Passa ai contenuti principali

NUMERO ATTACCHI TERRORISTICI SUBITI DA ISRAELE DAL 2000 AD OGGI

Dagli Accordi di Oslo (settembre 1993) fino al settembre 2000, quasi 300 israeliani furono uccisi negli attacchi.

Durante l' Intifada di Al-Aqsa (settembre 2000 - dicembre 2005), furono uccisi altri 1.100 israeliani.

Dal settembre 2000, gli attacchi terroristici palestinesi hanno causato la morte di almeno 1.426 israeliani. Altre centinaia sono rimaste ferite.

Da quando sono stati firmati gli accordi di Oslo, almeno 1.340 civili israeliani sono stati assassinati (rivisto per escludere soldati e polizia). Queste cifre non includono ancora il totale ancora indeterminato (stimato in più di 1.000) degli israeliani uccisi nel massacro perpetrato da Hamas il 7 ottobre 2023 .

Questo elenco include 21 israeliani uccisi all'estero in attacchi terroristici diretti specificamente contro obiettivi israeliani e tre membri del personale diplomatico americano uccisi a Gaza. Non include i soldati dell'IDF o altri non civili.

2024

22 febbraioNon ancora nominatoUcciso e altri dieci sono rimasti feriti in una sparatoria terroristica sull'autostrada Route 1 vicino a Ma'ale Adumim.
16 febbraioUri Yaish (27), Ishay Gertner (23)Ucciso in un attacco terroristico effettuato alla fermata dell'autobus al Re'em Junction vicino a Gedera.
24 gennaioLara Tannous (42)È morto a causa delle ferite riportate nell'attacco terroristico a nord di Ofra all'inizio del mese.
15 gennaio Edna Bluestein (79) Ucciso in un attacco con un'auto a Ra'anana. Altri diciassette sono rimasti feriti.
7 gennaioAmar Mansur (32)Ucciso in un attacco terroristico a nord dell'insediamento di Ofra, in Cisgiordania .

2023

30 novembreLiviya Dickman (24), Hanna Ifergan (67), Elimelech Wasserman (73)Sparato da terroristi mentre si trovavano alla fermata dell'autobus a Gerusalemme . Altri sei sono rimasti feriti.
5 novembreSenza nomeUcciso da un missile anticarro lanciato dal Libano.
2 novembreElhanan Klein (29)Klein è stato trovato colpito nella sua macchina.
7 ottobrePiù di 1.000Più di 1.000 civili israeliani sono stati uccisi in un massacro perpetrato da Hamas . Ci sono troppi nomi da elencare qui. Alcuni corpi furono così gravemente bruciati o smembrati che non fu possibile identificarli.
21 agostoBatsheva Nagari (40)Nagari è stata uccisa quando un terrorista a bordo di un'auto di passaggio ha sparato alla sua macchina mentre stava guidando in autostrada.
19 agostoAviad Nir (28), Silas (Shai) Nigreker (60)Aviad e suo padre Silas sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco in un autolavaggio nella città palestinese di Huwara.
5 agostoChen Amir (42)

Un uomo armato di Jenin, in Cisgiordania, ha sparato e ucciso una guardia di sicurezza israeliana.

20 giugnoOfer Fayerman (64), Harel Masood (21), Elisha Anteman (17) e Shmuel Mordoff (17)Uomini armati palestinesi affiliati ad Hamas hanno aperto il fuoco contro una stazione di servizio in Cisgiordania, uccidendo quattro israeliani e ferendone altri quattro.
30 maggioMeir Tamari (32)Gli hanno sparato mentre guidava su una strada vicino a casa sua nella comunità di Hermesh, in Cisgiordania.
11 maggioInga Avramyan (80)Ucciso quando un razzo lanciato da Gaza dal PIJ ha colpito direttamente un appartamento a Rehovot.
7 aprileLucy Dee (48), Maia Dee (20), Rina Dee (15), Alessandro Parini, (35)Lucy Dee e le sue due figlie sono state uccise in un attacco a fuoco nella regione di Gilboa. Parini è stato ucciso quando un terrorista ha investito con un'auto le persone che camminavano sul lungomare di una spiaggia di Tel Aviv .
9 marzoO Eshkar (32)Oppure Eshkar è morto il 20 marzo dopo essere stato gravemente ferito da un uomo armato palestinese a Tel Aviv.
27 febbraio Elan Ganeles (27)Elan Ganeles è stato ucciso da un terrorista palestinese su un'autostrada tra Gerico e il Mar Morto.
26 febbraioHallel Yaniv (21) Yagel Yaniv (19)Hallel Yaniv e Yagel Yaniv, due fratelli di Har Bracha, sono stati assassinati quando un uomo armato palestinese ha aperto il fuoco da distanza ravvicinata contro la loro auto mentre era imbottigliata nel traffico sull'autostrada Route 60 vicino a Huwara.
11 febbraioAsher Menahem Paley (8)Paley ha ceduto alle ferite riportate in un attacco con un'auto a Ramot.
10 febbraioShlomo Liderman (20), Yaakov Yisrael Paley (6), Asher Menahem Paley (8) Un palestinese si è schiantato con la sua auto contro dei civili alla fermata dell'autobus di Gerusalemme, uccidendo immediatamente un bambino di 6 anni e un uomo di 20 anni. Il fratello di 8 anni del ragazzo è morto più tardi a causa delle ferite riportate.
27 gennaioEli (48) e Natalie Mizrahi (45),  Rafael Ben-Eliyahu (56), Asher Natan (14), Shaul  Chai (68), Irina Korolova (59), Ilya Sosonsky (26),Al termine della preghiera del venerdì sera, un terrorista palestinese ha aperto il fuoco sulla folla nel quartiere Neve Yaakov di Gerusalemme, uccidendo sette persone e ferendone tre. 

2022

23 novembreAryeh Shechopek (15), Tadese Tashume Ben Ma'ada (50)Due esplosioni alla stazione degli autobus vicino all'ingresso di Gerusalemme hanno ucciso due persone e ne hanno ferite 22. Aryeh Shechopek è morto il giorno dell'attacco e Tadese Tashume Ben Ma'ada diversi giorni dopo.
15 novembreTamir Avihai (50), Michael Ladygin (36), Motti Ashkenazi (59)

 Muhammed Soof, addetto alle pulizie nella zona industriale di Ariel . ha pugnalato sette persone, uccidendone tre, ad Ariel.

25 ottobre

Shalom Sofer (55)

Morì due settimane dopo essere stato gravemente ferito in un attacco a coltellate vicino a Kedumim.
5 maggioBoaz Gol (49), Yonatan Havakuk (44), Oren Ben Yitfah (35)Un attacco terroristico nella città di Elad ha provocato la morte di tre uomini e il ferimento di otto, di cui uno in modo grave.
29 aprileVyacheslav Golev (23)Due terroristi palestinesi hanno ucciso Vyacheslav Golev, una guardia di sicurezza, all'ingresso di Ariel .
7 aprileTomer Morad (28), Eytam Magini (27), Barak Lufan (35)Una sparatoria in un bar nel centro di Tel Aviv ha provocato la morte di tre persone e altre sette ferite e ricoverate in ospedale. 
29 marzoAmir Khoury (32), Ya'akov Shalom (36), Avishai Yehezkel (29) , Victor Sorokopot (38), Dimitri Mitrik (23)Cinque persone sono state uccise durante una serie di sparatorie a Bnei Brak . L'autore del reato era Diaa Hamarsheh, incarcerata nel 2015 con l'accusa di sostegno al terrorismo e traffico di armi.
27 marzoYezen Falah e Shirel Abukarat, entrambi 19 anniDue agenti della polizia di frontiera sono stati uccisi da due terroristi ritenuti sostenitori dello Stato islamico.
22 MarzoDoris Yahbas (49), Laura Yitzhak (43), Rabbi Moshe Kravitzky e Menahem Yehezkel, (67)Quattro persone sono state uccise e altre due sono rimaste ferite durante un attacco con accoltellamenti e speronamento di veicoli da parte di un sostenitore dello Stato islamico a Be'er Sheva.

2021

16 dicembreYehuda Dimen(tman (25)I palestinesi hanno teso un'imboscata a un'auto che viaggiava vicino a Homesh in Cisgiordania. Dimentman è stato ucciso e altri due israeliani sono rimasti feriti.
21 novembreEliyahu David Kay (26)Kay, un immigrato recente dal Sud Africa, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un attacco terroristico a Gerusalemme mentre si recava a pregare al Muro Occidentale.
30 agostoSt.-Sgt. Barel Hadaria Shmueli (21)Shmueli è stato ferito a morte quando un uomo armato palestinese a Gaza gli ha sparato da distanza ravvicinata.
18 maggioWeerawat Krunboorirak (44)Weerawat Krunboorirak, un lavoratore agricolo tailandese, è stato ucciso da colpi di mortaio provenienti dalla Striscia di Gaza nella sua residenza a Moshav Ohad. Era una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
18 maggioSikharin Sangamram (24)Sikharin Sangamram, un lavoratore agricolo tailandese, è stato ucciso da colpi di mortaio provenienti dalla Striscia di Gaza nella sua residenza a Moshav Ohad. Era una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
17 maggioHava Vaknin (73)Hava Vaknin di Holon è caduta ed è rimasta ferita mentre cercava rifugio durante un attacco missilistico. sabato 15 maggio. È stata trasferita in ospedale, dove è morta a causa delle ferite lunedì 17 maggio. È stata una delle tredici persone uccise a causa dei colpi di razzi e mortai palestinesi durante l'operazione Guardian of the Walls.
15 maggioGershon Franko (55)Gershon Franko di Ramat Gan è stato ucciso dai frammenti di un razzo esploso vicino a casa sua. Era una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
13 maggioMiriam Arie (84)Miriam Arie di Moshav Shtulim è rimasta gravemente ferita mentre correva per rifugiarsi durante un attacco missilistico. In seguito morì a causa delle ferite riportate. È stata una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
13 maggioOrly Liron (52)Orly Liron del Moshav Netaim è rimasta ferita mentre correva per rifugiarsi durante un attacco missilistico. È stata trasferita in un ospedale dove i medici hanno lottato per salvarle la vita. Purtroppo, dopo due giorni furono costretti a dichiararne la morte. È stata una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
12 maggioKhalil Awad (52)Una delle tredici persone uccise durante l'Operazione Guardiano delle Mura, Khalil Awad, era residente in un villaggio adiacente a Lod. È stato ucciso mercoledì mattina presto da Gaza in un lancio di razzi che ha causato la morte anche di sua figlia Nadin 
12 maggioNadin Awad (16)Una delle tredici persone uccise durante l'Operazione Guardiano delle Mura, Nadin Awad, era residente in un villaggio adiacente a Lod. È stata uccisa mercoledì mattina presto da Gaza in un lancio di razzi che ha causato la morte anche di suo padre Khalil 
12 maggioSergente Maggiore Omer Tabib (21)Il sergente maggiore Omer Tabib del Moshav Elyakim è stato ucciso da un missile anticarro lanciato contro il suo veicolo dalla Striscia di Gaza. Era una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
12 maggioIdo Abigail (5)Ido Abigail di Sderot è rimasto gravemente ferito quando un razzo è penetrato nella stanza sicura dell'appartamento della sua famiglia. Era una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
11 maggioLeah Yom Tov (63)Leah Yom Tov di Rishon LeZion è stata uccisa quando la sua casa è stata colpita da un razzo lanciato dalla Striscia di Gaza. È stata una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.

10 maggio

Nella Gurevitz (52)Nella Gurevitz è stata uccisa nel primo attacco missilistico di Hamas sulla città di Ashkelon. È stata una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
10 maggioSoumya Santosh (32)Soumya Santosh, una badante indiana, è stata uccisa nel primo attacco missilistico di Hamas sulla città di Ashkelon. È stata una delle tredici persone uccise dai razzi palestinesi e dai colpi di mortaio durante l'operazione Guardian of the Walls.
5 maggioYehuda Guetta (19)Yehuda Guetta, uno studente della Itamar Yeshiva e residente a Gerusalemme, è morto per le ferite riportate nell'attacco terroristico a Tapuah Junction il 2 maggio. Altri due studenti della yeshivah sono rimasti feriti nell'attacco.

2020

20 dicembreEsther Horgan (52)Il corpo di Esther Horgan è stato ritrovato lunedì mattina con chiari segni di un attacco violento che la polizia e l'agenzia di sicurezza Shin Bet sospettano sia stato un atto di terrore.
26 agostoRabbi Shai Ohayon (39) Il rabbino Shai Ohayon, padre di quattro figli, è stato ucciso in un attacco a coltellate nella periferia di Tel Aviv da parte di un aggressore palestinese.
12 maggioSergente maggiore Amit Ben Yigal (21)Ben Yigal è morto per le ferite riportate dopo essere stato colpito alla testa da un sasso scagliato contro di lui da un terrorista palestinese.

 

2019

17 settembreNina Ganisdanova (74)Ganisdanova è morta a causa delle ferite riportate durante un lancio di razzi lanciato dalla Striscia di Gaza che ha colpito il suo condominio ad Ashkelon il 12 novembre 2018.
23 agosto Rina Shnerb (17)Shnerb è stato assassinato quando i terroristi hanno fatto esplodere un ordigno IED vicino a un popolare sito turistico e ricreativo situato vicino all'insediamento di Dolev in Cisgiordania. Suo padre e suo fratello maggiore che erano con lei sono rimasti gravemente feriti
8 agostoDvir Sorek (19)Sorek dell'insediamento di Ofra, un soldato del programma Hesder dell'IDF, è stato rapito e brutalmente ucciso mentre tornava alla sua yeshivah da un viaggio a Gerusalemme.
7 luglioRivka Jamil (89)Jamil, di Ashkelon, è morto per le ferite riportate mentre correva verso un rifugio antiaereo durante le violenze dalla Striscia di Gaza. 
5 maggioPinchas Menachem Prezuazman (21)Prezuazman, di Ashdod, è stato gravemente ferito dalle schegge di un razzo lanciato da Gaza mentre correva verso un rifugio ad Ashdod.
5 maggio Moshe Feder (68)Feder, di Kfar Saba, è stato ucciso mentre si recava al lavoro al Kibbutz Erez quando la sua auto è stata colpita da un missile anticarro.
5 maggioZiad Alhamada (49)Alhamada, padre di sette figli, è rimasto gravemente ferito quando un razzo ha colpito la fabbrica dove lavorava ad Ashkelon. 
5 maggioMoshe Agadi (58)Agadi, padre di quattro figli, originario della città di Ashkelon, è stato gravemente ferito mentre si trovava fuori casa durante il bombardamento missilistico da Gaza. 
Rabbi Achiad Ettinger (47)            Ettinger, un padre di 12 figli dell'insediamento di Eli, è stato gravemente ferito mentre passava davanti alla scena dell'attacco terroristico all'incrocio di Ariel, nel nord della Cisgiordania, il 17 marzo. È morto a causa delle ferite il giorno successivo.
17 marzoGal Keidan (19)

Keidan di Be'er Sheva, un sergente del Corpo di artiglieria, è stato accoltellato e ucciso in un attacco terroristico all'incrocio di Ariel. Dopo averlo pugnalato, l'aggressore palestinese gli ha successivamente rubato l'arma prima di sparare a lui e ad altre due persone in luoghi separati.

7 febbraioOri Ansbacher (19)

Ansbacher, un adolescente di Tekoa, è stato brutalmente aggredito e ucciso da un terrorista palestinese mentre camminava nella foresta di Ein Yael a sud-ovest di Gerusalemme.

2018

13 dicembre

Yuval Mor Yosef (20), Yoseph Cohen , (19)I due soldati dell'IDF sono stati uccisi e altre due persone sono rimaste gravemente ferite quando un palestinese ha aperto il fuoco su un gruppo di soldati alla fermata dell'autobus a Givat Asaf in Cisgiordania, appena a nord di Gerusalemme. 
9 dicembreAmiad Israel, piccola di 4 giorni 

Sette persone sono rimaste ferite quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco contro una fermata dell'autobus dove i soldati stavano aspettando di fare l'autostop fuori dalla città di Ofra, in Cisgiordania. Shira Ish-Ran, 21 anni, era incinta quando è stata ferita e il suo bambino è stato partorito per salvarle la vita. Il bambino, Amiad Israel, morì quattro giorni dopo.

12 novembreMahmoud Abu Asba (48)Un palestinese padre di sei figli del villaggio di Halhul è stato ucciso nella raffica di razzi lanciati da Gaza contro la città israeliana di Ashkelon.
7 ottobreKim Levengrond Yehezkel (29) , Ziv Hajbi (35)

Yehezkel, una madre sposata di un bambino, era di Rosh Ha'ayin e Hajbi era padre di tre Rishon Lezion. Sono stati assassinati da un uomo armato palestinese nel parco industriale di Barkan.

16 settembreAri Fuld (45)Fuld, padre di quattro figli, è stato accoltellato a morte da un terrorista palestinese all'Arim Mall all'incrocio di Gush Etzion. Nonostante le ferite, Fuld ha inseguito e sparato al suo aggressore prima di crollare a terra.
16 agostoDonna non identificata (40 anni)Una donna israeliana non ancora identificata è stata uccisa in un attacco terroristico con un'auto il 16 agosto 2018, sulla Route 60 vicino all'avamposto di Havat Gilad. La donna viveva nell'insediamento Emmanuel. L'aggressore, che era alla guida di un taxi al momento dell'aggressione, si è consegnato subito dopo alla polizia israeliana.  
26 luglioYotam Ovadia (31)Yotam Ovadia, 31 anni, sposato e padre di due figli, è stato accoltellato a morte fuori casa nell'insediamento ebraico di Adam , a nord di Gerusalemme. Altri due sono rimasti gravemente feriti nell'attacco. L'aggressore, il diciassettenne Muhammed Tarek, si è intrufolato nell'insediamento sotto la copertura dell'oscurità per portare a termine l'attacco. È stato colpito e ucciso dalla polizia israeliana mentre fuggiva dalla scena.  
18 marzoAdiel Coleman (30 anni)Adiel Coleman, sposato e padre di quattro figli, è stato pugnalato a morte da un aggressore palestinese vicino all'ingresso del complesso del Monte del Tempio . Coleman prestava servizio come guardia di sicurezza, ma al momento dell'attacco era fuori servizio e disarmato.  
16 marzoCapitano Ziv Daos (21), sergente. Netanel Kahalani (20)Un palestinese si è schiantato con la sua auto contro quattro soldati israeliani che si trovavano fuori dall'insediamento di Mevo Dotan in Cisgiordania, uccidendone due e ferendone due. L’aggressore, che è stato preso in custodia, era stato rilasciato da una prigione israeliana nell’aprile 2017 dopo aver scontato una pena di 17 mesi per attività legate alla sicurezza.  

5 febbraio
 
Rabbi Itamar Ben-Gal (29)Il rabbino Itamar Ben-Gal stava aspettando un autobus fuori dall'insediamento di Ariel quando è stato rapidamente avvicinato dal diciannovenne Abed al-Karim Adel Asi. Asi corse verso Ben-Gal e lo pugnalò al petto con un coltello. Ben-Gal ha tentato di chiedere aiuto correndo verso un autobus vicino ma è crollato ed è morto a causa delle ferite. L'aggressore è stato colpito da un agente di polizia fuori servizio ma è riuscito a scappare. È stato trovato e ucciso più tardi quel giorno in una sparatoria con la polizia.  

10 gennaio
 
Rabbi Raziel Shevach (35)Il rabbino Raziel Shevach è stato ucciso in una sparatoria vicino alla città di Nablus, in Cisgiordania, il 10 gennaio 2017. La vittima stava guidando quando il suo veicolo è stato preso di mira da assalitori a bordo di un'auto di passaggio, che hanno iniziato a sparare al veicolo di Shevach. Il capo operativo responsabile dell'omicidio di Shevach, Ahmed Nasser Jarrar, è stato ucciso dalle forze di sicurezza israeliane il 6 febbraio 2018.  

2017

30 novembreRon Kokia (19)Ucciso in un accoltellamento mentre aspettava alla fermata dell'autobus.

22 novembre
 
Hodaya Asulin (20)Dopo sette anni di coma, Hodaya Asulin è morta il 22 novembre 2017. Era in coma da quando era stata gravemente ferita in un attentato su un autobus nel marzo 2011 che uccise la turista britannica Mary Jean Gardner. Asulin aveva 14 anni al momento dell'aggressione.  

26 settembre
 
Primo sergente. Solomon Gabariya (20), Yussef Utman, O Arish (25)Un agente della polizia di frontiera israeliana e due guardie di sicurezza israeliane sono stati uccisi in un attacco a fuoco nell'insediamento di Har Adar in Cisgiordania. L'aggressore, il palestinese Namir Mahmoud, 37 anni, è arrivato all'ingresso posteriore di Har Adar con un gruppo di operai e ha aperto il fuoco quando è stato interrogato dagli agenti di sicurezza israeliani. Mahmoud è stato colpito e ucciso sul posto.  
21 luglioElad Salomon (35), Haya Salomon, Yosef Salomon
Un aggressore palestinese di 19 anni ha scavalcato una recinzione e si è infiltrato nel villaggio israeliano di Halamish durante lo Shabbat del 21 luglio 2017. L’aggressore adolescente ha fatto irruzione in una casa dove una famiglia israeliana aveva appena terminato la cena di Shabbat e ha pugnalato tre membri della famiglia. a morte, ferendone gravemente un quarto.
 
14 luglioHa'il Satawi (30), Kamil Shnaan (22)
Tre uomini armati arabo-israeliani si sono avvicinati alle antiche porte di pietra vicino al Monte del Tempio e hanno aperto il fuoco sugli agenti di polizia nelle vicinanze prima di scappare in una moschea vicina. Dopo un breve scontro a fuoco i terroristi furono neutralizzati, ma due agenti di polizia arabo-israeliani della comunità drusa israeliana persero la vita nello scontro. Gli uomini armati erano cittadini arabi di Israele precedentemente sconosciuti alle autorità. Un terzo agente di polizia è rimasto leggermente ferito.
 
16 giugnoSergente maggiore Hadas Malka (23)
Mentre rispondeva alle segnalazioni di spari nella zona, Hadas Malka è stata attaccata da tre palestinesi che sono stati uccisi sul posto da altri funzionari della sicurezza. Malka si è scontrata con uno degli aggressori mentre cercava di estrarre l'arma, ma è stata sopraffatta. Nell'attacco sono rimaste ferite altre quattro persone. Tutti e tre gli aggressori erano noti per essere associati ad organizzazioni terroristiche palestinesi e tutti e tre erano stati arrestati in precedenza per aver preso parte ad attività terroristiche.  
 

14 aprile

Hannah Bladon (23)

Una turista britannica di 23 anni è stata pugnalata a morte in un attacco terroristico nella piazza dell'IDF sulla metropolitana leggera di Gerusalemme. L'aggressore è stato arrestato sul posto. Una donna israeliana incinta di 30 anni è rimasta ferita quando il treno della metropolitana leggera si è fermato bruscamente durante l'attacco. L'aggressore aveva precedentemente tentato il suicidio in un ospedale israeliano ingoiando una lama di rasoio.  

6 aprile

Sergente Elchai Taharlev (20)

Un soldato israeliano è stato ucciso e un altro gravemente ferito in un attacco con un'auto contro una fermata dell'autobus sulla Route 60 fuori dall'insediamento di Ofra in Cisgiordania. I pali di sicurezza installati attorno alla fermata dell'autobus hanno impedito ulteriori feriti. L'aggressore di 22 anni è stato arrestato poco dopo l'aggressione.  

8 gennaio

Tenente Yael Yekutiel (20), cadetto Shir Hajaj (22), cadetto Shira Tzur (20), cadetto Erez Orbach (20)

Un camionista palestinese ha deliberatamente guidato il suo camion contro un gruppo di soldati israeliani che erano appena scesi da un autobus a Gerusalemme l’8 gennaio 2017, uccidendo quattro soldati e provocando gravi ferite a oltre una dozzina di altri passanti. L'aggressore è stato colpito e ucciso poco dopo l'attacco da parte dei soldati israeliani presenti sul posto.

2016

9 ottobre       

Levana Melihi (60), Yosef Kirme (29)

Uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco dalla loro auto contro una fermata della metropolitana leggera fuori dalla stazione di polizia principale di Ammunition Hill, ferendo due vittime e uccidendone una. La polizia ha dato l'inseguimento in motocicletta dopo che il veicolo è fuggito dalla scena dell'attacco, e ne è seguita una sparatoria. Un ufficiale, Yosef Kirme, è stato ucciso e un altro è rimasto ferito. Anche l'aggressore, un palestinese di 39 anni, è stato ucciso.

30 giugno

Michele Marco (40)

Il rabbino Michael Mark, padre di dieci figli, stava guidando la sua macchina con la moglie e i due figli lungo la Route 60 vicino al Monte Hebron quando furono tagliati fuori da un altro veicolo e i proiettili iniziarono a volare. L'auto di Mark si è ribaltata dopo essere uscita fuori strada. Quando la polizia arrivò, trovò più di 20 bossoli all'interno dell'auto di Mark. Michael Mark è morto sul posto e sua moglie e i figli che erano nel veicolo sono stati curati in un ospedale locale. Il terrorista che ha ucciso il rabbino Mark si era nascosto da quando ha compiuto l'attacco, ma è stato localizzato il 26 luglio 2016 e ucciso dalle forze di sicurezza israeliane.

30 giugno

Hallel Yaffa Ariel (13)

Hallel Yaffa Ariel, 13 anni, è stata pugnalata a morte nel suo letto dal palestinese Mohammad Tarayreh, 19 anni, che aveva fatto irruzione in casa sua. L'aggressore proveniva da un villaggio vicino e ha scavalcato la recinzione di Kiryat Arba prima di irrompere nella casa di Ariel e chiudersi all'interno, dove lei era sola. Una brigata di residenti locali, compreso il padre di Ariel, si è accorta che la recinzione era stata aperta una breccia e ha perquisito l'insediamento, trovando infine l'aggressore che è stato poi ucciso dal personale di sicurezza.

8 giugno

Michael Feige (58), Ido Ben Ari (42), Mila Mishayev (33), Ilana Navaa (39)

Quattro israeliani sono stati uccisi e cinque feriti quando due terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco nel popolare mercato di Sarona a Tel Aviv. Gli aggressori provenivano dalla città di Yatta e provenivano dalla stessa famiglia. Indossavano abiti per travestirsi da ebrei ultraortodossi prima di iniziare a sparare.

8 marzo

Forza Taylor (28)

Un aggressore palestinese ha iniziato a pugnalare israeliani a caso all'ingresso del porto di Giaffa e ha ferito quattro persone prima di allontanarsi dalle guardie di sicurezza israeliane. L'aggressore ha continuato a pugnalare pedoni e automobilisti mentre correva lungo una strada residenziale, ferendo gravemente tre persone prima di essere ucciso dalla polizia. Una vittima accoltellata dall'aggressore, successivamente identificata come turista americana Taylor Force, è morta per le ferite in un ospedale israeliano subito dopo l'attacco. Force era un veterano dell'esercito americano in Iraq e Afghanistan ed era in viaggio sponsorizzato dalla scuola in Israele attraverso la Vanderbilt University. Sebbene fosse con un gruppo di compagni di studio al momento dell'accoltellamento, è stato l'unico ferito.

24 febbraio

Capitano Eilav Gelman (30)

Un uomo palestinese ha tentato di pugnalare un capitano di riserva dell'IDF e non ci è riuscito, le vicine forze di sicurezza israeliane hanno visto l'incidente e hanno risposto tentando di neutralizzare l'accoltellatore. Le forze di sicurezza hanno sparato accidentalmente alla vittima accoltellata e lui è morto sul posto a causa delle ferite. L'aggressore è stato leggermente ferito e portato in un ospedale israeliano per cure.

18 febbraio

Tuvia Yanai Weissmann (18)

Due adolescenti palestinesi sono entrati in un supermercato e hanno accoltellato due israeliani, prima di essere arrestati e colpiti da altri clienti nel negozio. Una delle vittime, il sergente 21enne Tuvia Yanai Weissman, soldato dell'IDF fuori servizio, è stata uccisa.

3 febbraio

Hadar Cohen (19)

Tre terroristi armati di coltelli, pistole ed esplosivi hanno attaccato un gruppo di soldati dell'IDF alla Porta di Damasco dopo che i soldati si erano avvicinati a loro. Tre persone, tra cui due agenti di polizia israeliani, sono rimaste gravemente ferite. L'ufficiale israeliano di 19 anni Hadar Cohen è morta per le ferite più tardi quello stesso giorno. Gli aggressori sono stati uccisi sul posto dalle forze di sicurezza israeliane in arrivo. Il numero e la portata delle armi recuperate dagli aggressori hanno reso chiaro che stavano pianificando un attacco più devastante e che i soldati israeliani si sono sacrificati per proteggere i civili. Gli agenti di polizia israeliani hanno definito questo attacco un’escalation e un punto di svolta rispetto al tipo di attacchi che avevano visto nei mesi precedenti. Tutti gli aggressori avevano familiari legati a Fatah.

25 gennaio

Shlomit Krigman (38)

Due donne israeliane sono state accoltellate mentre camminavano fuori da un mercato nel loro villaggio. Dopo aver aggredito le donne, i terroristi, di età compresa tra 17 e 23 anni, hanno tentato di entrare nel mercato ma sono stati fermati dai dipendenti che hanno utilizzato i carrelli della spesa per bloccare l'ingresso del mercato. Al momento dell'attacco i terroristi trasportavano anche bombe a tubo fatte in casa e altri ordigni esplosivi. Una delle vittime, Shlomit Krigman, 24 anni, è morta per le ferite la mattina seguente.

17 gennaio

Dafna Meir (38)

Dafna Meir, una madre israeliana di sei figli, è stata aggredita fuori casa da un terrorista palestinese che brandiva un coltello. L'aggressore si è avvicinato da dietro e ha pugnalato Meir alla nuca, ne è seguita una lotta che alla fine ha portato a casa di Meir. È stata uccisa dall'aggressore nella sua cucina, ma nessuno dei suoi figli è rimasto ferito. L'aggressore di 16 anni è fuggito dalla scena ma è stato arrestato due giorni dopo e accusato di omicidio.

1 Gennaio

Alon Bakal (26), Shimon Ruimi (30)

Durante una festa di Capodanno in un pub locale, un arabo-israeliano ha aperto il fuoco, uccidendo due persone (incluso il direttore del pub) e ferendone otto. Il sospetto è stato individuato e ucciso in una sparatoria l'8 gennaio 2016.

2015

23 dicembre

Rabbi Rueven Birmajer (45)

Il rabbino Rueven Birmajer, 45 anni, è stato accoltellato e ucciso da un aggressore palestinese fuori dalla Porta di Giaffa, un passante è stato colpito e ucciso da un proiettile vagante mentre le forze di sicurezza israeliane tentavano di sottomettere l'aggressore. L'aggressore è stato colpito e ucciso sul posto.

