data. 86


In futuro, per rimanere competitivi, gli emittenti di carte dovrebbero continuare a fornire valore oltre le transazioni di pagamento. Gran parte di ciò può ridursi al modo in cui conoscono i propri clienti e alla loro capacità di analizzare i set di dati transazionali e alternativi proprietari dei clienti per offrire consigli più personalizzati, come controlli della spesa, consigli sul budget e premi su misura.


Nel frattempo, i dati possono essere sfruttati per favorire la creazione di valore, nuovi modelli di business e nuove partnership. Scegliere i giusti TPP di cui i consumatori si fidano consentirebbe agli operatori storici dei pagamenti di alleviare le preoccupazioni dei consumatori in merito alla sicurezza e alla privacy, migliorando al tempo stesso la loro esperienza con offerte innovative. Questo crescente ruolo di fiducia in un mondo in cui le realtà fisiche e virtuali convergono sempre di più rafforzerebbe la spinta verso l’identità digitale, rendendo più semplice per le istituzioni autenticare mittenti e destinatari di denaro in tutte le interazioni.


Credito responsabile BNPL per migliorare il benessere finanziario dei consumatori

La proliferazione di BNPL nei pagamenti al consumo ha incoraggiato gli emittenti tradizionali di carte di credito a includere BNPL nei loro portafogli. Un contesto inflazionistico ha ulteriormente accentuato i vantaggi finanziari e operativi di BNPL rispetto ai prodotti di credito tradizionali, spingendo i volumi dei prestiti.


 


Sebbene i prodotti BNPL abbiano aiutato molti consumatori ad accedere al credito, numerosi studi suggeriscono che questi consumatori potrebbero spendere oltre le proprie possibilità. In un recente sondaggio di Pymnts sugli utenti BNPL, il 70% degli intervistati ha ammesso di aver speso più di quanto avrebbero pagato in anticipo. 87 Inoltre, secondo il CFPB, “le aziende [BNPL] hanno creato i propri gateway e mercati digitali guidati da app, alimentati da dati comportamentali personalizzati, per indurre i propri utenti ad acquistare più prodotti”. 88


 


Un’altra preoccupazione è il modo in cui i saldi BNPL sembrano essere accumulati in modo sproporzionato da coloro che dipendono fortemente dal credito per vivere. Ad esempio, secondo un’analisi CFPB (figura 11), gli utenti BNPL avevano maggiori probabilità di essere fortemente indebitati e di fare affidamento su molti altri prodotti di credito ad alto interesse rispetto ai non utenti BNPL. Sebbene questi prodotti creditizi siano destinati ad aiutare i consumatori in difficoltà, finiranno per metterli ancora più in difficoltà?



I risultati dell’autorità di regolamentazione statunitense indicano anche altri problemi con l’ambito BNPL: protezioni inadeguate delle controversie rispetto alle carte di credito, sorveglianza dei dati in stile bigtech e lenti progressi tra le agenzie di segnalazione nello sviluppo di protocolli di segnalazione maturi quando si tratta di credito BNPL.


 


Di conseguenza, le autorità di regolamentazione a livello globale intendono supervisionare questo settore per rafforzare la protezione dei consumatori. Nel maggio 2023, l’Australia ha annunciato riforme che riconoscono BNPL come prodotto di credito ai sensi del Credit Act e impongono alle aziende di rispettare obblighi di prestito responsabile e requisiti di difficoltà. 89


 


Queste normative, insieme a una migliore gestione del rischio da parte degli istituti, al reporting alle agenzie di credito tradizionali e all’enfasi sul credito a breve termine e di piccole dimensioni, potrebbero inaugurare la prossima ondata di maturità di BNPL. Gli emittenti di carte e i fornitori BNPL possono svolgere un ruolo significativo per migliorare il benessere finanziario dei consumatori fornendo consulenza e credito responsabile. Ad esempio, Klarna ha lanciato una funzione di rinuncia al credito che offre ai consumatori la possibilità di scegliere di rinunciare all’utilizzo del credito per rimanere nei limiti del proprio budget. 90


 


Inoltre, fornendo strumenti di flusso di cassa per consolidare più scadenze di pagamento, fornendo approfondimenti sul budget e supportando i clienti nel raggiungimento degli obiettivi finanziari, gli emittenti e i fornitori BNPL nel settore possono incoraggiare i clienti a risparmiare e spendere in modo più efficace. 91 Di fatto, il credito responsabile BNPL può aiutare i consumatori svantaggiati e svantaggiati a costruire o ricostruire il credito. 92


Gli acquirenti tradizionali devono far fronte alla crescente concorrenza dei produttori di software e degli acquirenti moderni


I fornitori di servizi di acquisizione ed elaborazione dei pagamenti dei commercianti, che operano sempre più in un business mercificato, riconoscono l'opportunità offerta dalle piccole e medie imprese (PMI). Uno studio del Credit Suisse del 2022 ha indicato che il segmento delle PMI statunitensi rappresentava meno del 20% dei flussi di pagamento, ma rappresentava circa il 55% dei potenziali ricavi per gli acquirenti. 93


La concorrenza segue da vicino il denaro. I fornitori di software, in particolare quelli che lavorano con le PMI, continuano a portare internamente gli elementi di pagamento (diventando un “payfac”) per possedere una quota maggiore della catena del valore dell’acquisizione da parte dei commercianti. 94 Inoltre, i moderni acquirenti si stanno espandendo sia a livello nazionale che internazionale e si stanno espandendo oltre i pagamenti per offrire prodotti finanziari integrati per aumentare la quota di portafoglio. Ad esempio, Adyen ha iniziato a offrire conti correnti aziendali e opzioni di prestito aziendale per piattaforme e mercati in Europa e negli Stati Uniti alla fine del 2022.95


Presi tra la concorrenza dei fornitori di software e dei moderni acquirenti, gli attuali acquirenti commerciali dovrebbero intensificare la loro difesa. Alcuni acquirenti possono scegliere di collaborare o addirittura acquisire società di software che si rivolgono ai commercianti per mantenere una quota maggiore della catena del valore. Nel frattempo, competere con gli acquirenti moderni richiederebbe capacità digitali e di servizio superiori. Gli acquirenti storici non dovrebbero solo offrire presenza internazionale e accettazione di pagamenti omnicanale, ma anche fornire una o più integrazioni alle imprese per accedere alle piattaforme di elaborazione locali e ai metodi di pagamento e per acquisire supporto, tra gli altri servizi locali.


Combattere la frode quando il falso è altrettanto valido che reale


Le società di pagamento sono coinvolte in una corsa agli armamenti globale con attori malintenzionati, poiché le truffe diventano sempre più sofisticate. La frode sintetica è un esempio notoriamente difficile da individuare. 96 Molti truffatori inventano intere identità utilizzando un mix di informazioni reali e inventate, che spesso sono collegate ai numeri di previdenza sociale.


Si prevede che la proliferazione dell’intelligenza artificiale generativa non farà altro che accelerare il ritmo con cui i truffatori fabbricano tali identità sintetiche per ingannare consumatori e aziende e indurli a inviare pagamenti ai loro conti impersonificati, una pratica comunemente chiamata frode dei pagamenti push autorizzati (APP). Nel Regno Unito, il servizio Faster Payments ha registrato un aumento del 6% su base annua dei casi di frode APP97 su conti personali, con perdite pari a 600,1 milioni di dollari nel 2022.98


Per combattere questi rischi, le autorità di regolamentazione stanno intervenendo con misure volte a rafforzare la protezione dei consumatori. L'Autorità di regolamentazione del sistema di pagamento del Regno Unito ha emesso nuovi requisiti di rimborso in base ai quali sia le istituzioni del pagatore che quelle del beneficiario devono risarcire completamente i consumatori vittime di frodi APP nell'ambito di Faster Payments. 99


La posta in gioco è alta per gli istituti di pagamento; dovrebbero rafforzare i loro approcci basati sul rischio per ridurre al minimo o eliminare le richieste di pagamento fraudolente. Dovrebbero potenziare le proprie competenze antifrode con tecnologie di intelligenza artificiale generativa e dati di terze parti per addestrare i propri modelli di autenticazione e rilevamento delle frodi in modo da prevedere le prossime mosse dei criminali ed eludere i loro progressi (figura 12).


Le banche dovrebbero anche lavorare a più stretto contatto con startup e aziende tecnologiche affermate per sviluppare una sicurezza biometrica multimodale che valuti diversi indicatori contemporaneamente, come le impronte digitali, i modelli linguistici naturali e la scelta delle parole, per aumentare i risultati di rilevamento delle frodi e ridurre i falsi positivi. La collaborazione con istituzioni non finanziarie, come le telecomunicazioni, i fornitori di reti mobili e le autorità di regolamentazione, aggiungerebbe anche alleati che potrebbero analizzare i dati non finanziari dei consumatori per prevenire l’uso non autorizzato dell’identità.



Gestione patrimoniale: rinnovare il motore di consulenza per il futuro della ricchezza

Priorità per gli istituti di gestione patrimoniale nel 2024 e oltre

Il settore della gestione patrimoniale è al culmine del cambiamento. Mentre la ricchezza globale continua ad accumularsi e a diversificarsi tra le regioni, la recente volatilità del mercato ha messo a dura prova la crescita del patrimonio gestito (AUM). Ciò sta spingendo i gestori patrimoniali a raddoppiare i loro sforzi per fornire un’esperienza di consulenza più ricca, che potranno poi combinare con nuovi prodotti innovativi. La tecnologia continua a svolgere un ruolo importante per le aziende patrimoniali, soprattutto perché le istituzioni devono affrontare la necessità di sviluppare competenze e promuovere l’uso dell’intelligenza artificiale per favorire una maggiore personalizzazione. Molti gestori patrimoniali cercheranno anche di automatizzare le attività di routine attraverso l’intelligenza artificiale generativa e l’analisi avanzata dei dati. La spinta a realizzare maggiori efficienze e ad ampliare l’offerta di prodotti attraverso l’acquisizione o la collaborazione con terze parti continuerà a suscitare interesse, anche se gli accordi potrebbero essere conclusi a un ritmo più lento rispetto agli anni precedenti.


 


Anche il trasferimento di ricchezza intergenerazionale continua ad acquisire slancio. Questo cambiamento richiederà ai consulenti di sviluppare capacità di consulenza ancora più olistiche. Molti membri della Gen X e di altre generazioni sono preoccupati se i loro genitori saranno in grado di raggiungere una pensione confortevole, mentre coloro che detengono i patrimoni chiedono a gran voce coaching e consulenza più ampi. Alcune di queste nuove preoccupazioni sono guidate da una maggiore longevità. Anche la pianificazione della successione sta diventando più urgente poiché la popolazione dei consulenti invecchia in molte parti del mondo. La prossima generazione di investitori vorrà sedersi allo stesso tavolo, fisico o virtuale, con qualcuno che somigli a loro e abbia le stesse esperienze vissute che hanno loro. Tuttavia, l’acquisizione e lo sviluppo di talenti più giovani e diversificati potrebbe rappresentare una sfida per la crescita.


Le incertezze macroeconomiche, geopolitiche e normative hanno esacerbato i costi e le pressioni sui margini per i gestori patrimoniali globali, che tuttavia rimangono resilienti. È probabile che la ricchezza globale superi i 500mila miliardi di dollari nel 2024, quasi cinque volte il PIL globale. 100 Da una prospettiva regionale, la porzione maggiore di questa ricchezza si trova ora nell’Asia-Pacifico (~40%), con la Cina che rappresenta quasi il 20%. Il Nord America rappresenta circa il 33% del totale, mentre l’Europa rappresenta il 23%. 101 Il patrimonio gestito dovrebbe crescere a un ritmo annuo di circa l’8% nei prossimi cinque anni, 102 più del doppio della crescita prevista del PIL globale. 103 E la ricchezza finanziaria netta detenuta dal mercato al dettaglio di massa potrebbe quasi raddoppiare fino a raggiungere i 22mila miliardi di dollari entro il 2030.104


Nonostante queste aspettative positive, i gestori patrimoniali dovrebbero continuare a valutare i propri punti di forza competitivi e i propri modelli operativi per supportare l’agilità necessaria in futuro. Quali cambiamenti dovrebbero considerare nei loro modelli operativi per sfruttare le prospettive di crescita nel 2024 e oltre? Come possono differenziarsi per creare un franchising vincente?


Affinare l'esperienza di consulenza


Con le esigenze dei clienti e i cambiamenti dei mercati, i gestori patrimoniali non possono fare affidamento sui mercati rialzisti per aumentare le risorse in gestione. Nel decennio precedente, oltre il 70% della crescita del patrimonio gestito era il risultato della performance del mercato, mentre solo il restante 30% proveniva dalla crescita organica. 105 La soddisfazione degli investitori è una funzione dei rendimenti. Ad esempio, la soddisfazione degli investitori statunitensi nei confronti dei consulenti di investimento a servizio completo è crollata di 17 punti nel 2022, in coincidenza con un calo del 20% dell’indice S&P 500 nello stesso periodo. 106 Ma i gestori patrimoniali hanno poco controllo sull’andamento del mercato, quindi dovrebbero concentrarsi sul miglioramento della soddisfazione del cliente attraverso altri mezzi. Questi includono l'offerta di consulenza oltre gli investimenti e il supporto ai clienti durante il loro percorso di vita. Sfortunatamente, solo l’11% dei consulenti attualmente adotta queste misure aggiuntive. 107


Inoltre, continua il passaggio dall’accumulazione alla decumulazione tra coloro che detengono la quota maggiore di attività. Con sempre più baby boomer che vanno in pensione ogni giorno, i confini della consulenza continuano ad espandersi non solo al reddito pensionistico, ma includono anche l’ assicurazione sanitaria, la longevità e persino la pianificazione dell’assistenza alla demenza . Per una buona ragione: un recente sondaggio ha mostrato che l’80% degli americani di età pari o superiore a 50 anni era preoccupato di finanziare le proprie spese sanitarie durante la pensione. 108 Le proposte di consulenza di maggiore impatto emergeranno probabilmente nei momenti che contano, integrando attività e passività sia finanziarie che non finanziarie.


Inoltre, un recente sondaggio Deloitte condotto su 300 ricchi clienti bancari svizzeri ha rivelato che essi desiderano tutto: esperienze di gestione patrimoniale omnicanale superiori a costi inferiori. 109 Le piattaforme self-service rimangono un approccio popolare per servire non solo i ricchi, ma anche i giovani investitori alle prime armi con asset investibili inferiori. Anche così, la capacità dei gestori patrimoniali di supportare i momenti che incidono sulla vita e sui percorsi di ricchezza dei loro clienti può essere un elemento di differenziazione. Un buon punto di partenza è utilizzare dati e analisi per creare un’iperpersonalizzazione basata su un’efficiente strategia di segmentazione.


Per servire al meglio queste generazioni più giovani, le aziende dovrebbero assumere più giovani talenti. Sfortunatamente, circa il 37% dei consulenti prevede di andare in pensione nel corso del prossimo decennio, ma il 72% dei nuovi arrivati ​​(quelli con tre o meno anni di esperienza nella consulenza) non riesce a rimanere nel settore. 110 I gestori patrimoniali dovrebbero adattare le loro politiche di reclutamento per concentrarsi sulla diversità e fornire sufficienti opportunità di crescita ai consulenti in erba per massimizzare il successo. UBS, ad esempio, sta diversificando il proprio pool di consulenti in termini di età e razza per rispecchiare meglio le generazioni più giovani. 111


Riorganizzare le piattaforme con particolare attenzione alla riduzione dei costi e all'approfondimento delle relazioni con i clienti


I gestori patrimoniali continuano a investire in tecnologia, ma con una maggiore attenzione rispetto a prima alla razionalizzazione dei costi. Infatti, il 68% dei gestori patrimoniali intervistati considera l’ottimizzazione del rapporto costi/redditi e il sostegno alla conformità normativa come le principali sfide aziendali a breve termine. 112 Di conseguenza, c'è una maggiore propensione a rivolgersi a terze parti: in un recente sondaggio condotto su clienti globali di gestione patrimoniale e private banking, il 72% degli intervistati ha dichiarato di voler collaborare con fintech, broker-dealer e depositari per modernizzare la propria infrastruttura tecnologica e liberare risorse interne e tempo per concentrarsi su prodotti e servizi strategicamente importanti che migliorano l'esperienza del cliente. 113


Le aziende investiranno nella definizione di chiare strategie di gestione dei dati per utilizzare meglio le nuove forme di dati e intelligenza artificiale. Ciò li aiuterà a generare insight più ricchi creando operazioni agili e scalabili per stare al passo con i futuri modelli di consulenza. La spesa per i servizi cloud per le piattaforme di gestione patrimoniale, comprese le soluzioni cloud più specifiche per il settore della gestione patrimoniale, potrebbe crescere di oltre 10 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni. 114 Le aziende possono iniziare oggi intraprendendo una trasformazione su piccola scala per contribuire a ottenere risultati rapidi che possano creare fiducia e fiducia sulla strada per consentire un time-to-market più rapido e l’efficienza operativa. Il Perpetual Know Your Customer (KYC), ad esempio, può aiutare a fornire un quadro del rischio più completo e in tempo reale, ma il suo successo dipende dall’unificazione e dalla qualità dei dati a livello aziendale. 115 Ma i problemi di sicurezza (ad esempio, sicurezza informatica, privacy dei dati, deepfake e allucinazioni) incombono, rendendo vitale l’instaurazione di un quadro di fiducia nell’IA. 116 Anche le autorità di regolamentazione si concentrano sempre più sui conflitti di interessi. A luglio, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha proposto nuove regole che impongono alle aziende di tenere presente gli interessi degli investitori quando utilizzano l’intelligenza artificiale. 117


Successivamente, le aziende forniscono ai consulenti soluzioni omnicanale integrate che supportano nuove conversazioni su richiesta. Strumenti di coinvolgimento e collaborazione come live chat, messaggistica sicura e cobrowsing possono consentirgli di concentrarsi su attività di maggior valore e persino aumentare il numero di clienti serviti.


L’intelligenza artificiale generativa sta iniziando a essere utilizzata nel rilevamento delle frodi, nell’antiriciclaggio (AML), nella comunicazione e nel marketing con i clienti, nella valutazione dell’idoneità del prodotto, nella scrittura di promemoria e nella generazione di report basati sulla ricerca. 118 Deutsche Bank sta implementando il deep learning per analizzare i portafogli dei clienti per il rischio di concentrazione e abbinare i singoli clienti con fondi, obbligazioni o azioni adeguati. 119 Nel frattempo, JPMorgan ha recentemente fatto domanda al marchio IndexGPT, che può analizzare e selezionare i titoli in base alle preferenze del cliente. 120


Colmare il divario di offerta                                                      


Sebbene gli ETF rimangano il veicolo di investimento preferito per clienti di tutte le dimensioni, con oltre 600 miliardi di dollari di flussi netti nel 2022, l’indicizzazione diretta e gli investimenti alternativi continuano a guadagnare slancio. In effetti, gli investimenti alternativi potrebbero aumentare dall’11% degli asset investibili delle famiglie consumatrici al 20% entro il 2026 e generare ulteriori 11mila miliardi di dollari in flussi netti incrementali per le società di gestione patrimoniale. 121 Gli investitori con un patrimonio netto molto elevato si aspettano di essere sovrappesati sul private equity, la percentuale maggiore di qualsiasi classe di attività alternative, seguito da hedge fund, capitale di rischio e debito privato. 122 Nel frattempo, l’estrema volatilità dei prezzi e le recenti turbolenze nei mercati delle criptovalute sembrano aver raffreddato la domanda di asset digitali.


Con la sempre maggiore diffusione degli asset privati ​​e l’allentamento delle normative, i gestori patrimoniali potrebbero offrire prodotti ai clienti che si collocano più in basso nello spettro degli asset. Ad esempio, il parlamento lussemburghese ha recentemente approvato un disegno di legge che abbassa la soglia minima di investimento per i fondi alternativi da circa 27.000 dollari a 108.500 dollari. 123 Gli Stati Uniti stanno inoltre allentando le norme che regolano le definizioni di “investitore accreditato” per consentire una più ampia partecipazione al dettaglio in prodotti alternativi. 124 I gestori patrimoniali stanno cercando di acquisire queste capacità. Recentemente, MUFG ha annunciato la sua intenzione di acquistare società di asset alternativi per soddisfare la domanda dei clienti. 125 La formazione dei consulenti è fondamentale poiché i consulenti in genere non consigliano prodotti con i quali non hanno familiarità. 126


Nel frattempo, solo il 17% dei consulenti intervistati negli Stati Uniti cita i fattori ESG come considerazione nei processi di investimento dei propri clienti, il livello più basso degli ultimi cinque anni. 127 Ciò potrebbe essere dovuto a prese di profitto, ribilanciamento del portafoglio, sottoperformance o, forse, mancanza di fiducia. In un sondaggio Deloitte condotto su circa 1.000 investitori al dettaglio nel Regno Unito, il 69% ha affermato di aver o si asterrebbe dall’investire in un asset finanziario se non si fidasse del quadro di investimento ESG utilizzato dal proprio fornitore. 128


Le stime del settore suggeriscono che gli asset ESG potrebbero raggiungere i 50mila miliardi di dollari entro il 2025.129 Le aziende dovrebbero, pertanto, continuare a supportare i consulenti con strumenti che aiutino le conversazioni con i clienti sugli investimenti basati sui valori. Nuove normative, come la proposta di Direttiva Green Claims della Commissione Europea, che richiederebbe alle aziende di sostenere le dichiarazioni ambientali con una valutazione globale, 130 insieme alle nuove regole della SEC per l’informativa aziendale sulle politiche ESG, 131 richiederebbero alle aziende di mettere in atto dei guardrail per scongiurare la percezione di greenwashing. Questi possono includere certificazioni di terze parti e controlli di conformità.


Le operazioni di M&A nel settore della gestione patrimoniale subiranno un rallentamento


Data l’attrattiva del segmento, le compagnie assicurative, gli hedge fund e altri continuano a prendere in considerazione acquisizioni in questo ambito. 132 A livello globale, i gestori patrimoniali hanno concluso 254 operazioni lo scorso anno (figura 13), il numero più alto in un decennio, con il Nord America che rappresenta il 70% delle operazioni, seguito da Europa (21%) e Asia-Pacifico (6%). Spinte da una strategia buy-and-build, le società sostenute da private equity Mercer Global Advisors e Wealth Enhancement Group, lo scorso anno hanno acquisito rispettivamente 18 e 11 società. 133 , 134  I principali fattori trainanti dell’attività di M&A sono le economie di scala, la riduzione dei costi, i nuovi servizi e l’acquisizione di talenti. Tuttavia, il numero di operazioni è sceso del 26% su base annua, arrivando a 84 nella prima metà del 2023. Questo ritmo più lento potrebbe continuare anche nel 2024 poiché le condizioni macroeconomiche pesano sul sentiment degli acquirenti.



Corporate and Transaction Banking: consentire flussi di denaro efficienti attraverso la digitalizzazione

Priorità per le banche aziendali e di transazione nel 2024 e oltre

Le attività bancarie aziendali e di transazione stanno osservando una confluenza di priorità. 135 Sebbene la crescita dei prestiti commerciali sia rimasta stabile per gran parte dello scorso anno e all’inizio del 2023, le banche guardano a prospettive più modeste per i prossimi trimestri insieme all’inasprimento degli standard di prestito e al crescente rischio dei portafogli di prestiti CRE. La riduzione del rischio è nella mente anche di molti clienti aziendali, che cercano maggiori opzioni rispetto ai loro rapporti bancari.


 


C’è un’enorme pressione affinché le banche accelerino il ritmo della digitalizzazione per migliorare l’esperienza del cliente e rafforzare le relazioni, gestendo al tempo stesso i costi. Le soluzioni digitali per l’erogazione e la sottoscrizione di prestiti, la gestione della liquidità, i pagamenti B2B, la finanza commerciale e l’assistenza patrimoniale dovrebbero aiutare le istituzioni a sbloccare nuove efficienze e ad affrontare i punti critici dei clienti.


 


Stanno tuttavia emergendo opportunità di crescita. Dalla custodia delle risorse digitali alla consulenza sulla strategia di transizione verde, i banchieri aziendali dovrebbero rimanere agili per supportare le esigenze più complesse dei loro clienti. Dovrebbero lavorare in modo costruttivo con i mutuatari e sostenere un modello basato sulla consulenza per rafforzare il tocco personale, offrendo allo stesso tempo ai clienti un modello self-service per soddisfare le loro esigenze dirette e semplici.


Lo stato attuale dei prestiti alle imprese e alle PMI ha mostrato forza a livello globale nonostante le sfide economiche dello scorso anno. L'esposizione in essere dei prestiti C&I delle banche statunitensi è aumentata del 6% su base annua raggiungendo 2,8 trilioni di dollari USA nel maggio 2023136 . meno di 100 miliardi di dollari di asset.