7 dicembre

Genadi Kaufmann (40)

Un uomo israeliano di 40 anni è stato ferito in un attacco a coltellate vicino alla Tomba dei Patriarchi a Hebron. L'aggressore è stato colpito e ucciso da testimoni della polizia. La vittima, identificata come Genadi Kofman, morì per le ferite tre settimane dopo, il 30 dicembre.

23 novembre

Vittima senza nome (18)

Un soldato israeliano di 18 anni è stato pugnalato a morte in una stazione di servizio da un palestinese, in un attacco che ha lasciato altri due feriti leggermente e l'aggressore morto. La vittima aveva riportato gravi ferite da arma da taglio all'addome ed è stata dichiarata morta dai paramedici.

19 novembre

Aharon Yesiab (32), Reuven Aviram (51), Ezra Schwartz (18), Ya'acov Don (51)

Due ebrei israeliani sono stati accoltellati a morte e due gravemente feriti da un palestinese di 39 anni della Cisgiordania, che è stato arrestato sul posto e portato in un ospedale israeliano con ferite lievi. L'aggressione a coltellate è avvenuta all'ingresso della sinagoga accanto all'edificio degli uffici Panorama, nel sud di Tel Aviv, mentre erano in corso le preghiere pomeridiane.

In un altro incidente, un terrorista palestinese ha aperto il fuoco su auto bloccate in un ingorgo a Gush Etzion, uccidendo un israeliano, un turista americano e un palestinese, e ferendone altri sette. Cinque dei feriti erano studenti americani della Yeshiva. Dopo la sparatoria, il terrorista è scappato in macchina ma si è schiantato contro un'altra macchina, ha tentato di fuggire a piedi ed è stato poi arrestato dalle forze di sicurezza israeliane. La vittima americana è stata identificata più tardi quello stesso giorno come il diciottenne Ezra Schwartz, del Massachusetts.

13 novembre

Padre (40) e Figlio (18)

Un padre israeliano e suo figlio di 18 anni sono stati uccisi dopo che due palestinesi hanno aperto il fuoco contro il loro veicolo mentre erano alla guida. Anche la madre della famiglia è stata colpita ma ferita leggermente, un secondo figlio è rimasto leggermente ferito e le tre figlie della famiglia che viaggiavano nella parte posteriore sono rimaste illese. Presumibilmente la prima ambulanza ad arrivare sulla scena era un'ambulanza della Mezzaluna Rossa palestinese, e dopo che l'autista si rese conto che le vittime erano ebrei l'ambulanza si allontanò.

4 novembre

Sergente maggiore Benjamin Yaakovovich (19)

Un agente della sicurezza israeliano è stato investito da un'auto guidata da un palestinese, al quale hanno sparato sul posto. L'ufficiale di sicurezza di 19 anni è rimasto gravemente ferito dopo che l'uomo palestinese lo ha intenzionalmente sbattuto addosso ed è stato portato in un ospedale locale. La vittima, il sergente maggiore Benjamin Yaakovovich, 19 anni, morì a causa delle ferite quattro giorni dopo.

18 ottobre

Omri Levy (19)

L'aggressore palestinese Muhanad Alukabi ha preso il fucile del soldato israeliano di 19 anni Omri Levy e con quello lo ha ucciso. Ha aperto il fuoco in una stazione degli autobus affollata con il fucile e ha ferito altre 11 persone. Un immigrato eritreo è stato colpito da un colpo di arma da fuoco da una guardia di sicurezza israeliana e picchiato a morte da una folla israeliana, sospettata di essere un secondo aggressore.

13 ottobre

Richard Lakin (76)

Attacco con sparatoria e accoltellamento a un autobus nel quartiere sud di Gerusalemme (Armon Hanatziv). Due (di età compresa tra 60 e 45 anni) furono uccisi, 15 feriti e diversi in modo grave. La polizia ha sparato e ucciso uno dei due terroristi e ha arrestato il secondo (entrambi di Jabel Muqaber). Una delle vittime ferite (il 76enne Richard Lakin) morì a causa delle ferite due settimane dopo.

3 ottobre

Aharon Banita-Bennet (22), Rabbi Nehemia Lavi

Due sono stati uccisi in un attacco a coltellate vicino alla Porta dei Leoni. Aharon Banita-Bennet (22 anni) è stato accoltellato a morte mentre si recava al Muro del Pianto nella Città Vecchia sabato sera con la moglie e i due bambini piccoli. Sua moglie e il figlio di due anni sono rimasti feriti. Il rabbino Nehemia Lavi (padre di sette figli), venuto in aiuto della famiglia Banita-Bennett, è stato aggredito e pugnalato a morte. La polizia ha sparato e ucciso l'aggressore.

23 novembre

Hadar Buchris (21), Ziv Mizrahi (20)

Una donna israeliana di 21 anni, Hadar Buchris, è stata accoltellata alla fermata dell'autobus a Gush Etzion. È stata portata in un ospedale locale in condizioni critiche ma è morta a causa delle ferite subito dopo il suo arrivo. Le forze di sicurezza israeliane hanno sparato e ucciso l'aggressore.

Un soldato israeliano di 20 anni è stato pugnalato a morte in una stazione di servizio da un palestinese, in un attacco che ha lasciato altri due feriti leggermente e l'aggressore morto. La vittima aveva riportato gravi ferite da arma da taglio all'addome ed è stata dichiarata morta dai paramedici.

19 novembre

Reuven Aviram (51), Rabbi Aharon Yesiab (32), Yaakov Don (51), Ezra Schwartz (18)

Un terrorista palestinese ha accoltellato a morte due persone nell'edificio degli uffici Panorama, davanti alla porta di una stanza dell'edificio adibito alla preghiera dove si svolgevano le funzioni pomeridiane. Altre due persone hanno riportato ferite lievi. Ai lavoratori dell'edificio Panorama è stato ordinato di mettersi in isolamento mentre la polizia cercava un possibile secondo aggressore.

In un incidente separato più tardi quello stesso giorno, un aggressore palestinese ha aperto il fuoco con una mitragliatrice uzi su veicoli israeliani a Gush Etzion fermati nel traffico. Tre persone sono state uccise nell'attacco, tra cui uno studente americano che partecipava a un programma educativo per un anno sabbatico, un uomo israeliano e un uomo palestinese. Il sospettato è stato arrestato sul posto.

13 novembre

Rabbi Yaakov Litman (40), Netanel Litman (18)

Yaakov Litman e suo figlio Netanel sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco da uomini armati palestinesi che hanno aperto il fuoco sul loro veicolo vicino all'incrocio di Otniel, nel sud della Cisgiordania. I due erano seduti sui sedili anteriori della loro auto quando il terrorista ha aperto il fuoco. La moglie di Litman, che ha riportato ferite lievi, e tre figlie erano sul sedile posteriore dell'auto.

4 novembre

Sergente maggiore Benjamin Yaakovovich (19)

Un terrorista palestinese ha intenzionalmente speronato con la sua macchina il sergente maggiore Benjamin Yaakovovich, ferendolo gravemente. L'autore del reato è stato arrestato subito dopo l'attacco, ma Yaakovovich è morto per le ferite quattro giorni dopo.

20 ottobre

Avraham Asher Hasano (50)

Il cittadino israeliano Avraham Asher Hasano stava guidando a Fawwar, a sud di Hebron, quando i palestinesi hanno iniziato a colpire la sua auto con pietre e lui non era in grado di guidare. Uscito dal suo veicolo, è stato investito da un camion ed è rimasto ucciso.

18 ottobre

Soldato dell'IDF
Omri Levy (19)

L'aggressore palestinese di 21 anni Muhanad Alukabi ha preso il fucile del soldato israeliano di 19 anni Omri Levy e lo ha ucciso con quello. Ha aperto il fuoco in una stazione degli autobus affollata con il fucile e ha ferito altre 11 persone. Un immigrato eritreo è stato colpito da un colpo di arma da fuoco da una guardia di sicurezza israeliana e picchiato a morte da una folla israeliana, sospettata di essere un secondo aggressore.

13 ottobre

Rabbi Yeshayahu Krishevsky (60), Haim Haviv (78), Alon Govberg (59), Richard Lakin (76)

Due israeliani sono stati uccisi e quindici feriti in un attacco con accoltellamenti e spari contro un autobus nel sud di Gerusalemme. Gli aggressori hanno preso d'assalto l'autobus e hanno impedito alle persone di scendere, mentre tentavano di prendere il controllo del volante e di speronare l'autobus in un luogo pubblico affollato. Un aggressore ha aperto il fuoco con una pistola mentre l'altro ha pugnalato i passeggeri dell'autobus. La polizia israeliana ha ucciso un aggressore ed è riuscita a prendere in custodia l'altro. Una delle persone ferite nell'attacco, Richard Lakin, 76 anni, è morto per le ferite riportate due settimane dopo l'attacco. Il rabbino Yeshayahu Krishevsky è stato investito da un'auto a Gerusalemme contemporaneamente all'attacco all'autobus. È stato portato in un ospedale locale ma è morto per le ferite.

3 ottobre

Nahmia Lavi (23), Aaron Bennet (24)

Secondo il portavoce della polizia israeliana Micky Rosenfeld, un uomo palestinese si è avvicinato a un gruppo di israeliani nella Città Vecchia di Gerusalemme il 3 ottobre 2015 e ha iniziato a pugnalare. L'aggressore ha ferito una donna e il suo bambino e ha pugnalato a morte altri due membri del gruppo. La polizia israeliana ha sparato all'aggressore sul posto, dove è morto. La Jihad islamica palestinese ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che l'aggressore era un membro della loro organizzazione.

1 Ottobre

Eitam Henkin, Naama Henkin (entrambi sulla trentina)

Eitam e sua moglie Naama hanno subito un'imboscata da parte di uomini armati palestinesi mentre guidavano con i loro quattro figli, tutti di età inferiore ai 10 anni, in Cisgiordania il 1° ottobre 2015. Gli uomini armati hanno sparato a Eitam e Naama più volte e sono stati dichiarati morti sul posto. scena, mentre i bambini che avevano appena assistito all'omicidio dei genitori sono rimasti solo leggermente feriti. Furono sepolti il ​​giorno successivo e i genitori di Eitam dichiararono al suo funerale che avrebbero allevato i bambini come se fossero loro. Al funerale ha partecipato il presidente israeliano Rueven Rivlin , che ha pronunciato un elogio funebre. Durante la settimana successiva, è stato rivelato che il marito, Eitam, era cittadino americano e cinque membri di Hamas sono stati arrestati in relazione all'attacco.

14 settembre

Alexander Levlovitz (64)

Alexander Levlovitz è stato ucciso dopo che l'auto che guidava è stata colpita da pietre lanciate da giovani palestinesi. Ha perso il controllo del veicolo e si è schiantato mentre tornava a casa dopo aver celebrato Rosh Hashanah con la sua famiglia, ferendo gravemente due donne passeggeri e riportando lui stesso ferite che alla fine gli avrebbero causato la vita. Quattro giovani palestinesi furono arrestati nelle settimane successive.

30 giugno

Malachia Rosenfeld (25)

Rosenfeld e un gruppo di tre amici sono stati aggrediti da un palestinese con una pistola la sera del 29 giugno 2015, nella regione di Binyamin, a nord di Tel Aviv. I tre amici di Rosenfeld hanno riportato ferite meno gravi, ma Rosenfeld è morto a causa delle ferite da arma da fuoco il giorno successivo. Lo Shin Bet ha arrestato i sospettati che hanno compiuto l'attacco il 19 luglio 2015. L'attacco è stato perpetrato dal membro di Hamas Ahmed Najar, che era uno dei prigionieri rilasciati durante l' accordo di scambio di prigionieri di Gilad Shalit nel 2011.

19 giugno

Danny Gonen (25)

Danny Gonen stava viaggiando in Cisgiordania nel suo veicolo con un altro amico di 25 anni quando è stato fermato sul ciglio della strada da un uomo palestinese che sembrava aver bisogno della loro assistenza. L'uomo ha aperto il fuoco sul veicolo, colpendo Gonen più volte ma lasciando il suo amico relativamente illeso. Gonen è stato trasportato in aereo in un ospedale ma è morto per le ferite. Hamas ha rilasciato una dichiarazione affermando di “accogliere con favore questo attacco eccellente ed eroico”. L'individuo che ha attaccato e ucciso Gonen è stato arrestato tre settimane dopo dalle forze di sicurezza dello Shin Bet.

15 aprile

Shalom Sherki (25)

Shalom Sherki è stato ucciso e la sua ragazza è rimasta gravemente ferita nel Giorno della Memoria dell'Olocausto, quando Khaled Koutineh, residente in Cisgiordania, si è schiantato con la sua auto su una fermata dell'autobus a Gerusalemme. Koutineh è stato arrestato e dopo l'interrogatorio ha ammesso di aver perpetrato l'attacco. Sherki era il figlio di un eminente rabbino israeliano e centinaia di persone parteciparono al suo funerale. Alcune settimane dopo la sua morte, sono state rilasciate le riprese della telecamera di sicurezza, dimostrando che Koutineh ha deliberatamente sbattuto la sua macchina contro Sherki e la sua ragazza. 

2014

17 novembre

Rabbi Avraham Shmuel Goldberg (68), Rabbi Moshe Twersky (60), Aryeh Kupinsky (43), Rabbi Kalman Zeev Levine (55), Maestro Sergant Zidan Sif (30), Chaim Yechiel Rothman (55)

Il 17 novembre 2014, due cugini palestinesi, Ghassan e Uday Abu Jamal, sono entrati nella sinagoga Kehilat Yaakov di Gerusalemme alle 7 del mattino armati di coltelli, mannaie, accette e pistole e hanno iniziato ad aprire il fuoco e a colpire selvaggiamente le circa 25 persone all'interno. . L'attacco ha ucciso cinque persone, tra cui tre cittadini statunitensi con doppia cittadinanza statunitense-israeliana, e un poliziotto che ha risposto all'attacco e ne ha ferite altre sei, compreso un altro poliziotto rimasto ferito durante la sparatoria con i terroristi. Entrambi gli aggressori provenivano dal quartiere Jabel Mukaber di Gerusalemme Est ed erano noti associati all'organizzazione terroristica Fronte popolare per la liberazione della Palestina. In risposta a questo attacco, il ministro della Pubblica Sicurezza israeliano Yitzhak Aharonovich ha annunciato che le restrizioni al trasporto di armi sarebbero state temporaneamente allentate per le guardie di sicurezza private e i soldati dell'IDF fuori servizio. Il sergente maggiore Zidan Sif, ufficiale di polizia, che ha dato la vita per proteggere gli altri, riceverà postuma la medaglia israeliana al servizio distinto, la terza più alta onorificenza che può essere conferita a un ufficiale israeliano. Al funerale di Sif, il rabbino di Kehilat Yaakov ha elogiato Sif per essere rimasto "come un muro" proteggendo le persone all'interno. Quasi un anno intero dopo l'attacco, la vittima Chaim Yechiel Rothman morì per le ferite riportate all'Hadassah Medical Center di Gerusalemme.

10 novembre

Dalia Lamkus (25), Almog Shiloni (20) 

Una giovane donna, Dalia Lamkus, è stata pugnalata a morte da un individuo associato all'organizzazione terroristica della Jihad islamica il 10 novembre. Il sospettato, Maher Hamdi A-Shalmon, è residente a Hebron e ha trascorso 5 anni in prigione dal 2000 al 2005 per aver lanciato una bomba incendiaria contro le truppe dell'IDF. Durante l'attacco sono state accoltellate anche altre 2 persone, un uomo di 26 anni e un uomo di 50 anni, che hanno entrambi riportato ferite che hanno richiesto cure mediche. All'inizio della giornata, un soldato israeliano Almog Shlioni è stato accoltellato in un altro incidente mentre si trovava in una stazione ferroviaria di Tel Aviv. È stato curato per le sue molteplici coltellate sul posto e poi trasportato in aereo allo Sheba Medical Center dove è morto a causa delle ferite da taglio più tardi quel giorno. Il sospettato è stato arrestato e consegnato allo Shin Bet per l'interrogatorio. 

5 novembre

Jedan Assad (38)

In un attacco simile a quello che è costato la vita di un bambino di 3 mesi e di una donna di 22 anni il 22 ottobre, un uomo palestinese si è schiantato con la sua auto in una stazione della metropolitana leggera il 5 novembre. un agente della polizia di frontiera israeliana è morto e altre 14 persone sono rimaste ferite. L'ufficiale della polizia di frontiera è stato identificato come Jedan Assad, un druso di Beit Jann. Lascia un figlio di 3 anni e la moglie incinta di 5 mesi del loro prossimo figlio. Il terrorista si è lanciato con l'auto in mezzo alla folla in una stazione della metropolitana leggera e poi ha continuato a guidare lungo i binari della metropolitana leggera prima di schiantarsi con l'auto e uscire brandendo una sbarra di metallo . Ha usato la barra di metallo per attaccare la polizia israeliana che si trovava nelle vicinanze ed è stato poi colpito dagli agenti. L'uomo è stato successivamente identificato come Ibrahim al-Akary, un uomo il cui fratello aveva trascorso 19 anni in una prigione israeliana ed era stato rilasciato come parte dell'accordo Gilad Shalit. 

22 ottobre

Chaya Zissel Braun (3 mesi), Karen Mosquera (22)

Il 22 ottobre, una bambina di 3 mesi è stata uccisa quando un palestinese si è schiantato con la sua auto contro un gruppo di israeliani in attesa del treno della metropolitana leggera alla stazione di Ammunition Hill. L'individuo ha tentato di fuggire dalla scena ma è stato colpito al petto dal personale di sicurezza israeliano ed è successivamente morto per le ferite in un ospedale israeliano. L'individuo aveva precedenti di reati legati alla sicurezza e aveva già scontato una pena detentiva. Altre 8 persone sono rimaste ferite nell'attacco, tra cui Karen Mosquera che pochi giorni dopo è morta per le ferite riportate all'Hadassah Medical Center di Gerusalemme. La polizia israeliana ha confermato che la bambina uccisa aveva un passaporto americano e che i suoi genitori erano cittadini americani venuti in Israele per studiare alla Yeshiva. Il giorno successivo Hamas ha confermato che l'autista dell'auto era un membro, e membri di Fatah hanno celebrato il martirio del terrorista su Facebook e per le strade di Gaza. Il 19 novembre l'esercito israeliano ha raso al suolo l'abitazione dell'individuo responsabile dell'attacco. 

29 agosto

Sergente Netanel Maman (21)

Maman era un soldato dell'IDF ma non era in servizio quando è stato ucciso. Un razzo ha colpito vicino a un'auto su cui era seduto e più tardi quella settimana è morto a causa delle ferite provocate dalle schegge. 

26 agosto

Ze'ev Etzion (50), Shahar Melamed (43)

Questi due uomini sono stati uccisi nelle ore precedenti l'entrata in vigore del cessate il fuoco prolungato il 26 agosto. Sono stati uccisi da un mortaio sparato sul loro Kibbutz. Etzion era il capo della sicurezza del Kibbutz e Melamed era il suo vice. 

22 agosto

Daniel Tregerman (4)

Daniel Tregerman è stato il primo bambino israeliano vittima durante l'operazione Protective Edge. È stato ucciso da un mortaio mentre i suoi genitori si precipitavano a portare i suoi fratelli più piccoli nel loro rifugio antiaereo a Sha'ar HaNegev. Fu sepolto il 24 agosto. 

1 agosto

Il tenente Hadar Goldin (23), il maggiore Benaya Sarel (26), il sergente. Liel Gidoni (20)

Questi tre coraggiosi soldati dell'IDF sono stati uccisi in un'imboscata mentre stavano ispezionando un tunnel del terrore scavato da Hamas. Inizialmente si pensava che il tenente Hadar Goldin fosse stato rapito da Hamas in seguito all'attacco, ma in seguito si dedusse che fosse morto nello scontro a fuoco successivo. Sfortunatamente, il corpo di Hadar Goldin non è stato recuperato e nel settembre 2016 la missione di Israele presso le Nazioni Unite ha sponsorizzato un'esposizione delle sue opere d'arte presso la sede delle Nazioni Unite in un progetto intitolato "Bring Hadar Home".

31 luglio

Capitano Liran Adir (31), sergente. Noam Rosentha (20), sergente. 1a classe Daniel Marash (22), capitano Omri Tal (22), sergente. Shay Kushnir (20)

Questi giovani sono morti quando un mortaio è stato sparato contro la loro postazione lungo il confine con la Striscia di Gaza. 

28 luglio

Sergente maggiore Eliav Eliyahu Haim Kahlon, (22), Corp. Meidan Maymon Biton (20), Corp. Niran Cohen, (20), Staff Sgt. Adi Briga, (23)

Quattro persone sono state uccise e sei ferite dal fuoco di mortaio su Eshkol durante l'operazione Protective Edge. Poiché l'attacco è stato condotto con mortai e non con razzi, non c'è stato alcun allarme in codice rosso.

20 luglio

Magg. Tsafrir Baro (32), capitano Tsvi Kaplan (28), sergente. Gilad Rozenthal Yacoby (21), sergente. Oz Mandelovich (21),  Nissim Sean Carmeli (21), Magg. Atmoz Greenberg, Sgt. Gilad Yaakovi (21), Max Greenberg

Durante l'operazione Protective Edge, 13 soldati israeliani furono uccisi quando una nave corazzata a Sejaiya fu colpita direttamente da un missile anticarro lanciato a spalla. Sei soldati israeliani furono uccisi negli scontri che seguirono.

15 luglio

Nome non rilasciato (37)

Questa vittima era un civile che si era offerto volontario per distribuire pacchi di cibo ai soldati israeliani vicino al valico di Erez con Gaza quando è stato gravemente ferito da colpi di mortaio e in seguito è morto per le ferite riportate.

30 giugno

Naftali Frankel (16), Gilad Shaar (16), Eyal Yifracah (19)

Frankel, Shaar e Yifrach stavano tornando a casa in autostop dopo aver frequentato la yeshivah a Gush Etzion quando sono scomparsi. Dopo una ricerca durata tre settimane, i loro corpi furono ritrovati vicino ad Halhul, a breve distanza da dove erano stati rapiti. Questo attacco è la scintilla che ha dato inizio all'operazione Protective Edge.

2 maggio

Shelley Dadon (19)

Il corpo di Dadon è stato trovato in un parcheggio a Migdal Haemek con gravi traumi, comprese ferite da taglio. Ci è voluto del tempo per risolvere il crimine, ma la polizia ha stabilito che è stata uccisa per ragioni nazionalistiche.

14 aprile

Baruch Mizrahi (47)

Mizrahi era un alto ufficiale di polizia fuori servizio che stava andando a un Seder festivo quando è stato colpito a morte da terroristi palestinesi.

2013

24 dicembre

Salah Shukri Abu Latyef (21)

Abu Latyef è stato ucciso da un cecchino palestinese mentre lavorava alla riparazione della recinzione di confine di Gaza come appaltatore civile per il Ministero della Difesa israeliano. L'incidente è avvenuto molto vicino alla sezione settentrionale del confine tra Gaza e Israele e ha provocato solo il ferimento di Abu Latyef, che è stato immediatamente trasportato all'ospedale di Saroka dove è stato dichiarato morto.

15 dicembre

Shlomi Cohen (31)

Cohen, un sottufficiale di prima classe della marina israeliana, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un cecchino libanese mentre guidava vicino alla recinzione di confine tra Israele e Libano a bordo di un veicolo militare non blindato. Cohen era in servizio operativo al momento della sua morte. Un'indagine ha scoperto che gli hanno sparato da sei a dieci volte da una distanza di circa 200 metri.

11 novembre

Eden Azias (18)

Il soldato Eden Atias è stato ucciso dopo essere stato pugnalato al collo mentre era su un autobus nella città di Afula, nel nord di Israele. È stato portato d'urgenza in un ospedale della città ma in seguito è morto per le ferite. Le guardie di sicurezza hanno fermato l'aggressore: Hussein Jawadra, un palestinese di 16 anni di Jenin che risiede illegalmente in Israele. Si dice che abbia agito da solo, anche se la motivazione dell'attacco terroristico potrebbe essere collegata ai due cugini di Jawadra che sono detenuti nelle carceri israeliane per omicidio.

10 ottobre

Seraya Ofer (61)

Ofer, un colonnello dell'IDF in pensione, è stato assassinato in un sospetto attacco terroristico fuori dalla sua casa nel nord della Valle del Giordano. La moglie di Ofer, Monique, ha detto alle forze di sicurezza che suo marito è stato bastonato a morte da due palestinesi che brandivano sbarre di ferro e asce. Secondo Monique, intorno all'una di notte hanno sentito rumori sospetti fuori casa e suo marito è stato aggredito dai palestinesi mentre usciva per indagare.

22 settembre

Gabriel Kobi (20)

Kobi, un soldato combattente della Brigata Givati, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un cecchino palestinese mentre era di guardia fuori dalla Sacra Grotta dei Patriarchi a Hebron. Kobi è stato evacuato allo Shaare Zedek Medical Center di Gerusalemme, dove i medici hanno cercato di rianimarlo, ma è stato dichiarato morto subito dopo l'arrivo. "Da quello che vediamo, la sparatoria è avvenuta a lunga distanza", ha detto una fonte senior dell'IDF. "In questa fase, non abbiamo indicazioni chiare sull'identità dell'assassino."

21 settembre

Tomer Hazan (20)

Hazan, un sergente non combattente dell'aeronautica militare e originario di Bat Yam, è stato attirato da un conoscente palestinese - Nidal Amar - nel villaggio di Beit Amin vicino a Qalqilya in Cisgiordania. Amar portò Hazan in un campo aperto, lo uccise e gettò il corpo in un pozzo. Si supponeva che Amar sperasse di utilizzare un cadavere per estorcere il rilascio del fratello terrorista da una prigione israeliana.

30 aprile

Eviatar Borovskij (31)

Borovsky, padre di cinque figli, è stato accoltellato a morte la mattina presto da un terrorista palestinese mentre aspettava un passaggio alla stazione degli autobus vicino alla città di Ariel in Cisgiordania. I palestinesi, 24 anni di Tulkarem, hanno poi rubato la pistola di Borovsky e hanno iniziato a sparare contro un posto di blocco della polizia di frontiera nella zona prima che venisse messo fuori combattimento dai soldati che presidiavano il posto. Borovsky lascia la moglie e cinque figli.

 

2012

21 novembre

Tenente Boris Yarmulnik (28)

Yarmulnik, un riservista dell'IDF chiamato a Gaza durante l'operazione Pilastro di difesa, è morto per le ferite alla testa subite durante un attacco missilistico. Nell'attacco sono rimasti feriti anche altri cinque soldati e le condizioni sono da buone a moderate.

20 novembre

Cpl. Yosef Fartuk (18) - Emanuele;
Alayaan Salem al-Nabari

Fartuk, un caporale dell'IDF, è stato ucciso quando un razzo lanciato da terroristi nella Striscia di Gaza è esploso nelle sue vicinanze nel consiglio regionale di Eshkol. al-Nabari, un beduino israeliano, è stato ucciso in un attacco missilistico.

15 novembre

Mirah Scharf (25);
Aharon Smadga (40);
Yitzhak Amselam (22)

Due uomini e una donna sono stati uccisi quando un razzo lanciato dai terroristi di Hamas a Gaza ha colpito direttamente l'appartamento in cui vivevano. Secondo fonti israeliane i tre non si trovavano nel rifugio antiaereo dell'edificio. Mirah Scharf, la donna uccisa, era madre di tre figli e all'epoca era incinta. Anche tre bambini, tra cui un bambino di quattro anni e due neonati, sono rimasti feriti a causa del lancio del razzo.

21 settembre

Caporale Netanel Yahalomi (20)

Il soldato ventenne del Corpo d'artiglieria è stato ucciso durante uno scontro a fuoco con i terroristi lungo il confine meridionale di Israele con l'Egitto. Rapporti dalla scena indicano che i terroristi hanno sparato su Yahalomi e altri soldati dopo che erano scesi dalle torri di guardia per portare acqua e cibo a un gruppo di rifugiati africani accampati vicino alla barriera di sicurezza israeliana.

18 giugno

Detto Pashpasha (36)

Il padre di tre figli è stato ucciso quando i terroristi si sono infiltrati in Israele dal Sinai e hanno condotto un attacco coordinato contro coloro che stavano costruendo la recinzione al confine tra Israele ed Egitto. Gli aggressori hanno utilizzato fucili automatici oltre ai missili anticarro.

1 giugno

Sergente maggiore Netanel Moshiashvili (21)

Ucciso quando un terrorista infiltrato in Israele dal sud della Striscia di Gaza ha aperto il fuoco contro la sua unità IDF che era stata inviata per identificare e fermare eventuali attacchi terroristici. I soldati hanno reagito all'incidente e hanno ucciso il terrorista aggressore.

 

2011

29 ottobre

Moshe Ami (56)

Ucciso quando le schegge di un razzo GRAD lanciato dai terroristi a Gaza hanno colpito la sua auto. Ferito all'addome dalle schegge, le condizioni di Ami peggiorarono rapidamente e in seguito morì sul tavolo operatorio del Barzilai Medical Center. Lascia la madre Zvia, la sorella Zehava, i figli Nira, Shlomi, Rachel e Yossi e 5 nipoti.

23 settembre

Asher Palmer (25);
Yonatan Palmer (1) -
Kiryat Arba

Il padre e il figlio di un anno sono stati uccisi quando la loro auto è uscita fuori dalla Route 60 in Cisgiordania vicino a Hebron dopo essere stata colpita da pietre lanciate dai palestinesi.

22 agosto

Eliyahu Naim (79) – Ashkelon

Naim ha subito un grave trauma cranico mentre correva ai ripari durante un attacco missilistico su Ashkelon. È morto all'ospedale Hadassah Ein Kerem di Gerusalemme il 4 settembre 2011.

20 agosto

Yossi Shoshan (38) - Ofakim

Ucciso quando un razzo GRAD lanciato dai terroristi nella Striscia di Gaza è atterrato vicino a lui a Be'er Sheva mentre stava andando alla ricerca della moglie che si nascondeva dagli attacchi. Shoshan lascia la moglie, incinta di nove mesi al momento della sua morte.

18 agosto

Flora Gaz (52);
Moshe Gaz (53);
Shula Karlinsky (54); Dov Karlinsky (58);
Yosef Levi (58);
Yitzhak Sela (56);
Sergente Moshe Naftali (22);
Primo Ufficiale Pascal Avrahami (49)

Otto cittadini israeliani sono stati uccisi e più di 40 feriti in un attacco terroristico su più fronti a nord di Eilat, nel sud di Israele. Cinque civili sono stati uccisi quando i terroristi hanno aperto il fuoco su un autobus passeggeri e un altro civile è stato ucciso in un attacco separato su un autobus vuoto. Un soldato combattente dell'IDF è stato ucciso quando la sua jeep ha colpito un IED piazzato sulla strada e un membro dell'unità speciale SWAT della polizia israeliana è stato ucciso quando la sua unità ha condotto pesanti combattimenti contro un gruppo di terroristi in ritirata.