I prestiti bancari alle imprese nell’Eurozona sono cresciuti del 3% su base annua raggiungendo i 6,4 trilioni di dollari nel giugno 2023.138 , 139 Anche  i NIM delle banche europee hanno beneficiato di costi di deposito inferiori e gli istituti continuano a dimostrare disciplina dei costi. 140


Tuttavia, una prospettiva economica meno favorevole, una minore tolleranza al rischio e il desiderio di sostenere le posizioni di liquidità hanno spinto molte banche a restringere il credito ai mutuatari aziendali. Nel secondo trimestre del 2023, il 68% e il 51% delle banche statunitensi intervistate hanno segnalato standard più severi rispettivamente per i prestiti CRE e C&I. 141 Nel frattempo, solo il 30% delle banche europee ha segnalato standard creditizi più severi per gli immobili commerciali nel primo semestre del 2023, rispetto al 25% nel secondo semestre del 2022.142


Il mercato del debito CRE per uffici continua a mostrare segni di debolezza a causa del calo dei valori e dell’aumento dei tassi di posti vacanti, in particolare negli Stati Uniti. 143 Del totale dei prestiti statunitensi per immobili a uso ufficio con scadenza nel 2024 detenuti da banche e investitori come titoli garantiti da ipoteca commerciale (CMBS), il 17,4% è classificato come “in difficoltà” o “potenzialmente in difficoltà/watchlist” ad agosto 2023. Questo il dato si attesta al 10,5% per i mutui immobiliari al dettaglio e all'8,5% per i mutui immobiliari plurifamiliari. 144


Di conseguenza, si prevede che il controllo normativo aumenterà per le banche con un’elevata esposizione al mercato CRE, in particolare le piccole banche con attività inferiori a 10 miliardi di dollari. Un’analisi della Federal Reserve ha indicato che i prestiti CRE delle piccole banche come percentuale del capitale basato sul rischio erano pari al 357% nel primo trimestre del 2023, rispetto al 131% per il settore bancario nel suo complesso e alla soglia normativa del 300%. 145 PMI con una forte esposizione CRE potrebbero diventare obiettivi di fusioni e acquisizioni nel 2024 nel tentativo di rafforzare i propri bilanci. Nel frattempo, le autorità di regolamentazione hanno già incoraggiato le banche a lavorare “in modo costruttivo” con i mutuatari CRE offrendo agevolazioni sui prestiti ed estendendo le modalità di rimborso. 146


Sul fronte dei depositi, i clienti aziendali stanno riducendo la concentrazione bancaria e diversificando i depositi tra più banche. I costi di finanziamento delle banche sono aumentati poiché pagano tassi più alti ai depositanti aziendali.


In questo contesto, cosa dovrebbero fare le banche aziendali per mantenere margini di prestito redditizi nel 2024 e oltre? Considerati i vincoli alla crescita dei NIM, come possono rafforzare le relazioni con i clienti per promuovere attività a pagamento con clienti aziendali e istituzionali?


Bilanciare rischio, efficienza e relazioni in un contesto di prestito cauto


Nel 2024 le banche aziendali dovranno affrontare una serie unica di sfide. Con la ripresa dell’economia globale a ritmi divergenti e le perduranti incertezze sulle traiettorie dei tassi di interesse, è probabile che la crescita dei ricavi sarà messa a dura prova, soprattutto negli Stati Uniti. In Europa, la crescente pressione politica per offrire tassi di deposito più elevati ai clienti sta cominciando a disincentivare gli investitori. 147


In un tale contesto macroeconomico, le banche dovrebbero rafforzare la gestione del rischio con dati alternativi (come dati di negoziazione, dati sulle transazioni bancarie e cronologia dei rimborsi, valutazioni dei clienti e recensioni su diverse piattaforme digitali, dati sui conti clienti e dati sul saldo di cassa) in tempo reale. Il perfezionamento dei modelli di segmentazione della clientela attorno agli archetipi strutturali (ad esempio, imprese ad alta intensità di capitale, imprese ad alta intensità di transazioni e imprese con flussi di cassa, tra gli altri) dovrebbe consentire processi di approvazione del credito e monitoraggio del rischio più personalizzati.


Allo stesso tempo, vi è un’enorme pressione affinché le banche accelerino il ritmo della digitalizzazione gestendo al tempo stesso i costi. In particolare, molte banche stanno lavorando per determinare come utilizzare al meglio l’intelligenza artificiale/apprendimento automatico (ML) e le API per migliorare la selezione del rischio e raggiungere efficienze operative nella catena del valore dei prestiti, in particolare nel portafoglio prestiti delle PMI. Ad esempio, molte banche del Regno Unito sono emerse come pioniere nei prestiti alle PMI, automatizzando completamente i prestiti fino a 100.000 dollari. 148


Le banche stanno anche studiando come utilizzare la finanza integrata come canale di distribuzione per aumentare l’accesso, soprattutto a un numero maggiore di clienti PMI. L’integrazione di pagamenti in tempo reale, conti di deposito e prestiti di capitale nei sistemi ERP e contabili esistenti dei clienti aziendali rende più efficiente per le aziende l’accesso ai servizi finanziari in un ecosistema unificato senza la necessità di interagire direttamente con le banche.


Sebbene la creazione di prodotti e prestiti abbia visto molte azioni digitali, queste tecnologie non hanno ancora sbloccato l’efficienza nella gestione dei prestiti (figura 14). Il servizio di prestito standard e quotidiano potrebbe essere automatizzato, fornendo un’esperienza cliente senza soluzione di continuità e un supporto omnicanale. I sistemi digitali possono anche generare automaticamente avvisi sul flusso di lavoro sulle azioni richieste dai clienti aziendali. Ciò consentirebbe ai banchieri di concentrarsi sulle vendite, sul servizio clienti, sulla gestione dei rischi e sulla gestione delle vere eccezioni.


Ciò migliorerà anche il ruolo dei banchieri relazionali; possono dedicare più tempo alle esigenze dei clienti e rafforzare il tocco personale. L’adozione di una mentalità orientata alla soluzione e il perfezionamento della specializzazione del settore dovrebbero consentire ai banchieri relazionali di sostenere un modello basato sulla consulenza. I banchieri che completano la loro specializzazione settoriale con competenza tecnologica e fluidità intersettoriale probabilmente creeranno relazioni più forti con i clienti.


Le unità bancarie aziendali dovrebbero mirare a costruire modelli di personale agili per supportare i punti critici dei clienti, ad esempio, diventando consulenti di fiducia nella loro strategia di transizione climatica. Oltre a migliorare le competenze dei pool di talenti esistenti affinando la mentalità delle soluzioni e la specializzazione del settore, le banche dovranno riorganizzare la propria forza lavoro ed elevare i profili dei banchieri commerciali per rendere più attraente per i giovani talenti partecipare e sostenere questo cambiamento culturale.



Fornire ai tesorieri aziendali nuovi strumenti per gestire meglio le finanze


Gli eventi che hanno portato al fallimento delle banche statunitensi all’inizio del 2023 hanno messo molti tesorieri aziendali, in particolare i clienti delle banche regionali statunitensi, in condizioni di estremo stress. Temendo il contagio, i tesorieri si preoccupavano della sicurezza dei loro depositi e di come l’elaborazione delle buste paga e i pagamenti avrebbero avuto un impatto negativo. Anche i tesorieri aziendali in Europa erano in massima allerta mentre si verificava il crollo del Credit Suisse.


Questa esperienza non ha fatto altro che rafforzare l’importanza della conservazione del capitale. Anche i consigli di amministrazione ne riconoscono l’importanza. Secondo il sondaggio Global Treasury del 2022 condotto da Deloitte sui dirigenti aziendali, il 96% degli intervistati afferma che i propri consigli di amministrazione o direttori finanziari considerano il miglioramento della gestione del rischio di liquidità un mandato fondamentale o importante. 149


Esistono anche prove aneddotiche di “de-risking” da parte dei clienti aziendali, che sembrano piuttosto intenzionati ad ampliare il numero dei rapporti bancari. Non è raro, soprattutto per le grandi aziende, avere 10 o più rapporti bancari. 150 Ciò potrebbe valere anche per le PMI.


Il risultato netto di questa diversificazione bancaria da parte della clientela aziendale ha conseguenze su entrambi i lati. Per le banche, la quota del portafoglio potrebbe ridursi man mano che cresce la concorrenza per i depositi. Questo è il motivo per cui servizi bancari transazionali di qualità superiore costituirebbero una delle leve più forti per attrarre depositi aziendali e aumentare le entrate derivanti dalle commissioni. Guardando dalla lente dei clienti aziendali, il rovescio della medaglia della diversificazione è una maggiore frammentazione. Potrebbe essere più difficile per i tesorieri aziendali attirare un’attenzione particolare e ottenere una visione globale dei fondi di liquidità tra le diverse filiali e aziende per gestire la liquidità. In passato, i tesorieri beneficiavano di portafogli di depositi concentrati, ma ora non è così semplice ottenere efficienza dallo sfruttamento della liquidità e dall’arbitraggio dei tassi.


Quasi due terzi dei dirigenti che hanno risposto all'indagine di Deloitte sulla tesoreria ammettono che la visibilità dei fondi di liquidità globali e delle esposizioni al rischio rappresenta una sfida (figura 15). Allo stesso modo, l’83% degli intervistati ha affermato di non avere visibilità sulle esposizioni valutarie e che le previsioni inaffidabili rappresentano la sfida più grande che devono affrontare nella gestione dei rischi valutari. Sembra che anche le previsioni sui flussi di cassa manchino di precisione.



I tesorieri aziendali sono sempre alla ricerca di soluzioni digitali e automatizzate per contribuire a prendere decisioni migliori e più rapide. L’analisi avanzata e l’intelligenza artificiale dovrebbero consentire alle banche di creare agili capacità di previsione dei flussi di cassa e consentire ai clienti di visualizzare visualizzazioni consolidate da più conti in tempo reale tramite API. 151 Ad esempio, Citi Treasury and Trade Solutions ha ampliato la propria partnership con Treasury Intelligence Solutions per offrire ai propri clienti flussi di lavoro automatizzati per prevedere le loro posizioni di cassa e le esigenze di capitale circolante. 152


Modernizzare i pagamenti B2B per efficienza e trasparenza


Per decenni, trilioni di pagamenti B2B, principalmente assegni, sono stati pieni di inefficienze. Nei soli Stati Uniti, i pagamenti tramite assegno ammontavano a 8,9 trilioni di dollari nel 2022.153 Nel frattempo, i pagamenti ACH ammontavano a 52,5 trilioni di dollari nel 2022 (in aumento del 107% negli ultimi 10 anni), la maggior parte dei quali sono stati regolati lo stesso giorno o quello successivo. giorno lavorativo. 154


Ma, lentamente, la digitalizzazione nello spazio B2B sta accelerando. Le reti di pagamento dominanti nel settore dei pagamenti al consumo si stanno espandendo oltre i binari delle “carte” per aumentare i volumi dei pagamenti B2B. Ad esempio, Visa B2B Connect, la rete di pagamenti transfrontalieri da conto a conto, basata su registro distribuito, ha iscritto più di 30 banche e sta facilitando i flussi di pagamento in 90 paesi. 155


Nel frattempo, le iniziative per modernizzare i pagamenti B2B con RTP si stanno espandendo in diversi paesi. Dopo qualche ritardo, FedNow è una realtà negli Stati Uniti, anche se l’adozione non è ancora diffusa. In uno scenario di crescita conservativo, Deloitte prevede che i pagamenti in tempo reale potrebbero sostituire 2,7 trilioni di dollari di pagamenti ACH e B2B basati su assegni negli Stati Uniti nel 2024 (figura 16). In uno scenario di crescita aggressiva, tale cifra potrebbe balzare a 4,1 trilioni di dollari ( per maggiori dettagli fare riferimento a “ Allacciate le cinture di sicurezza: i pagamenti business-to-business si stanno preparando al decollo ”).



Nonostante l’entusiasmo generale generale, tuttavia, alcuni istituti bancari potrebbero essere indecisi sulla promozione dell’RTP, considerati i rischi. Se da un lato pagamenti più rapidi avvantaggiano i clienti, dall’altro rischierebbero anche il reddito fluttuante delle banche nell’attuale contesto di tassi elevati.


Un incentivo per abbracciare il fenomeno RTP è il vantaggio di chi si muove per primo, ovvero la possibilità di aggiudicarsi una fetta maggiore delle transazioni di pagamento dei clienti aziendali. Inoltre, i pagamenti in tempo reale aggiungerebbero maggiore trasparenza al panorama frammentato e imprevedibile dei pagamenti B2B. Molti sistemi RTP, incluso FedNow, utilizzano standard di messaggistica ISO 20022 che consentono la comunicazione bidirezionale, come “richiesta di pagamento”, “richiesta di informazioni” e “conferma di pagamento”. Questi standard dovrebbero consentire alle banche di sovrapporre informazioni più ricche e servizi a valore aggiunto e aiutare a modernizzare le transazioni B2B end-to-end, come l’abbinamento automatizzato degli ordini di acquisto con le fatture, i servizi di conto virtuale, le fatture elettroniche per l’avvio dei pagamenti e la riconciliazione dei conti.


Le banche dovrebbero prepararsi a supportare l’integrazione diretta dei dati sulle transazioni nella pianificazione delle risorse aziendali dei clienti e in altri sistemi di back-office per offrire approfondimenti in tempo reale o quasi sulle transazioni di pagamento e sulle posizioni di liquidità.