24 aprile

Ben-Yosef Livnat (24) - Gerusalemme

Ucciso da un poliziotto palestinese mentre visitava la tomba di Giuseppe a Nablus

7 aprile

Daniel Viflic (16) –
Scommessa Shemesh

Viflic è rimasto ferito mortalmente quando un missile anticarro è stato lanciato dai terroristi di Hamas contro uno scuolabus nel sud di Israele pochi istanti dopo aver scaricato il resto dei bambini della scuola. L'adolescente è morto a causa delle ferite riportate il 17 aprile.

23 marzo

Mary Jean Gardner (55) - Regno Unito

Gardner, un turista britannico che studiava all'Università Ebraica di Gerusalemme, è stato ucciso quando una bomba è esplosa di fronte al Centro Congressi di Gerusalemme, vicino alla stazione centrale degli autobus. La bomba era stata piazzata vicino a una cabina telefonica presso una fermata dell'autobus affollata.

11 marzo

Udi Fogel (36);
Ruth Fogel (35);
Yoav (11);
Elad (4);
Hadas (3 mesi)

I genitori Udi e Ruth, insieme a tre dei loro figli piccoli, sono stati accoltellati a morte da terroristi palestinesi nella loro casa nel villaggio di Itamar, nel nord della Cisgiordania, durante una notte di sabato. Per fortuna in quel momento altri tre bambini non erano a casa.

2010

18 dicembre

Kristine Luken (46) - Stati Uniti

Luken, un cittadino americano che vive in Inghilterra ed è in tournée in Israele, è stato accoltellato a morte da terroristi palestinesi mentre faceva un'escursione sulle colline a ovest di Gerusalemme con un amico. Nell'aprile 2017 l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia ha rilasciato una dichiarazione secondo cui gli assassini di Luken, Ayad Fatafta e Kifah Ghanimat, avrebbero dovuto affrontare ciascuno l'accusa federale di aver ucciso un cittadino statunitense al di fuori degli Stati Uniti se fossero stati rilasciati in qualsiasi momento dal paese. Prigione israeliana.  

31 agosto

Yitzhak Ames (47); Talya Ames (45)
Avishai Shindler (24); Kochava Chaim (37)

I quattro israeliani, inclusa una coppia sposata, sono stati uccisi nel loro veicolo in un attacco terroristico di Hamas sulla Route 60 vicino a Kiryat Arba, a est di Hebron.

14 giugno

Sergente Magg. Shuki Sofer (39) - Beersheva

L'ufficiale dell'IDF è stato ucciso e tre poliziotti israeliani sono rimasti feriti quando i terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco sul loro veicolo all'incrocio di Al Fawar a sud di Hebron.

26 marzo

Magg. Eliraz Peretz (32) - Eli
St.Sgt. Ilai Sviatkovsky (21) -Rishon Lzion

I due ufficiali dell'IDF sono stati uccisi in uno scontro a fuoco con terroristi che stavano piazzando esplosivi lungo la barriera di sicurezza nel sud della Striscia di Gaza. Hamas e la Jihad islamica hanno rivendicato l'attacco.

18 marzo

Manee Singmueangphon (34) - Tailandia

Il lavoratore straniero è stato ucciso quando un razzo Kassam ha colpito la zona delle serre a Netiv Ha'asara, un moshav nella regione costiera di Ashkelon, a nord della Striscia di Gaza.

10 febbraio

Primo sergente Ihab Khatib (28) - Kfar Maghar

Khatib, del villaggio arabo-druso di Kfar Maghar, è stato accoltellato a morte all'incrocio di Tapuach in Cisgiordania da un alto ufficiale di polizia palestinese.

2009

24 dicembre

Rabbi Meir Chai (45) - Shavei Shomron

Il rabbino Chai, di un villaggio appena ad ovest di Nablus, nel nord della Cisgiordania, è stato ucciso da terroristi palestinesi in una sparatoria vicino a casa sua.

9 maggio

Gregory Rabinowitz (56) - Ashdod

Rapito e strangolato a morte da tre palestinesi vicino a Gan Yavne in Cisgiordania.

2 aprile

Shlomo Nativ (13) - Gush Etzion

L'adolescente è stato assassinato da un terrorista armato di ascia nella sua città natale di Bat Ayin.

15 marzo

Ufficiale senior Yehezkel Ramzarkar (50)
Maresciallo David Rabinowitz (42)

Due alti ufficiali di polizia - Ramzarkar di Maale Ephraim e Rabinowitz di Ariel - sono stati uccisi in un attacco a fuoco vicino a Massua, nel nord della Valle del Giordano.

27 gennaio

Soldato dell'IDF inedito

Un sottufficiale dell'IDF è stato ucciso e altri tre soldati feriti quando un ordigno esplosivo è stato fatto esplodere contro una pattuglia dell'IDF sul lato israeliano della barriera di sicurezza della Striscia di Gaza vicino al valico di Kissufim. Il nome del localizzatore, un beduino di Rahat, è stato nascosto su richiesta della sua famiglia. Un gruppo islamico affiliato ad Al-Qaeda che si autodefinisce " Brigate Jihad e Tawhid" ha rivendicato la responsabilità dell'attacco.

2008

29 dicembre

Maresciallo Lutfi Nasraladin (38)

Nasraladin, un agente di polizia della città drusa di Daliat el-Carmel, è stato ucciso in una base militare vicino a Nahal Oz da un attacco di mortaio proveniente da Gaza.

29 dicembre

Irit Sheetrit (39) - Ashdod

Sheetrit è stato ucciso e molti altri feriti quando un razzo GRAD è esploso nel centro di Ashdod. Hamas ha rivendicato l'attacco.

29 dicembre

Hani al-Mahdi (27) - Aroar

al-Mahdi, dell'insediamento beduino di Aroar, nel sud di Israele, è stato ucciso quando un missile GRAD lanciato da Gaza è esploso nel suo cantiere ad Ashkelon.

27 dicembre

Beber Vaknin (58) - Netivot

Ucciso quando un razzo lanciato da Gaza ha colpito il suo condominio a Netivot.

23 ottobre

Avraham Ozeri (86) - Gerusalemme

Accoltellato a morte vicino alla sua casa a Gilo da un terrorista arabo del villaggio di Tekoa.

11 luglio

L-Cpl David Chriqui (19) - Rishon Lzion

Chriqui, un poliziotto della polizia di frontiera, è stato gravemente ferito in un attacco terroristico nella Città Vecchia di Gerusalemme. Morì a causa delle ferite il 23 luglio.

2 luglio

Lili Goren-Friedman (54) - Gerusalemme
Batsheva Unterman (33) - Gerusalemme
Jean Relevy (68) - Gerusalemme

Tre donne sono state uccise e altre 50 sono rimaste ferite in un attacco terroristico a Gerusalemme. Alla guida di un bulldozer su Jaffa Road, tra la stazione centrale degli autobus e il mercato Mahane Yehuda, il terrorista si è schiantato contro auto, pedoni e due autobus pubblici che trasportavano circa 50 passeggeri. La polizia ha sparato e ucciso il terrorista.

5 giugno

Amnon Rosenberg (51) - Kibbutz Nirim

Rosenberg è stato ucciso e altri quattro sono rimasti feriti quando un mortaio sparato da terroristi palestinesi della Striscia di Gaza è esploso davanti alla fabbrica di vernici Nirlat nel Kibbutz Nir-Oz. Hamas ha rivendicato l'attacco.

12 maggio

Shuli Katz (70) – Kibbutz Gevaram

Ucciso dal lancio di un razzo mentre era in visita a parenti in una città a 9 miglia dalla Striscia di Gaza.

9 maggio

Jimmy Kadoshim (48) - Kfar Aza

Ucciso da colpi di mortaio provenienti dalla Striscia di Gaza mentre si prendeva cura del suo giardino.

25 aprile

Shimon Mizrahi (53) - Bat Hefer
Eli Wasserman (51) - Alfei Menashe

Le due guardie di sicurezza sono state uccise in un attacco a fuoco nel parco industriale Nitzanei Shalom, nel centro di Israele. Un terrorista è riuscito a infiltrarsi nella zona, ha aperto il fuoco contro le guardie a distanza ravvicinata ed è fuggito. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Al-Quds della Jihad islamica e da Izzadin al-Qassam di Hamas.

16 aprile

Sergente Menhash al-Banyat (20) - Kseife
Sergente. Matan Ovdati (19) - Moshav Patish
Sergente. David Papian (21) – Tel Aviv

I tre soldati dell'IDF sono stati uccisi in uno scontro con uomini armati palestinesi che si avvicinavano alla barriera di sicurezza di Gaza a sud del terminale di carburante di Nahal Oz. Nello stesso incidente sono rimasti feriti altri tre soldati.

9 aprile

Oleg Lipson (37) - Beersheva
Lev Cherniak (53) - Beersheva

Ucciso quando terroristi palestinesi, dopo aver sparato una salva di mortai nella zona di Nahal Oz, penetrarono nel terminal del carburante e aprirono il fuoco sui dipendenti civili.

9 aprile

St.-Sgt. Sayef Bisan (21) - Jat

Bisan, un soldato druso della Galilea occidentale, è stato ucciso in uno scontro a fuoco con terroristi palestinesi durante un'operazione notturna dell'IDF contro le infrastrutture terroristiche nel sud della Striscia di Gaza. Altri due soldati sono rimasti feriti.

6 marzo

Segev Peniel Avihail (15) - Neve Daniel
Neria Cohen (15) - Gerusalemme
Yonatan Yitzhak Eldar (16) - Shilo
Yehonadav Hirschfeld (19) - Kohav Hashahar
Yohai Lifshitz (18) - Gerusalemme
Doron Meherete (26) - Ashdod
Avraham David Moses ( 16) - Efrat
Ro'i Roht (18) - Elkana

Otto studenti della Mercaz Harav Yeshiva di Gerusalemme sono stati brutalmente uccisi quando un terrorista armato di fucile d'assalto Kalashnikov si è infiltrato nella yeshivah e ha aperto il fuoco nella biblioteca dove circa 80 persone, per lo più adolescenti e insegnanti, erano riunite per studi religiosi. Altri undici sono rimasti feriti, tre in modo grave. Il terrorista, residente a Gerusalemme Est, è stato ucciso da un ufficiale dell'IDF.

6 marzo

St. Sgt Liran Banai (20) -
Soldato non identificato di Ashkelon (27)

Un soldato dell'IDF non identificato, un inseguitore beduino, è stato ucciso durante un pattugliamento di routine lungo la recinzione di sicurezza nel centro della Striscia di Gaza, vicino a Kissufim, quando terroristi palestinesi hanno fatto esplodere un ordigno esplosivo vicino alla sua jeep. Hamas e la Jihad islamica hanno rivendicato l'attacco. St.-Sgt. Banai, l'autista della jeep, è stato gravemente ferito e in seguito è morto a causa delle ferite riportate il 9 marzo.

1 Marzo

San Sergente. Doron Asulin (20) - Be'er Sheva
St. Sergente. Eran Dan-Gur (20) - Gerusalemme

I due ufficiali dell'IDF sono stati uccisi in uno scontro a fuoco con i terroristi di Hamas durante un'operazione antiterrorismo dell'IDF nel nord di Gaza contro il lancio di razzi. Secondo quanto riferito, gli uomini armati hanno sparato colpi di mortaio, missili anticarro e RPG contro i soldati.

27 febbraio

Roni Yihye (47) – Moshav Bitcha

Yihye, uno studente del Sapir College, è stato ucciso mercoledì pomeriggio quando un razzo Kassam è esploso in un parcheggio vicino al campus di Sderot. Morì poco dopo aver riportato gravi ferite al petto. Hamas ha rivendicato l'attacco.

4 febbraio

Lyubov Razdolskaya (73) - Dimona

Razdolskaya è stata uccisa e altre 38 persone ferite - compreso il marito di Razdolskaya - in un attacco terroristico compiuto da un attentatore suicida in un centro commerciale a Dimona. Un agente di polizia ha sparato e ucciso un secondo terrorista prima che facesse esplodere la sua cintura esplosiva. Hamas ha rivendicato l’attacco e lo ha elogiato come un “atto eroico”.

24 gennaio

L-Cpl Rami Zuari (20) - Beersheva

Zuari, un poliziotto di frontiera, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco a un posto di blocco all'ingresso nord di Shuafat, a nord di Gerusalemme. I Battaglioni di Lotta e Ritorno, un ramo precedentemente anonimo delle Brigate dei Martiri di Aksa di Fatah, hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco.

15 gennaio

Carlos Andrés Chávez (21) - Ecuador

Il giovane volontario di Quito, in Ecuador, è stato ucciso da un cecchino palestinese della Striscia di Gaza mentre lavorava nei campi del Kibbutz Ein Hashlosha. La sparatoria è stata rivendicata dalle Brigate di Hamas Izz al-Din al-Qassam.

2007

28 dicembre

Cpl. Ahikam Amihai (20) - Kiryat Arba
Sergente. David Rubin (21) – Kiryat Arba

Ucciso da terroristi palestinesi durante un'escursione nella zona di Hebron. I due terroristi palestinesi si sono costituiti lo stesso giorno nei servizi segreti palestinesi a Hebron per evitare di essere arrestati dalle forze di sicurezza israeliane.

19 novembre

Ido Zoldan (29) - Shavei Shomron

Ucciso in un attacco a fuoco vicino a Kedumim, nel nord della Cisgiordania, quando i terroristi hanno aperto il fuoco da un'auto di passaggio intorno a mezzanotte. L'attacco terroristico è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

29 ottobre

Magg. Ehud Efrati (34) - Beit Yehoshua

Efrati, un ufficiale riservista dell'IDF. è stato ucciso in uno scontro a fuoco con terroristi palestinesi nel sud della Striscia di Gaza, vicino al valico di Sufa.

17 ottobre

Sergente Ben Kubani (20) – Hadera

Ucciso in uno scontro a fuoco con terroristi palestinesi durante l'attività dell'IDF contro le infrastrutture terroristiche vicino a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza.

18 settembre

St.Sgt. Ben-Zion Haneman (21) -Moshav nov

Ucciso in uno scontro a fuoco con terroristi durante un'attività dell'IDF contro un attacco terroristico pianificato congiuntamente da agenti di Hamas e organizzazioni terroristiche del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (FPLP) nel campo profughi di Ein Beit Ilmeh nella città di Cisgiordania. Nablus.

12 luglio

San Sergente. Arbel Reich (21) - Yuvalim

Ucciso durante un'imboscata da parte dei terroristi di Hamas alle truppe dell'IDF impegnate in attività antiterrorismo nel campo profughi di Bureij, nel centro della Striscia di Gaza. I terroristi hanno fatto esplodere ordigni esplosivi precedentemente piazzati e poi hanno aperto il fuoco con giochi di ruolo e mitragliatrici.

27 maggio

Oshri Oz (36) - Hod Hasharon

Ucciso quando un razzo Kassam è atterrato vicino alla sua auto a Sderot. Hamas ha rivendicato l'attacco.

21 maggio

Shirel Friedman (32) – Sderot

Uccisa quando un razzo Kassam lanciato dai terroristi a Gaza ha colpito direttamente la sua auto vicino al centro commerciale nel centro della città.

25 febbraio

Erez Levanon (42) - Bat Ayin

Il corpo di Levanon, del blocco di insediamenti di Gush Etzion, è stato trovato vicino a Beit Omar, a nord di Halhul. È stato ucciso da molteplici coltellate

29 gennaio

Emi Haim Elmaliah (32) - Eilat
Michael Ben Sa'adon (27) - Eilat
Israel Zamalloa (26) - Eilat

Tre persone sono state uccise in un attentato suicida in una panetteria residenziale nella città meridionale di Eilat. La Jihad islamica e le Brigate dei martiri di Fatah al-Aqsa hanno rivendicato l'attacco, insieme allo sconosciuto “Esercito dei credenti”.

2006

5 febbraio - Kinneret Ben Shalom Hajbi, 58 anni, di Petah Tikva è stato accoltellato a morte da un terrorista palestinese mentre viaggiava su un taxi di servizio numero 51 per Tel Aviv. Altri cinque passeggeri sono rimasti feriti.

1 marzo – Eldar Abir, 48 anni, di Migdalim è stato ucciso quando due palestinesi gli hanno sparato a bruciapelo nella stazione di servizio vicino a Migdalim in Cisgiordania. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

30 marzo – Rafi Halevy, 63 anni, e sua moglie Helena, 58 anni, di Kedumim, Re'ut Feldman, 20, di Herzliya, e Shaked Lasker, 16, di Kedumim sono stati uccisi da un autostoppista suicida travestito da yeshivah ultra- ortodossa studente ha fatto esplodere il suo ordigno esplosivo in un veicolo privato vicino all'ingresso di Kedumim.

17 aprile: undici persone sono state uccise e oltre 60 ferite in un attentato suicida durante le vacanze di Pasqua presso il ristorante Rosh Ha'ir shawarma, vicino alla vecchia stazione centrale degli autobus di Tel Aviv. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Philip Balhasan, 45 anni, di Ashdod; Rozalia Beseneyi, 48 anni, e Pirosca Boda 50, della Romania; Marcel Cohen, 73 anni, di Nizza, Francia; Ariel Darhi, 31 anni, di Bat Yam; Victor Erez, 60 anni, di Givatayim; Binyamin Haputa, 47 anni, di Lod; David Shaulov, 29 anni, di Holon; Lily Yunes, 42 anni, di Oranit. Lior Anidzar, 26 anni, di Tel Aviv è morto a causa delle ferite il 13 maggio. Daniel Wultz, 16 anni, di Weston, Florida (USA) è morto il 14 maggio.

11 giugno - Marwan Abed Shweika, 35 anni, del quartiere di Abu Tor a Gerusalemme è stato ucciso e altri due arabi israeliani sono rimasti feriti in un attacco a fuoco mentre guidava a tarda notte sull'autostrada della Cisgiordania a nord di Gerusalemme.

25 giugno - Il tenente Hanan Barak, 20 anni, di Arad e il sergente. Pavel Slutzker, 20 anni, di Dimona è stato ucciso quando terroristi delle organizzazioni terroristiche di Hamas e dei Comitati di Resistenza Popolare si sono infiltrati nel territorio israeliano tra i valichi di Kerem Shalom e Sufa, attraverso un tunnel scavato nella zona di Rafah. Un altro soldato è stato rapito e altri quattro sono rimasti feriti.

25 giugno – Eliyahu Pinhas Asheri, 18 anni, di Itamar è stato rapito da terroristi dei Comitati di Resistenza Popolare mentre faceva l'autostop da Betar Illit, a sud-ovest di Betlemme, a Neveh Tzuf, dove stava studiando. Il suo corpo è stato ritrovato il 29 giugno a Ramallah. Si ritiene che sia stato assassinato poco dopo il suo rapimento.

17 luglio - St.-Sgt. Osher Damari, 20 anni, di Netanya è stato ucciso e sei soldati dell'IDF feriti da un ordigno esplosivo a Nablus mentre le truppe del battaglione Haruv erano impegnate in attività antiterrorismo. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

27 luglio – Il corpo bruciato del dottor Daniel Yaakobi, 59 anni, un medico di Yakir in Cisgiordania, è stato trovato nel bagagliaio della sua auto vicino a Qalqilya. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

10 agosto - Angelo Frammartino, 24 anni, di Monte Rotondo, Italia, è stato accoltellato a morte da un coltello arabo mentre camminava con gli amici in via Sultan Suleiman a Gerusalemme est . Si ritiene che l'attacco sia stato un attacco terroristico di matrice nazionalistica e non un tentativo di rapina.

19 agosto - St.-Sgt. Ro'i Farjoun, 21 anni, di Yehud è stato ucciso quando un terrorista ha aperto il fuoco al checkpoint di Bekaot nella Valle del Giordano. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

12 settembre – Un inseguitore beduino di riserva dell'IDF, 44 anni, è stato ucciso dal fuoco di un cecchino nel corso di un'operazione dell'esercito per scoprire infrastrutture terroristiche nella Striscia di Gaza, vicino al valico di Kissufim. La sparatoria è stata rivendicata dal braccio armato di Hamas e dai Comitati di resistenza popolare.

1 novembre - Il sergente maggiore Kiril Golenshein, 21 anni, di Moshav Keshet, è stato ucciso dal proiettile di un cecchino mentre la sua unità entrava nella città di Beit Hanoun nella Striscia di Gaza all'inseguimento di terroristi che lanciavano razzi Kassam contro Israele.

15 novembre – Fatima Slutsker, 57 anni, di Sderot, è stata uccisa da un razzo Kassam lanciato sulla città da terroristi palestinesi nella Striscia di Gaza. Una raffica di sei razzi ha colpito Sderot intorno alle 7 del mattino, ferendo gravemente anche una guardia di sicurezza del ministro della Difesa Amir Peretz.

21 novembre - Yaakov Yaakobov, 43 anni, di Sderot, è morto dopo una giornata di lotta da parte dei medici per salvargli la vita dopo essere stato ferito a morte da un razzo Kassam lanciato al mattino da terroristi palestinesi nella Striscia di Gaza.

 

2005

2 gennaio - Nissim Arbiv, 25 anni, di Nissanit nella Striscia di Gaza è stato ferito a morte in un attacco di mortaio mentre lavorava nella zona industriale di Erez. È morto per le ferite riportate l'11 gennaio. Altri due sono rimasti feriti nell'attacco, di cui Hamas ha rivendicato la responsabilità.

7 gennaio - St.-Sgt. Yosef (Yossi) Atia, 21 anni, di Petah Tikva, è stato ucciso e tre suoi compagni soldati fuori servizio sono rimasti feriti quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco sulla loro auto sull'autostrada Trans-Samaria. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

12 gennaio – Gideon Rivlin, 50 anni, di Ganei Tal è stato ucciso e tre soldati dell'IDF sono rimasti feriti quando una bomba è stata fatta esplodere mentre un veicolo militare pattugliava il percorso vicino a Morag, nel sud della Striscia di Gaza. Due terroristi sono stati uccisi dalle forze dell'IDF. L'area era dotata di trappole esplosive, oltre alla bomba che è esplosa. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

13 gennaio – Giovedì notte, poco prima della chiusura del valico di Karni, i terroristi hanno attivato un ordigno esplosivo sul lato palestinese, aprendo un buco nella porta attraverso la quale terroristi palestinesi si sono infiltrati nel lato israeliano del valico e hanno aperto il fuoco contro i civili israeliani. In seguito all'esplosione e agli scontri a fuoco, sei civili israeliani e tre terroristi palestinesi sono rimasti uccisi, mentre cinque civili israeliani sono rimasti feriti. Hamas e le Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa hanno rivendicato la responsabilità congiunta dell'attacco. Le vittime: Dror Gizri, 30 anni, di Sderot; Ibrahim Kahili, 46 anni, di Umm al-Ghanem; Munam Abu Sabia, 33 anni, di Daburiyeh; Ivan Shmilov, 53 anni, di Sderot; Herzl Shlomo, 51 anni, di Sderot; e Ofer Tiri, 23 anni, di Ashkelon.

15 gennaio - Ayala-Haya (Ella) Abukasis, 17 anni, di Sderot è stata ferita a morte quando un razzo Qassam è atterrato vicino a lei e le schegge le sono penetrate nel cervelletto, lasciandole il cervello morto. È stata colpita mentre proteggeva il fratello minore, che è rimasto leggermente ferito. Mantenuta in supporto vitale per tutta la settimana, i suoi genitori hanno accettato di interrompere il trattamento quando i medici hanno detto loro che non c'erano possibilità di recupero. È morta il 21 gennaio.

18 gennaio – Oded Sharon, 36 anni, di Gan Yavne, un ufficiale dell'ISA, è stato ucciso, un ufficiale dell'IDF gravemente ferito, e quattro soldati dell'IDF e tre membri dell'ISA sono rimasti leggermente feriti in un attentato suicida all'incrocio di Gush Katif nel Striscia di Gaza centrale. Mentre venivano effettuate le operazioni di perquisizione in un posto all'incrocio, l'attentatore suicida con esplosivo legato al corpo si è fatto esplodere. Hamas ha rivendicato l'attacco.

25 febbraio - Cinque persone sono state uccise e 50 ferite venerdì notte, quando un attentatore suicida si è fatto esplodere fuori dallo Stage club sul lungomare di Tel Aviv intorno alle 23:20, all'angolo tra le strade Herbert Samuel e Yonah Hanavi. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Yitzhak Buzaglo, 40 anni, di Mishmar Hayarden; Aryeh Nagar, 37 anni, di Kfar Sava; Yael Orbach, 28 anni, di Rehovot; Ronen Ruevenov, 30 anni, di Tel Aviv. Odelia Hubara, 26 anni, di Gerusalemme, è morta per le ferite il 28 febbraio.

2 maggio - St.-Sgt. Dan Talasnikov, 21 anni, di Nir Galim è stato ucciso e un altro soldato leggermente ferito in uno scontro a fuoco durante un'operazione per arrestare terroristi ricercati della Jihad islamica nel villaggio di Saida, a nord di Tulkarem. Uno dei terroristi responsabili dell'attentato suicida del 25 febbraio a Tel Aviv è stato ucciso. Arrestato il secondo terrorista.

7 giugno – Tre lavoratori sono stati uccisi e cinque feriti quando un razzo Qassam ha colpito un capannone per imballaggi a Ganei Tal, nella Striscia di Gaza, penetrando nel tetto dell'edificio ed esplodendo all'interno. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. L'operaio cinese ucciso è stato identificato come Bi Shude, 46 anni, della provincia di Jilin, nel nord-est della Cina. I lavoratori palestinesi uccisi erano Salah Ayash Imran, 57 anni, di Khan Yunis, sposato e padre di 8 figli, e Muhammed Mahmoud Jaroun, di Khan Yunis.

19 giugno - Sottufficiale dell'IDF, sergente-magg. Avi Karouchi, 25 anni, di Be'er Sheva è stato ucciso e due soldati sono rimasti feriti in un attacco palestinese coordinato in cui missili RPG e colpi di arma da fuoco sono stati sparati contro una forza di ingegneria dell'IDF che stava conducendo lavori di costruzione sulla rotta Filadelfia lungo il confine israelo-egiziano. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

20 giugno - Yevgeny Reider, 28 anni di Hermesh, è stato ucciso e un adolescente di 16 anni è rimasto ferito in un attacco terroristico nel villaggio di Baka A-Sharkiya, nel nord della Cisgiordania. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

24 giugno – Avihai Levy, 17 anni, di Beit Hagai è stato ucciso in una sparatoria da parte di un terrorista in una fermata di autostop a circa 200 metri dall'ingresso di Beit Hagai, a sud di Hebron. Aviad Mansour, 16 anni, di Otniel, ferito a morte nell'attacco, è morto il 26 giugno. Altri tre sono rimasti feriti. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri della Jihad Islamica e di Fatah al-Aqsa.

12 luglio - Rachel Ben Abu, 16 anni, di Tel Aviv; Nofar Horowitz, 16 anni, di Tel Aviv; e Julia Voloshin, 31 anni, di Netanya sono stati uccisi e circa 90 persone sono rimaste ferite quando un attentatore suicida si è fatto esplodere fuori dal centro commerciale Hasharon a Netanya. Anya Lifshitz, 50 anni, di Netanya, ferita a morte, è morta a causa delle ferite il 13 luglio. Cpl. Moshe Maor Jan, 21 anni, di Netanya è morto per le ferite il 14 luglio. L'attentatore è stato identificato come Ahmed Abu Khalil, 18 anni, del villaggio di Atil, in Cisgiordania. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

14 luglio – Dana Gelkovitch, 22 anni, del Kibbutz Bror Hayil, è stata uccisa da un razzo Qassam lanciato contro Netiv Ha'asara nel nord della Striscia di Gaza. Hamas, Jihad islamica e Fatah hanno rivendicato l'attacco. 

23 luglio – Dov, 58 anni, e Rachel Kol, 53 anni, di Gerusalemme sono stati uccisi sabato notte tardi vicino al valico di Kissufim nel sud della Striscia di Gaza mentre tornavano a casa da una visita alla famiglia a Gush Katif. Altri tre sono rimasti feriti. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri della Jihad Islamica e di Fatah al Aqsa.

24 agosto - Shmuel Mett, 21 anni, britannico, uno studente di Mir Yeshiva, stava tornando dal Muro Occidentale alla yeshivah nel quartiere Beit Yisrael di Gerusalemme quando è stato pugnalato a morte vicino alla Porta di Giaffa nella Città Vecchia. Altri due studenti sono rimasti feriti.

21 settembre – Sasson Nuriel, 55 anni, di Gerusalemme è stato rapito e ucciso da terroristi palestinesi. Il suo corpo è stato ritrovato il 26 settembre in una discarica nella zona industriale di Bitunya, a ovest di Ramallah. Hamas ha rivendicato l'attacco.

16 ottobre – Matat (Rosenfeld) Adler, 21 anni, e sua cugina, Kineret Mandel, 23 anni, entrambi di Carmel, e Oz Ben-Meir, 15, di Maon, sono stati uccisi e tre feriti quando i palestinesi hanno aperto il fuoco all'incrocio di Gush Etzion a sud di Gerusalemme. Un altro adolescente è stato gravemente colpito da colpi di arma da fuoco vicino a Eli, in Samaria. Entrambi gli attacchi sono stati rivendicati dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

26 ottobre - Michael Kaufman, 68, di Hadera, Pirhiya Machlouf, 53, di Hadera, Sabiha Nissim, 66, di Moshav Ahituv, Jamil Qa'adan, 48, di Baka al-Gharbiya, e Ya'acov Rahmani, 68, di Gli Hadera sono stati assassinati da un attentatore suicida che si è fatto esplodere al mercato all'aperto di Hadera. Una sesta vittima, Genia Poleis, 66 anni, di Hadera, è morta per le ferite riportate 11 giorni dopo, sabato 5 novembre. La Jihad islamica ha rivendicato la responsabilità dell'atrocità.

2 novembre - St.-Sgt. Yonatan Evron, 20 anni, di Rishon Lezion, è stato ferito a morte in uno scontro a fuoco con terroristi vicino alla città di Jenin, in Cisgiordania, prima dell'alba. L'unità di Evron stava fornendo sicurezza per un raid notturno in un nascondiglio terroristico nel villaggio di Marka quando i terroristi hanno aperto il fuoco durante un'imboscata intorno alle 3 del mattino, ferendolo. È morto mentre veniva trasportato in ospedale in elicottero.

9 novembre - Hussam Fathi Mahajna, 36 anni, un uomo d'affari arabo israeliano di Umm al-Fahm, è stato tra le 57 persone uccise e 300 ferite in attacchi simultanei da parte di attentatori suicidi ad Amman, in Giordania, in tre hotel di lusso. Mahajna è stata ospite ad un matrimonio tenutosi al Radisson Hotel, noto per essere popolare tra i turisti israeliani. Al-Qaeda ha rivendicato la responsabilità degli attentati.

5 dicembre - Cinque persone sono state uccise e oltre 50 ferite in un attentato suicida all'ingresso del centro commerciale Sharon a Netanya. Il terrorista ha fatto esplodere la bomba quando è stato fermato dalle guardie di sicurezza, una delle quali è rimasta uccisa. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Haim Amram, 26 anni, di Netanya, guardia di sicurezza del centro commerciale; Alexandra Garmitzky, 65 anni, di Netanya; Daniel Golani, 45 anni, di Nahariya; Elia Rosen, 38 anni, di Bat Hefer; e Keinan Tsuami, 20 anni, di Petah Tikva.

8 dicembre - Il sergente. Nir Kahane, 20 anni, di Kiryat Tivon, è stato accoltellato a morte al checkpoint di Kalandiya, a sud di Ramallah. L'aggressore è stato arrestato. Le Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa hanno rivendicato l'attacco.

16 dicembre – Yosef (Yossi) Shok, 35 anni, di Beit Hagai è stato ucciso in un attacco a fuoco mentre tornava a casa sulle colline meridionali di Hebron. Due passeggeri sono rimasti feriti. Le Brigate dei Martiri della Jihad Islamica e di Fatah Al-Aqsa hanno rivendicato la responsabilità congiunta dell'attacco.

29 dicembre - Il tenente Ori Binamo, 21 anni, di Nesher è stato ucciso quando un terrorista in viaggio per effettuare un attacco in Israele si è fatto esplodere a un posto di blocco allestito vicino a Tulkarem a seguito di una segnalazione dell'intelligence. Nell'esplosione sono rimasti uccisi anche un secondo terrorista suicida, il tassista e un terzo passeggero. Tre soldati e sette palestinesi sono rimasti feriti.

 

2004

13 gennaio - Ro'i Arbel, 29 anni, di Talmon, è stato ucciso in un'imboscata terroristica vicino alla sua casa in Samaria. Altri tre passeggeri del veicolo sono rimasti feriti. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al Aqsa.

14 gennaio: Cpl. Andrei Kegeles, 19 anni, di Nahariya; St.-Sgt. Tzur Or, 20 anni, di Rishon Lezion; la guardia di sicurezza Gal Shapira, 29 anni, di Ashkelon; e il poliziotto di frontiera St.-Sgt. Vladimir Trostinsky, 22 anni, di Rehovot è stato ucciso e 10 feriti quando una donna kamikaze ha fatto esplodere una bomba al valico di Erez nella Striscia di Gaza. Hamas e le Brigate dei Martiri di Fatah Al Aqsa hanno rivendicato la responsabilità congiunta dell'attacco.

29 gennaio - Undici persone sono state uccise e oltre 50 ferite, di cui 13 in modo grave, in un attentato suicida contro un autobus Egged n. 19 all'angolo tra le strade Gaza e Arlozorov a Gerusalemme. Sia le Brigate dei Martiri di Al Aqsa, legate a Fatah, sia Hamas hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco, nominando l'attentatore come Ali Yusuf Jaara, un poliziotto palestinese di 24 anni di Betlemme. Le vittime: Avraham (Albert) Balhasan, 28 anni, di Gerusalemme; Rose Boneh, 39 anni, di Gerusalemme; Hava Hannah (Anya) Bonder, 38 anni, di Gerusalemme; Anat Darom, 23 anni, di Netanya; Viorel Octavian Florescu, 42 anni, di Gerusalemme; Natalia Gamril, 53 anni, di Gerusalemme; Yechezkel Isser Goldberg, 41 anni, di Betar Illit; Baruch (romano) Hondiashvili, 38 anni, di Gerusalemme; Dana Itach, 24 anni, di Gerusalemme; Mehbere Kifile, 35 anni, dell'Etiopia; ed Eli Zfira, 48 anni, di Gerusalemme.

22 febbraio: otto persone vengono uccise e oltre 60 ferite, 11 dei quali scolari, in un attentato suicida sull'autobus n. 14A vicino al Liberty Bell Park. Le Brigate dei Martiri di Fatah Al Aqsa hanno rivendicato l'attacco, compiuto da Mohammed Za'ul, della zona di Betlemme. Le vittime: Ilan Avisidris, 41 anni, di Gerusalemme; Lior Azulai, 18 anni, di Gerusalemme; Yaffa Ben-Shimol, 57 anni, di Gerusalemme; Rahamim Doga, 38 anni, di Mevasseret Zion; Yehuda Haim, 48 anni, di Givat Ze'ev; St.-Sgt. Netanel Havshush, 20 anni, di Gerusalemme; Yuval Ozana, 32 anni, di Gerusalemme; e Benayahu Zuckerman, 18 anni, di Gerusalemme.

26 febbraio - Il sergente maggiore Amir Zimmerman, 25 anni, di Kfar Monash è stato ucciso e altri due soldati feriti quando due terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco vicino al valico di Erez tra la Striscia di Gaza e Israele. I terroristi sono stati uccisi dai soldati. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

27 febbraio - Eitan Kukoi, 30 anni, e sua moglie, Rima Novikov Kukoi, 25 anni, sono stati uccisi in un attacco terroristico sulla strada Lahav-Ashkelon, lungo la Linea Verde . L'FPLP e le Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa hanno entrambi rivendicato la responsabilità dell'attacco.

14 marzo: dieci persone vengono uccise e 16 ferite in un doppio attentato suicida al porto di Ashdod. Hamas e Fatah hanno rivendicato l'attacco. Le vittime: Gil Abutbul, 38 anni, di Ashdod; Danny Assulin, 51 anni, di Ashdod; Avraham Avraham, 34 anni, di Ashdod; Zion Dahan, 30 anni, di Ashdod; Ophir Damari, 31 anni, di Rehovot; Moshe Hendler, 29 anni, di Rehovot; Mazal Marciano, 30 anni, di Ashdod; Avi Suissa, 56 anni, di Kiryat Malakhi; Maurice Tubul, 30 anni, di Ashdod; e Pinhas Avraham Zilberman, 45 anni, di Tel Aviv.

19 marzo – George Khoury, 20 anni, un arabo cristiano e figlio del noto avvocato veterano Elias Khoury di Beit Hanina, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un veicolo mentre faceva jogging nel quartiere di French Hill, a Gerusalemme nord. La Brigata dei Martiri di Fatah Al-Aqsa, che ha rivendicato la responsabilità dell'attacco, ha successivamente pubblicato le scuse.

3 aprile – Yaakov (Kobi) Zagha, 40 anni, di Avnei Hefetz è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un terrorista fuori casa, dopo che sua figlia Hani, 14 anni, è stata colpita e ferita. Hamas ha rivendicato l'attacco.

17 aprile - Poliziotto di frontiera Cpl. Kfir Ohayon, 20 anni, di Eilat è stato ucciso, e altri tre feriti, quando un kamikaze palestinese si è fatto esplodere al valico di Erez. Hamas e Fatah hanno rivendicato la responsabilità congiunta dell'attacco.

25 aprile - Poliziotto di frontiera Cpl. Yaniv Mashiah, 20 anni, di Giaffa, è stato ucciso e altri tre feriti leggermente appena un'ora dopo l'inizio del Giorno della Memoria per i soldati israeliani caduti, quando sono stati sparati colpi di arma da fuoco contro il loro veicolo vicino a Hebron. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Al-Aqsa.

2 maggio - Tali Hatuel, 34 anni, e le sue figlie - Hila, 11, Hadar, 9, Roni, 7 e Merav, 2 - di Katif nella Striscia di Gaza sono state uccise e un altro civile e due soldati feriti quando due terroristi palestinesi hanno sparato contro un'auto israeliana all'ingresso del blocco di insediamenti di Gush Katif nella Striscia di Gaza. Fatah e la Jihad islamica hanno rivendicato la responsabilità congiunta dell'attacco.

11 maggio - Sei soldati dell'IDF sono stati uccisi durante un'operazione dell'IDF per prendere di mira le officine Qassam a Gaza City quando un veicolo corazzato per il trasporto di personale è stato colpito da un ordigno esplosivo piazzato da terroristi palestinesi. Hamas e la Jihad islamica hanno rivendicato l'attacco. I soldati uccisi: il sergente. Adaron Amar, 20 anni, di Eilat; Sergente Aviad Deri, 21 anni, di Maale Adumim; Sergente maggiore Ofer Jerbi, 21 anni, di Moshav Ben-Zakai; Sergente maggiore Ya'akov (Zelco) Marviza, 25 anni, del Kibbutz Hama'apil; Sergente Kobi Mizrahi, 20 anni, del Moshav Mata; e il sergente maggiore. Eitan Newman, 21 anni, di Gerusalemme.

12 maggio: un ufficiale dell'IDF e quattro soldati sono stati uccisi, e tre soldati dell'IDF sono rimasti leggermente feriti, mentre si preparavano a far esplodere un tunnel per il contrabbando di armi sulla rotta Filadelfia vicino al confine israelo-egiziano vicino a Rafah. Il loro veicolo corazzato è esploso, apparentemente dopo essere stato colpito da un razzo anticarro RPG. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. I soldati uccisi: Cpl. Elad Cohen, 20 anni, di Gerusalemme; Il sergente maggiore Aiman ​​Ghadir, 24 anni, di Bir Makhsur; il tenente Aviv Hakani, 23 anni, di Ashdod; Sergente Za'ur (Zohar) Smelev, 19 anni, di Ofakim; e il sergente. Lior Vishinski, 20 anni, di Ramat Gan.

14 maggio - St.-Sgt. Rotem Adam, 21 anni, Rishon Lezion e il sergente. Alexei Hayat, 21 anni, di Be'er Sheva è stato ucciso e due soldati moderatamente feriti dal fuoco di cecchini palestinesi nel campo profughi di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

29 maggio – Il Mag. Shachar Ben-Yishai, 25 anni, di Menahemia è stato ucciso da colpi di arma da fuoco palestinesi a seguito di una perquisizione nel campo di Balata vicino a Nablus. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

21 giugno – Un lavoratore straniero, Weerachai Wongput, 37 anni, del distretto di Nong Han, nella provincia nord-orientale di Udon Thani in Thailandia, è morto dopo essere stato colpito dalle schegge di un mortaio sparate nelle serre a Kfar Darom nella Striscia di Gaza. Il mortaio è stato sparato da palestinesi che cercavano di distogliere l'attenzione dal tentativo di infiltrarsi nell'insediamento. Hamas ha rivendicato l'attacco.

27 giugno - St.-Sgt. Roi Nissim, 20 anni, di Rishon Lezion, è stato ucciso e altri cinque soldati sono rimasti feriti quando il loro avamposto nella Striscia di Gaza è stato fatto saltare in aria dai terroristi di Hamas che hanno scavato un tunnel sotto la posizione e hanno fatto esplodere una massiccia carica esplosiva.

28 giugno - Mordechai Yosepov, 49 anni, e Afik Zahavi, quattro, sono stati uccisi quando un razzo Kassam lanciato dai terroristi di Hamas nella Striscia di Gaza ha colpito vicino a una scuola materna nella città di Sderot, nel nord del Negev.

29 giugno – Moshe Yohai, 63 anni, di Ashdod, è stato trovato ucciso a colpi di arma da fuoco a Beit Rima, un villaggio controllato dall'Autorità Palestinese vicino a Ramallah, dove apparentemente si era recato per affari. Le Brigate dei Martiri di Aksa hanno rivendicato la responsabilità.

4 luglio - Victor Kreiderman, 49 anni, di Mevo Dotan, è caduto in un'imboscata e ucciso a colpi di arma da fuoco dai terroristi delle Brigate dei Martiri di Aksa mentre lui e sua moglie stavano guidando vicino al villaggio di Yabad. Sua moglie Emma è rimasta leggermente ferita.

11 luglio - Il sergente. Ma'ayan Na'im, 19 anni, di Bat Yam, è stato assassinato e altri 33 sono rimasti feriti quando una bomba è esplosa a una fermata dell'autobus nel centro di Tel Aviv intorno alle 7 del mattino. Una persona è rimasta gravemente ferita, quattro moderatamente ferite e il resto. erano leggermente feriti.

13 agosto – Shlomo Miller, 50 anni, di Itamar in Samaria è stato ucciso da un terrorista palestinese che ha aperto il fuoco fuori dal cancello dell'insediamento. La responsabilità è stata rivendicata dalle Brigate dei Martiri di Al-Aqsa.

31 agosto - Sedici persone sono state uccise e 100 ferite in due attentati suicidi a pochi minuti l'uno dall'altro su due autobus urbani di Be'er Sheva, sulle linee n. 6 e 12. Gli autobus viaggiavano lungo la strada principale di Be'er Sheva, Rager Blvd, vicino al municipio. Hamas a Hebron ha rivendicato l'attacco. Le vittime, tutte residenti a Be'er Sheva: Shoshana Amos, 64 anni ; Aviel Atash, 3 anni; Vitaly Brodskij, 52 anni; Tamara Dibrashvilli, 70 anni; Raisa Forer, 55 anni; Larisa Gomanenko, 48 anni; Denise Hadad, 50 anni; Tatiana Kortchenko, 49 anni; Rosita Lehman, 45 anni; Karine Malka, 23 anni; Nargiz Ostrovsky, 54 anni; Maria Sokolov, 57 anni; Roman Sokolovsky, 53 anni; Tekele Tiroyaient, 33 anni; Eliyahu Uzan, 58 anni; Emmanuel Yosef (Yosefov), 28 anni.

22 settembre - Due poliziotti di frontiera - Lance Cpl. Menashe Komemi, 19 anni, di Moshav Aminadav e Lance Cpl. Mamoya Tahio, 20 anni, di Rehovot - sono stati uccisi e 17 israeliani feriti in un attentato suicida compiuto da una terrorista al posto di autostop di French Hill Junction, nel nord di Gerusalemme. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

23 settembre - Capitano Tal Bardugo, 22 anni, di Gerusalemme, St.-Sgt. Nir Sami, 21 anni, di Gerusalemme, e St.-Sgt. Israel Lutati, 20 anni, di Neve Dekalim è stato ucciso da diversi terroristi palestinesi, armati di fucili d'assalto AK-47 e bombe a mano, che si erano infiltrati nella postazione militare vicino alla comunità di Morag, nel sud della Striscia di Gaza. Nello scontro a fuoco nel quale sono rimasti uccisi i terroristi sono rimasti feriti anche un altro soldato e un giornalista. Due gruppi terroristici legati a Fatah e la Jihad islamica hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco.

24 settembre – Tiferet Tratner, 24 anni, di Gerusalemme è stata uccisa nella sua casa a Neve Dekalim da un colpo di mortaio contro il blocco di insediamenti di Gush Katif nella Striscia di Gaza.

29 settembre – Dorit Aniso, 2 anni, e Yuval Abebeh, 4 anni, entrambi di Sderot, sono stati uccisi da un razzo Kassam lanciato da Gaza mentre giocavano per strada. Circa 20 persone sono rimaste ferite. Hamas ha rivendicato l'attacco.

30 settembre - St.-Sgt. Gilad Fisher, 22 anni, di Mitzpeh Hoshaya, è stato ucciso prima dell'alba quando i terroristi di Hamas, coperti da una fitta nebbia, hanno attaccato un posto di vedetta dell'IDF a est di Beit Hanoun nella Striscia di Gaza. Altri due soldati sono rimasti feriti. I terroristi sono stati uccisi.

30 settembre - Shlomit Batito, 36 anni, di Nissanit, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dai terroristi di Hamas mentre faceva jogging sulla strada. Sergente Victor Ariel, 20 anni, di Kadima, un medico, è stato ucciso da una granata lanciata da uno dei terroristi mentre correva in aiuto di Batito. I terroristi sono stati uccisi dai soldati.

6 ottobre – Pratheep Nanongkham, 24 anni, un lavoratore delle serre della provincia di Maha Sarakham in Tailandia, è stato ucciso quando terroristi armati si sono infiltrati nell'area delle serre di Kfar Darom, nel centro della Striscia di Gaza. Hamas ha rivendicato l'attacco.

7 ottobre - Un totale di 32 persone sono state uccise in attentati terroristici in due località di villeggiatura del Sinai frequentate da israeliani: 29 al Taba Hilton e tre a Ras a-Satan. Tra i morti c'erano 12 israeliani; oltre 120 furono feriti. Le vittime israeliane a Taba: Assaf Greenwald, 27 anni, di Ramat Gan; Hafez al-Hafi, 39 anni, di Lod; Rotem Moriah, 27 anni, di Tel Aviv; Tzila Niv, 43 anni, e i suoi due figli, Gilad, 11, e Lior, 3, di Rakefet; Oleg Paizakov, 32 anni, e sua moglie Ludmilla, 30 anni, di Bat Yam; e Khalil Zeitounya, 10 anni, di Giaffa. Le vittime israeliane a Ras a-Satan: Michal Alexander, 27 anni, di Ganei Tikva; Roy Avisaf, 28 anni, di Kfar Sava; e Einat Naor, 27 anni, del Kibbutz Zikim.

19 ottobre - St.-Sgt. Yair Nisim Turgemann, 22 anni, di Kiryat Arba, è stato ucciso in una base dell'IDF vicino a Mevo Dotan in Samaria quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco dal territorio palestinese a ovest della comunità. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

21 ottobre: ​​il sergente maggiore Moshe Almaliach, 35 anni, di Dimona, un sottufficiale di carriera nel corpo del genio dell'IDF, è stato ucciso dall'esplosione di una bomba mentre conduceva lavori di costruzione sulla strada Philadelphi nella Striscia di Gaza. Hamas ha rivendicato l'attacco.

28 ottobre - Il sergente. Michael Chizhik, 21 anni, di Tiberiade è stato ucciso e altri sei soldati feriti in un attacco di mortaio contro un avamposto dell'IDF a Morag, nel sud della Striscia di Gaza. Hamas ha rivendicato l'attacco.

1 novembre - Tre persone sono state uccise e oltre 30 ferite in un attentato suicida al mercato del Carmelo, nel centro di Tel Aviv. Il Fronte popolare per la liberazione della Palestina a Nablus ha rivendicato l'attacco, compiuto da Amar Alfar, 18 anni, del campo profughi di Askar a Nablus. Le vittime: Tatiana Ackerman, 32 anni, di Tel Aviv; Leah Levine, 64 anni, di Givatayim; e Shmuel Levy, 65 anni, di Giaffa.

7 dicembre - St.-Sgt. Nadav Kudinski, 20 anni, di Kiryat Gat dell'unità cinofila di Oketz è stato ucciso da una bomba, insieme al suo cane, quando un colpo di pollo con trappola esplosiva è esploso a nord-ovest del Karni Corssing nella Striscia di Gaza. Quattro soldati sono rimasti feriti nello scontro a fuoco mentre lo evacuavano. Hamas ha rivendicato l'attacco.

12 dicembre - Cinque soldati dell'IDF sono stati uccisi e cinque feriti quando un tunnel pieno di 1,5 tonnellate di esplosivo è stato fatto esplodere sotto una postazione dell'IDF al valico di Rafah, seguito dall'infiltrazione nella postazione di due terroristi che hanno aperto il fuoco e attivato un altro ordigno esplosivo. Hamas e Fatah Hawks hanno rivendicato l'attacco. I soldati uccisi: il sergente. Araf Azbarga, 19 anni, di Kseifeh; Sergente Sa'id Jahaja, 19 anni, di Arara; Sergente Hussein Abu Leil, 23 anni, di Ein Mahal; Corp. Adham Shehada, 19 anni, di Turan; e il sergente. Tarek al-Ziadne, 20 anni, di Rahat.

14 dicembre – Jitladda Tap-arsa, 19 anni, una lavoratrice agricola del distretto di Nong Han di Udon Thani, nel nord-est della Thailandia, è stata uccisa e altri due lavoratori stranieri provenienti dalla Thailandia e dal Nepal sono rimasti feriti da colpi di mortaio sparati contro Ganei Tal nel blocco degli insediamenti di Gush Katif. dalla Striscia di Gaza.

21 dicembre – Ariella Fahima, 39 anni, di Moshav Nehusha, a sud di Beit Shemesh, è stata pugnalata a morte sulla porta di casa sua, apparentemente da un terrorista che si era infiltrato nella recinzione perimetrale.

22 dicembre - Salem (Sami) al-Kimlat, 28 anni, un beduino della città di Rahat impiegato come guardia di sicurezza nel cantiere della barriera di sicurezza a ovest di Hebron, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da terroristi palestinesi. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

 

2003

2 gennaio 2003 - Il corpo carbonizzato di Massoud Makhluf Alon, 72 anni, di Menahemiya nella Bassa Galilea, è stato trovato nella valle settentrionale del Giordano nella sua auto bruciata. L'omicidio è stato rivendicato dalle Brigate Fatah Al-Aqsa.

5 gennaio 2003: ventitré persone - 15 israeliani e 8 cittadini stranieri - sono state uccise e circa 120 ferite in un doppio attentato suicida vicino alla vecchia stazione centrale degli autobus di Tel-Aviv. L'attacco sarebbe stato compiuto da due membri delle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa, con l'aiuto della Jihad islamica. Le vittime israeliane: Moshe (Maurice) Aharfi, 60 anni, di Tel-Aviv; Mordechai Evioni, 52 anni, di Holon; Andrei Friedman, 30 anni, di Tel-Aviv; Meir Haim, 74 anni, di Azor; Hannah Haimov, 53 anni, di Tel Aviv; Avi Kotzer, 43 anni, di Bat Yam; Ramin Nasibov, 25 anni, di Tel Aviv; Sergente maggiore Mazal Orkobi, 20 anni, di Azor; Ilanit Peled, 32 anni, di Azor; Viktor Shebayev, 62 anni, di Holon; Boris Tepalshvili, 51 anni, di Yehud; Sapira Shoshana Yulzari-Yaffe, 46 anni, di Bat Yam; Lilya Zibstein, 33 anni, di Haifa; Amiram Zmora, 55 anni, di Holon; Igor Zobokov, 32 anni, di Bt Yam. Lavoratori stranieri: Krassimir Mitkov Angelov, 32 anni, bulgaro; Steven Arthur Cromwell, 43 anni, del Ghana; Ivan Gaptoniak, 46 anni, ucraino; Ion (Nelu) Nicolae, 34 anni, della Romania; Guo Aiping, 47 anni, cinese; Li Peizhong, 41 anni, cinese; Mihai Sabau, 38 anni, della Romania. Zhang Minmin, 50 anni, cinese, è morta per le ferite il 13 gennaio.

12 gennaio 2003 - Eli Biton, 48 anni, di Moshav Gadish è stato ucciso e quattro persone ferite quando i terroristi si sono infiltrati nella comunità e hanno aperto il fuoco. Due terroristi sono stati uccisi dalle forze israeliane. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

12 gennaio 2003 - Il caporale Mikhail Kazakov, 34 anni, di Gerusalemme è stato ucciso da terroristi infiltrati attraverso il confine tra Israele e Egitto, vicino alla città di Nitzana nel Negev.

17 gennaio 2003 - Netanel Ozeri, 34 anni, è stato ucciso quando i terroristi sono entrati nella sua casa, in un avamposto a nord di Kiryat Arba, e hanno aperto il fuoco. Sua figlia di 5 anni e due amici sono rimasti feriti. Hamas ha rivendicato l'attacco.

23 gennaio 2003 - Cpl. Ronald Berer, 20 anni, di Rehovot; Cpl. Assaf Bitan, 19 anni, di Afula; e St.-Sgt. Ya'akov Naim, 20 anni, di Kfar Monash è stato ucciso dai terroristi mentre era di pattuglia a sud di Hebron. Hamas ha rivendicato l'attacco.

6 febbraio 2003 - 2° tenente Amir Ben-Aryeh, 21 anni, di Maccabim, e St.-Sgt. Idan Suzin, 20 anni, di Kiryat Tivon sono stati uccisi e altri due soldati sono rimasti feriti in un attacco a fuoco nella zona di Nablus. Entrambi gli uomini armati sono stati uccisi dal fuoco di risposta delle truppe dell'IDF. L'attacco è stato rivendicato dal Fronte popolare per la liberazione della Palestina e da Fatah-Tanzim.

11 febbraio 2003 - Il Magg. Shahar Shmul, 24 anni, di Gerusalemme è stato ucciso da un cecchino palestinese vicino alla Chiesa della Natività a Betlemme mentre controllava un veicolo sospetto. L'FPLP e la Jihad islamica hanno rivendicato l'attacco.

Febbraio 15, 2003 - Cpl. Noam Bahagon, 20 anni, di Elkana; Sergente Tal Alexei Belitzky, 21 anni, di Rishon Lezion; St.-Sgt. Doron Cohen, 21 anni, di Rishon Lezion; e il sergente. Itay Mizrahi, 20 anni, di Be'er Sheva è stato ucciso quando il suo carro armato è passato sopra un ordigno esplosivo del peso di 100 kg mentre era di pattuglia nella Striscia di Gaza. Hamas ha rivendicato l'attacco.

23 febbraio 2003 - Il sergente. Doron Lev, 19 anni , di Holon è stato ucciso a colpi di arma da fuoco quando un cecchino palestinese ha aperto il fuoco contro una postazione dell'esercito nel sud della Striscia di Gaza. Il FPLP ha rivendicato l'attacco.

5 marzo 2003: diciassette persone sono state uccise e 53 ferite in un attentato suicida contro un autobus Egged n. 37 su Moriah Blvd. nella sezione Carmel di Haifa, in rotta verso l'Università di Haifa. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Maryam Atar, 27 anni, di Haifa; Smadar Firstater, 16 anni, di Haifa; Kamar Abu Hamed, 12 anni, di Daliat al-Carmel; Daniel Haroush, 16 anni, di Safed; Mordechai Hershko, 41 anni, di Haifa; Tom Hershko, 15 anni, di Haifa; Meital Katav, 20 anni, di Haifa; Elizabeta Katzman, 16 anni, di Haifa; Tal Kerman, 17 anni, di Haifa; St.-Sgt. Eliyahu Laham, 22 anni, di Haifa; Abigail Litle, 14 anni, di Haifa; Yuval Mendelevitch, 13 anni, di Haifa; St.-Sgt. Be'eri Oved, 21 anni, di Rosh Pina ; Mark Takash, 54 anni, di Haifa; Assaf Tzur (Zolinger), 17 anni, di Haifa. Anatoly Biryakov, 20 anni, di Haifa, è morto per le ferite riportate l'8 marzo. Moran Shushan , 20 anni, di Haifa, è morto per le ferite riportate l'11 marzo.

7 marzo 2003 - Il rabbino Eli Horowitz, 52 anni, e sua moglie Dina, 50 anni, di Kiryat Arba, sono stati uccisi e cinque feriti venerdì notte da terroristi armati travestiti da fedeli ebrei che si sono infiltrati a Kiryat Arba, sono entrati nella loro casa e li hanno uccisi mentre erano celebrare il sabato. Hamas ha rivendicato l'attacco.

10 marzo 2003 - St.-Sgt. Tomer Ron, 20 anni, del Moshav Moledet, è stato ucciso e quattro soldati sono rimasti feriti – uno in modo grave – a Hebron, sulla strada tra la Grotta dei Patriarchi e Kiryat Arba, quando terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco su una pattuglia a piedi. Due organizzazioni - Hamas e il Comando Generale del Fronte Popolare di Ahmed Jibril - hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco.

12 marzo 2003 - St.-Sgt. Assaf Moshe Fuchs, 21 anni, del Kibbutz Gvat è stato ucciso e un altro soldato ferito mercoledì mattina in uno scontro a fuoco con terroristi ricercati della Jihad islamica nel villaggio di Saida, in Cisgiordania, vicino a Tulkarem.

Mar 18, 2003 - Sgt.-Mag. (ris.) Ami Cohen, 27 anni, di Netanya è stato ucciso e un altro soldato ferito a sud di Betlemme quando i palestinesi hanno aperto il fuoco durante una ricerca di terroristi ricercati.

19 marzo 2003 - Zion Boshirian, 51 anni, di Mevo Dotan è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre guidava con la sua auto tra Mevo Dotan e Shaked, nel nord della Samaria. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

10 aprile 2003 - St.-Sgt. Yigal Lifshitz, 20 anni, di Rishon Lezion, e St.-Sgt. Ofer Sharabi, 21 anni, di Givat Shmuel sono stati uccisi e altri nove feriti quando terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco prima dell'alba sulla loro base vicino a Bekaot, nel nord della Valle del Giordano. L'FPLP e le Brigate dei Martiri di al-Aqsa hanno rivendicato l'attacco.

15 aprile 2003 - Il tenente Daniel Mandel, 24 anni, di Alon Shvut è stato ucciso e un altro soldato è rimasto ferito in uno scontro a fuoco durante una ricerca di terroristi di Hamas ricercati a Nablus.

15 aprile 2003 - Zachar Rahamin Hanukayev, 39 anni, di Sderot, e Ahmed Salah Kara, 20 anni, di Shuafat, nel nord di Gerusalemme, sono stati uccisi e quattro israeliani sono rimasti feriti quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco all'incrocio della zona industriale di Karni nella Striscia di Gaza. L'uomo armato è stato ucciso dal personale di sicurezza. Hamas ha rivendicato l'attacco.

20 aprile 2003 - Fotografo IDF Cpl. Lior Ziv, 19 anni, di Holon, è stato ucciso e altri tre soldati sono rimasti feriti durante un'operazione per distruggere un tunnel di contrabbando di Hamas a Rafah, nella Striscia di Gaza.

24 aprile 2003 - Alexander Kostyuk, una guardia di sicurezza di 23 anni di Bat Yam, è stato ucciso e 13 feriti, due in modo grave, in un attentato suicida fuori dalla stazione ferroviaria di Kfar Sava. Gruppi legati alle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa e al FPLP hanno rivendicato la responsabilità congiunta dell'attacco.

30 aprile 2003 - Ran Baron, 23 anni, di Tel Aviv, Dominique Caroline Hass, 29, di Tel Aviv, e Yanai Weiss, 46, di Holon, furono assassinati e circa 60 persone rimasero ferite quando un attentatore suicida si fece esplodere in un pub sulla spiaggia, "Mike's Place", a Tel Aviv. Fatah Tanzim e Hamas hanno rivendicato l'attacco, effettuato come operazione congiunta.

5 maggio 2003 - Gideon Lichterman, 27 anni, di Ahiya, è stato ucciso e altri due passeggeri, sua figlia Moriah di sei anni e un soldato di riserva, sono rimasti gravemente feriti quando i terroristi hanno sparato contro il loro veicolo vicino a Shvut Rachel, in Samaria. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

11 maggio 2003 - Zion David, 53 anni, di Givat Ze'ev vicino a Gerusalemme, è stato ucciso da un colpo alla testa da terroristi palestinesi in un'imboscata lungo la strada a mezzo chilometro da Ofra, a nord di Gerusalemme. Sia Fatah che il Fronte popolare per la liberazione della Palestina hanno rivendicato l'attacco.

17 maggio 2003: Gadi Levy e sua moglie Dina, di 31 e 37 anni, di Kiryat Arba vengono uccisi da un attentatore suicida a Hebron. Hamas ha rivendicato l'attacco.

18 maggio 2003: sette persone vengono uccise e 20 ferite in un attentato suicida sull'autobus n. 6 vicino a French Hill a Gerusalemme. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Olga Brenner, 52 anni; Yitzhak Moyal, 64 anni; Nelly Perov, 55 anni; Marina Tsahivershvili, 44 anni; Shimon Ustinskij, 68 anni; e Roni Yisraeli, 34 anni - tutti del quartiere Pisgat Ze'ev a Gerusalemme; e Ghalab Tawil, 42 anni, di Shuafat. Un secondo attentatore suicida ha fatto esplodere la sua bomba quando è stato intercettato dalla polizia nel nord di Gerusalemme. Il terrorista è stato ucciso; nessun altro è rimasto ferito.