Le sfide per accelerare la digitalizzazione della finanza commerciale


La finanza commerciale è un’altra area che attende da tempo di essere modernizzata, soprattutto considerando l’importanza del commercio per l’economia globale. Il credito commerciale interno e transfrontaliero rappresentava oltre il 40% del PIL mondiale, ovvero 35mila miliardi di dollari nel 2022.156


Ma secondo la Banca asiatica di sviluppo, il commercio globale presenta un gap finanziario di 2mila miliardi di dollari, soprattutto nelle economie emergenti, tra le PMI e le imprese guidate da donne. 157


Sebbene questa possa sembrare una ricca opportunità per le banche, in particolare nei mercati in via di sviluppo, le banche spesso non dispongono di dati inadeguati per orientare gli accordi di finanziamento commerciale. In molti casi, la complessità e i costi legati al rispetto delle normative AML e KYC rendono molte banche selettive riguardo ai prestiti da approvare. 158 In particolare, le PMI tendono ad affrontare tassi di rifiuto elevati e spesso viene loro chiesto di fornire preziose garanzie reali e di terzi in risposta agli sforzi di riduzione del rischio delle banche.


Le banche potrebbero affrontare questa sfida costruendo modelli di credito basati su dati alternativi, come nel caso dei prestiti alle PMI discusso in precedenza. Una maggiore applicabilità legale, in particolare per quanto riguarda le garanzie, dovrebbe fornire maggiore sicurezza alle banche e consentire loro di facilitare l’accesso ai finanziamenti commerciali, almeno in una certa misura.


La digitalizzazione della finanza commerciale dovrebbe rendere più efficienti alcuni di questi processi di sottoscrizione. Ad esempio, la convalida dei dati digitali con l’intelligenza artificiale potrebbe aiutare nei controlli KYC/AML. Alcune banche hanno anche esplorato la blockchain per sostituire le fatture cartacee e per identificare se queste operazioni sono finanziate da altri istituti finanziari. Tuttavia, la standardizzazione dei termini commerciali e finanziari rimane una sfida critica, insieme alla mancanza di sistemi sofisticati presso le PMI per fornire visibilità alle loro operazioni per un’efficace integrazione blockchain.


Il successo della digitalizzazione nel settore della finanza commerciale dipende anche dalla digitalizzazione del commercio. Ad oggi, le aziende di molti paesi devono ancora presentare una polizza di carico cartacea 159 ai porti di spedizione per scaricare i propri container sulla banchina.


Gran parte del commercio internazionale è rimasto manuale, non per la mancanza di tecnologie digitali, ma per la mancanza di uniformità nei quadri giuridici. Fortunatamente, le nuove normative potrebbero dare impulso alla tanto attesa trasformazione del commercio. La Camera di commercio internazionale (ICC) ha delineato una tabella di marcia per il commercio digitale nei servizi finanziari nel 2020, e la Commissione delle Nazioni Unite per il commercio internazionale sta guidando una nuova legge modello sui record elettronici (MLETR) per riconoscere la validità legale dei record commerciali elettronici . 160 Prendendo ispirazione, il Regno Unito è diventato il primo paese del G7 a firmare l’Electronic Trade Documents Act nel luglio 2023, che riconosce i documenti elettronici come lo stesso risultato giuridico dei documenti cartacei. 161 Si prevede che la nuova regolamentazione rappresenterà una grande vittoria per il commercio digitale, non solo nel paese ma a livello globale. 162


Rafforzare la crescita dei ricavi nel settore dell’asset servicing

I ricavi da servizi di asset sono rimasti sotto pressione nella prima metà del 2023, imitando la crescita limitata dei ricavi nel settore della gestione patrimoniale nel 2023.163 Poiché molti clienti del settore dell’asset management si aspettano che i loro asset in gestione (AUM) diminuiscano o rimangano stabili anno dopo anno, i ricavi da servizi di asset sono rimasti sotto pressione nella prima metà del 2023. non si prevede che si discosti da questa tendenza.


 


Per aumentare i ricavi, alcune aziende focalizzate sul back-office e sul middle-office dovrebbero continuare a risalire la catena del valore e rafforzare le proprie capacità di front-office. CACEIS, una filiale del gruppo Crédit Agricole e Santander, ha acquisito l'attività europea di asset servicing della Royal Bank of Canada per espandere le sue capacità front-to-back. 164


 


La custodia degli asset digitali è un’altra opportunità di crescita emergente nel settore della gestione degli asset, caratterizzato da un’elevata concorrenza sui prezzi. Il recente crollo degli scambi di criptovalute ha sottolineato l’importanza di disporre di custodi regolamentati delle criptovalute. Le banche europee sono in vantaggio rispetto ai concorrenti statunitensi nel gioco della custodia degli asset digitali, in parte grazie a un atteggiamento normativo proattivo volto a rafforzare la protezione degli investitori. 165 Nel luglio 2023, Société Générale è diventata la prima banca a ottenere una licenza di fornitore di servizi di asset digitali per operare come custode di criptovalute e trading desk in Francia. 166


 


La transizione al regolamento T+1 negli Stati Uniti, Canada e Messico entro maggio 2024 consumerà probabilmente la maggior parte della larghezza di banda operativa dei depositari, poiché solo circa un terzo dei depositari americani e canadesi in un sondaggio di Citibank erano pronti per la transizione T+1 . 167 I custodi dovrebbero partecipare a test a livello di settore, iniziati nell’agosto 2023, per eliminare le carenze del sistema e dei processi.


 


I modelli di personale cambierebbero probabilmente per allinearsi con un approccio follow-the-sun, soprattutto per i custodi al di fuori del Nord America. Le aziende dovrebbero dare priorità all’automazione per ottenere efficienze di elaborazione diretta, che potrebbe anche ridurre il numero di eccezioni commerciali che richiedono una risoluzione e, in definitiva, abbassare il tasso di mancato regolamento. Ma allo stesso tempo, dovrebbero elaborare piani per affrontare i fallimenti degli accordi e preparare i loro team ad affrontare eventuali requisiti normativi che si verificano a causa di fallimenti negli accordi.


 


Anche i depositari dovrebbero preparare i propri clienti a questa transizione. Mentre le istituzioni più grandi potrebbero essere pronte, i clienti delle PMI potrebbero aver bisogno di aiuto per modernizzare i loro sistemi per inviare istruzioni in modo tempestivo o autoaffermarsi entro i tempi richiesti.


Investment banking e mercati dei capitali: rinnovare i modelli di business e guidare con tecnologie all’avanguardia

Priorità per le società di investment banking e dei mercati dei capitali nel 2024 e oltre

Le attività bancarie di investimento registreranno una crescita modesta nel 2024. Mentre la ripresa economica globale continua a prendere slancio, i servizi di ristrutturazione saranno molto ricercati, in particolare nei settori CRE e tecnologico. Di conseguenza, il rifinanziamento, le iniziative guidate dalla sostenibilità e le acquisizioni guidate dagli eventi dovrebbero incrementare le emissioni e i ricavi da consulenza. Ma la mancanza di mega-deal e un languido mercato M&A potrebbero spostare le dinamiche competitive dai grandi istituti statunitensi alle banche e boutique europee più piccole. Nel frattempo, il braccio commerciale potrebbe vedere opportunità di crescita limitate poiché la minore volatilità continua a compromettere il FICC e il reddito da negoziazione azionaria. Nel complesso, le dimensioni rimarranno importanti e andranno a vantaggio degli operatori più grandi che continueranno a dominare determinati mercati. Altri saranno costretti a specializzarsi più che mai e a fare scelte strategiche chiare.


 


L’attività di investment banking dovrebbe sperimentare selettivamente l’intelligenza artificiale generativa per aumentare la produttività nei front e back office. Poiché anche il lato degli acquirenti sta investendo nelle tecnologie di intelligenza artificiale, le grandi banche di investimento devono ottimizzare i propri dati di input per differenziare i propri modelli di apprendimento automatico. Potrebbero anche dover competere per data scientist e specialisti di intelligenza artificiale in un pool di talenti scarsamente offerto e considerare come i grandi modelli linguistici (LLM) possano ridurre i costi del lavoro. Infine, le banche di investimento hanno un’opportunità unica di sostenere l’innovazione climatica offrendo prodotti e infrastrutture che creino maggiore credibilità nei nascenti mercati del carbonio.


Dopo un anno di performance deludenti, le attività di investment banking e dei mercati dei capitali dovrebbero registrare una crescita modesta nel 2024. Ma ciò comporterà alcune nuove sfide, tra cui la necessità di modernizzare l’infrastruttura digitale, allocare il capitale in modo più giudizioso e garantire la piena promessa di un’intelligenza artificiale generativa. è realizzato.


Il trading è stato un importante produttore di entrate per le banche negli ultimi anni, grazie alla maggiore volatilità del mercato. Negli ultimi tre anni le banche di investimento globali hanno incassato in media 150 miliardi di dollari in FICC e ricavi azionari, poiché i clienti hanno coperto le esposizioni in valuta estera, tassi di interesse e prezzi dell’energia. 168 Tuttavia, poiché la volatilità è scesa ai livelli prepandemici, nella prima metà del 2023 i proventi derivanti dalla negoziazione di titoli azionari e FICC sono diminuiti in modo significativo. 169 Le attività di sottoscrizione e consulenza, invece, cominciano a mostrare segnali di miglioramento.


Dato lo stato attuale dell’investment banking e dei mercati dei capitali, cosa possiamo aspettarci per il futuro nel 2024? E come dovrebbero adattarsi i dirigenti alle nuove dinamiche competitive, alla proliferazione dell’intelligenza artificiale e all’evoluzione dei modelli di talento, anche se aumentano le pressioni sui costi e sul capitale?


Ripresa della domanda di servizi di consulenza


Lo slancio all’interno delle attività di sottoscrizione e consulenza dovrebbe continuare nel prossimo anno, guidato da un sentiment di mercato più forte, da una minore volatilità e da valutazioni più interessanti, anche se a un ritmo lento e variabile. Si prevede inoltre che l’aumento del costo del debito stimolerà la domanda di IPO e di altre emissioni azionarie. Anche la pipeline di operazioni di M&A continua ad accumularsi. Anche l’eccesso di liquidità aziendale e di capitale di private equity dovrebbe comportare una ripresa più forte delle commissioni di M&A. Inoltre, man mano che le aziende si adattano ai cambiamenti dell’economia globale, si prevede che i servizi di ristrutturazione rimarranno molto richiesti, soprattutto nei settori CRE e tecnologico in cui i clienti cercheranno di navigare attraverso territori inesplorati. Gran parte della ripresa del 2024 sarà innescata da una combinazione di rifinanziamenti, iniziative guidate dalla sostenibilità e acquisizioni guidate dagli eventi. Per questi motivi, si prevede che nel prossimo anno i ricavi derivanti dalle emissioni e dalla consulenza supereranno quelli della divisione trading (figura 17). 170 Politiche monetarie più stabili e una minore volatilità del mercato in molte regioni dovrebbero frenare la crescita dei ricavi commerciali. Tuttavia, i ricavi dell’investment banking potrebbero non raggiungere i massimi del 2021 nel breve termine.



Negli Stati Uniti, ci si potrebbe aspettare un aumento delle transazioni e dell’attività di emissione a causa di una maggiore certezza della valutazione man mano che i tassi diventano più stabili, della necessità di nuovi finanziamenti e di un arretrato di operazioni, in particolare nei settori della tecnologia, dei consumi e della sanità. 171 Tuttavia, nel breve termine è prevedibile un contesto moderato in Europa, date le incertezze geopolitiche e la lentezza della ripresa nella regione. Al contrario, la regione APAC dovrebbe registrare una crescita più forte nel settore della sottoscrizione e della consulenza, alimentata dalla crescente concorrenza nei settori tecnologico e fintech. Il Medio Oriente è un altro punto positivo per le quotazioni in cui diverse aziende hanno lanciato le loro quotazioni.


Cambiare le dinamiche competitive


La quota delle grandi banche di investimento nel compenso globale delle commissioni di consulenza è aumentata dopo la crisi finanziaria, con le banche statunitensi in testa. Tuttavia, le prime 10 banche globali hanno recentemente registrato un calo della quota di mercato, dal 41% nel 2020 al 35% nel 2022.172 La mancanza  di megadeal e un mercato globale M&A meno vivace potrebbero aver contribuito a questo declino. Ma è ancora da vedere se riusciranno a riconquistare la quota di mercato persa o se gli operatori europei torneranno e le aziende boutique continueranno a stroncare affari di grande valore.


La fascia di rigonfiamento delle banche di investimento statunitensi dovrebbe continuare a guidare il mercato. Le dimensioni hanno aiutato queste banche ad aumentare la quota di mercato e a guadagnare la loro quota di ricavi in ​​un ambiente difficile. I loro livelli di capitale più elevati dovrebbero aiutarli a superare la continua contrazione dei margini, poiché investono in tecnologie emergenti e mantengono banchieri ad alte prestazioni.