19 maggio 2003 - Kiryl Shremko, 22 anni, di Afula; Hassan Ismail Tawatha, 41 anni, di Jisr a-Zarqa; e Avi Zerihan, 36 anni, di Beit She'an sono stati uccisi e circa 70 persone sono rimaste ferite in un attentato suicida all'ingresso del centro commerciale Amakim ad Afula. La Jihad islamica e le Brigate dei martiri di Fatah al-Aqsa hanno entrambe rivendicato l'attacco.

5 giugno 2003 – I corpi di David Shambik, 26 anni, e Moran Menachem, 17 anni, entrambi di Gerusalemme, sono stati ritrovati vicino all'ospedale Hadassah Ein Karem di Gerusalemme, brutalmente picchiati e pugnalati a morte.

8 giugno 2003 - Il sergente. Magg. (Res.) Assaf Abergil, 23 anni, di Eilat; Sergente Magg. (Res.) Udi Eilat, 38 anni, di Eilat; Sergente Magg. Boaz Emete, 24 anni, di Beit She'an; e il sergente. Il Maggiore (Res.) Chen Engel, 32 anni, di Ramat Gan è stato ucciso e quattro soldati di riserva sono rimasti feriti quando terroristi palestinesi che indossavano uniformi dell'IDF hanno aperto il fuoco su un avamposto dell'IDF vicino al checkpoint di Erez e alla zona industriale nella Striscia di Gaza. Tre terroristi sono stati uccisi dai soldati dell'IDF. Le Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa, Hamas e la Jihad islamica hanno rilasciato una dichiarazione congiunta rivendicando la responsabilità dell'attacco.

8 giugno 2003 - St.-Sgt. Matan Gadri, 21 anni, del Moshav Moledet è stato ucciso a Hebron mentre inseguiva due uomini armati palestinesi che in precedenza avevano ferito un poliziotto di frontiera di guardia alla Tomba dei Patriarchi. I due terroristi furono uccisi.

11 giugno 2003 - Diciassette persone sono state uccise e oltre 100 ferite in un attentato suicida sull'autobus Egged n. 14A fuori dall'edificio Klal su Jaffa Road, nel centro di Gerusalemme. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: il sergente. Tamar Ben-Eliahu, 20 anni, del Moshav Paran; Alan Beer, 47 anni, di Gerusalemme; Eugenia Berman, 50 anni, di Gerusalemme; Elsa Cohen, 70 anni, di Gerusalemme; Zvi Cohen, 39 anni, di Gerusalemme; Roi Eliraz, 22 anni, di Mevaseret Zion; Alexander Kazaris, 77 anni, di Gerusalemme; Yaffa Mualem, 65 anni, di Gerusalemme; Yaniv Obayed, 22 anni, di Herzliya; >Bat-El Ohana, 21 anni, di Kiryat Ata; Anna Orgal, 55 anni, di Gerusalemme; Zippora Pesahovitch;, 54 anni, di Zur Hadassah; Bianca Shahrur, 62 anni, di Gerusalemme; Malka Sultan, 67 anni, di Gerusalemme; Bertine Tita, 75 anni, di Gerusalemme. Miriam Levy, 74 anni, di Gerusalemme è morta per le ferite riportate il 12 giugno. La 17esima vittima, un maschio, che non è stato ancora identificato con certezza, si ritiene sia un lavoratore straniero proveniente dall'Eritrea.

12 giugno 2003 - Avner Maimon, 51 anni, di Netanya, è stato trovato ucciso a colpi di arma da fuoco nella sua auto vicino a Yabed, nel nord della Samaria. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

13 giugno 2003 - St.-Sgt. Mordechai Sayada, 22 anni, di Tirat Carmel, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco a Jenin da un cecchino palestinese mentre passava la sua pattuglia di jeep. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

17 giugno 2003 – Noam Leibowitz, 7 anni, di Yemin Orde è stata uccisa e tre membri della sua famiglia sono rimasti feriti in un attacco a fuoco vicino all'incrocio del Kibbutz Eyal sull'autostrada Trans-Israele. Il terrorista ha sparato dalla periferia della città di Kalkilya, in Cisgiordania. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa e dal Comando Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina.

19 giugno 2003 - Avner Mordechai, 58 anni, del Moshav Sde Trumot, è stato ucciso quando un attentatore suicida è esploso nella sua drogheria a Sde Trumot, a sud di Beit She'an. L'attentatore suicida è stato ucciso. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

20 giugno 2003 - Zvi Goldstein, 47 anni, di Eli, è stato ucciso quando la sua auto è stata colpita da colpi di arma da fuoco in un'imboscata da parte di terroristi palestinesi vicino a Ofra, a nord di Ramallah. I suoi genitori, Eugene e Lorraine Goldstein, di New York, sono rimasti gravemente feriti e sua moglie è rimasta leggermente ferita. Hamas ha rivendicato l'attacco.

26 giugno 2003 – Amos (Amit) Mantin, 31 anni, di Hadera, un impiegato di Bezeq, è stato ucciso in un attacco a fuoco nella città arabo-israeliana di Baka al-Garbiyeh. Gli spari sono stati sparati da un adolescente palestinese, che è stato arrestato dalla polizia. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

27 giugno 2003 - Il sergente. Il maggiore Erez Ashkenazi, 21 anni, del Kibbutz Reshafim, un commando della marina israeliana, è stato ucciso in un'operazione a Gaza per catturare una cellula di Hamas, ritenuta responsabile di diversi attentati e del lancio di missili anticarro nell'area di Netzarim.

30 giugno 2003 - Krastyu Radkov, 46 anni, un operaio edile bulgaro, è stato ucciso in un attacco a fuoco sulla tangenziale di Yabed , nel nord della Samaria, a ovest di Jenin mentre era alla guida di un camion. Le Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa hanno rivendicato l'attacco, in opposizione al cessate il fuoco dichiarato.

7 luglio 2003 - Mazal Afari, 65 anni, di Moshav Kfar Yavetz è stata uccisa nella sua casa lunedì sera e tre dei suoi nipoti sono rimasti leggermente feriti in un attentato suicida terroristico. Tra le macerie della casa sono stati ritrovati anche i resti dell'attentatore. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

15 luglio 2003 - Amir Simhon, 24 anni, di Bat Yam è stato ucciso quando un palestinese armato di coltello a lama lunga ha pugnalato dei passanti sul lungomare di Tel Aviv dopo che una guardia di sicurezza gli aveva impedito di entrare nel bar Tarabin ed è rimasto ferito. Il terrorista, che è stato colpito e arrestato, è un membro delle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

21 luglio 2003 - Il corpo del soldato dell'IDF Cpl. Oleg Shaichat, 20 anni, di Nazareth Alta, rapito e assassinato il 21 luglio mentre tornava a casa, è stato ritrovato il 28 luglio, sepolto in un uliveto vicino a Kafr Kana, un villaggio arabo nella Bassa Galilea.

8 agosto 2003 - Il terzo sottufficiale Roi Oren, 20 anni, un commando della Marina israeliana, è stato colpito alla testa e ucciso durante un assalto a una fabbrica di bombe di Hamas a Nablus.

10 agosto 2003 - Haviv Dadon, 16 anni, di Shlomi, è stato colpito al petto e ucciso dalle schegge di un proiettile antiaereo sparato dai terroristi Hezbollah in Libano, mentre sedeva con gli amici dopo il lavoro. Altri quattro sono rimasti feriti.

12 agosto 2003 - Yehezkel (Hezi) Yekutieli, 43 anni, di Rosh Ha'ayin, è stato assassinato da un adolescente kamikaze palestinese che si è fatto esplodere mentre Yekutieli stava facendo la spesa per la colazione dei suoi figli al supermercato locale.

12 agosto 2003 - Erez Hershkovitz, 18 anni, di Eilon Moreh, è ​​stato assassinato da un adolescente kamikaze palestinese che si è fatto esplodere alla fermata dell'autobus fuori Ariel meno di mezz'ora dopo l'attacco di Rosh Ha'ayin. Amatzia Nisanevitch, 22 anni, di Nofim, è morta per le ferite il 28 agosto.

19 agosto 2003 – 23 persone sono state uccise e 134 ferite quando un kamikaze palestinese si è fatto esplodere su un autobus Egged n. 2 nel quartiere Shmuel Hanavi di Gerusalemme. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Avraham Bar-Or, 12 anni, di Gerusalemme; Binyamin Bergman, 15 anni, di Gerusalemme; Yaakov Binder, 50 anni, di Gerusalemme; Feiga Dushinski, 50 anni, di Gerusalemme; Miriam Eisenstein, 20 anni, di Bnei Brak; Lilach Kardi, 22 anni, di Gerusalemme; Menachem Leibel, 24 anni, di Gerusalemme; Elisheva Meshulami, 16 anni, di Bnei Brak; Tehilla Nathanson, 3 anni, di Zichron Ya'acov; Chava Nechama Rechnitzer, 19 anni, di Bnei Brak; Mordechai Reinitz, 49 anni, e Issachar Reinitz, 9 anni, di Netanya; Maria Antonia Reslas, 39 anni, delle Filippine; Liba Schwartz, 54 anni, di Gerusalemme; Hanoch Segal, 65 anni, di Bnei Brak; Goldie Taubenfeld, 43 anni, e Shmuel Taubenfeld, 3 mesi, di New Square, New York; Rabbi Eliezer Weisfish, 42 anni, di Gerusalemme; Shmuel Wilner, 50 anni, di Gerusalemme; Shmuel Zargari, 11 mesi, di Gerusalemme. Fruma Rahel Weitz, 73 anni, di Gerusalemme è morta per le ferite il 23 agosto; Mordechai Laufer, 27 anni, è morto il 5 settembre; e Tova Lev, 37 anni , sono morti il ​​12 settembre.

29 agosto 2003 - Shalom Har-Melekh, 25 anni, di Homesh è stato ucciso in un attacco a fuoco mentre guidava a nord-est di Ramallah. Sua moglie, Limor, incinta di sette mesi, ha riportato ferite moderate e ha dato alla luce una bambina con taglio cesareo. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

4 settembre 2003 - St.-Sgt. Gabriel Uziel, 20 anni, di Givat Ze'ev è stato colpito e ferito a morte da un cecchino terrorista a Jenin; è morto durante il viaggio verso l'ospedale. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa e dalla Jihad islamica.

5 settembre 2003 – Il secondo sottufficiale Ra'anan Komemi, 23 anni, di Moshav Aminadav, dei Commandos navali, è stato ucciso in uno scontro con palestinesi armati a Nablus. Nello scontro è rimasto ucciso anche un importante costruttore di bombe di Hamas, ritenuto aver orchestrato diversi attentati suicidi mortali. Quattro soldati sono rimasti feriti, uno gravemente.

9 settembre 2003 - Otto soldati dell'IDF sono stati uccisi e 32 persone sono rimaste ferite in un attentato suicida in un posto di autostop per soldati fuori dall'ingresso principale della base militare di Tzrifin e dell'ospedale Assaf Harofeh. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Haim Alfasi, 39 anni, maresciallo maggiore di Haifa; Primo maresciallo Yaakov Ben Shabbat, 39 anni , di Pardes Hanna; Cpl. Mazi Grego, 19 anni, di Holon; il capitano Yael Kfir, 21 anni, di Ashkelon; Cpl. Felix Nikolaichuk, 20 anni, di Bat Yam; Sergente Yonatan Peleg, 19 anni, di Moshav Yanuv; Sergente Efrat Schwartzman, 19 anni, di Moshav Ganei Yehuda; e Cpl. Prosper Twito, 20 anni, di Nazareth Alta.

9 settembre 2003 - Sette persone sono state uccise e oltre 50 ferite da un attentatore suicida al Cafe Hillel in Emek Refaim St., l'arteria principale del quartiere della colonia tedesca a Gerusalemme. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: il dottor David Appelbaum, 51 anni, e sua figlia Nava Appelbaum, 20 anni, di Gerusalemme; David Shimon Avizadris, 51 anni, di Mevaseret Zion; Shafik Kerem, 27 anni, di Beit Hanina; Alon Mizrahi, 22 anni, di Gerusalemme; Gila Moshe, 40 anni, di Gerusalemme; e Yehiel (Emil) Tubol, 52 anni, di Gerusalemme.

25 settembre 2003 - St.-Sgt. Avihu Keinan, 22 anni, di Shilo è stato ucciso e sei soldati feriti in un'operazione dell'IDF per arrestare terroristi ricercati della Jihad islamica e di Hamas nel campo profughi di El Boureij, nel sud della Striscia di Gaza.

26 settembre 2003 - Eyal Yeberbaum, 27 anni, e Shaked Avraham di sette mesi, entrambi di Negohot, a sud di Hebron, sono stati uccisi durante il pasto festivo alla vigilia di Rosh Hashana nella casa di Yeberbaum quando un terrorista palestinese si era infiltrato nella L'insediamento ha aperto il fuoco con un fucile d'assalto M-16. Il terrorista è stato ucciso dalle forze dell'IDF. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

4 ottobre 2003 - Ventuno persone sono state uccise, tra cui quattro bambini, e 58 ferite in un attentato suicida compiuto da una terrorista di Jenin nel ristorante Maxim di Haifa. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. Le vittime: l'ammiraglio (ris.) Ze'ev Almog, 71 anni, di Haifa, e sua moglie Ruth Almog, 70 anni; il loro figlio Moshe Almog, 43 anni, e i nipoti Tomer Almog, 9, e Assaf Staier, 11, tutti di Haifa; Zvi Bahat, 35 anni, di Haifa; Mark Biano, 29 anni, di Haifa, e sua moglie Naomi Biano, 25 anni; Hana Francis, 39 anni, di Fassouta; Mutanus Karkabi, 31 anni, di Haifa; Sharbal Matar, 23 anni, di Fassouta; Osama Najar, 28 anni, di Haifa, cuoco; Nir Regev, 25 anni, di Nahariya; Irena Sofrin, 38 anni, di Kiryat Bialik; Bruria Zer-Aviv, 59 anni, suo figlio Bezalel Zer-Aviv, 30 anni, e sua moglie Keren Zer-Aviv, 29 anni, con i loro figli Liran, 4 anni, e Noya, 1, tutti del Kibbutz Yagur. Lydia Zilberstein, 58 anni, è morta il 10 ottobre e George Matar, 57 anni, è morto il 15 ottobre.

15 ottobre 2003 - Tre membri del personale diplomatico americano: John Eric Branchizio, 37 anni, del Texas, John Martin Linde, Jr., 30, del Missouri, e Mark T. Parson, 31, di New York, sono stati uccisi e uno è rimasto ferito a all'incrocio di Beit Hanoun nella Striscia di Gaza, quando una massiccia bomba ha demolito una jeep blindata in un convoglio che trasportava diplomatici statunitensi.

19 ott 2003 - St.-Sgt. Erez Idan, 19 anni, di Rishon Lezion, sergente. Elad Pollack, 19 anni, di Kiryat Motzkin, e il sergente. Roi Ya'acov Solomon, 21 anni, di Tel Aviv, sono stati uccisi e un altro soldato è rimasto gravemente ferito mentre era di pattuglia a Ein Yabrud, a nord di Ramallah, quando i terroristi hanno sparato contro di loro alle spalle. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

Ott 24, 2003 - Tre soldati dell'IDF - St.-Sgt. Alon Avrahami, 21 anni, di Or Yehuda, sergente. Adi Osman, 19 anni, di Kfar Sava, e il sergente. Sarit Schneor-Senior, 19 anni, di Shoham - sono stati uccisi e altri due feriti quando un terrorista palestinese si è infiltrato nella base militare nell'insediamento di Netzarim nella Striscia di Gaza e ha aperto il fuoco sulle caserme dei soldati. Hamas e la Jihad islamica hanno rivendicato la responsabilità congiunta dell'attacco.

18 novembre 2003 - Due soldati dell'IDF, il sergente maggiore. Shlomi Belsky, 23 anni, di Haifa, e St.-Sgt. Shaul Lahav, 20 anni, del Kibbutz Shomrat, sono stati uccisi da un terrorista palestinese che ha aperto il fuoco con un fucile d'assalto AK-47, nascosto in un tappeto da preghiera, a un posto di blocco sulla tangenziale del tunnel che collega Gerusalemme e il blocco di Gush Etzion. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

19 novembre 2003 - Patricia Ter´n Navarrete, 33 anni, dell'Ecuador, è stata uccisa e altri quattro turisti, pellegrini provenienti dall'Ecuador, sono rimasti feriti quando un terrorista è entrato nel terminal del valico di frontiera Israele-Giordania a nord di Eilat dal lato giordano e ha aperto fuoco. Il terrorista è stato ucciso dalle guardie di sicurezza israeliane.

22 novembre 2003 – Due guardie di sicurezza israeliane, Ilya Reiger, 58 anni, di Gerusalemme, e Samer Fathi Afan, 25 anni, del villaggio beduino di Uzeir vicino a Nazareth, sono state uccise a colpi di arma da fuoco in un cantiere edile lungo il percorso della barriera di sicurezza vicino ad Abu Dis. a Gerusalemme Est. Le Brigate dei Martiri di Jenin, affiliate a Fatah, hanno rivendicato l'attacco.

22 dicembre 2003 - Il capitano Hagai Bibi, 24 anni, di Maaleh Adumim, e il tenente Leonardo (Alex) Weissman, 23 anni, di Afula, sono stati uccisi quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco e ha lanciato bombe a mano mentre uscivano dalla loro jeep sul Strada Kissufim-Gush Katif nella Striscia di Gaza. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

25 dic 2003 - Adva Fisher, 20 anni, di Kfar Sava; St.-Sgt. Noam Leibowitz, 22 anni, di Elkana; Cpl. Angelina Shcherov, 19 anni, di Kfar Sava; e Cpl. Rotem Weinberger, 19 anni, di Kfar Sava sono stati uccisi e oltre 20 persone sono rimaste ferite in un attentato suicida alla fermata dell'autobus all'incrocio di Geha, a est di Tel Aviv, vicino a Petah Tikva. L'attentato è stato rivendicato dal Fronte popolare per la liberazione della Palestina.

 

2002

9 gennaio 2002 - Il Mag. Ashraf Hawash, 28 anni, di Beit Zarzir; Il sergente maggiore Ibrahim Hamadieh, 23 anni, di Rehaniya; Il sergente maggiore Hana (Eli) Abu-Ghanem, 25 anni, di Haifa; e St.-Sgt. Mofid Sawaid, 25 anni, di Abu Snan, quattro soldati dell'IDF dell'unità di pattuglia beduina del deserto, sono stati uccisi e due feriti quando due terroristi palestinesi armati del sud della Striscia di Gaza, portando cinture esplosive, fucili d'assalto, granate e vestiti con abiti della polizia dell'Autorità Palestinese si sono infiltrati in Israele alle 04:30 di questa mattina e hanno attaccato una postazione dell'IDF vicino a Kerem Shalom. I terroristi, uno membro della forza navale dell'Autorità Palestinese, e l'altro un agente di Hamas sono stati uccisi. Hamas ha rivendicato l'attacco.

14 gennaio 2002 - Il sergente. Elad Abu-Gani, 19 anni, di Tiberiade, è stato ucciso e un ufficiale è rimasto ferito da arma da fuoco in un'imboscata terroristica vicino a Kuchin, tra Nablus e Tulkarem. Fatah ha rivendicato l'attacco.

15 gennaio 2002 – Avraham (Avi) Boaz, 71 anni, di Ma'aleh Adumim, cittadino americano, è stato rapito ad un posto di blocco di sicurezza dell'Autorità Palestinese a Beit Jala. Il suo corpo crivellato di proiettili è stato ritrovato in un'auto a Beit Sahur, nella zona di Betlemme. L'omicidio è stato rivendicato dalla Brigata al-Aqsa di Fatah.

15 gennaio 2002 - Yoela Chen, 45 anni, di Givat Ze'ev, è stata uccisa da terroristi palestinesi vicino alla stazione di servizio all'ingresso di Givat Ze'ev poco prima delle 20:00. La zia che era con lei in macchina è rimasta ferita. L'omicidio è stato rivendicato dalla Brigata al-Aqsa di Fatah.

16 gennaio 2002 - Shahada Dadis, 30 anni, residente arabo a Beit Hanina, a Gerusalemme est, è stato ucciso in una sparatoria da parte di un terrorista. È stato trovato morto in un'auto con targa israeliana a sud di Jenin, in Cisgiordania.

17 gennaio 2002 - Edward Bakshayev, 48 anni, di Or Akiva; Anatoly Bakshayev, 63 anni, di Or Akiva; Aharon Ben Yisrael-Ellis, 32 anni, di Ra'anana; Dina Binayev, 48 anni, di Ashkelon; Boris Melikhov, 56 anni, di Sderot; e Avi Yazdi, 25 anni, di Hadera sono rimasti uccisi e 35 feriti, molti dei quali gravemente, quando un terrorista ha fatto irruzione in un ricevimento di bat mitzva in una sala banchetti a Hadera poco prima delle 23:00, aprendo il fuoco con un fucile d'assalto M-16. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah Al-Aqsa.

22 gennaio 2002 - Sarah Hamburger, 79 anni, e Svetlana Sandler, 56 anni, entrambe di Gerusalemme, furono uccise e 40 ferite quando un terrorista palestinese aprì il fuoco con un fucile d'assalto M-16 vicino a una fermata dell'autobus nel centro di Gerusalemme. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah Al-Aqsa.

27 gennaio 2002 - Pinhas Tokatli, 81 anni, di Gerusalemme è stato ucciso e oltre 150 persone sono rimaste ferite, quattro in modo grave, in un attentato suicida su Jaffa Road, nel centro di Gerusalemme, poco prima delle 12:30. La terrorista, identificata come membro di Fatah, era armata con più di 10 chili di esplosivo.

6 febbraio 2002 - Miri Ohana, 45 anni, e sua figlia Yael, 11, furono assassinate nella loro casa quando un terrorista armato si infiltrò a Moshav Hamra, a metà strada tra Gerico e Beit She'an nella Valle del Giordano mercoledì sera, aprendo il fuoco. Soldato di riserva dell'IDF, St.-Sgt. Anche il Magg.(ris.) Moshe Majos Meconen, 33 anni, di Beit She'an, è stato ucciso nell'attacco. Il terrorista, che è entrato nella casa di Ohana travestito con un'uniforme dell'IDF, è stato ucciso dalle forze dell'IDF. Sia Fatah che Hamas hanno rivendicato la responsabilità.

8 febbraio 2002 - Moran Amit, 25 anni, del kibbutz Kfar Hanasi è stato accoltellato a morte da quattro palestinesi, di età compresa tra 14 e 16 anni, mentre passeggiava sulla Sherover Promenade nel quartiere Armon Hanatziv di Gerusalemme venerdì pomeriggio.

9 febbraio 2002 - Atala Lipobsky, 78 anni, di Ma'ale Ephraim è stata uccisa a colpi di arma da fuoco sabato notte mentre guidava sull'autostrada Trans-Samaria con suo figlio. Uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco sull'auto, apparentemente in un'imboscata, tra Ariel e lo svincolo di Tapuah.

Feb 10, 2002 - Tenente Keren Rothstein, 20 anni, di Ashkelon e Cpl. Aya Malachi, 18 anni , di Moshav Ein Habesor è stata uccisa in una sparatoria da parte di un terrorista all'ingresso della base del comando meridionale dell'IDF a Be'er Sheva. Altri quattro sono rimasti feriti, uno in modo grave. Uno dei terroristi è stato ucciso sul posto; il secondo, che indossava una cintura esplosiva, è fuggito in direzione di una scuola vicina quando è stato ucciso da un soldato e da un agente di polizia. Hamas ha rivendicato l'attacco.

14 febbraio 2002 - St.-Sgt. Ron Lavie, 20 anni, di Katzrin, St.-Sgt. Moshe Peled, 20 anni, di Rehovot, e St.-Sgt. Asher Zaguri, 21 anni, di Shlomi è stato ucciso e quattro soldati feriti quando una potente mina è esplosa sotto un carro armato dell'IDF sulla strada Karni-Netzarim nella Striscia di Gaza giovedì notte, in seguito alla detonazione di una bomba sul ciglio della strada contro un convoglio civile di automobili e un autobus.

15 febbraio 2002 - St.-Sgt. Lee Nahman Akunis, 20 anni, di Holon, è stato ucciso da uomini armati venerdì notte a un posto di blocco a nord di Ramallah. L'attacco è stato rivendicato dalla Brigata al-Aqsa di Fatah.

16 febbraio 2002 - Nehemia Amar, 15 anni, e Keren Shatsky, 15 anni, entrambi di Ginot Shomron, sono stati uccisi e circa 30 persone sono rimaste ferite, sei gravemente, quando un attentatore suicida si è fatto esplodere sabato sera in una pizzeria nel centro commerciale. a Karnei Shomron in Samaria. Rachel Theler, 16 anni, di Ginot Shomron, è morta per le ferite riportate il 27 febbraio. Il Fronte popolare per la liberazione della Palestina ha rivendicato l'attacco.

18 febbraio 2002 - Il poliziotto Ahmed Mazarib, 32 anni, del villaggio beduino di Beit Zarzir in Galilea, è stato ucciso da un kamikaze che aveva fermato per interrogarlo sulla strada Ma'ale Adumim-Gerusalemme. Il terrorista è riuscito a far esplodere la bomba nella sua auto. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

18 febbraio 2002 - Ahuva Amergi, 30 anni, di Ganei Tal a Gush Katif, è stata uccisa e un uomo di 60 anni è rimasto ferito quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco sulla sua auto. Il Mag. Mor Elraz, 25 anni, di Kiryat Ata e il St.-Sgt. Amir Mansouri, 21 anni, di Kiryat Arba, intervenuto in loro aiuto, è stato ucciso mentre cercava di intercettare il terrorista. Il terrorista è stato ucciso quando l'esplosivo che trasportava è stato fatto esplodere. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

Feb 19, 2002 - Tenente Moshe Eini, 21 anni, di Petah Tikva; St.-Sgt. Benny Kikis, 20 anni, di Carmiel; St.-Sgt. Mark Podolsky, 20 anni, di Tel Aviv; St.-Sgt. Erez Turgeman, 20 anni, di Gerusalemme; St.-Sgt. Tamir Atsmi, 21 anni, di Kiryat Ono; e St.-Sgt. Michael Oxsman, 21 anni, di Haifa, sono rimasti uccisi e uno ferito in un attacco vicino a un posto di blocco a ovest di Ramallah. Diversi terroristi hanno aperto il fuoco contro i soldati al posto di blocco, inclusi tre soldati fuori servizio all'interno di una struttura al posto di blocco, uccidendoli a bruciapelo. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

22 febbraio 2002 - Valery Ahmir, 59 anni, di Beit Shemesh, è stato ucciso da terroristi in una sparatoria sulla strada Atarot-Givat Ze'ev a nord di Gerusalemme mentre tornava a casa dal lavoro. Fatah ha rivendicato l'attacco.

25 febbraio 2002 - Avraham Fish, 65 anni, e Aharon Gorov, 46 anni, entrambi di Nokdim, sono stati uccisi in un attacco terroristico tra Tekoa e Nokdim, a sud di Betlemme. La figlia di Fish, incinta di 9 mesi, è rimasta gravemente ferita ma ha partorito una bambina. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

Febbraio 25, 2002 - Ufficiale di polizia 1° Sgt. Galit Arbiv, 21 anni, di Nesher, è morto dopo essere stato colpito a morte quando un terrorista ha aperto il fuoco alla fermata dell'autobus nel quartiere residenziale di Neve Ya'akov, nel nord di Gerusalemme. Altri otto sono rimasti feriti, due in modo grave. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

27 febbraio 2002 - Gad Rejwan, 34 anni, di Gerusalemme, è stato ucciso mercoledì mattina presto da uno dei suoi dipendenti palestinesi in una fabbrica nella zona industriale di Atarot, a nord di Gerusalemme. Due gruppi di Fatah hanno rilasciato una dichiarazione congiunta assumendosi la responsabilità dell'omicidio.

28 febbraio 2002 - Soldato IDF St.-Sgt. Haim Bachar, 20 anni, di Tel Aviv è stato ucciso durante gli scontri con i palestinesi nel campo profughi di Balata, vicino a Nablus. Le forze dell'IDF sono entrate nel campo per cercare i terroristi ricercati.

1 marzo 2002 - Il soldato dell'IDF, il sergente. Ya'acov Avni, 20 anni, di Kiryat Ata è stato ucciso dal fuoco di cecchini palestinesi nel campo profughi di Jenin.

2 marzo 2002 - Il corpo crivellato di proiettili del detective della polizia di Gerusalemme, Capo Supt. Moshe Dayan, 46 anni, di Ma'aleh Adumim, è stato scoperto accanto alla sua motocicletta da pista, vicino al monastero di Mar Saba nel deserto della Giudea. Tanzim ha rivendicato la responsabilità dell'attacco.

2 marzo 2002 - Dieci persone sono state uccise e oltre 50 ferite, 4 in modo grave, in un attentato suicida alle 19:15 di sabato sera vicino a una yeshivah nel quartiere ultra-ortodosso di Beit Yisrael, nel centro di Gerusalemme, dove le persone si erano radunate per una celebrazione del bar-mitzva. Il terrorista ha fatto esplodere la bomba accanto a un gruppo di donne che aspettavano con le loro carrozzine l'uscita dei mariti dalla vicina sinagoga. Le vittime: Shlomo Nehmad (40), sua moglie Gafnit (32), e le loro figlie Shiraz (7) e Liran (3), di Rishon Lezion; Shaul Nehmad (15), di Rishon Lezion; Lidor Ilan (12) e sua sorella Oriah (18 mesi), di Rishon Lezion; Tzofia Ya'arit Eliyahu (23) e suo figlio Ya'akov Avraham (7 mesi), di Gerusalemme. Avi Hazan, 37 anni, di Moshav Adora, è morto per le ferite riportate lunedì mattina (4 marzo). La Brigata dei Martiri di Fatah Al-Aqsa si è assunta la responsabilità dell'attacco.

3 marzo 2002 - Dieci israeliani - 7 soldati e 3 civili - sono stati uccisi e 6 feriti quando un terrorista ha aperto il fuoco contro un posto di blocco dell'IDF vicino a Ofra in Samaria: il capitano Ariel Hovav, 25 anni, di Eli; Tenente (ris.) David Damelin, 29 anni, del Kibbutz Metzar; 1° sergente (ris.) Rafael Levy, 42 anni, di Rishon Lezion; Sergente Maggiore (ris.) Avraham Ezra, 38 anni , di Kiryat Bialik; Sergente Maggiore (ris.) Eran Gad, 24 anni, di Rishon Letzion; Sergente Maggiore (ris.) Yochai Porat, 26 anni, di Kfar Sava; Sergente Maggiore (ris.) Kfir Weiss, 24 anni, di Beit Shemesh; Sergei Butarov, 33 anni, di Ariel; Vadim Balagula, 32 anni, di Ariel; e Didi Yitzhak, 66 anni, di Eli. La Brigata dei Martiri di Fatah Al-Aqsa ha rivendicato l'attacco.

3 marzo 2002 - Il sergente. Steven Koenigsburg, 19 anni, di Hod Hasharon è stato ucciso e 4 soldati feriti quando un uomo armato palestinese ha aperto il fuoco vicino al valico di Kissufim nella Striscia di Gaza. La Jihad islamica e Tanzim hanno rivendicato l'attacco.

5 marzo 2002 - Ufficiale di polizia FSM Salim Barakat, 33 anni, di Yarka; Yosef Habi, 52 anni, di Herzliya; ed Eli Dahan, 53 anni, di Lod sono stati uccisi e oltre 30 persone sono rimaste ferite a Tel-Aviv quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco su due ristoranti adiacenti poco dopo le 2 del mattino. La Brigata dei Martiri di Fatah Al-Aqsa ha rivendicato l'attacco.

5 marzo 2002 - Devorah Friedman, 45 anni, di Efrat, è stata uccisa e suo marito è stato ferito in un attacco a fuoco sulla "strada tunnel" della tangenziale di Betlemme, a sud di Gerusalemme. La Brigata dei Martiri di Fatah Al-Aqsa ha rivendicato l'attacco.

5 marzo 2002 - Maharatu Tagana, 85 anni, di Nazareth Alta è stato ucciso e un gran numero di persone sono rimaste ferite, per lo più lievemente, quando un attentatore suicida è esploso in un autobus Egged n. 823 mentre entrava nella stazione centrale degli autobus di Afula. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

6 marzo 2002 - Il tenente Pinhas Cohen, 23 anni, di Gerusalemme, è stato ucciso durante la notte vicino alla città di Khan Yunis, nel sud di Gaza, nel corso di un'attività antiterrorismo. Il caporale Alexander Nastarenko, 37 anni, di Netanya è stato ucciso quando uomini armati palestinesi hanno attraversato la recinzione di confine e hanno teso un'imboscata a una jeep dell'esercito sulla strada di pattuglia vicino al Kibbutz Nir Oz.

7 marzo 2002 - Arik Krogliak di Beit El, Tal Kurtzweil di Bnei Brak, Asher Marcus di Gerusalemme, Eran Picard di Gerusalemme e Ariel Zana di Gerusalemme, tutti di 18 anni, sono stati uccisi e 23 persone sono rimaste ferite, quattro gravemente, quando un Un uomo armato palestinese è penetrato nell'accademia di addestramento pre-militare nell'insediamento Gush Katif di Atzmona. Hamas ha rivendicato l'attacco.

8 marzo 2002 - St.-Sgt. Edward Korol, 20 anni, di Ashdod, è stato ucciso da un cecchino palestinese a Tulkarem.

9 marzo 2002 – Avia Malka, 9 mesi, del Sud Africa, e Israel Yihye, 27, di Bnei Brak, furono uccise, e circa 50 persone rimasero ferite, molte gravemente, quando due palestinesi aprirono il fuoco e lanciarono granate contro auto e pedoni. nella città costiera di Netanya sabato sera, vicino al lungomare e agli hotel della città. I terroristi sono stati uccisi dalla polizia di frontiera israeliana. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah Al Aqsa.

9 marzo 2002 - Limor Ben-Shoham, 27 anni, di Gerusalemme; Nir Borochov, 22 anni, di Givat Ze'ev; Danit Dagan, 25 anni, di Tel Aviv; Livnat Dvash, 28 anni, di Gerusalemme; Tali Eliyahu, 26 anni, di Gerusalemme; Uri Felix, 25 anni, di Givat Ze'ev; Dan Imani, 23 anni, di Gerusalemme; Natanel Kochavi, 31 anni, di Kiryat Ata; Baruch Lerner, 29 anni, di Eli; Orit Ozerov, 28 anni, di Gerusalemme; Avraham Haim Rahamim, 28 anni, di Gerusalemme è rimasto ucciso e 54 feriti, 10 dei quali gravemente, quando un attentatore suicida è esploso sabato sera alle 22:30 in un caffè affollato all'angolo tra le strade Aza e Ben-Maimon nel quartiere di Rehavia a il centro di Gerusalemme. Hamas ha rivendicato l'attacco.

10 marzo 2002 - St.-Sgt. Kobi Eichelboim, 21 anni, di Givatayim, è morto domenica pomeriggio per le ferite riportate al mattino quando un uomo armato palestinese travestito da operaio ha aperto il fuoco all'ingresso di Netzarim nella Striscia di Gaza.

12 marzo 2002 - Eyal Lieberman, 42 anni, di Tzoran, è stato ucciso e un'altra persona è rimasta ferita in un attacco a fuoco al checkpoint di Kiryat Sefer a est di Modi'in.

12 mar 2002 - Yehudit Cohen, 33 anni, di Shlomi; Ofer Kanarick, 44 anni, di Moshav Betzet; Alexei Kotman, 29 anni, del Kibbutz Beit Hashita; Lynne Livne, 49 anni, e sua figlia Atara, 15, del Kibbutz Hanita; e il tenente German Rozhkov, 25 anni, di Kiryat Shmona sono stati uccisi quando due terroristi hanno aperto il fuoco in un'imboscata contro veicoli israeliani che viaggiavano tra Shlomi e il Kibbutz Metzuba vicino al confine settentrionale con il Libano. Altri sette sono rimasti feriti. Le forze israeliane hanno ucciso i due uomini armati, che indossavano uniformi dell'IDF, e hanno effettuato ricerche su larga scala alla ricerca di altri terroristi.

13 marzo 2002 - Il tenente Gil Badihi, 21 anni, di Nataf, è morto per le ferite riportate mercoledì mattina a Ramallah. È stato colpito alla testa da un uomo armato palestinese mentre si trovava accanto al suo carro armato.

14 marzo 2002 - St.-Sgt. Matan Biderman, 21 anni, di Carmiel, St.-Sgt. Ala Hubeishi, 21 anni, di Julis, e il sergente. Rotem Shani, 19 anni, di Hod Hasharon sono stati uccisi e due soldati sono rimasti feriti giovedì mattina presto quando un carro armato che scortava un convoglio civile è passato sopra una mina esplosa sulla strada Karni-Netzarim nella Striscia di Gaza. I terroristi nascosti in una moschea vicina hanno fatto esplodere la carica esplosiva telecomandata sotto il veicolo blindato. Il Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina e la Brigata dei Martiri di al-Aqsa di Fatah hanno entrambi rivendicato la responsabilità.

17 marzo 2002 - Noa Auerbach, 18 anni, di Kfar Sava è stata uccisa e 16 persone sono rimaste ferite quando un terrorista ha aperto il fuoco sui passanti nel centro di Kfar Sava. L'uomo armato è stato colpito e ucciso dalla polizia.

19 marzo 2002 - Il primo tenente Tal Zemach, 20 anni, del Kibbutz Hulda, è stato ucciso e tre soldati sono rimasti feriti quando terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco su di loro nella Valle del Giordano. Hamas ha rivendicato l'attacco.

20 marzo 2002 - Il sergente. Michael Altfiro, 19 anni, di Pardes Hanna; St.-Sgt. Shimon Edri, 20 anni, di Pardes Hanna; SWO Meir Fahima, 40 anni, di Hadera; Cpl. Aharon Revivo, 19 anni, di Afula; Alon Goldenberg, 28 anni, di Tel Aviv; Mogus Mahento, 75 anni, di Holon; e Bella Schneider, 53 anni, di Hadera sono state uccise e circa 30 persone sono rimaste ferite, molte gravemente, in un attentato suicida contro un autobus Egged n. 823 in viaggio da Tel Aviv a Nazareth all'incrocio di Musmus sull'autostrada 65 (Wadi Ara) vicino ad Afula . La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

21 marzo 2002 - Gadi (34) e Tzipi (29) Shemesh, di Gerusalemme, e Yitzhak Cohen, 48 anni, di Modi'in sono stati uccisi e 86 persone ferite, 3 delle quali gravemente, in un attentato suicida in King George Street a il centro di Gerusalemme. Il terrorista ha fatto esplodere la bomba, piena di punte e chiodi metallici, al centro di una folla di acquirenti. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

24 marzo 2002 - Esther Klieman, 23 anni, di Neve Tzuf, è stata uccisa in un attacco a fuoco a nord-ovest di Ramallah mentre si recava al lavoro in un autobus Egged rinforzato.

24 marzo 2002 - Avi Sabag, 24 anni, di Otniel, è stato ucciso in una sparatoria terroristica a sud di Hebron.

26 marzo 2002 - Il maggiore Cengiz Soytunc della Turchia e Catherine Berruex della Svizzera, membri della forza di osservatori del TIPH a Hebron, sono stati uccisi in un'imboscata sparata da un uomo armato palestinese vicino a Halhul.

27 marzo 2002 - 22 persone sono state uccise (altre 8 sono morte in seguito) e 140 ferite - 20 in modo grave - in un attentato suicida avvenuto al Park Hotel nella città costiera di Netanya, nel bel mezzo del seder pasquale con 250 ospiti. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Shula Abramovitch, 63 anni, di Holon; David Anichovitch, 70 anni, di Netanya; Il sergente maggiore Avraham Beckerman, 25 anni, di Ashdod; Shimon Ben-Aroya, 42 anni, di Netanya; Andre Fried, 47 anni, di Netanya; Idit Fried, 47 anni, di Netanya; Miriam Gutenzgan, 82 anni, Ramat Gan; Ami Hamami, 44 anni, di Netanya; Perla Hermele, 79 anni, svedese; Dvora Karim, 73 anni, di Netanya; Michael Karim, 78 anni, di Netanya; Yehudit Korman, 70 anni, di Ramat Hasharon; Marianne Lehmann Zaoui, 77 anni, di Netanya; Lola Levkovitch, 85 anni, di Gerusalemme; Furuk Na'imi, 62 anni, di Netanya; Eliahu Nakash, 85 anni, di Tel Aviv; Irit Rashel, 45 anni, di Moshav Herev La'et; Yulia Talmi, 87 anni, di Tel Aviv; St.-Sgt. Sivan Vider, 20 anni, di Bekaot; Ernest Weiss, 79 anni, di Petah Tikva; Eva Weiss, 75 anni, di Petah Tikva; Meir (George) Yakobovitch, 76 anni, di Holon. Chanah Rogan, 92 anni, di Netanya; Zee'v Vider, 50 anni, di Moshav Bekaot; Alter Britvich, 88 anni, e sua moglie Frieda, 86 anni, di Netanya, sono morti per le ferite riportate il 2-3 aprile. Sarah Levy-Hoffman, 89 anni, di Tel Aviv, è morta per le ferite riportate il 7 aprile. Anna Yakobovitch, 78 anni, di Holon, è morta per le ferite riportate l'11 aprile.

28 marzo 2002 - Rachel e David Gavish, 50 anni, il loro figlio Avraham Gavish, 20 anni, e il padre di Rachel, Yitzhak Kanner, 83 anni, furono uccisi quando un terrorista si infiltrò nella comunità di Elon Moreh in Samaria, entrò nella loro casa e aprì il fuoco sulla sua casa. abitanti. Hamas ha rivendicato l'attacco.

29 marzo 2002 - Tuvia Wisner, 79 anni, di Petah Tikva, e Michael Orlinsky, 70 anni, di Tel Aviv, furono uccisi quando un terrorista palestinese si infiltrò nell'insediamento di Neztarim nella Striscia di Gaza.

29 mar 2002 - Tenente Boaz Pomerantz, 22 anni, di Kiryat Shmona e St.-Sgt. Roman Shliapstein, 22 anni, di Ma'ale Efraim, sono stati uccisi nel corso dell'azione antiterroristica dell'IDF a Ramallah ( Operazione Scudo Difensivo ).

29 marzo 2002 - Rachel Levy, 17 anni, e Haim Smadar, 55 anni, la guardia di sicurezza, entrambi di Gerusalemme, sono stati uccisi e 28 persone sono rimaste ferite, due gravemente, quando una donna kamikaze si è fatta esplodere nel supermercato Kiryat Yovel a Gerusalemme. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

Mar 30, 2002 - Poliziotto di frontiera Sgt.-Mag. Constantine Danilov, 23 anni, di Or Akiva è stato ucciso a colpi di arma da fuoco a Baka al-Garbiyeh, durante uno scontro a fuoco con due palestinesi che cercavano di entrare in Israele per compiere un attacco suicida. La responsabilità è stata rivendicata dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

31 marzo 2002 - 14 persone sono state uccise e oltre 40 ferite in un attentato suicida ad Haifa, nel ristorante Matza della stazione di servizio vicino al centro commerciale Grand Canyon. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Suheil Adawi, 32 anni, di Turan; Dov Chernevroda, 67 anni, di Haifa; Shimon Koren, 55 anni; i suoi figli Ran, 18 anni, e Gal, 15, di Haifa; Moshe Levin, 52 anni, di Haifa; Danielle Manchell, 22 anni, di Haifa; Orly Ofir, 16 anni, di Haifa; Aviel Ron, 54 anni; suo figlio Ofer, 18 anni, e la figlia Anat, 21 anni, di Haifa; Ya'akov Shani, 53 anni, di Haifa; Adi Shiran, 17 anni, di Haifa; Daniel Carlos Wegman, 50 anni, di Haifa. Carlos Yerushalmi, 52 anni, di Karkur, è morto il 1 aprile per le ferite riportate nell'attacco.

1 aprile 2002 - Il sergente maggiore. Ofir Roth, 22 anni, di Gan Yoshiya, un soldato di riserva dell'IDF, è stato ucciso a un posto di blocco vicino al quartiere Har Homa di Gerusalemme da un cecchino palestinese che ha sparato da Beit Sahur, vicino a Betlemme.

1 aprile 2002 - Tomer Mordechai, 19 anni, di Tel-Aviv, un poliziotto, è stato ucciso a Gerusalemme quando un kamikaze palestinese che guidava verso il centro della città si è fatto esplodere dopo essere stato fermato a un posto di blocco. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

3 aprile 2002 - Il riservista dell'IDF, Maggiore Moshe Gerstner, 29 anni, di Rishon Lezion, è stato ucciso a Jenin durante un'azione antiterrorismo (Operazione Scudo Difensivo).

4 aprile 2002 - Rachel Charhi, 36 anni, di Bat-Yam, è rimasta gravemente ferita in un attentato suicida in un bar all'angolo tra le strade Allenby e Bialik a Tel-Aviv il 30 marzo, ed è morta per le ferite. Nell'attacco sono rimaste ferite circa altre 30 persone. La responsabilità è stata rivendicata dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

4 aprile 2002 - Polizia di frontiera Supt. Patrick Pereg, 30 anni, di Rosh Ha'ayin, capo delle operazioni in un'unità sotto copertura, è stato ucciso giovedì mentre tentava di arrestare un membro ricercato della Brigata dei Martiri di al-Aqsa di Fatah.

4 aprile 2002 - Sgt.-Maj.(res.) Einan Sharabi, 32 anni, di Rehovot; Tenente Nissim Ben-David, 22 anni, di Ashdod; e St.-Sgt. Gad Ezra, 23 anni , di Bat-Yam, sono stati uccisi durante l'azione antiterroristica dell'IDF a Jenin (Operazione Scudo Difensivo).

5 aprile 2002 - Il sergente. Merom Fisher, 19 anni, del Moshav Avigdor; Sergente Ro'i Tal, 21 anni, di Ma'alot; e il sergente. Oded Kornfein, 20 anni, del Kibbutz Ha'on - sono stati uccisi negli scontri a fuoco tra le truppe dell'IDF e uomini armati palestinesi a Jenin (Operazione Scudo Difensivo).

6 aprile 2002 - St.-Sgt. Nisan Avraham, 26 anni, di Lod è stato ucciso e altri cinque soldati sono rimasti leggermente feriti quando due uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco e lanciato granate all'ingresso di Rafiah Yam nella Striscia di Gaza. I palestinesi, membri della Jihad islamica, furono uccisi.

8 aprile 2002 - St.-Sgt. Matanya Robinson, 21 anni, del Kibbutz Tirat Zvi, e il sergente. Shmuel Weiss, 19 anni, di Kiryat Arba è stato ucciso in un'imboscata da colpi di arma da fuoco palestinesi nel campo profughi di Jenin (Operazione Scudo Difensivo).

9 aprile 2002 - 13 soldati dell'IDF vengono uccisi e 7 feriti nel campo profughi di Jenin da terroristi palestinesi. Una pattuglia dell'IDF guidata da soldati di riserva è caduta in un'imboscata durante le operazioni nel campo profughi. Contro di loro sono stati fatti esplodere ordigni esplosivi e colpi di arma da fuoco diretti contro i soldati dai tetti degli edifici circostanti. I soldati uccisi: Magg.(res.) Oded Golomb, 22 anni, del Kibbutz Nir David; Capitano (ris.) Ya'akov Azoulai, 30 anni, di Migdal Ha'emek; Tenente (ris.) Dror Bar, 28 anni, del Kibbutz Einat; Tenente (ris.) Eyal Yoel, 28 anni , del Kibbutz Ramat Rachel; 1° sergente (ris.) Tiran Arazi, 33 anni, di Hadera; 1° sergente (ris.) Yoram Levy, 33 anni, di Elad; 1° sergente (ris.) Avner Yaskov, 34 anni, di Be'er Sheva; Sergente 1a classe (ris.) Ronen Alshochat, 27 anni, di Ramle; gt. 1a classe (ris.) Eyal Eliyahu Azouri, 27 anni, di Ramat Gan; Sergente 1a classe (ris.) Amit Busidan, 22 anni, di Bat Yam; Sergente 1a classe (ris.) Menashe Hava, 23 anni, di Kfar Sava; Sergente 1a classe (ris.) Shmuel Danny Meizlish, 27 anni, di Moshav Hemed; Sergente 1a classe (ris.) Eyal Zimmerman, 22 anni, di Ra'anana.

9 aprile 2002 - Il Magg. Assaf Assoulin, 30 anni, di Tel Aviv è stato ucciso in uno scontro a fuoco a Nablus.

9 aprile 2002 - St.-Sgt. Gedalyahu Malik, 21 anni, di Gerusalemme è stato ucciso e 12 soldati sono rimasti feriti a Jenin quando una carica esplosiva è stata lanciata contro una pattuglia.

10 aprile 2002 - Avinoam Alfia, 26 anni, di Kiryat Ata; Sergente Maggiore (ris.) Shlomi Ben Haim, 27 anni, di Kiryat Yam; Sergente Maggiore (ris.) Nir Danieli, 24 anni, di Kiryat Ata; Lancia della polizia di frontiera Cpl. Keren Franco, 18 anni, di Kiryat Yam; Sergente Maggiore (ris.) Ze'ev Hanik, 24 anni, di Karmiel; Lancia della polizia di frontiera Cpl. Noa Shlomo, 18 anni, di Nahariya; l'ufficiale del mandato carcerario Shimshon Stelkol, 33 anni, di Kiryat Yam; e il sergente. Michael Weissman, 21 anni, di Kiryat Yam è rimasto ucciso e 22 persone sono rimaste ferite in un attentato suicida sull'autobus Egged n. 960, in viaggio da Haifa a Gerusalemme, esploso vicino al Kibbutz Yagur, a est di Haifa. Hamas ha rivendicato l'attacco.

12 aprile 2002 - Il tenente Dotan Nahtomi, 22 anni, del Kibbutz Tzuba, è morto per le ferite riportate all'inizio della settimana durante le operazioni dell'IDF a Dura (Operazione Scudo Difensivo).

12 aprile 2002 - Il poliziotto di frontiera St.-Sgt. David Smirnoff, 22 anni, di Ashdod è stato ucciso quando un uomo armato palestinese ha aperto il fuoco vicino al valico di Erez, nella Striscia di Gaza, uccidendo un uomo e ferendone altri quattro israeliani. Il terrorista ha ucciso un lavoratore palestinese e ferito tre lavoratori nella stessa sparatoria. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

12 aprile 2002 - Nissan Cohen, 57 anni; Rivka Fink, 75 anni; Suheila Hushi, 48 anni; e Yelena Konrab, 43 anni, tutte di Gerusalemme; e Ling Chang Mai, 34 anni, e Chai Siang Yang, 32 anni, entrambi lavoratori stranieri provenienti dalla Cina, sono stati uccisi e 104 persone sono rimaste ferite quando una donna kamikaze ha fatto esplodere una potente carica alla fermata dell'autobus sulla strada di Jaffa all'ingresso del Mahane Yehuda di Gerusalemme. mercato all'aperto. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Al-Aqsa.

20 aprile 2002 - Poliziotto di frontiera St.-Sgt. Uriel Bar-Maimon, 21 anni di Ashkelon, è stato ucciso in uno scontro a fuoco vicino al parco industriale di Erez, nel nord della Striscia di Gaza. Le forze israeliane hanno inseguito l'uomo armato palestinese e lo hanno ucciso. Sul suo corpo è stata ritrovata una cintura esplosiva. La responsabilità è stata rivendicata dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

22 aprile 2002 - Il sergente. Il maggiore Nir Krichman, 22 anni di Hadera, è stato ucciso in uno scontro a fuoco, quando le forze dell'IDF sono entrate nel villaggio di Asira a-Shamaliya, a nord di Nablus, per arrestare noti terroristi di Hamas.

27 aprile 2002 - Danielle Shefi, 5; Arik Becker, 22 anni; Katrina (Katya) Greenberg, 45 anni; e Ya'acov Katz, 51 anni, tutti di Adora, sono stati uccisi quando terroristi vestiti con uniformi dell'IDF e attrezzature da combattimento hanno tagliato la recinzione perimetrale difensiva dell'insediamento ed sono entrati in Adora, a ovest di Hebron. Altre sette persone sono rimaste ferite, una in modo grave. I terroristi sono entrati in diverse case, sparando sulle persone nelle loro camere da letto. Sia Hamas che il FPLP hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco.

3 maggio 2002 - L'ufficiale dell'IDF, maggiore Avihu Ya'akov, 24 anni, di Kfar Hasidim , è stato ucciso e altri due soldati sono rimasti feriti a Nablus in un raid contro una cellula terroristica che stava pianificando un attacco suicida in Israele.

7 maggio 2002 - 15 persone sono state uccise e 55 ferite in un club di gioco affollato a Rishon Lezion, a sud-est di Tel Aviv, quando un attentatore suicida ha fatto esplodere una potente carica nel club al 3° piano, provocando il crollo di una parte dell'edificio. Hamas ha rivendicato l'attacco.

Le vittime: Esther Bablar, 54 anni, di Bat Yam; Yitzhak Bablar, 57 anni, di Bat Yam; Avi Bayaz, 26 anni, di Nes Ziona; Regina Malka Boslan, 62 anni, di Giaffa; Edna Cohen, 61 anni, di Holon; Rafael Haim, 64 anni, di Tel Aviv; Pnina Hikri, 60 anni, di Tel Aviv; Nawa Hinawi, 51 anni, di Tel Aviv; Rahamim Kimhi, 58 anni, di Rishon Lezion; Nir Lovatin, 31 anni, di Rishon Lezion; Shoshana Magmari, 51 anni, di Tel Aviv; Dalia Masa, 56 anni, di Nahalat Yehuda; Rassan Sharouk, 60 anni, di Holon; Israel Shikar, 49 anni, di Rishon Lezion; Anat Teremforush, 36 anni, di Ashdod.

12 maggio 2002 – Nisan Dolinger, 43 anni, di Pe'at Sadeh nel sud della Striscia di Gaza, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un lavoratore palestinese. L'aggressore è stato arrestato.

19 maggio 2002 - Yosef Haviv, 70 anni, Victor Tatrinov, 63 anni, e Arkady Vieselman, 40 anni, tutti originari di Netanya, sono stati uccisi e 59 persone sono rimaste ferite - 10 in modo grave - quando un attentatore suicida, travestito da soldato, si è fatto esplodere in il mercato di Netanya. Sia Hamas che il FPLP si sono assunti la responsabilità dell'attacco.

22 maggio 2002 - Elmar Dezhabrielov, 16 anni, e Gary Tauzniaski, 65 anni, entrambi di Rishon Lezion, furono uccisi e circa 40 persone rimasero ferite quando un attentatore suicida si fece esplodere nell'area pedonale del centro di Rishon Lezion in Rothschild Street.

24 maggio 2002 - Riserva IDF Sgt. Il 1a classe Oren Tzelnik, 23 anni, di Bat Yam è stato ucciso e due soldati feriti quando i terroristi hanno aperto il fuoco sul loro APC durante un'operazione antiterrorismo a Tulkarem.

27 maggio 2002 - Ruth Peled, 56 anni, di Herzliya, e sua nipote Sinai Keinan, di 14 mesi, di Petah Tikva furono uccise e 37 persone rimasero ferite, alcune gravemente, quando un attentatore suicida si fece esplodere vicino a una gelateria all'esterno. un centro commerciale a Petah Tikva. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

28 maggio 2002 - Albert Maloul, 50 anni, di Gerusalemme, è stato ucciso quando sono stati sparati dei colpi contro l'auto su cui stava viaggiando verso sud sulla tangenziale di Ramallah. Maloul e suo cugino, leggermente ferito, stavano tornando a casa a Gerusalemme da Eli, dove gestiscono la piscina. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al Aqsa.

28 maggio 2002 - Netanel Riachi, 17 anni, di Kochav Ya'akov; Gilad Stiglitz, 14 anni, di Yakir; e Avraham Siton, 17 anni, di Shilo - tre studenti delle scuole superiori di una yeshivah - sono stati uccisi e altri due feriti a Itamar, a sud-est di Nablus, quando un uomo armato palestinese si è infiltrato nella comunità e ha aperto il fuoco sugli adolescenti che giocavano a basket, prima di essere ucciso da un proiettile. Guardia di sicurezza. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al Aqsa.

5 giugno 2002 - 17 persone sono state uccise e 38 ferite quando un'auto carica di un gran numero di esplosivi ha colpito l'autobus Egged n. 830 in viaggio da Tel Aviv a Tiberiade all'incrocio di Megiddo vicino ad Afula. L'autobus, che ha preso fuoco, è stato completamente distrutto. Nell'esplosione è rimasto ucciso il terrorista che guidava l'autobomba. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. Sono stati diffusi i nomi di 16 vittime: Cpl. Liron Avitan, 19 anni, di Hadera; Cpl. Avraham Barzilai, 19 anni, di Netanya; Cpl. Dennis Bleuman, 20 anni, di Hadera; St.-Sgt. Eliran Buskila, 21 anni, di Hadera; St.-Sgt. Zvi Gelberd, 20 anni di Hadera; Sergente Violetta Hizgayev, 20 anni, di Hadera; St.-Sgt. Ganadi Issakov, 21 anni, di Hadera; Sergente Sariel Katz, 21 anni, di Netanya; Cpl. Vladimir Morari, 19 anni, di Hadera; Sergente Yigal Nedipur, 21 anni, di Netanya; Sergente Dotan Reisel, 22 anni, di Hadera; St.-Sgt. David Stanislavksy, 23 anni, di Netanya; Sergente Sivan Wiener, 19 anni, di Holon; Zion Agmon, 50 anni, di Hadera; Adi Dahan, 17 anni, di Afula; Shimon Timsit, 35 anni, di Tel Aviv.

6 giugno 2002 - Erez Rund, 18 anni, di Ofra è morto per ferite da arma da fuoco al petto riportate in un attacco a fuoco vicino a Ofra, a nord di Ramallah, quando terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco in un'imboscata.

8 giugno 2002 - St.-Sgt. Eyal Sorek, 23 anni, sua moglie Yael, 24 anni - incinta di 9 mesi - di Carmei Tzur, e il sergente maggiore Shalom Mordechai, 35 anni, di Nahariya sono stati uccisi e altri cinque feriti quando i terroristi si sono infiltrati nella comunità di Carmei Tzur nel blocco di Gush Etzion e ha aperto il fuoco alle 2:30 di venerdì sera. Hamas ha rivendicato l'attacco.

11 giugno 2002 - Hadar Hershkowitz, 14 anni, di Herzliya è stato ucciso e altri 15 sono rimasti feriti quando un kamikaze palestinese ha fatto esplodere un tubo bomba relativamente piccolo in un ristorante shwarma a Herzliya.

15 giugno 2002 - St.-Sgt. Haim Yehezkel (Hezki) Gutman, 22 anni, di Beit El, e St.-Sgt. Alexei Gladkov, 20 anni, di Be'er Sheva sono stati uccisi e quattro soldati sono rimasti feriti in uno scontro con terroristi vicino ad Alei Sinai e Dugit, nel nord della Striscia di Gaza. Hamas ha rivendicato la responsabilità. Il tenente Anatoly Krasik, 22 anni, di Petah Tikva è morto per le ferite il 22 giugno.

18 giugno 2002 - 19 persone sono state uccise e 74 ferite - sei in modo grave - in un attentato suicida all'incrocio di Patt sull'autobus n. 32A viaggiando da Gilo al centro di Gerusalemme. L'autobus, completamente distrutto, trasportava molti studenti diretti a scuola. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Boaz Aluf, 54 anni, di Gerusalemme; Shani Avi-Zedek, 15 anni, di Gerusalemme; Leah Baruch, 59 anni, di Gerusalemme; Mendel Bereson, 72 anni, di Gerusalemme; Rafael Berger, 28 anni, di Gerusalemme; Michal Biazi, 24 anni, di Gerusalemme; Tatiana Braslavsky, 41 anni, di Gerusalemme; Galila Bugala, 11 anni, di Gerusalemme; Raisa Dikstein, 67 anni, di Gerusalemme; il dottor Moshe Gottlieb, 70 anni, di Gerusalemme; Baruch Gruani, 60 anni, di Gerusalemme; Orit Hayla, 21 anni, di Gerusalemme; Helena Ivan, 63 anni, di Gerusalemme; Iman Kabha, 26 anni, di Barta; Shiri Negari, 21 anni, di Gerusalemme; Gila Nakav, 55 anni, di Gerusalemme; Yelena Plagov, 42 anni, di Gerusalemme; Liat Yagen, 24 anni di Gerusalemme; Rahamim Zidkiyahu, 51 anni, di Gerusalemme.

19 giugno 2002 - Noa Alon, 60 anni, di Ofra; Gal Eisenman, 5 anni, di Ma'ale Adumim; Michal Franklin, 22 anni, di Gerusalemme; Tatiana Igelski, 43 anni, della Moldavia; Hadassah Jungreis, 20 anni, di Migdal Haemek; Gila Sara Kessler, 19 anni, di Eli; e Shmuel Yerushalmi, 17 anni, di Shilo, sono rimasti uccisi e 50 persone sono rimaste ferite - tre delle quali in condizioni critiche - quando un attentatore suicida si è fatto esplodere in una affollata fermata dell'autobus e in un posto per autostop all'incrocio di French Hill, nel nord di Gerusalemme, poco dopo le 7. :00 PM, mentre le persone tornavano a casa dal lavoro. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

19 giugno 2002 - Il Mag. Shlomi Cohen, 26 anni, di Rehovot e St.-Sgt. Yosef Talbi, 20 anni, di Yehud sono stati uccisi e quattro soldati sono rimasti feriti mercoledì notte a Kalkilya quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco mentre i soldati erano all'inseguimento di due terroristi all'interno di un edificio.