Tuttavia, potrebbe esserci una ripresa tra le banche europee che si concentrano su servizi specializzati a livello globale. In previsione di una ripresa del flusso di affari, alcuni operatori europei stanno cercando di acquisire piccole aziende boutique, in particolare quelle che operano nei settori della tecnologia e dell’energia. Ad esempio, l’italiana Mediobanca ha accettato di acquistare Arma Partners con sede a Londra per catturare la crescente domanda aziendale di servizi di consulenza su accordi tecnologici. 173  Le prospettive per le banche europee nel mercato statunitense appaiono più impegnative. Vincoli di capitale, mancanza di scala e forse un’insufficiente differenziazione dei servizi possono limitare il potenziale delle banche europee. Le partnership strategiche e l’assunzione e il mantenimento di talenti di punta in aree selezionate saranno fondamentali per espandere la loro presenza, ma ciò comporterà un costo significativo. Le banche dell’area APAC stanno inoltre valutando una quota maggiore del pool di commissioni globali, in particolare con l’aumento delle opportunità di M&A e del mercato dei capitali nei paesi Cina e India.


Alcune aziende boutique, d’altro canto, possono lottare duramente ed espandere la propria offerta. Hanno ottenuto buoni risultati nel contesto attuale, soprattutto nel mercato M&A fortemente contestato. Le boutique statunitensi, ad esempio, sono state presenti nella maggior parte delle operazioni di alto valore nella prima metà del 2023. Centerview Partners è stato uno dei principali consulenti di M&A in termini di valore. 174 Ciò che manca loro in termini di capitale, lo compensano con affari ripetuti, servizi specializzati e forte talento. Anche se gli accordi si sono esauriti, continuano a rilanciare talenti e, in alcuni casi, addirittura ad espandersi in nuovi servizi. Lazard, ad esempio, sta cercando di espandersi nel settore della sottoscrizione in cerca di una nuova crescita. 175 Le dimensioni relativamente ridotte le aiutano inoltre a gestire le spese in modo più efficiente e a rimanere competitive per stroncare le ricadute di entrate derivanti dalle banche della fascia di rigonfiamento.  


Il capitale privato rappresenta un’altra crescente minaccia competitiva per le banche, dai prestiti alle attività commerciali. I mercati privati ​​statunitensi hanno raccolto più di 250 miliardi di dollari di nuovo capitale nel 2022, sostanzialmente più delle IPO. 176 Al giorno d’oggi, il capitale privato non si limita a piccole operazioni speciali. Anche se le emissioni sul mercato pubblico aumenteranno nel 2024, l’attrattiva di valutazioni più elevate, tassi più elevati e la crescente domanda di finanza sostenibile probabilmente spingeranno la domanda di capitale privato. Potrebbe anche verificarsi un aumento dell’attività di buyout nel 2024.


Ci si dovrebbe anche aspettare una maggiore penetrazione da parte dei grandi hedge fund per attrarre talenti dalle banche di investimento tradizionali e aumentare la presenza nel trading di materie prime. Ciò sarà particolarmente impegnativo per gli operatori più piccoli e meno diversificati. Le banche di investimento dovrebbero cercare solide partnership con altri partecipanti al mercato privato e hedge fund per stimolare la crescita e l’innovazione e cercare potenziali nuovi flussi di entrate per i propri clienti.


L'intelligenza artificiale generativa come strumento di produttività nel front office


L’intelligenza artificiale non è una novità per l’investment banking. Gli algoritmi di machine learning/deep learning e le tecniche di elaborazione del linguaggio naturale sono ampiamente utilizzati da anni per automatizzare il trading, modernizzare la gestione del rischio e condurre ricerche sugli investimenti. Numerose banche di investimento hanno iniziato a implementare casi d’uso per l’intelligenza artificiale generativa, che potrebbe diventare una delle tecnologie più trasformative per il settore. La nostra analisi suggerisce che l’uso dell’intelligenza artificiale generativa può aumentare la produttività dei dipendenti front-office fino al 27%-35% entro il 2026, al netto dell’inflazione. 177 (Si prega di fare riferimento a questo documento per maggiori dettagli.) Ciò si traduce in un ricavo aggiuntivo compreso tra 3 e 4 milioni di dollari per dipendente del front office (figura 18).



L’intelligenza artificiale generativa può anche alterare le dinamiche con i clienti buy-side. Man mano che i clienti adottano questa tecnologia, gli output che sono in grado di generare con maggiore efficienza possono ridurre la dipendenza dal lato della vendita. Alcuni clienti potrebbero voler sviluppare in modo indipendente i propri flussi di valore e rivolgersi alle banche di investimento solo per i servizi ad alto valore aggiunto. L’intelligenza artificiale può democratizzare ulteriormente la finanza, ridurre le barriere all’ingresso e ridurre le inefficienze del mercato, portando a una riduzione degli spread. I dati di input in tali modelli potrebbero essere il fattore di differenziazione. Ma poiché gli investimenti necessari per sviluppare tali modelli di dati e LLM sono sostanziali, questa tecnologia potrebbe anche ampliare il divario tra i partecipanti al mercato e mettere in svantaggio le aziende più piccole e boutique. La scala e l’allocazione ottimale del capitale diventeranno ancora più cruciali. Le banche dovrebbero concentrarsi sulle aree che hanno il maggior potenziale di trasformazione attraverso l’intelligenza artificiale generativa.  


Una tale infusione di intelligenza artificiale molto probabilmente comporterà potenziali rischi legali, reputazionali e altri rischi operativi. Le banche dovrebbero cercare partner capaci nel settore fintech e nei fornitori. informarsi continuamente sull'efficacia in evoluzione dello strumento e introdurlo nella propria catena del valore in modo frammentario.


Investire nei talenti tecnologici e aumentare le competenze tecnologiche dei banchieri d'investimento


Le banche di investimento hanno dovuto modificare le proprie strategie per i talenti, passando da una ondata di assunzioni nel 2021 a piani di riduzione della forza lavoro nel 2023. Dalle aziende di fascia alta alle aziende boutique, diverse banche di investimento hanno recentemente ridotto la propria forza lavoro. Alcune banche stanno inoltre inasprendo la loro posizione sulle politiche di ritorno in carica; altri stanno riorganizzando i loro pool di compensazione. 178


Tuttavia, queste strategie non sono uniformi in tutto lo spettro. Licenziamenti e nuove politiche retributive presso le grandi banche stanno consentendo alle boutique e agli operatori più piccoli di attrarre questo talento. Anche le banche nella regione APAC stanno pianificando di aumentare l’organico in quanto prevedono una pipeline di accordi più forte. Daiwa Securities, 179 , ad esempio, prevede di assumere più personale e di acquistare società boutique mentre accelera la sua spinta globale.


Nonostante gli sforzi per contenere i costi del talento, la guerra per i talenti nella tecnologia rimane un punto di pressione. Date le richieste del mercato e la necessità di tenere il passo con la tecnologia per la differenziazione competitiva, le banche di investimento non hanno altra scelta se non quella di competere per i data scientist e gli specialisti di intelligenza artificiale più brillanti e più costosi. La domanda di queste competenze ha superato l’offerta. I recenti licenziamenti nel settore tecnologico potrebbero aver fornito un certo sollievo su questo fronte, ma guardando al futuro, la maggior parte dei datori di lavoro, comprese le banche, dovranno pagare a caro prezzo talenti così unici.


Tuttavia, una potenziale strada per ridurre i costi del talento nel settore tecnologico è la codifica. Le straordinarie capacità dei LLM nel produrre e correggere il codice dovrebbero essere un'opportunità per risparmiare sui costi del lavoro in quest'area. Inoltre, la tendenza verso ambienti low-code/no-code può aiutare a ovviare alla necessità di talenti nella programmazione, soprattutto ai livelli junior.


Inoltre, dato il rapido ritmo dei cambiamenti tecnologici, i banchieri d’investimento dovrebbero continuare a diventare più esperti di tecnologia, soprattutto con l’espansione delle innovazioni provenienti e all’interno dell’intelligenza artificiale. Le aziende e gli acquirenti vorranno sapere in che modo tali cambiamenti potrebbero avere un impatto sulle loro aziende e sul loro settore. La crescente tendenza alla convergenza del settore avrà probabilmente un impatto anche sulle sinergie di M&A. I dealmaker dovrebbero possedere una forte conoscenza della tecnologia e di tutti i settori.


Perseguire l’innovazione in mezzo a nuovi vincoli di capitale


I nuovi requisiti normativi in ​​materia di capitale e liquidità costituiranno un altro vincolo per le banche di investimento, in particolare per le loro divisioni commerciali ad alta intensità di capitale. Il capitale aggiuntivo richiesto dalle recenti regole “endgame” di Basilea III per le banche con asset superiori a 100 miliardi di dollari 180 dovrebbe avere un impatto sull’allocazione del capitale per il trading di oggetti di scena, gli investimenti tecnologici e i piani di espansione del mercato. Inoltre, queste regole potrebbero limitare materialmente la capacità delle grandi banche di sostenere le attività dei mercati dei capitali come controparti in derivati ​​finanziari, il che potrebbe aumentare ulteriormente il costo del capitale anche per gli utenti finali. 181


Inoltre, il passaggio al regolamento T+1 in diversi paesi, compresi gli Stati Uniti, richiederà alle banche di prepararsi a potenziali aumenti dei rischi di regolamento e di migliorare altre funzionalità di gestione del rischio. Le banche di investimento devono inoltre continuare a monitorare e prepararsi ai cambiamenti normativi per le criptovalute. Il Financial Stability Board (FSB) ha recentemente lanciato un quadro globale per la supervisione e la regolamentazione delle attività legate alle criptovalute, basandosi sull'idea che le stesse attività con rischi simili dovrebbero avere normative simili. 182


L’attenzione alla disciplina dei costi sarà un altro fattore di differenziazione. Recentemente, le spese delle banche di investimento sono aumentate, in gran parte a causa della crescita del personale di supporto tecnologico, di compensi fissi più elevati, nonché dell’aumento dei costi degli uffici chiave. Ci sono alcuni segnali di miglioramento, però. Ad esempio, la proposta di abolire il tetto massimo dei bonus bancari per i dipendenti Material Risk Taker (MRT) nel Regno Unito potrebbe aiutare le banche che operano nel Regno Unito a ridurre le loro attuali strutture retributive. 183 Gli investimenti tecnologici realizzati negli ultimi anni danno i loro frutti anche attraverso ulteriori efficienze nel front office e nel back office.


Allo stesso tempo, le banche di investimento dovranno continuare a finanziare e sostenere l’innovazione climatica. La finanza verde e i mercati del carbonio sono maturi affinché le banche di investimento intensifichino il loro ruolo. In effetti, alcune banche stanno investendo in piattaforme che faciliteranno la partecipazione dei clienti ai crediti di carbonio. 184 Oltre a fornire liquidità, le banche di investimento dovrebbero sviluppare un’infrastruttura commerciale più solida, rafforzata da dati di riferimento e di mercato e da piattaforme di regolamento efficienti. Devono anche lavorare per cartolarizzare i crediti di carbonio e sviluppare strumenti negoziabili che forniscano segnali di prezzo ad altre entità.


Infrastruttura di mercato: reinventare i modelli di business e diventare più indispensabili per i clienti

Priorità per le imprese di infrastrutture di mercato nel 2024 e oltre

Gli scambi tradizionali sono alle prese con una concorrenza sempre più intensa, da operatori di nicchia a concorrenti di altre regioni. Alcuni nuovi rivali saranno borse specializzate focalizzate sulla sostenibilità, sulla governance aziendale e sulla trasparenza dei prezzi. Altri potrebbero provenire da regioni con economie in rapida crescita e volumi di scambi in aumento. In effetti, si prevede che la capitalizzazione di mercato delle borse nei mercati emergenti supererà quella delle borse statunitensi entro il 2030. Si prevede inoltre che le borse canadesi e australiane sottrarranno quote di mercato alle controparti del Giappone e dell’Unione Europea.


 


In futuro, gli scambi che da tempo fungono da hub commerciali di riferimento dovranno attrarre investitori globali con doppie quotazioni e supporto da altri membri dell’ecosistema commerciale. Dovrebbero anche migliorare il modo in cui i dati vengono confezionati e forniti, ad esempio con feed flessibili e soluzioni mobili che i clienti possono inserire nei loro modelli analitici. La migrazione dei mercati nel cloud sarà inoltre fondamentale per ridurre la latenza, eseguire gli ordini più rapidamente e monitorare le transazioni tra i partecipanti al mercato. Le attività ausiliarie diventeranno più importanti per creare relazioni durature con i clienti. Di conseguenza, le grandi borse dovrebbero continuare ad espandere i servizi rivolti ai clienti aziendali, come il monitoraggio del rischio, lo scambio di emissioni di carbonio e l’infrastruttura per i titoli digitali.