20 giugno 2002 - Rachel Shabo, 40 anni, e tre dei suoi figli - Neria, 16, Zvika, 12, e Avishai, 5 - così come un vicino, Yosef Twito, 31, che era venuto in loro aiuto, furono assassinati quando un Il terrorista è entrato nella loro casa a Itamar, a sud di Nablus, e ha aperto il fuoco. Altri due bambini sono rimasti feriti, oltre a due soldati. Il terrorista è stato ucciso dalle forze dell'IDF. L'FPLP e le Brigate Fatah Al Aqsa hanno rivendicato l'attacco.

10 luglio 2002 – L'ufficiale dell'IDF, capitano Hagai Lev, 24 anni , di Gerusalemme, vice comandante di un'unità di ricognizione Givati, è stato ucciso dal fuoco di cecchini palestinesi mentre conduceva una ricerca per tunnel di contrabbando di armi a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. La sparatoria è stata rivendicata dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al Aksa.

16 luglio 2002 – Nove persone sono state uccise e 20 ferite in un attacco terroristico sull'autobus Dan n. 189 in viaggio da Bnei Brak a Emmanuel in Samaria. Una carica esplosiva è stata fatta esplodere accanto all'autobus antiproiettile. I terroristi hanno teso un'imboscata, secondo quanto riferito indossando uniformi dell'IDF, e hanno aperto il fuoco sull'autobus. Sebbene quattro organizzazioni terroristiche abbiano rivendicato l'attacco, sembra che sia stato compiuto dalla stessa cellula di Hamas che ha effettuato l'attacco a Emmanuel il 12 dicembre 2001. Le vittime: Galila Ades, 42 anni, di Emmanuel; Yonatan Gamliel, 16 anni, di Emmanuel; Keren Kashani, 29 anni, di Emmanuel; Sarah Tiferet Shilon, 8 mesi, di Emmanuel; Gal Shilon (suo padre), 32 anni, di Emmanuel; Zilpa Kashi (sua nonna), 65 anni, di Givatayim; Ilana Siton, 35 anni, di Emmanuel. Il bambino prematuro è nato dopo che sua madre, Yehudit Weinberg, è rimasta gravemente ferita ed è morta durante la notte per le ferite riportate. Yocheved Ben-Hanan, 21 anni, di Emmanuel, gravemente ferito, è morto il 18 luglio.

17 luglio 2002 - Il tenente Elad Grenadier, 21 anni, di Haifa è stato ucciso e tre soldati sono rimasti feriti mercoledì mattina presto in uno scontro a fuoco con i terroristi responsabili dell'attacco a Emmanuel del 16 luglio.

17 luglio 2002 - Adrian Andres, 30 anni, della Romania; Boris Shamis, 25 anni, di Tel Aviv; e Xu Hengyong, 39 anni, cinesi sono stati uccisi e 40 feriti in un doppio attentato suicida in via Neve Shaanan, vicino alla vecchia stazione centrale degli autobus di Tel Aviv. Due dei feriti gravi sono successivamente morti a causa delle ferite riportate: Li Bin, 33 anni, della Cina (24 luglio) e Dmitri Pundikov, 33 anni, di Bat-Yam (25 luglio). La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

25 luglio 2002 – Il rabbino Elimelech Shapira, 43 anni, di Peduel, è stato ucciso e un altro civile è rimasto ferito in un attacco a fuoco vicino alla comunità di Alei Zahav, in Cisgiordania, a ovest di Ariel. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah Al-Aqsa.

26 luglio 2002 - St.-Sgt. Elazar Lebovitch, 21 anni, di Hebron; Il rabbino Yosef Dikstein, 45 anni, di Psagot, sua moglie Hannah, 42 anni, e il loro figlio Shuv'el Zion di 9 anni sono stati uccisi in un attacco a fuoco a sud di Hebron. Altri due dei loro figli sono rimasti feriti. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah Al-Aqsa.

30 luglio 2002 – Shlomo Odesser, 60 anni, e suo fratello Mordechai, 52 anni, entrambi di Tapuach in Samaria, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco quando il loro camion è finito sotto il fuoco nel villaggio di Jama'in, in Cisgiordania, vicino ad Ariel. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah Al-Aqsa.

31 luglio 2002 – nove persone - quattro israeliani e cinque cittadini stranieri - furono uccise e 85 ferite, 14 delle quali gravemente, quando una bomba esplose nella mensa del centro studentesco Frank Sinatra nel campus di Monte Scopus dell'Università Ebraica . L'ordigno esplosivo è stato collocato all'interno della mensa, che è stata sventrata dall'esplosione. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: David Diego Ladowski, 29 anni, di Gerusalemme; Levina Shapira, 53 anni, di Gerusalemme; Marla Bennett, 24 anni, della California (Stati Uniti); Benjamin Blutstein, 25 anni, della Pennsylvania (Stati Uniti); Dina Carter, 37 anni, di Gerusalemme (Stati Uniti); Janis Ruth Coulter, 36 anni, del Massachusetts (USA); David Gritz, 24 anni, di Gerusalemme (Stati Uniti-Francia). Daphna Spruch, 61 anni, di Gerusalemme è morta per le ferite il 10 agosto. Revital Barashi, 30 anni, è morta per le ferite il 13 agosto.

1 agosto 2002 - Il corpo di Shani Ladani, 27 anni, di Moshav Olash, colpito e legato, è stato trovato a ovest di Tulkarem, vicino alla Linea Verde, nella zona industriale dove lavorava.

4 agosto 2002 - Nove persone sono state uccise e circa 50 ferite in un attentato suicida sull'autobus n. 361 di Egged in viaggio da Haifa a Safed all'incrocio di Meron, nel nord di Israele. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Mordechai Yehuda Friedman, 24 anni, di Ramat Beit Shemesh; Sari Goldstein, 21 anni, di Karmiel; Maysoun Amin Hassan, 19 anni, di Sajur; Marlene Menahem, 22 anni, del Moshav Safsufa; Il sergente maggiore Roni Ghanem, 28 anni, di Maghar; Sergente Yifat Gavrieli, 19 anni, di Mitzpe Adi; Sergente Omri Goldin, 20 anni, di Mitzpe Aviv; Adelina Kononen, 37 anni, delle Filippine; Rebecca Roga, 40 anni, delle Filippine.

4 agosto 2002 - Yekutiel Amitai, 34 anni, di Gerusalemme, una guardia di sicurezza, e Nizal Awassat, 52 anni, del quartiere Jabel Mukaber a Gerusalemme Est, sono stati uccisi e 17 feriti quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco con una pistola vicino a Damasco. Porta della Città Vecchia di Gerusalemme. Gli agenti della polizia di frontiera hanno avuto uno scontro a fuoco con l'uomo armato, uccidendolo. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

5 agosto 2002 - Avi Wolanski (29) e sua moglie Avital (27), di Eli, furono uccisi e uno dei loro figli, di 3 anni, rimase ferito quando i terroristi aprirono il fuoco sulla loro auto mentre viaggiavano sulla Ramallah-Nablus. strada vicino a Eli in Samaria. I Martiri dell'Esercito Popolare Palestinese, un gruppo scissionista associato al movimento Fatah di Arafat, hanno rivendicato la responsabilità dell'attacco.

10 agosto 2002 - Yafit Herenstein, 31 anni, del Moshav Mechora nella Valle del Giordano, è stata uccisa e suo marito, Arno, gravemente ferito quando un terrorista palestinese si è infiltrato nel moshav e ha aperto il fuoco fuori dalla loro casa. Il terrorista è stato ucciso dai soldati. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

20 agosto 2002 - St.-Sgt. Kevin Cohen, 19 anni, di Petah Tikva, è stato ucciso da un cecchino palestinese vicino a Khan Yunis nella Striscia di Gaza.

5 settembre 2002 - Il tenente Malik Grifat, 24 anni, di Zarzir è stato ucciso e un soldato ferito quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco, da una scuola affollata, contro una pattuglia dell'IDF vicino a Nisanit, nel nord della Striscia di Gaza. Il terrorista è stato ucciso. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

5 settembre 2002 - Il sergente. Aviad Dotan, 21 anni, del Moshav Nir Galim è stato ucciso e tre soldati sono rimasti feriti quando una grossa bomba del peso di oltre 100 kg è esplosa sotto un carro armato Merkava vicino al valico di Kissufim, nel centro della Striscia di Gaza. Un gruppo ombrello che rappresenta diverse fazioni palestinesi ha rivendicato la responsabilità.

18 settembre 2002 - Il corpo carbonizzato di David Buhbut, 67 anni, di Ma'ale Adumim, colpito alla testa, è stato trovato vicino a el-Azzariya, un villaggio palestinese vicino a Ma'ale Adumim, a est di Gerusalemme, vittima di un terrorista. uccidendo.

18 settembre 2002 - Yosef Ajami, 36 anni, di Gerusalemme, è stato ucciso mercoledì pomeriggio quando i terroristi hanno aperto il fuoco sulla sua auto vicino a Mevo Dotan, a nord di Jenin in Cisgiordania. Ferito lievemente l'altro occupante dell'auto, un lavoratore straniero. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate Fatah al-Aqsa.

18 settembre 2002 - Il sergente di polizia. Moshe Hezkiyah, 21 anni, di Elyachin, è stato ucciso e tre persone sono rimaste ferite in un attentato suicida alla fermata dell'autobus all'incrocio di Umm al Fahm. Il terrorista, che apparentemente stava progettando di far esplodere la bomba dopo essere salito su un autobus, ha fatto scattare la carica presto quando è stato avvicinato dalla polizia per essere interrogato. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

19 settembre 2002 - Solomon Hoenig, 79 anni, di Tel Aviv; Yossi Mamistavlov, 39 anni di Or Yehuda; Yaffa Shemtov, 49 anni, di Tel Aviv; Rosanna Siso, 63 anni, di Gan Yavneh; Ofer Zinger, 29 anni, di Moshav Pazael; e Jonathan (Yoni) Jesner, 19 anni, di Glasgow, Scozia, sono stati uccisi e circa 70 persone sono rimaste ferite quando un terrorista ha fatto esplodere una bomba sull'autobus Dan n. 4 in Allenby Street, di fronte alla Grande Sinagoga di Tel-Aviv. Hamas ha rivendicato l'attacco.

23 settembre 2002 - Shlomo Yitzhak Shapira, 48 anni, di Gerusalemme è stato ucciso e tre dei suoi figli feriti, uno gravemente, in un attacco a fuoco lunedì sera vicino alla Grotta dei Patriarchi a Hebron. La famiglia, da Gerusalemme, era venuta a Hebron per celebrare la festa di Sukkot.

26 settembre 2002 - Il capitano Harel Marmelstein, 23 anni, di Mevasseret Zion, un ufficiale dell'IDF del commando navale, è stato ucciso mentre guidava una ricerca di terroristi ricercati nel villaggio di Labed, in Cisgiordania, vicino a Tulkarem. Il terrorista senior di Hamas Nisa'at Jaber ha teso un'imboscata alle truppe, aprendo il fuoco e uccidendo il comandante. Jaber è stato ucciso dai soldati.

30 settembre 2002 - St.-Sgt. Ari Weiss, 21 anni, di Ra'anana, è stato ucciso e un altro soldato del battaglione del genio della Brigata Nahal è rimasto ferito quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco su una postazione dell'esercito nella casbah di Nablus. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

8 ottobre 2002 - Oded Wolk, 51 anni, di Modi'in, gravemente ferito in un'imboscata a sud di Hebron, è morto per le ferite il giorno successivo (9 ottobre). Altri tre israeliani sono rimasti feriti nell'attacco quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco sulla loro auto. Hamas ha rivendicato l'attacco.

10 ottobre 2002 - Sa'ada Aharon, 71 anni, di Ramat Gan è stato ucciso e circa 30 persone sono rimaste ferite quando un attentatore suicida si è fatto esplodere mentre cercava di salire sull'autobus Dan n. 87 di fronte all'Università Bar-Ilan sull'autostrada Geha ( Itinerario 4). Hamas ha rivendicato l'attacco.

21 ottobre 2002 - 14 persone sono state uccise e circa 50 ferite quando un'autobomba contenente circa 100 chilogrammi di esplosivo è stata fatta esplodere accanto a un autobus n. 841 Egged da Kiryat Shmona a Tel Aviv, mentre viaggiava lungo Wadi Ara sulla strada n. 65 verso Hadera. L'autobus si era fermato a una fermata quando l'attentatore suicida, di Jenin, alla guida di una jeep, si è avvicinato da dietro ed è esploso. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco. Tredici delle vittime sono state identificate: Osnat Abramov, 16 anni, di Holon; St.-Sgt. Liat Ben-Ami, 20 anni, di Haifa; Ofra Burger, 56 anni, di Hod Hasharon; Cpl. Ilona Hanukayev, 20 anni, di Hadera; Ashati Indelau, 50 anni, di Hadera; Suad Jaber, 23 anni, di Taibe; Iris Lavi, 68 anni, di Netanya; Sergente Maggiore (ris.) Eliezer Moskovitch, 40 anni, di Petah Tikva; St.-Sgt. Nir Nahum, 20 anni , di Carmiel; Sergente Esther Pisahov, 19 anni, di Givat Olga; St.-Sgt. Aiman ​​Sharuf, 20 anni, di Ussfiyeh; Anat Shimshon, 34 anni, di Ra'anana; Cpl. Sharon Tubol, 19 anni, di Arad.

27 ott 2002 - Il Mag. (res.) Tamir Masad, 41 anni, di Ben Shemen; Tenente Matan Zagron, 22 anni, di Itamar; e il sergente maggiore Amihud Hasid, 32 anni, di Tapuah sono stati uccisi e circa 20 persone sono rimaste ferite in un attentato suicida alla stazione di servizio Sonol all'ingresso di Ariel in Samaria. I due ufficiali e il soldato sono stati uccisi mentre cercavano di impedire al terrorista di far esplodere la bomba. Il terrorista è stato identificato come membro di Hamas.

29 ottobre 2002 - Tre residenti di Hermesh - Orna Eshel, 53 anni, Linoy Saroussi e Hadas Turgeman, entrambi 14 anni - furono uccisi e due feriti quando un terrorista armato di fucile d'assalto Kalashnikov e indossando una cintura esplosiva aprì il fuoco, dopo essersi infiltrato nella insediamento nel nord della Samaria. Il terrorista è stato ucciso a colpi di arma da fuoco. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

4 novembre 2002 - La guardia di sicurezza Julio Pedro Magram, 51 anni, di Kfar Sava, e Gastón Perpiñal, 15, di Ra'anana, entrambi immigrati recenti dall'Argentina, sono stati uccisi e circa 70 persone sono rimaste ferite in un attentato suicida in un centro commerciale. centro commerciale a Kfar Sava. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

6 novembre 2002 - Assaf Tzfira, 18 anni, di B'dolah, e Amos Sa'ada, 52 anni, di Rafiah Yam sono stati uccisi quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco in una serra e in una fabbrica tessile a Pe'at Sadeh, nel sud della Striscia di Gaza. . Il terrorista è stato ucciso da un agente della sicurezza. Hamas ha rivendicato l'attacco.

9 novembre 2002 - Il sergente maggiore. Madin Grifat, 23 anni, di Beit Zarzir è stato ucciso quando una mina è esplosa durante un pattugliamento di routine a nord-est di Netzarim, nella Striscia di Gaza. Il comandante della compagnia della Brigata Givati ​​è rimasto ferito. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

10 novembre 2002 - Revital Ohayon, 34 anni, e i suoi due figli, Matan, 5, e Noam, 4, così come Yitzhak Dori, 44 - tutti del Kibbutz Metzer - e Tirza Damari, 42, di Elyachin, furono uccisi quando un Il terrorista si è infiltrato nel kibbutz, situato a est di Hadera, vicino alla Linea Verde, e ha aperto il fuoco. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah Al-Aqsa.

15 novembre 2002 – dodici persone – 9 soldati e tre civili della squadra di pronto intervento di Kiryat Arba – sono state uccise e altre 15 ferite venerdì notte a Hebron quando terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco e lanciato granate contro un gruppo di fedeli ebrei e le loro guardie mentre stavano tornando a casa dalle preghiere del sabato nella Grotta dei Patriarchi. Tra le vittime figurano fedeli civili e soldati, alcuni dei quali sono caduti in un'imboscata mentre inseguivano gli aggressori. Nell'attentato rivendicato dalla Jihad islamica sono rimasti uccisi tre terroristi. Le vittime: Col. Dror Weinberg, 38 anni, di Gerusalemme; Agente della polizia di frontiera Ch.-Supt. Samih Sweidan, 31 anni, di Arab al-Aramsha; Sergente Tomer novembre, 19, di Ashdod; Sergente Gad Rahamim, 19 anni, di Kiryat Malachia; St.-Sgt. Netanel Machluf, 19 anni, di Hadera; St.-Sgt. Yeshayahu Davidov, 20 anni, di Netanya; Sergente Igor Drobitsky, 20 anni, di Nahariya; Cpl. David Marcus, 20 anni, di Ma'aleh Adumim; e il tenente Dan Cohen, 22 anni, di Gerusalemme. I tre membri civili della squadra di risposta all'emergenza di Kiryat Arba uccisi erano Yitzhak Buanish, 46 anni; Alexander Zwitman, 26 anni; e Alexander Dohan, 33 anni.

18 novembre 2002 - Esther Galia, 48 anni, di Kochav Hashahar, è stata uccisa in un attacco a fuoco vicino a Rimonim, sulla Allon Road, circa 15 chilometri a nord-est di Ramallah.

21 novembre 2002 - Undici persone sono state uccise e circa 50 ferite da un attentatore suicida su un autobus n. 20 Egged in Mexico Street, nel quartiere Kiryat Menahem di Gerusalemme. L'autobus era pieno di passeggeri, compresi scolari, che viaggiavano verso il centro della città nelle ore di punta. Hamas ha rivendicato l'attacco. Le vittime: Hodaya Asraf, 13 anni, di Gerusalemme; Marina Bazarski, 46 anni, di Gerusalemme; Hadassah (Yelena) Ben-David, 32 anni, di Gerusalemme; Sima Novak, 56 anni, di Gerusalemme; Kira Perlman, 67 anni, e suo nipote Ilan Perlman, 8 anni, di Gerusalemme; Yafit Ravivo, 14 di Gerusalemme; Ella Sharshevskij, 44 anni, e suo figlio Michael Sharshevskij, 16 anni, di Gerusalemme; Mircea Varga, 25 anni, turista rumeno; Dikla Zino, 22 anni, di Gerusalemme.

22 novembre 2002 - Il sergente maggiore dell'IDF inseguitore. Shigdaf (Shai) Garmai, 30 anni, di Lod, è stato ucciso quando una pattuglia della Brigata Givati ​​delle forze di difesa israeliane vicino a Tel Qateifa, nella Striscia di Gaza, è finita sotto il fuoco palestinese. Hamas ha rivendicato la responsabilità.

28 novembre 2002 - Noy e Dvir Anter, di 12 e 14 anni, di Ariel, e Albert (Avraham) de Havila, 60 anni, di Ra'anana furono uccisi insieme a 10 keniani quando un'autobomba esplose nell'atrio dell'ufficio israeliano. il Paradise Hotel di proprietà sulla spiaggia, frequentato quasi esclusivamente da turisti israeliani, vicino a Mombasa in Kenya; 21 israeliani erano tra gli 80 feriti. Al-Qaeda di Osama bin Laden ha rivendicato l'attacco, così come il simultaneo tentativo di abbattere un aereo Arkia.

28 novembre 2002 - Haim Amar, 56 anni; Ehud (Yehuda) Avitan, 54 anni; Mordechai Avraham, 44 anni; Ya'acov Lary, 35 anni; e David Peretz, 48 anni - tutti di Beit She'an; e Shaul Zilberstein, 36 anni, di Nazareth Alta, sono stati uccisi e circa 40 feriti quando due terroristi hanno aperto il fuoco e lanciato granate contro il seggio elettorale del Likud a Beit She'an, vicino alla stazione centrale degli autobus, dove i membri del partito stavano esprimendo il loro voto nel seggio elettorale. Primarie del Likud. L'attacco è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di Fatah al-Aqsa.

12 dicembre 2002 - Corp. Keren Ya'akobi, 19 anni, di Hadera e Sgt. Maor Kalfon, 19 anni, di Kiryat Yam sono stati uccisi mentre erano di guardia vicino alla Tomba dei Patriarchi a Hebron.

20 dicembre 2002 - Il rabbino Yitzhak Arama, 40 anni, di Netzer Hazani a Gush Katif, nella Striscia di Gaza, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco sulla strada del corridoio di Kissufim mentre guidava con sua moglie e sei figli per partecipare ad una celebrazione del sabato pre-matrimonio ad Afula. . La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

27 dicembre 2002 - Quattro studenti yeshivah - St.-Sgt. Noam Apter, 23 anni, di Shilo; Pv. Yehuda Bamberger, 20 anni, di Karnei Shomron; Gavriel Hoter, 17 anni, di Alonei Habashan; e Zvi Zieman, 18 anni, di Reut - sono stati uccisi a Otniel, a sud di Hebron, mentre lavoravano nella cucina della yeshivah, servendo il pasto dello Shabbat a circa 100 studenti nella sala da pranzo adiacente. I due terroristi della Jihad islamica, che hanno rivendicato l'attacco, sono stati uccisi dalle forze dell'IDF. Altri dieci, tra cui sei soldati, sono rimasti feriti nell'attacco.

 

2001

5 gennaio 2001 - Il corpo di Mordechai Cohen, 34 anni, di Hadera, è stato ritrovato nella zona industriale di Cesarea. Era andato in una banca a Hadera per raccogliere soldi per pagare i suoi dipendenti. È stato rapito e ucciso.

14 gennaio 2001 - Il corpo crivellato di proiettili di Ron Tzalah, 32 anni, di Kfar Yam a Gush Katif, apparentemente ucciso domenica notte (14 gennaio), è stato ritrovato la mattina seguente vicino alle serre di Kfar Yam.

17 gennaio 2001 - Ofir Rahum, 16 anni, di Ashkelon, si è recato a Gerusalemme per incontrare una giovane donna con la quale aveva avuto una relazione su Internet. Poi lo ha portato verso Ramallah. In un luogo prestabilito, un altro veicolo è arrivato e tre uomini armati palestinesi all'interno hanno sparato a Rahum più di 15 volte. Un terrorista è scappato con il corpo di Rahum e lo ha scaricato, mentre gli altri sono fuggiti con il secondo veicolo.

23 gennaio 2001 - Motti Dayan, 27 anni, e Etgar Zeituny, 34 anni, cugini di Tel Aviv, sono stati rapiti in un ristorante a Tulkarem da uomini armati palestinesi mascherati e giustiziati.

25 gennaio 2001 - Akiva Pashkos, 45 anni, di Gerusalemme, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un attacco terroristico vicino alla zona industriale di Atarot a nord di Gerusalemme.

29 gennaio 2001 - Arye Hershkowitz, 55 anni, di Ofra, è stato ucciso da colpi di arma da fuoco sparati da un'auto di passaggio vicino all'incrocio di Rama a nord di Gerusalemme.

1 febbraio 2001 - Il dottor Shmuel Gillis, 42 anni, di Karmei Tzur, è stato ucciso da uomini armati palestinesi che hanno sparato contro la sua auto vicino al campo profughi di Aroub sull'autostrada Gerusalemme-Hebron. Lior Attiah, 23 anni, di Afula è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dai terroristi mentre viaggiava vicino a Jenin.

5 febbraio 2001 - St.-Sgt. Rujayah Salameh, 23 anni, è stato ucciso dal fuoco dei cecchini vicino a Rafah.

11 febbraio 2001 - Tzachi Sasson, 35 anni, del Kibbutz Rosh Tzurim a Gush Etzion, è stato ucciso da uomini armati palestinesi mentre tornava a casa da Gerusalemme.

14 febbraio 2001 - Simcha Shitrit, 30 anni, di Rishon Lezion; Sergente maggiore Ofir Magidish, 20 anni, di Kiryat Malachi; Sergente David Iluz, 21 anni, di Kiryat Malachia; Sergente Julie Weiner, 21 anni, di Gerusalemme; Sergente Rachel Levy, 19 anni, di Ashkelon; Sergente Kochava Polanski, 19 anni, di Ashkelon; Cpl. Alexander Manevich, 18 anni, di Ashkelon; e Cpl. Yasmin Karisi, 18 anni, di Ashkelon è stato ucciso quando un autobus guidato da un terrorista palestinese si è schiantato contro un gruppo di soldati e civili in attesa alla fermata dell'autobus vicino a Holon, a sud di Tel Aviv. Inoltre, nell'attacco sono rimaste ferite 25 persone.

26 febbraio 2001 - Il corpo di Mordechai Shefer, 55 anni, di Kfar Sava, è stato trovato in un uliveto vicino a Moshav Hagor. L'autopsia ha rivelato che è stato assassinato. Gli investigatori sospettano motivazioni terroristiche.

1 marzo 2001 - Claude Knap, 29 anni, di Tiberiade è stato ucciso e 9 persone ferite quando un terrorista ha fatto esplodere una bomba in un taxi di servizio da Tel Aviv a Tiberiade all'incrocio Mei Ami a Wadi Ara.

4 marzo 2001 - Naftali Dean, 85 anni, di Tel Mond; sua nipote, Shlomit Ziv, 58 anni, di Netanya; e Yevgenya Malchin, 70 anni, di Netanya sono stati uccisi in un attentato suicida nel centro di Netanya; 60 persone sono rimaste ferite. Hamas ha rivendicato l'attacco.

19 marzo 2001 - Baruch Cohen, 59 anni, di Efrat, è stato ucciso da colpi di arma da fuoco contro la sua auto mentre si recava al lavoro a Gerusalemme dalla sua casa nella zona di Gush Etzion. Dopo essere stato colpito dai proiettili, ha perso il controllo dell'auto e si è scontrato con un camion in arrivo.

26 marzo 2001 - Shalhevet Pass, 10 mesi di età, è stato ucciso dal fuoco di un cecchino all'ingresso del quartiere Avraham Avinu a Hebron.

28 marzo 2001 - Eliran Rosenberg-Zayat, 15 anni, di Givat Shmuel e Naftali Lanzkorn, 13 anni, di Petah Tikva sono stati uccisi in un attentato suicida alla stazione di servizio Mifgash Hashalom ("stop della pace") a diverse centinaia di metri da un posto di blocco dell'IDF vicino l'ingresso a Kalkilya, a est di Kfar Saba. Quattro persone sono rimaste ferite. Hamas ha rivendicato l'attacco.

1 aprile 2001 - Il sergente. Ya'akov Krenschel, 23 anni, di Nahariya, un soldato di riserva dell'IDF, è stato ucciso in uno scontro a fuoco tra l'esercito e le forze palestinesi a sud-est di Nablus.

1 aprile 2001 - Dina Guetta, 42 anni, di Haifa, è stata pugnalata a morte in Ha'atzmaut Street. Il suo omicidio è stato il rito di iniziazione a una cellula terroristica catturata a luglio.

2 aprile 2001 - Il sergente. Danny Darai, 20 anni, di Arad, è stato ucciso da un cecchino palestinese dopo aver completato il servizio di guardia alla Tomba di Rachele all'ingresso di Betlemme.

21 aprile 2001 - Il corpo mutilato di Stanislav Sandomirsky, 38 anni, di Beit Shemesh, è stato trovato nel bagagliaio della sua auto vicino a un villaggio a nord di Ramallah ieri sera tardi. Si sospettano motivazioni terroristiche.

22 aprile 2001 - Il dottor Mario Goldin, 53 anni, di Kfar Sava, è stato ucciso quando un terrorista ha fatto esplodere una potente bomba che stava trasportando vicino a un gruppo di persone in attesa alla fermata dell'autobus all'angolo tra le strade Weizman e Tchernichovsky. Nell'esplosione sono rimaste ferite circa 60 persone. Hamas ha rivendicato la responsabilità.

28 aprile 2001 - Il sergente. Shlomo Elmakias, 20 anni, di Netanya, è stato ucciso e quattro donne passeggeri sono rimaste ferite in un attacco terroristico sull'autostrada Wadi Ara in Galilea.

28 aprile 2001 - Simcha Ron, 60 anni, di Nahariya, è stato trovato pugnalato a morte a Kfar Ba'aneh, vicino a Carmiel in Galilea. I terroristi responsabili dell'attacco sono stati arrestati a luglio.

1 maggio 2001 - Assaf Hershkowitz, 30 anni, di Ofra, è stato ucciso quando il suo veicolo è stato colpito da colpi di arma da fuoco e si è ribaltato all'incrocio tra Ofra e Beit El.

8 maggio 2001 - Arnaldo Agranionic, 48 anni, è stato assassinato dai terroristi mentre sorvegliava la Fattoria Binyamin, un avamposto solitario dove viveva, su una collina isolata a est di Itamar in Samaria.

9 maggio 2001 - Yossi Ish-Ran, 14 anni, e Kobi Mandell, 14 anni, entrambi di Tekoa, sono stati trovati lapidati morti in una grotta a circa 200 metri dalla piccola comunità a sud di Gerusalemme dove vivevano.

10 maggio 2001 – Constantin Straturula, 52 anni, e Virgil Martinesc, 29 anni, due cittadini rumeni impiegati da un appaltatore israeliano, sono stati uccisi in un attentato mentre riparavano una recinzione vandalizzata al valico di Kissufim nel distretto di Gaza.

15 maggio 2001 - Idit Mizrahi, 20 anni, di Rimonim , è stata colpita a morte in un'imboscata terroristica mentre guidava con suo padre e suo fratello sull'autostrada Alon per partecipare a un matrimonio di famiglia. I terroristi hanno sparato 30 proiettili, 19 dei quali hanno colpito l'auto della famiglia.

18 maggio 2001 - Tirza Polonsky, 66 anni, del Moshav Kfar Haim; Miriam Waxman, 51 anni, di Hadera; David Yarkoni, 53 anni, di Netanya; Yulia Tratiakova, 21 anni, di Netanya; e Vladislav Sorokin, 34 anni, di Netanya sono rimasti uccisi in un attentato suicida al centro commerciale Hasharon nella città costiera di Netanya, in cui sono rimasti feriti oltre 100 persone. Hamas ha rivendicato l'attacco.

18 maggio 2001 – Il tenente Yair Nebenzahl, 22 anni, di Neve Tzuf (Halamish), è stato ucciso e sua madre gravemente ferita, in un'imboscata palestinese lungo la strada a nord di Gerusalemme.

23 maggio 2001 - Asher Iluz, 33 anni, di Modi'in è stato ucciso fuori Ariel mentre si recava a supervisionare la pavimentazione stradale nella zona quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco in un'imboscata.