Gli scambi tradizionali a livello globale si trovano in una congiuntura critica. Le scelte strategiche che fanno ora potrebbero determinare se continueranno a crescere – o addirittura a mantenere – la quota di mercato e a ottenere profitti più elevati. Nei prossimi anni, la redditività sarà messa sotto pressione dall’intensificarsi della concorrenza da parte delle borse di nicchia, dalla crescita delle sedi di negoziazione nei mercati emergenti e dalla crescente domanda di servizi diversificati da parte dei clienti. Allo stesso tempo, gli scambi hanno un’opportunità unica per approfondire la propria proposta di valore ai clienti migliorando i servizi di quotazione e migrando i mercati nel cloud.


Entrando nel 2024, i leader dell’exchange dovrebbero chiedersi: come stanno cambiando le aspettative dei clienti man mano che i nuovi entranti diventano più importanti? Quali linee di business e di servizi possiamo potenziare per diventare indispensabili per i clienti aziendali? Come possiamo utilizzare le tecnologie emergenti, in particolare l’infrastruttura di data feed, il cloud computing e l’intelligenza artificiale generativa, per offrire ai trader un vantaggio competitivo?


Gli scambi continuano a cercare nuovi modi per evolversi


Gli scambi storici dovrebbero presto trovarsi a fronteggiare nuovi rivali. Alcuni concorrenti saranno borse specializzate che si rivolgono ad aree di nicchia, come quelle focalizzate sulla sostenibilità; altri saranno scambi emergenti nelle economie emergenti. Ad esempio, un nuovo scambio chiamato Green Impact Exchange (GIX) prevede di diventare operativo nel 2023. Il GIX richiederà alle aziende di adottare principi che promuovono obiettivi ambientali e rimuoverà dalla lista quelle che non aderiscono a questi principi. 185 Sempre nel 2023 è stata lanciata la Climate Impact X (CIX) di Singapore, una borsa per il mercato volontario del carbonio. 186 Esiste anche l'Abaxx Exchange, una borsa di futures su materie prime che si concentra sui mercati dell'energia e del gas naturale. 187


Altre borse che sono arrivate sul mercato negli ultimi anni includono la Borsa dei membri incentrata sulla trasparenza delle commissioni (MEMX) e la Borsa a lungo termine (LTSE) orientata alla governance aziendale. Naturalmente, è difficile dire quanta quota di mercato potrebbero occupare questi nuovi scambi.


Inoltre, gli scambi nella regione Asia-Pacifico stanno diventando sempre più una minaccia per le sedi consolidate di Londra e New York. Nel 2022, le Americhe rappresentavano il 27,4% dei volumi di scambi azionari, meno della metà della quota dei volumi dell’APAC. 188 E la capitalizzazione di mercato delle borse nei mercati emergenti dovrebbe superare il valore delle borse statunitensi già nel 2030, secondo gli economisti di Goldman Sachs (figura 19). 189 Il ritmo rapido della crescita economica nella Cina continentale e in India aiuterà i mercati emergenti a dominare una fetta più ampia del mercato azionario globale. In totale, si prevede che la quota dei mercati emergenti aumenterà dal 27% nel 2022 al 35% entro la fine del decennio. Le borse statunitensi, in confronto, potrebbero vedere la loro quota di mercato ridursi dal 42% al 35% in questo lasso di tempo. Anche all’interno delle economie sviluppate, l’influenza potrebbe cambiare: le borse canadesi e australiane sono destinate a crescere a scapito delle controparti del Giappone e dell’Unione Europea. 190



In futuro, gli scambi dovranno mantenere un focus più globale, in particolare sulle economie in via di sviluppo che continuano a crescere. Gli emittenti internazionali rappresentano già circa il 20% delle quotazioni sulla Borsa di New York (NYSE), 191 e NYSE prevede di espandere ulteriormente la propria base di clienti globale, soprattutto nei paesi che hanno un mercato IPO più forte. Recentemente ha unito le forze sia con la Borsa di Tel Aviv (TASE) 192 che con la Borsa di Johannesburg (JSE) 193 per incoraggiare la doppia quotazione sulle rispettive piattaforme e collaborare alla creazione di nuovi prodotti. Ciò fa seguito ad accordi simili stipulati dal NYSE in Indonesia e Singapore per stabilire una presenza maggiore nella fiorente regione dell’Asia-Pacifico nel 2022.194 Anche il mercato finanziario di Dubai ha lavorato per invogliare le società straniere che potrebbero essere interessate alla doppia quotazione su due borse. 195 Allo stesso modo, Cboe, che tradizionalmente è stato meno concentrato sulle quotazioni non statunitensi, è intenzionato ad attrarre aziende nelle sue sedi di negoziazione europee. 196


La crescente concorrenza sta inoltre rendendo più urgenti gli sforzi per valutare come le borse possano rendere i loro servizi di quotazione più attraenti per gli emittenti societari, nazionali ed esteri. Da parte sua, la Borsa di Toronto (TSX) sta lavorando con banche e investitori per generare maggiore sostegno affinché le società nazionali possano quotarsi sulla sua piattaforma. 197 Alcuni governi stanno addirittura intervenendo per riportare le imprese sui mercati dei capitali. Ad esempio, il Tesoro britannico prevede di attuare riforme basate sul “buon senso”, come la semplificazione dei prospetti; allentare le regole per l'acquisto, il possesso e la vendita di azioni; e lo sviluppo di un nuovo tipo di mercato che consentirà alle società private di accedere ai mercati dei capitali senza quotazione. 198


Raddoppiare dati e tecnologia


Gli scambi investono da anni nelle capacità dei dati e ora dovrebbero adottare misure più coraggiose per sbloccare nuove fonti di valore utilizzando strumenti e tecnologie innovativi. Infatti, se gli scambi ritardano nell’effettuare gli aggiornamenti tecnologici che i sistemi di negoziazione alternativi e le sedi di mercato fuori borsa stanno intraprendendo, potrebbero presto incontrare problemi di interoperabilità con broker e trader. Il punto debole, ovvero il punto in cui si intersecano le licenze dei dati, il cloud computing e le tecniche di intelligenza artificiale, dovrebbe rappresentare un motore di crescita particolarmente forte nei prossimi anni.


Gli scambi traggono già una quota considerevole dei ricavi dai servizi dati, ma ci sono ampie opportunità per far crescere ulteriormente questa torta. Non solo c’è un grande interesse per i dati di trading in tempo reale, ma sempre più aziende stanno cercando di acquistare anche dati su prezzi, riferimenti e valutazioni. Nel 2022, la spesa globale per i dati di mercato ha superato i 37,3 miliardi di dollari. 199 Gli scambi devono inoltre continuare a migliorare il modo in cui i dati vengono confezionati e consegnati. Sia i clienti lato vendita che quelli lato acquisto si aspettano sempre più feed più convenienti e flessibili e soluzioni mobili che possono inserire nei loro modelli analitici per ottenere un vantaggio competitivo.


Anche la migrazione dei dati nel cloud il più urgentemente possibile sarà fondamentale per fornire servizi basati sui dati e incentrati sull’utente. In effetti, i grandi scambi indicano le piattaforme basate su cloud come “la prossima generazione di come funzioneranno i mercati”. Il Gruppo CME prevede che l’adozione del cloud ridurrà la latenza. I suoi investimenti dovrebbero anche riunire enormi set di dati in un’unica tassonomia che può essere sfruttata per la mitigazione del rischio in tempo reale e il processo decisionale basato sull’intelligenza artificiale. Questi sforzi renderanno più semplice per le aziende clienti interagire con la borsa con sede a Chicago. 200


Allo stesso modo, i sistemi cloud del Nasdaq sono progettati per analizzare più mercati contemporaneamente ed eseguire numerosi ordini in pochi secondi. 201 Si prevede di migrare due mercati entro la fine del 2023 e prevede di spostare il resto nei prossimi anni. I leader dell'exchange hanno anche notato che la sua attività di gestione del rischio basata su cloud può monitorare le transazioni tra le banche e mitigare i crimini finanziari.


Guardando ad un orizzonte a lungo termine, gli scambi dovrebbero considerare come il calcolo quantistico possa migliorare le prestazioni, la velocità e il costo delle operazioni di mercato. L’immensa potenza di elaborazione degli algoritmi quantistici dovrebbe consentire alle borse e ai partecipanti al mercato di svolgere attività precedentemente ritenute troppo complicate, come ad esempio attività relative alla determinazione dei prezzi dei derivati, 202 abbinamento degli ordini, 203 rilevamento di frodi e gestione del rischio, 204 e ottimizzazione del portafoglio attraverso metodi naturali . elaborazione del linguaggio. 205 Un progetto pilota della Deutsche Börse, ad esempio, ha scoperto che l’informatica quantistica potrebbe ridurre il tempo necessario per la simulazione di un modello di rischio aziendale con 1.000 input da più anni a meno di 24 ore. 206 Anche se potrebbero passare alcuni anni prima che questa tecnologia nascente possa essere applicata ad applicazioni pratiche di trading, alcune grandi istituzioni finanziarie hanno iniziato a lavorare a ritroso per identificare i problemi che la tecnologia quantistica potrebbe essere più adatta a risolvere. 207


Le banche e le istituzioni finanziarie statunitensi stanno inoltre esplorando modi per massimizzare il valore dei repository di dati che hanno creato per il Consolidated Audit Trail (CAT) della SEC, che è diventato pienamente operativo nel 2023. Il nastro consolidato ora fornisce alle organizzazioni una visione coerente dell'ordine attuale e storico e scambiare eventi del ciclo di vita, che possono estrarre su piattaforme dati basate su cloud che supportano algoritmi avanzati. 208 Questi strumenti possono sbloccare nuove intuizioni, ad esempio, consentendo agli analisti lato vendita di rivedere modelli di trading sistematici e fornendo loro una finestra per consigliare i clienti su nuove opportunità commerciali. Nel corso del tempo, l’unione dei dati azionari con quelli di altri titoli potrebbe portare ad una gamma ancora più ampia di operazioni tra classi di attività.


Infine, l’intelligenza artificiale generativa trasformerà le borse valori a livello globale. Alcune istituzioni sono già impegnate in progetti pilota di vario tipo. Il Nasdaq, ad esempio, sta esplorando come la tecnologia possa individuare in modo più efficace il crimine finanziario, una capacità che l’azienda vuole sviluppare man mano che i “deepfake” diventano più sofisticati e pervasivi. 209 Si sta inoltre valutando in che modo l’intelligenza artificiale generativa può aiutare nella creazione di codici, nella scrittura di post sui blog e nel riepilogo di documenti legali. 210


Nel frattempo, questa tecnologia ha anche un enorme potenziale per trasformare le operazioni di trading, sia dal lato vendita che dal lato acquisto. Nel breve termine, i trader possono utilizzare gli LLM per elaborare grandi quantità di testo per informare le strategie di trading. Alcune grandi banche, ad esempio, hanno iniziato a utilizzare l’intelligenza artificiale generativa per captare i segnali commerciali decifrando discorsi e messaggi della Federal Reserve e di altre banche centrali. 211 Queste innovazioni potrebbero avere un impatto sulla velocità e sul volume degli scambi sulle borse. Potrebbe anche inaugurare una nuova domanda di nuovi tipi di dati di mercato da parte degli scambi.


Gli scambi vogliono essere più che semplici scambi


Mentre le quotazioni e i dati di mercato continuano a essere asset preziosi, molte borse si stanno espandendo in altre aree del sistema finanziario per creare relazioni più solide con aziende, buy-side e sell-side. Queste attività accessorie diventeranno più critiche poiché gli scambi si trovano a fronteggiare una maggiore concorrenza, una crescente pressione tariffaria e la possibilità di una stagnazione dei volumi delle transazioni.


Diversi operatori di borsa stanno esplorando acquisizioni strategiche che possano rafforzare la loro proposta di valore. Il Nasdaq, ad esempio, sta accelerando la sua spinta decennale per integrare i flussi di entrate tradizionali con attività basate su software che offrono principalmente gestione del rischio pre-trade e at-trade e tecnologie anti-crimine finanziario. Nel giugno 2023, l’exchange ha effettuato il più grande acquisto mai realizzato con un accordo da 10,5 miliardi di dollari per un’azienda fintech che sarà integrata nella sua linea di business dedicata al supporto dei clienti aziendali. 212 Circa un terzo dei ricavi ricorrenti del Nasdaq deriva ora da abbonamenti a software e punta a far crescere la quota dei ricavi totali attribuibile al business delle soluzioni dal 71% al 77% entro la fine del 2023.213


Gli operatori di borsa del Regno Unito si stanno inoltre espandendo in nuove aree per contribuire a gettare le basi per la crescita futura. La Borsa di Londra (LSEG), ad esempio, ha stretto una partnership decennale con Microsoft per catalizzare la migrazione della sua infrastruttura nel cloud. La partnership prevede inoltre di sviluppare prodotti che possano essere forniti tramite le offerte di Microsoft, come dati e analisi condivisi sulla piattaforma di messaggistica Teams. 214 Inoltre, LSEG si sta espandendo anche nel finanziamento verde; il suo mercato volontario del carbonio, lanciato di recente, stabilisce regole di quotazione per i fondi di investimento e le imprese per raccogliere capitali per progetti che producono crediti di carbonio. 215 Altri flussi di entrate alternativi che gli scambi possono perseguire includono piattaforme per ospitare fintech e altri attori dell’ecosistema, accesso diretto al mercato rivolto a clienti specifici e processi KYC basati su contratti intelligenti. 216


Gli asset digitali continuano ad attrarre nuove società di infrastrutture di mercato, che possono svolgere un ruolo unico nell’offrire una governance adeguata e una gestione del rischio cross-market. Le istituzioni europee avranno probabilmente un vantaggio nel pilotare i titoli digitali, data la flessibilità che alcuni regolatori stanno estendendo a quel mercato. Il Lussemburgo, ad esempio, ha adottato una legge che amplia la definizione di strumenti finanziari per includere prodotti emessi sulla blockchain. Ciò aprirà la porta a una maggiore emissione di titoli tokenizzati. 217 La Borsa del Lussemburgo (LuxSE) emette solo token basati su valuta fiat che si qualificano come strumenti finanziari di debito, ma gli scambi potrebbero presto facilitare il lancio di altre nuove quotazioni. Le borse e le società di infrastrutture di mercato possono infondere credibilità agli strumenti emessi dalla blockchain creando servizi complementari, come soluzioni di pronti contro termine e custodia digitale.


Tuttavia, l’espansione dei flussi di entrate nei mercati nascenti è irta di alcune incertezze. Le risorse digitali e la tokenizzazione dei titoli non hanno un quadro normativo coerente a livello globale. Allo stesso modo, i mercati volontari del carbonio potrebbero trarre vantaggio da una maggiore chiarezza e guida normativa, per non parlare degli ambigui standard legali e contabili. Infine, ritagliarsi una nicchia troppo profonda può esporre gli scambi a preoccupazioni antitrust e/o accuse di monopolizzazione dei dati.


Il tempo è scaduto per la transizione T+1


Il passaggio ad un periodo di regolamento commerciale accelerato in Canada e negli Stati Uniti continua ad essere un’impresa importante. Molte aziende si stanno affrettando a prepararsi prima della data di attuazione di maggio 2024. Si prevede che la transizione al T+1 ridurrà i rischi di credito, di controparte e operativi derivanti da operazioni non regolate. Ma superare il traguardo e adattarsi ai nuovi flussi di lavoro una volta che i cambiamenti avranno effetto sarà un grosso ostacolo.


Mentre il passaggio a T+3 e T+2 è stato in gran parte guidato dalla tecnologia, un regolamento accelerato innescherà molti cambiamenti nei processi e nei comportamenti. Il principale tra questi è la riduzione del tempo a disposizione per le operazioni post-negoziazione. L’Associazione per i Mercati Finanziari Europei, infatti, prevede che il passaggio da T+2 a T+1 ridurrà la finestra delle operazioni di regolamento dell’83%. 218 Questa tempistica ridotta avrà un impatto sul modo in cui le istituzioni interagiscono con i clienti globali. Le grandi aziende nordamericane potrebbero adottare il modello “follow the sun” per assistere clienti provenienti da più sedi globali, ma altre istituzioni potrebbero dover fare affidamento su turni successivi/scaglionati. Inoltre, gli investitori non statunitensi potrebbero iniziare a prefinanziare le operazioni FX per accogliere il ciclo di regolamento T+1. I gestori degli investimenti al di fuori degli Stati Uniti potrebbero dover vendere un giorno prima per rendere i fondi statunitensi disponibili per le negoziazioni, il che potrebbe avere un impatto sulle loro altre partecipazioni. 219


Si prevede che i costi aumenteranno in caso di aumento dei fallimenti commerciali, il che richiederà margini più elevati, più garanzie collaterali e maggiori finanziamenti. Le aziende possono realizzare efficienze operative lavorando per automatizzare i processi post-negoziazione che attualmente richiedono un intervento manuale e passando all’elaborazione diretta. Un’area matura per l’automazione è l’allocazione degli scambi istituzionali; solo il 20% circa delle allocazioni negli Stati Uniti avviene quando i mercati sono aperti. 220 L’aumento delle assegnazioni dei giorni di negoziazione può fornire più tempo per elaborare le conferme ed eseguire affermazioni tempestive. 221 Inoltre, il settore dovrebbe aggiornare gli accordi sul livello dei servizi per migliorare la coerenza e l’affidabilità delle informazioni condivise tra i partecipanti al mercato. 222 Circa quattro trade fail su 10 sono il risultato di istruzioni di regolamento incomplete o imprecise e di titoli indisponibili. 223


Potrebbero esserci anche maggiori attriti nel prestito titoli. Non solo i finanziatori avranno un periodo di tempo più breve per identificare e richiamare i titoli, ma i custodi e gli agenti potrebbero non ricevere un preavviso sufficiente per restituirli se l’elaborazione batch limita il loro accesso alle informazioni in tempo reale. Ciò può portare a un aumento delle rotture e dei fallimenti, nonché a un aumento delle sanzioni. Di conseguenza, le aziende globali potrebbero essere riluttanti a estendere i prestiti se ritengono che le differenze di fuso orario impediranno loro di effettuare un richiamo alla data commerciale degli Stati Uniti e del Canada, che hanno gli ultimi orari di chiusura del mercato tra le economie sviluppate. 


Deloitte

Popular Posts

Recensione Trading Fineco 2024

Molteplici regolamentazioni di alto livello, tra cui Consob in Italia e FCA nel Regno Unito Fondata nel 1999 La protezione degli investitori è di 100.000 € per contanti e 20.000 € per titoli Un track record pulito: nessun incidente normativo o multa di rilievo La nostra opinione su Fineco Bank Fineco Bank   è un agente di cambio e una banca italiana, regolamentata dalla Banca d'Italia, Consob e soggetta a regolamentazione limitata da parte delle principali autorità FCA e PRA.  Fineco Bank applica commissioni non di negoziazione basse, inclusa l'assenza di commissioni per inattività, deposito o prelievo.  La sua piattaforma di trading mobile è ben progettata e facile da usare.  In qualità di broker quotato con esperienza bancaria, Fineco Bank ottiene ottimi risultati in termini di sicurezza.  Il lato negativo è che puoi utilizzare solo il bonifico bancario per il deposito.  I materiali didattici consistono solo in pochi video, webinar e alcuni articoli di "Guida".  Inf

Septum piercing anello al naso: significato di una moda particolare

Si chiama septum piercing , il piercing al naso , quello che in lingua italiana si chiama anello al naso , tipico delle antiche popolazioni africane e australiane, è diventata una moda, vediamo insieme cosa significa di questo nuovo trend: l' anello al naso o septum piercing in voga specialmente tra le ragazze, ma non disdegnato dai ragazzi. Piercing alla moda da mettere  I piercing alla moda possono variare nel tempo e tra le diverse culture. Tuttavia, al momento, alcuni dei piercing più popolari e alla moda includono: Piercing al lobo dell'orecchio : Il classico piercing al lobo dell'orecchio rimane sempre di moda e può essere abbellito con una vasta gamma di orecchini. Piercing al trago : Il piercing al trago, situato nella parte anteriore della cartilagine dell'orecchio, è molto popolare negli ultimi anni e offre un aspetto unico e accattivante. Piercing all'elica : L'elica è la parte esterna della cartilagine dell'orecchio e può ospitare diversi tipi

Resilienza: significato del Tatuaggio

Anche Gianluca Vacchi ha un tatuaggio con la scritta resilienza , ma cosa significa questa parola? La resilienza indica tutte quelle persone che, nonostante le avversità della vita, non si abbattono e si rialzano anche più forti di prima. Descrive tutte quelle persone che hanno un carattere forte e che sanno fare tesoro delle esperienze negative della vita e sfruttarle a proprio vantaggio. Descrive la capacità di evolvere anche grazie agli eventi negativi. Il termine ha spopolato grazie all’imprenditore Gianluca Vacchi c he tra Facebook e Istagram conta oltre un milione di fan. Vacchi ha tatuato la parola “resilienza” sul proprio corpo e ne ha fatto anche una filosofia di vita . Resilienza significato La resilenza indica la capacità di un corpo di resistere ad eventi che provocano uno choc e di riprendere la sua struttura iniziale. In ambito psicologico indica la capacità di un individuo di superare i momenti dolorosi dell’esistenza e di evolvere, nonostante le avversità.

Little Tony dead, R.I.P.

The singer was 72 years old and had long been ill with cancer. He died in the clinic Villa Margherita in Rome , where he was hospitalized for three months. The funeral will take place on Thursday at the Church of Divino Amore. Tony Little became famous in the 50s, when he imitated Elvis Presley, and helped Italians to know the rock'n roll . It was a real rock 'n roll star in Italy. Little Tony managed to become famous even abroad, during the 50s and 60s, the years in which Italy was one of the western countries with great economic growth, culture and music. With him goes also part of the Italy. Ciao Little Tony R.I.P.

I segreti dei Terremoti spiegati da Povia

Come potete notare in questa lista di cantanti italiani , Povia é uno dei pochi vincitori di Sanremo di questi ultimi anni che non abbiamo mai recensito. Non riteniamo la qualità e l'intelligenza delle canzoni di Povia tali da dedicarci il tempo di una recensione. Però bisogna ammettere che come esperto in cose della vita è veramente un grande. Politica (come quando Gigi D'Alessio e Povia hanno solidarizzato con i Forconi ) , macroeconomia, scienza, Povia lo potremo definire tranquillamente " Er Leonardo Da Vinci  de ogggi '.

Come Vincere al Superenalotto con la Scienza della Matematica

Purtroppo, non esiste un metodo sicuro per vincere al Superenalotto o ad altri giochi d'azzardo. Il risultato del gioco è basato sulla pura casualità e sulla fortuna, senza alcuna influenza esterna. Tuttavia, ci sono alcune strategie che potrebbero aumentare le tue possibilità di vincere, anche se non garantiscono la vittoria. Ad esempio, potresti scegliere di giocare più numeri o di acquistare più schedine, aumentando così le tue possibilità di avere numeri vincenti. Inoltre, è importante ricordare di giocare in modo responsabile e di non spendere più di quanto ti puoi permettere. I giochi d'azzardo possono essere divertenti, ma possono anche diventare un problema per alcune persone. Se ritieni di avere un problema di gioco d'azzardo, cerca aiuto da un professionista specializzato. 6 numeri per vincere al superenalotto  Per vincere al Superenalotto devi indovinare tutti i 6 numeri estratti, su un totale di 90 numeri possibili. La probabilità di indovinare tutti i 6 numeri

Shroud of Turin: image imprinted by an earthquake!

Sindone: l'immagine impressa grazie ad un terremoto!! Nuove, incredibili , sensazionali scoperte per la Sindone di Torino, il famoso lenzuolo in cui sarebbe rimasta impressa la figura di Gesù quando é risorto. L'immagine che si può vedere in questo lenzuolo, sarebbe stata impressa nel 33 d. C. dopo un terremoto. Nel lenzuolo, ci sarebbe stato veramente un uomo, presumibilmente il profeta Gesù ( che molte persone considerano figlio di Dio) e ci fu un terremoto, terremoto che avrebbe fatto uscire da sottoterra un'energia così potente da riuscire a fare una specie di '" fotografia del corpo di Gesù " nel lenzuolo di lino, lo sostengono degli scienziati italiani. Voi cosa ne pensate? A Noi ci sembra una supercazzola scientifica. Una teoria empirica basata sul fatto che questo lenzuolo ( più e più volte appurato che è stato fatto secoli dopo l'esistenza di Gesù ) debba per forza essere stato il sudario di Cristo , in cui è avvenuta la transustanziazion

Come Vincere Soldi al Gratta e Vinci e Diventare Felice

“Ti piace vincere facile?”, “Sogna, gratta e vinci.” sono gli slogan famosissimi   tra le persone che hanno cercato nel tempo il modo di come vincere soldi al gratta e vinci, come ci spiega il sito Economia Italia . Cosa è il gratta e vinci?  Il gratta e vinci è un gioco molto semplice ed anche divertente che permette, grattando i simboli illustrati sul biglietto, di vincere premi immediati in denaro. Sui biglietti   è stampata una combinazione di numeri o di simboli, nascosta da una patina asportabile .   La modalità di gioco richiede di grattare sulla patina che ricopre l’area di gioco per scoprire la combinazione di numeri o di simboli nascosta. La combinazione è vincente se risponde a quanto previsto dalle regole del gioco, riportate sul biglietto stesso. Basta una moneta per grattare ed una grande dose di fortuna . I biglietti sono di diverse fasce di prezzo (1 Euro, 2 Euro, 3 Euro, 5 Euro, 10 Euro o 20 Euro) Sono in vendita presso bar, tabaccherie, edicole, autogrill e tutti i ri

App Bancarie Per Smartphone Recensione [2024]

 Qui di seguito, una recensione delle App di Banca per Smartphone, Un'app bancaria per smartphone è un'applicazione software creata da banche e istituti finanziari per consentire ai clienti di gestire i propri conti, visualizzare i dettagli finanziari ed effettuare transazioni monetarie utilizzando smartphone o tablet. Le app bancarie per smartphone offrono una serie di funzionalità che consentono ai clienti di gestire le proprie finanze in modo rapido e semplice, anche quando sono in movimento. Queste funzionalità possono includere: Controllo del saldo e dei movimenti dei conti Erogazione di bonifici e pagamenti Gestione delle carte di credito e di debito Richiesta di prestiti e servizi finanziari Accesso a informazioni e prodotti bancari Le app bancarie per smartphone sono un modo conveniente e sicuro per gestire le proprie finanze. Sono disponibili per la maggior parte delle banche e degli istituti finanziari, e possono essere scaricate gratuitamente dagli app store. E

Vacca - Il Diavolo Non Esiste (Fibra diss) testo

Ecco una traccia di rap che ci piace, al contrario di molte canzoni rap che vengono fatte nel Nostro paese. Lui é il rapper Vacca , che parla a Fabri Fibra e lo riempe di accuse. Il pezzo è duro, a tratti anche impietoso contro il rapper marchigiano, trattato veramente a pescin in faccia. Vacca lo accusa delle varie cose che si dicono ad un'altro rapper, ma alla fine del pezzo, il testo della canzone inizia ad essere parlato e la cosa diventa personale. Vacca accusa Fibra di nascondere una ragazza, nonché di non essere nemmeno un uomo. Accuse gravi perché - appunto - rientrano nella sfera personale e non professionale di Fibra. ma cosa ha fatto Fibra per far arrabbiare così Vacca? bella domanda... indagheremo. Sarà carino vedere ed ascoltare Fibra rispondere a questa grande sfida che Vacca gli ha lanciato: Update: ecco la risposta di Fibra che si intitola " Niente di personale "

Post popolari in questo blog

Septum piercing anello al naso: significato di una moda particolare

Si chiama septum piercing , il piercing al naso , quello che in lingua italiana si chiama anello al naso , tipico delle antiche popolazioni africane e australiane, è diventata una moda, vediamo insieme cosa significa di questo nuovo trend: l' anello al naso o septum piercing in voga specialmente tra le ragazze, ma non disdegnato dai ragazzi. Piercing alla moda da mettere  I piercing alla moda possono variare nel tempo e tra le diverse culture. Tuttavia, al momento, alcuni dei piercing più popolari e alla moda includono: Piercing al lobo dell'orecchio : Il classico piercing al lobo dell'orecchio rimane sempre di moda e può essere abbellito con una vasta gamma di orecchini. Piercing al trago : Il piercing al trago, situato nella parte anteriore della cartilagine dell'orecchio, è molto popolare negli ultimi anni e offre un aspetto unico e accattivante. Piercing all'elica : L'elica è la parte esterna della cartilagine dell'orecchio e può ospitare diversi tipi

Resilienza: significato del Tatuaggio

Anche Gianluca Vacchi ha un tatuaggio con la scritta resilienza , ma cosa significa questa parola? La resilienza indica tutte quelle persone che, nonostante le avversità della vita, non si abbattono e si rialzano anche più forti di prima. Descrive tutte quelle persone che hanno un carattere forte e che sanno fare tesoro delle esperienze negative della vita e sfruttarle a proprio vantaggio. Descrive la capacità di evolvere anche grazie agli eventi negativi. Il termine ha spopolato grazie all’imprenditore Gianluca Vacchi c he tra Facebook e Istagram conta oltre un milione di fan. Vacchi ha tatuato la parola “resilienza” sul proprio corpo e ne ha fatto anche una filosofia di vita . Resilienza significato La resilenza indica la capacità di un corpo di resistere ad eventi che provocano uno choc e di riprendere la sua struttura iniziale. In ambito psicologico indica la capacità di un individuo di superare i momenti dolorosi dell’esistenza e di evolvere, nonostante le avversità.

Banche Italiane: 20 Domande e Risposte Frequenti

Ecco alcune domande e risposte che spesso ci afacciamo quando usiamo un conto corrente Banche Italiane : 20 Domande e 20 Risposte chsi fanno recenemeneo     q 1. Quali sono le principali banche italiane? Intesa Sanpaolo UniCredit Banco BPM BPER Banca Monte dei Paschi di Siena Crédit Agricole Italia UBI Banca Banca Popolare di Sondrio Mediolanum FinecoBank 2. Come si può aprire un conto corrente in una banca italiana? Bisogna recarsi presso una filiale della banca con un documento di identità valido e un codice fiscale. Compilare la modulistica richiesta dalla banca. Effettuare un deposito iniziale. 3. Quali sono i costi di un conto corrente? I costi variano a seconda della banca e del tipo di conto. In genere, i costi includono: Canone annuale Spese per transazioni Spese per prelievi ATM Interessi passivi su scoperti 4. Come si può ottenere un prestito da una banca italiana? Bisogna presentare una domanda di finanziamento alla banca. La banca valuterà la richiesta in base al reddito, a

Recensione Trading Fineco 2024

Molteplici regolamentazioni di alto livello, tra cui Consob in Italia e FCA nel Regno Unito Fondata nel 1999 La protezione degli investitori è di 100.000 € per contanti e 20.000 € per titoli Un track record pulito: nessun incidente normativo o multa di rilievo La nostra opinione su Fineco Bank Fineco Bank   è un agente di cambio e una banca italiana, regolamentata dalla Banca d'Italia, Consob e soggetta a regolamentazione limitata da parte delle principali autorità FCA e PRA.  Fineco Bank applica commissioni non di negoziazione basse, inclusa l'assenza di commissioni per inattività, deposito o prelievo.  La sua piattaforma di trading mobile è ben progettata e facile da usare.  In qualità di broker quotato con esperienza bancaria, Fineco Bank ottiene ottimi risultati in termini di sicurezza.  Il lato negativo è che puoi utilizzare solo il bonifico bancario per il deposito.  I materiali didattici consistono solo in pochi video, webinar e alcuni articoli di "Guida".  Inf

Shroud of Turin: image imprinted by an earthquake!

Sindone: l'immagine impressa grazie ad un terremoto!! Nuove, incredibili , sensazionali scoperte per la Sindone di Torino, il famoso lenzuolo in cui sarebbe rimasta impressa la figura di Gesù quando é risorto. L'immagine che si può vedere in questo lenzuolo, sarebbe stata impressa nel 33 d. C. dopo un terremoto. Nel lenzuolo, ci sarebbe stato veramente un uomo, presumibilmente il profeta Gesù ( che molte persone considerano figlio di Dio) e ci fu un terremoto, terremoto che avrebbe fatto uscire da sottoterra un'energia così potente da riuscire a fare una specie di '" fotografia del corpo di Gesù " nel lenzuolo di lino, lo sostengono degli scienziati italiani. Voi cosa ne pensate? A Noi ci sembra una supercazzola scientifica. Una teoria empirica basata sul fatto che questo lenzuolo ( più e più volte appurato che è stato fatto secoli dopo l'esistenza di Gesù ) debba per forza essere stato il sudario di Cristo , in cui è avvenuta la transustanziazion

La Banca a Cui Affiderei i Miei Soldi Eccola [2024]

La scelta della banca a cui affidare i propri soldi è una decisione importante, che deve essere presa con attenzione considerando diversi fattori, tra cui la solidità della banca, la convenienza delle condizioni economiche, l'offerta di servizi e prodotti e l'assistenza clienti. In base ai dati disponibili, Fineco Bank è una banca solida e affidabile. È la prima banca in Italia per volumi totali di azioni scambiate e offre un'ampia gamma di servizi e prodotti finanziari, tra cui conto corrente, trading, investimenti, mutui e prestiti. Le condizioni economiche di Fineco sono competitive, in particolare per i giovani fino ai 30 anni, che hanno diritto a un conto corrente gratuito e a commissioni ridotte per gli investimenti. In definitiva, la decisione di affidare i propri soldi a Fineco o a un'altra banca dipende dalle tue esigenze e preferenze personali. Se stai cercando una banca solida, affidabile e conveniente, Fineco è sicuramente un'opzione da considerare tra l

Come Vincere al Superenalotto con la Scienza della Matematica

Purtroppo, non esiste un metodo sicuro per vincere al Superenalotto o ad altri giochi d'azzardo. Il risultato del gioco è basato sulla pura casualità e sulla fortuna, senza alcuna influenza esterna. Tuttavia, ci sono alcune strategie che potrebbero aumentare le tue possibilità di vincere, anche se non garantiscono la vittoria. Ad esempio, potresti scegliere di giocare più numeri o di acquistare più schedine, aumentando così le tue possibilità di avere numeri vincenti. Inoltre, è importante ricordare di giocare in modo responsabile e di non spendere più di quanto ti puoi permettere. I giochi d'azzardo possono essere divertenti, ma possono anche diventare un problema per alcune persone. Se ritieni di avere un problema di gioco d'azzardo, cerca aiuto da un professionista specializzato. 6 numeri per vincere al superenalotto  Per vincere al Superenalotto devi indovinare tutti i 6 numeri estratti, su un totale di 90 numeri possibili. La probabilità di indovinare tutti i 6 numeri

Alexander Soros: Chi é l'erede di George Soros e dell' Open Society

Bellissime modelle, amici della NBA : benvenuti nella sontuosa vita del figlio primogenito playboy ( Soros ha 5 figli) dell'investitore George Soros, che erediterà 24 miliardi di $ Alexander Soros, 30 anni, è il figlio dell'investitore di 86 anni George Soros Quest'estate negli Hamptons, si sta dando da fare con gli sceneggiatori di New York City e recitando in un complesso affittato di 20.000 piedi quadrati Ma quelli più vicini a lui dicono che è lo scapolo più ricercato dell'Hampton mentre sta lavorando al suo dottorato di ricerca e spera di sistemarsi Dalle feste in pigiama con bellissime modelle all'incontro con i giocatori della NBA nel suo ritiro estivo da $ 72 milioni di Hamptons, ad Alexander Soros piace circondarsi di bella gente Il trentenne filantropo e figlio dell'investitore George Soros - che vale circa 24,9 miliardi di dollari - sembra divertirsi giocando con l'affitto di "Villa Maria", il palazzo del mulino ad acqua apparte

Grifo e Grifone: Significato del Simbolo di Perugia

Il Grifo è il simbolo di Perugia, una città situata nella regione dell'Umbria, in Italia. Il Grifo è una creatura mitologica composta da parti di due animali: la parte anteriore di un'aquila, rappresentante il capo e le ali, e la parte posteriore di un leone, rappresentante il corpo e le zampe. Questa combinazione di elementi simboleggia la forza e il potere dell'aquila e del leone, e di conseguenza, la potenza e la nobiltà della città di Perugia. Il Grifo è presente in numerosi luoghi e monumenti perugini, tra cui lo stemma della città, il Palazzo dei Priori e la Fontana Maggiore. La scelta del Grifo come simbolo di Perugia risale all'epoca medievale, quando la città era un importante centro culturale e commerciale. La figura del Grifo è stata utilizzata per secoli per rappresentare l'identità e l'orgoglio cittadino, ed è ancora oggi un emblema ampiamente riconosciuto e rispettato. In ambito sportivo, il Grifo è anche il soprannome della squadra di calcio di Pe

Vacca - Il Diavolo Non Esiste (Fibra diss) testo

Ecco una traccia di rap che ci piace, al contrario di molte canzoni rap che vengono fatte nel Nostro paese. Lui é il rapper Vacca , che parla a Fabri Fibra e lo riempe di accuse. Il pezzo è duro, a tratti anche impietoso contro il rapper marchigiano, trattato veramente a pescin in faccia. Vacca lo accusa delle varie cose che si dicono ad un'altro rapper, ma alla fine del pezzo, il testo della canzone inizia ad essere parlato e la cosa diventa personale. Vacca accusa Fibra di nascondere una ragazza, nonché di non essere nemmeno un uomo. Accuse gravi perché - appunto - rientrano nella sfera personale e non professionale di Fibra. ma cosa ha fatto Fibra per far arrabbiare così Vacca? bella domanda... indagheremo. Sarà carino vedere ed ascoltare Fibra rispondere a questa grande sfida che Vacca gli ha lanciato: Update: ecco la risposta di Fibra che si intitola " Niente di personale "

Blog Archive

Mostra di più