25 maggio 2001 - Il corpo bruciato di Yosef Alfasi, 50 anni, di Rishon Letzion, è stato scoperto vicino alla città di Tulkarem, in Cisgiordania.

29 maggio 2001 – Gilad Zar, 41 anni, di Itamar, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un'imboscata terroristica mentre guidava in Cisgiordania tra Kedumim e Yizhar. Fatah Tanzim ha rivendicato l'attacco.

29 maggio 2001 - Sara Blaustein, 53 anni, ed Esther Alvan, 20, di Efrat, sono state uccise in una sparatoria vicino a Neve Daniel nel blocco di Gush Etzion a sud di Gerusalemme. Fatah Tanzim ha rivendicato l'attacco.

31 maggio 2001 - Zvi Shelef, 63 anni, di Mevo Dotan, è stato ucciso in un attacco a fuoco nel nord della Samaria, a nord di Tulkarem. È stato colpito alla testa ed è morto durante il viaggio verso l'ospedale.

1 giugno 2001 - Marina Berkovizki, 17 anni, di Tel Aviv; Roman Dezanshvili, 21 anni, di Bat Yam; Ilya Gutman, 19 anni, di Bat Yam; Anya Kazachkov, 16 anni, di Holon; Katherine Kastaniyada-Talkir, 15 anni, di Ramat Gan; Aleksei Lupalu, 16 anni, dell'Ucraina; Mariana Medvedenko, 16 anni, di Tel Aviv; Irina Nepomneschi, 16 anni, di Bat Yam; Yelena Nelimov, 18 anni, di Tel Aviv; Yulia Nelimov, 16 anni, di Tel Aviv; Raisa Nimrovsky, 15 anni, di Netanya; Pv. Diez (Dani) Normanov, 21 anni, di Tel Aviv; Simona Rodin, 18 anni, di Holon; Ori Shahar, 32 anni, di Ramat Gan; Liana Sakiyan, 16 anni, di Tel Aviv; Maria Tagilchev, 14 anni, di Netanya; e Irena Usdachi, 18 anni, di Holon sono rimasti uccisi quando un attentatore suicida si è fatto esplodere fuori da una discoteca vicino al Delfinario di Tel Aviv, sul lungomare, poco prima di mezzanotte di venerdì. Sergei Pancheskov, 20 anni, dell'Ucraina; Yael-Yulia Sklianik, 15 anni, di Holon; Jan Bloom, 25 anni, di Ramat Gan; e Yevgenia Dorfman, 15 anni, di Bat Yam sono morti successivamente a causa delle ferite riportate. Nel bombardamento rimasero ferite 120 persone.

11 giugno 2001 - Yehuda Shoham, di 5 mesi, di Shilo, è morto per le ferite riportate in una lapidazione mortale il 5 giugno. È stato gravemente ferito da un sasso lanciato contro l'auto di famiglia vicino a Shilo in Samaria.

12 giugno 2001 – Padre Georgios Tsibouktzakis, 34 anni, monaco greco-ortodosso del monastero di San Giorgio a Wadi Kelt, nel deserto della Giudea, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre guidava sulla strada Gerusalemme-Ma'ale Adumim.

14 giugno 2001 - Tenente Col. Yehuda Edri, 45 anni, di Ma'ale Adumim, è stato ucciso da un informatore palestinese dell'intelligence israeliana in un attacco a fuoco sul tunnel della tangenziale di Betlemme che collega il blocco di Gush Etzion con Gerusalemme. Una delle sue guardie di sicurezza è rimasta gravemente ferita.

18 giugno 2001 - Dan Yehuda, 35 anni, di Homesh è stato ucciso in uno scontro a fuoco tra Homesh e Shavei Shomron, vicino a Nablus. Alex Briskin, 17 anni, è rimasto moderatamente ferito. Doron Zisserman, 38 anni, di Einav, è stato ucciso nella sua auto dal fuoco di un cecchino vicino all'ingresso di Einav, a est di Tulkarem. Fatah ha rivendicato l'attacco.

20 giugno 2001 - Ilya Krivitz, 62 anni, di Homesh in Samaria è stato ucciso a distanza ravvicinata in un'imboscata nel tardo pomeriggio di mercoledì nella vicina città palestinese di Silat a-Dahar.

22 giugno 2001 - Il sergente. Aviv Iszak, 19 anni, di Kfar Saba, e il sergente. Ofir Kit, 19 anni, di Gerusalemme, sono rimasti uccisi in un attentato suicida vicino a Dugit nella Striscia di Gaza quando una jeep con targa israeliana gialla, presumibilmente bloccata nella sabbia, è esplosa mentre si avvicinavano.

28 giugno 2001 - Ekaterina (Katya) Weintraub, 27 anni, di Ganim, nel nord della Samaria, è stata uccisa e un'altra donna ferita nel tardo pomeriggio di giovedì da colpi d'arma da fuoco contro un convoglio di due auto sulla tangenziale di Jenin.

2 luglio 2001 - Aharon Obadyan, 41 anni, di Zichron Ya'akov, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco vicino a Baka a-Sharkia, a nord della città di Tulkarem in Cisgiordania e vicino al confine della linea verde del 1967, dopo aver fatto acquisti al mercato locale.

2 luglio 2001 - Il corpo di Yair Har Sinai, 51 anni, di Susiya sulle colline di Hebron, scomparso da lunedì (2 luglio) è stato trovato martedì mattina presto colpito alla testa e al petto.

4 luglio 2001 - Eliahu Na' aman , 32 anni, di Petah Tikva, è stato colpito a bruciapelo appena all'interno della linea verde a Sueika, vicino a Tulkarem.

9 luglio 2001 - Il capitano Shai Shalom Cohen, 22 anni, di Pardes Hanna, è stato ucciso e un altro soldato è rimasto ferito quando una carica esplosiva è esplosa sotto la loro jeep dopo aver lasciato la base dell'IDF di Aduraim a sud di Hebron.

13 luglio 2001 - Yehezkel (Hezi) Mualem, 49 anni, padre di quattro figli di Kiryat Arba, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco tra Kiryat Arba e Hebron mentre protestava contro un attacco a fuoco nella zona il giorno precedente.

14 luglio 2001 - David Cohen, 28 anni, di Betar Illit, muore per le ferite riportate in una sparatoria a Kiryat Arba il 12 luglio.

16 luglio 2001 - Cpl. Hanit Arami, 19 anni, e St.Sgt. Avi Ben Harush, 20 anni, entrambi di Zichron Yaakov, sono rimasti uccisi e 11 feriti - 3 in modo grave - quando una bomba è esplosa in un attacco terroristico suicida a una fermata dell'autobus vicino alla stazione ferroviaria di Binyamina, a metà strada tra Netanya e Haifa, verso le 19: 30 lunedì sera. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

24 luglio 2001 - Il corpo di Yuri Gushchin, 18 anni, di Gerusalemme, brutalmente assassinato, recante ferite da arma da fuoco e da taglio, è stato ritrovato a Ramallah.

26 luglio 2001 – Ronen Landau, 17 anni, di Givat Ze'ev, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da terroristi palestinesi mentre tornava a casa da Gerusalemme con suo padre.

5 agosto 2001 - Tehiya Bloomberg, 40 anni, di Karnei Shomron, madre di cinque figli e incinta di cinque mesi, è stata uccisa quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco sul veicolo di famiglia tra Alfei Menashe e Karnei Shomron. Tre persone sono rimaste gravemente ferite, tra cui suo marito, Shimon, e la figlia, Tzippi, di 14 anni.

6 agosto 2001 - Yitzhak Snir, 51 anni, di Ra'anana, un commerciante di diamanti israeliano, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco ad Amman, nel cortile dell'edificio dove teneva un appartamento. Il suo corpo è stato ritrovato la mattina seguente.

7 agosto 2001 - Wael Ghanem, 32 anni, un arabo israeliano residente a Taibeh, è ​​stato ucciso da aggressori palestinesi sulla strada vicino a Kalkilya. La polizia ritiene che sia stato assassinato per sospetta collaborazione con le autorità israeliane. Zohar Shurgi, 40 anni, di Moshav Yafit nella Valle del Giordano, è stato ucciso da terroristi mentre tornava a casa di notte sull'autostrada Trans-Samaria.

9 agosto 2001 - Giora Balash, 60 anni, del Brasile; Zvika Golombek, 26 anni, di Carmiel; Shoshana Yehudit Greenbaum, 31 anni, statunitense; Tehila Maoz, 18 anni, di Gerusalemme; Frieda Mendelsohn, 62 anni, di Gerusalemme; Michal Raziel, 16 anni, di Gerusalemme; Malka Roth, 15 anni, di Gerusalemme; Mordechai Schijveschuurder, 43 anni, di Neria; Tzira Schijveschuurder, 41 anni, di Neria; Ra'aya Schijveschuurder, 14 anni, di Neria; Avraham Yitzhak Schijveschuurder, 4 anni, di Neria; Hemda Schijveschuurder, 2 anni, di Neria; Lily Shimashvili, 33 anni, di Gerusalemme; Tamara Shimashvili, 8 anni, di Gerusalemme; e Yocheved Shoshan, 10 anni, di Gerusalemme, sono rimasti uccisi e circa 130 feriti in un attentato suicida presso la pizzeria Sbarro all'angolo tra King George Street e Jaffa Road, nel centro di Gerusalemme. Hamas e la Jihad islamica hanno rivendicato l'attacco. Chana Nachenberg, nata a New York, 31 anni al momento dell'attacco, è rimasta ferita ed è morta dopo essere stata in stato vegetativo per 22 anni.

9 agosto 2001 - Aliza Malka, 17 anni, una studentessa del Kibbutz Merav, è stata uccisa da terroristi in una sparatoria all'ingresso del kibbutz nella regione di Gilboa, a ovest di Beit She'an. Tre ragazze adolescenti che erano con lei in macchina sono rimaste ferite, una in modo grave.

25 agosto 2001 - Il Mag. Gil Oz, 30 anni, di Kfar Sava; St.-Sgt. Kobi Nir, 21 anni, di Kfar Sava; e il sergente. Tzahi Grabli, 19 di Holon sono stati uccisi e sette soldati feriti quando due terroristi palestinesi si sono infiltrati in una base dell'IDF a Gush Katif nella Striscia di Gaza intorno alle 3:00 di sabato mattina. Gli aggressori, membri della fazione OLP Fatah e delle forze di sicurezza palestinesi, sono stati uccisi dai soldati dell'IDF. Il Fronte Democratico ha rivendicato l'attentato.

25 agosto 2001 - Sharon, 26 anni, e Yaniv Ben-Shalom, 27, di Ofarim, sono stati uccisi quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco sulla loro auto mentre tornavano a casa sulla strada Gerusalemme-Modi'in sabato notte. I loro figli, di uno e due anni, sono rimasti leggermente feriti. Il fratello di Sharon, Doron Sviri, 20 anni, di Gerusalemme, è stato ferito a morte ed è morto il giorno successivo.

26 agosto 2001 - Dov Rosman, 58 anni, di Netanya, è stato ucciso in un attacco a fuoco poco prima delle 17:00 di domenica pomeriggio vicino all'ingresso del villaggio di Zaita, di fronte al Kibbutz Magal. Fatah ha rivendicato l'attacco.

27 agosto 2001 - Meir Lixenberg, 38 anni, di Itamar, padre di cinque figli, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da terroristi palestinesi in un'imboscata lungo la strada mentre viaggiava tra le comunità di Har Bracha e Itamar, a sud di Nablus.

29 agosto 2001 - Oleg Sotnikov, 35 anni, di Ashdod, un camionista impiegato dalla Dor Energy, è stato ucciso in un attacco terroristico fuori dal villaggio palestinese di Kutchin, a ovest di Nablus.

30 agosto 2001 - Amos Tajouri, 60 anni, di Modi'in, è stato colpito alla testa a bruciapelo da un uomo armato mascherato nel villaggio arabo di Na'alin, mentre cenava in un ristorante di proprietà di amici intimi.

6 settembre 2001 - Il tenente Erez Merhavi, 23 anni, di Moshav Tarum, è stato ucciso in un'imboscata vicino al Kibbutz Bahan, a est di Hadera, mentre si recava a un matrimonio. L'agente donna che era con lui a bordo dell'auto è rimasta gravemente ferita. Fatah-Tanzim ha rivendicato l'attacco.

9 settembre 2001 - Ya'akov Hatzav, 42 anni, di Hamra nella Valle del Giordano, l'autista, e Sima Franko, 24 anni, di Beit She'an, una maestra d'asilo, sono stati uccisi in un attacco a fuoco 300 metri a sud dell'Adam Giunzione nella Valle del Giordano. Un minibus che trasportava gli insegnanti alla scuola regionale è stato attaccato da terroristi palestinesi.

9 settembre 2001 - Dr. Yigal Goldstein, 47 anni, di Gerusalemme; Morel Derfler, 45 anni, di Mevasseret Zion; e il sergente. Daniel Yifrah, 19 anni, di Gerusalemme è rimasto ucciso e circa 90 feriti, per lo più lievemente, in un attentato suicida vicino alla stazione ferroviaria di Nahariya, nel nord di Israele.

11 settembre 2001 - Il sergente della polizia di frontiera. Tzachi David, 19 anni, di Tel-Aviv, e St.-Sgt. Andrei Zledkin, 26 anni, di Carmiel, sono stati uccisi poco dopo mezzanotte quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco sulla base della polizia di frontiera di Ivtan vicino al Kibbutz Bachan, nel centro di Israele. Un gruppo di Fatah ha rivendicato l'attacco.

12 settembre 2001 - Ruth Shua'i, 46 anni, di Alfei Menashe, stava tornando a casa intorno alle 19:30 quando furono sparati dei colpi da un veicolo di passaggio vicino al villaggio di Habla vicino a Kalkilya. Ha riportato ferite alla testa e allo stomaco ed è morta durante il viaggio verso l'ospedale Meir di Kfar Saba.

15 settembre 2001 - Meir Weisshaus, 23 anni, di Gerusalemme, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco sabato notte tardi in una sparatoria sulla strada Ramot-French Hill, nel nord di Gerusalemme.

16 settembre 2001 - Il sergente. David Gordukal, 23 anni, di Nazareth Alta, è stato ucciso sabato notte nello scontro a fuoco nel sud di Ramallah, durante il quale cinque importanti terroristi palestinesi sono stati arrestati e diverse postazioni palestinesi e un campo della Forza 17 sono stati attaccati.

20 settembre 2001 - Sarit Amrani, 26 anni, di Nokdim, è stata uccisa giovedì mattina e suo marito Shai è rimasto gravemente ferito in un attacco a fuoco vicino a Tekoa, a sud di Betlemme. I tre figli della coppia che viaggiavano a bordo del veicolo non sono rimasti feriti. Fatah ha rivendicato l'attacco.

24 settembre 2001 - Salit Sheetrit, 28 anni, del Kibbutz Sde Eliyahu è stato ucciso da colpi di arma da fuoco poco dopo le 6:30 vicino a Shadmot Mehola sulla strada della Valle del Giordano. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

2 ottobre 2001 - Cpl. Liron Harpaz, 19 anni, di Alei Sinai, e Assaf Yitzhaki, 20 anni, di Lod, sono stati uccisi quando una cellula terroristica palestinese si è infiltrata nella comunità di Alei Sinai, nel distretto settentrionale di Gaza, aprendo il fuoco sui residenti e lanciando granate nelle case. Altri 15 sono rimasti feriti nell'attacco.

4 ottobre 2001 - Il sergente. Tali Ben-Armon, 19 anni, una donna soldato fuori servizio di Pardesia, Haim Ben Ezra, 76 anni, di Givat Hamoreh, e Sergei Freidin, 20 anni, di Afula sono stati uccisi quando un terrorista palestinese, vestito da paracadutista israeliano, ha aperto il fuoco sui civili israeliani in attesa alla stazione centrale degli autobus di Afula. Altri 13 israeliani sono rimasti feriti nell'attacco. Fatah ha rivendicato l'attacco.

5 ottobre 2001 - Hananya Ben-Avraham, 46 anni, di Elad è stata uccisa da terroristi palestinesi in un'imboscata con mitragliatrice vicino ad Avnei Hefetz, nel centro di Israele.

7 ottobre 2001 - Yair Mordechai, 43 anni, del Kibbutz Sheluhot è stato ucciso quando un terrorista suicida palestinese ha fatto esplodere una grande bomba legata al suo corpo vicino all'ingresso del kibbutz nella valle di Beit She'an.

17 ottobre 2001 - Il ministro del Turismo Rechavam Ze'evy, 75 anni, è stato assassinato con due colpi alla testa fuori dalla sua stanza al Jerusalem Hyatt Hotel. L'attentato è stato rivendicato dal Fronte popolare per la liberazione della Palestina.

18 ottobre 2001 - Lior Kaufman, 30 anni, di Ramat Sharon è stato ucciso e due feriti, uno in modo grave, da colpi di arma da fuoco sparati dai terroristi contro la loro jeep nel deserto della Giudea, vicino al monastero di Mar Saba.

28 ott 2001 - St.-Sgt. Yaniv Levy, 22 anni, di Zichron Yaakov è stato ucciso da terroristi palestinesi in un'imboscata a colpi di mitragliatrice vicino al Kibbutz Metzer, nel nord di Israele. L'ala Tanzim della fazione Fatah di Arafat ha rivendicato la responsabilità dell'omicidio.

28 ott 2001 - Ayala Levy, 39, di Elyachin; Smadar Levy, 23 anni, di Hadera; Lydia Marko, 63 anni, di Givat Ada; e Sima Menachem, 30 anni, di Zichron Yaakov sono stati uccisi quando due terroristi palestinesi, membri della polizia palestinese, armati di fucili d'assalto e proiettili ad espansione, hanno aperto il fuoco da un veicolo su pedoni israeliani a un'affollata fermata dell'autobus nel centro di Hadera. Circa 40 sono rimasti feriti, tre in modo grave. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

2 novembre 2001 - St.-Sgt. Raz Mintz, 19 anni, di Kiryat Motzkin è stato ucciso da uomini armati palestinesi a un posto di blocco dell'IDF vicino a Ofra, a nord di Ramallah. La Brigata al-Aqsa, affiliata a Fatah, ha rivendicato l'attacco.

4 novembre 2001 - Shoshana Ben-Yishai, 16 anni, di Betar Illit e Menashe (Meni) Regev, 14 anni, di Gerusalemme sono stati uccisi quando un terrorista palestinese ha aperto il fuoco con un mitra poco prima delle 16:00 all'edificio n. 25 Autobus Egged all'incrocio di French Hill, nel nord di Gerusalemme. Nell'attacco sono rimaste ferite 45 persone.

6 novembre 2001 - Il capitano (Res.) Eyal Sela, 39 anni, di Moshav Nir Banim, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un'imboscata tesa da tre terroristi palestinesi sulla tangenziale meridionale di Nablus.

9 novembre 2001 - Hadas Abutbul, 39 anni, di Mevo Dotan, nel nord della Samaria, è stata uccisa da terroristi palestinesi venerdì pomeriggio mentre tornava dal lavoro nella vicina Shaked.

11 novembre 2001 - Aharon Ussishkin, 50 anni, capo della sicurezza del Moshav Kfar Hess, a est di Netanya, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco all'ingresso del moshav domenica sera, dopo essere stato convocato per indagare su una persona sospetta.

24 novembre 2001 - St.-Sgt. Barak Madmon, 26 anni, di Holon, un riservista dell'IDF, è stato ucciso da un colpo di mortaio caduto nel campo di calcio di Kfar Darom a Gush Katif, mentre si stava recando a prendere il servizio di guardia. Hamas ha rivendicato l'attacco.

27 novembre 2001 - Noam Gozovsky, 23 anni, di Moshav Ramat Zvi, e Michal Mor, 25 anni, di Afula furono uccisi quando due terroristi palestinesi della zona di Jenin aprirono il fuoco con fucili d'assalto Kalashnikov su una folla di persone vicino alla stazione centrale degli autobus a Afula. Gli agenti di polizia e un soldato di riserva li hanno affrontati, uccidendo i terroristi nello scontro a fuoco che ne è seguito. Altre 50 persone sono rimaste ferite, 10 delle quali da moderate a gravi. Fatah e la Jihad islamica hanno rivendicato la responsabilità congiunta.

27 novembre 2001 - Etty Fahima, 45 anni, di Netzer Hazani è stata uccisa, altri tre sono rimasti feriti quando un terrorista palestinese ha lanciato granate e ha aperto il fuoco contro un convoglio sulla strada tra il valico di Kissufim e Gush Katif nella Striscia di Gaza martedì sera. Hamas ha rivendicato l'attacco.

29 novembre 2001 - 1° sergente. Yaron Pikholtz, 20 anni, di Ramat Gan, è stato ucciso e un secondo soldato è rimasto ferito in una sparatoria sulla linea verde, vicino al villaggio di Baka el-Sharkiya in Cisgiordania.

29 novembre 2001 - Inbal Weiss, 22 anni, di Zichron Ya'akov; Yehiav Elshad, 28 anni, di Tel Aviv; e Samuel Milshevsky, 45 anni, di Kfar Sava sono rimasti uccisi e nove feriti in un attentato suicida su un autobus Egged 823 in viaggio da Nazareth a Tel Aviv vicino alla città di Hadera. La Jihad islamica e Fatah hanno rivendicato l'attacco.

1 dicembre 2001 - Assaf Avitan, 15 anni, di Gerusalemme; Michael Moshe Dahan, 21 anni, di Gerusalemme; Israel Ya'akov Danino, 17 anni, di Gerusalemme; Yosef El Ezra, 18 anni , di Gerusalemme; Sergente Nir Haftzadi, 19 anni, di Gerusalemme; Yuri (Yoni) Korganov, 20 anni, di Ma'alei Adumim; Golan Turgeman, 15 anni, di Gerusalemme; Guy Vaknin, 19 anni, di Gerusalemme; Adam Weinstein, 14 anni, di Givon Hahadasha, e Moshe Yedid-Levy, 19, di Gerusalemme sono stati uccisi e circa 180 feriti - 17 in modo grave - quando ordigni esplosivi sono stati fatti esplodere da due attentatori suicidi verso le 23:30 di sabato sera in Ben Yehuda Street. , la zona pedonale nel centro di Gerusalemme. Un'autobomba è esplosa nelle vicinanze 20 minuti dopo. Hamas ha rivendicato l'attacco. Ido Cohen, 17 anni, di Gerusalemme, ferito a morte nell'attacco, è morto per le ferite riportate l'8 dicembre.

2 dicembre 2001 - Il prof. Baruch Singer, 51 anni, di Gedera, è stato ucciso quando uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco sulla sua auto vicino all'insediamento di Elei Sinai, nel nord di Gaza. Hamas ha rivendicato l'attacco.

2 dicembre 2001 - Tatiana Borovik, 23 anni, di Haifa; Mara Fishman, 51 anni, di Haifa; Ina Frenkel, 60 anni, di Haifa; Riki Hadad, 30 anni, di Yokne'am; Ronen Kahalon, 30 anni, di Haifa; Samion Kalik, 64 anni, di Haifa; Mark Khotimliansky, 75 anni, di Haifa; Cecilia Kozamin, 76 anni, di Haifa; Yelena Lomakin, 62 anni, di Haifa; Rosaria Reyes, 42 anni, delle Filippine; Yitzhak Ringel, 41 anni, di Haifa; Rassim Safulin, 78 anni, di Haifa; Leah Strick, 73 anni, di Haifa; Faina Zabiogailu, 64 anni, di Haifa; Mikhail Zaraisky, 71 anni, di Haifa è rimasto ucciso e 40 feriti in un attentato suicida su un autobus Egged n. 16 ad Haifa poco dopo mezzanotte. Hamas ha rivendicato l'attacco.

12 dic 2001 - Yair Amar, 13 anni, di Emmanuel; Esther Avraham, 42 anni, di Emmanuel; Yoel Bienenfeld, 35 anni, capo della polizia di frontiera del Moshav Tel Shahar; Moshe Gutman, 40 anni, di Emmanuel; Avraham Nahman Nitzani, 17 anni, di Betar Illit; Yirmiyahu Salem, 48 anni, di Emmanuel; Israel Sternberg, 46 anni, di Emmanuel; David Tzarfati, 38 anni, di Ginot Shomron; Hananya Tzarfati, 32 anni, di Kfar Saba; Ya'akov Tzarfati, 64 anni, di Kfar Saba è stato ucciso quando tre terroristi hanno attaccato un autobus Dan n. 189 e diverse autovetture con una bomba sul ciglio della strada, granate anticarro e armi leggere vicino all'ingresso di Emmanuel in Samaria alle 18: 00:00 Circa altri 30 sono rimasti feriti. Sia Fatah che Hamas hanno rivendicato l'attacco.

25 dicembre 2001 - Il sergente. Michael Sitbon, 23 anni, di Beit Shemesh, un soldato di riserva dell'IDF, è stato ucciso, e altri quattro soldati sono rimasti feriti, in un attacco a fuoco martedì mattina vicino al confine giordano a nord di Beit She'an.

 

2000

27 settembre 2000 - Il sergente. David Biri, 19 anni, di Gerusalemme, è stato ferito a morte in un bombardamento vicino a Netzarim nella Striscia di Gaza.

29 settembre 2000 - Supt. della Polizia di Frontiera. Yossi Tabaja, 27 anni, di Ramle è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dal suo omologo palestinese durante una pattuglia congiunta vicino a Kalkilya.

1 ottobre 2000 - Polizia di frontiera Cpl. Yosef Madhat, 19 anni, di Beit Jann, è morto per ferite da arma da fuoco riportate in uno scontro a fuoco con palestinesi alla tomba di Giuseppe a Nablus.

2 ottobre 2000 - Wichlav Zalsevskij, 24 anni, di Ashdod, è stato colpito alla testa nel villaggio di Masha, sull'autostrada trans-Samaria. Sergente Max Hazan, 20 anni, di Dimona, è morto per ferite da arma da fuoco riportate vicino a Beit Sahur.

6 ottobre 2000 - Bachor Jean (54 anni) è stato ucciso quando sono stati lanciati dei sassi contro il suo veicolo mentre viaggiava da Haifa a Rishon Lezion. Le rocce hanno frantumato il parabrezza e gli hanno colpito il petto. Suo fratello, che era alla guida dell'auto, si è precipitato in ospedale ma era troppo tardi. Si è scoperto che gli autori provenivano dal vicino villaggio arabo di Jisar a-Zarka.

8 ottobre 2000 - Il corpo crivellato di proiettili di Hillel Lieberman, 36 anni, di Elon Moreh è stato trovato all'ingresso sud di Nablus.

12 ottobre 2000 - Primo Cpl. Yosef Avrahami e il primo sergente. Vadim Novesche, 33 anni, due soldati di riserva dell'IDF, sono stati linciati da una folla palestinese presso l'edificio della polizia a Ramallah.

19 ottobre 2000 - Il rabbino Binyamin Herling, 64 anni, di Kedumim, è stato ucciso quando membri di Fatah e le forze di sicurezza palestinesi hanno aperto il fuoco su un gruppo di uomini, donne e bambini israeliani durante un viaggio sul Monte Ebal vicino a Nablus.

28 ottobre 2000 - Il corpo di Marik Gavrilov, 25 anni, di Bnei Aysh è stato ritrovato all'interno della sua auto bruciata, tra il villaggio di Bitunia e Ramallah.

30 ottobre 2000 - Eish-Kodesh Gilmor, 25 anni, di Mevo Modi'in, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre era in servizio come guardia di sicurezza presso la filiale di Gerusalemme Est del National Insurance Institute. Un'altra guardia è rimasta ferita. Amos Machlouf, 30 anni, del quartiere Gilo di Gerusalemme, è stato trovato assassinato in un burrone vicino a Beit Jala.

1 novembre 2000 - Il tenente David-Hen Cohen, 21 anni, di Karmiel, e il sergente. Shlomo Adshina, 20 anni, del Kibbutz Ze'elim sono rimasti uccisi in una sparatoria nella zona di Al-Hader, vicino a Betlemme. Il Maggiore (ris.) Amir Zohar, 34 anni, di Gerusalemme è stato ucciso nell'insediamento di Nahal Elisha nella Valle del Giordano mentre era in servizio di riserva attiva.

2 novembre 2000 - Ayelet Shahar Levy, 28 anni, e Hanan Levy, 33 anni, furono uccisi nell'esplosione di un'autobomba vicino al mercato Mahane Yehuda a Gerusalemme. Nell'esplosione sono rimaste ferite 10 persone. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

8 novembre 2000 - Noa Dahan, 25 anni, di Moshav Mivtahim nel sud, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco mentre si recava al lavoro al valico di frontiera di Rafah a Gaza.

10 novembre 2000 - Il sergente. Shahar Vekret, 20 anni, di Lod è stato colpito a morte da un cecchino palestinese vicino alla Tomba di Rachele all'ingresso di Betlemme.

11 novembre 2000 - Il sergente. Avner Shalom di prima classe, 28 anni, di Eilat, è stato ucciso in un attacco a fuoco all'incrocio di Gush Katif nella Striscia di Gaza.

13 novembre 2000 - Sarah Leisha, 42 anni, di Neveh Tzuf è stata uccisa da colpi di arma da fuoco sparati da un'auto di passaggio mentre viaggiava vicino a Ofra, a nord di Ramallah. Cpl. Elad Wallenstein, 18 anni, di Ashkelon, e Cpl. Amit Zanna, 19 anni, di Netanya sono stati uccisi da colpi di arma da fuoco sparati da un'auto che sorpassava l'autobus militare che li trasportava vicino a Ofra. Gabi Zaghouri, 36 anni, di Netivot è stato ucciso da colpi di arma da fuoco diretti contro il camion che stava guidando vicino all'incrocio di Kissufim, nella parte meridionale della Striscia di Gaza.

18 novembre 2000 - St.-Sgt. Baruch (Snir) Flum, 21 anni, di Tel-Aviv è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un alto ufficiale del Servizio di sicurezza preventiva palestinese che si era infiltrato nelle serre di Kfar Darom nella Striscia di Gaza. St.-Sgt. Sharon Shitoubi, 21 anni, di Ramle, ferito nell'attacco palestinese a Kfar Darom, è morto per le ferite il 20 novembre.

20 novembre 2000 - Miriam Amitai, 35 anni, e Gavriel Biton, 34 anni, entrambi di Kfar Darom, sono rimasti uccisi quando una bomba sul ciglio della strada è esplosa accanto a un autobus che trasportava bambini da Kfar Darom a scuola a Gush Katif. Altri nove, tra cui 5 bambini, sono rimasti feriti.

21 novembre 2000 - Itamar Yefet, 18 anni, di Netzer Hazani è morto per una ferita da arma da fuoco alla testa provocata dal fuoco di un cecchino palestinese all'incrocio di Gush Katif.

22 novembre 2000 - Shoshana Reis, 21 anni, di Hadera, e Meir Bahrame, 35 anni, di Givat Olga, furono uccisi e 60 feriti quando una potente autobomba fu segnalata accanto a un autobus di passaggio sulla strada principale di Hadera quando l'area era piena di gente. acquirenti e persone che tornano a casa dal lavoro. 60 sono rimasti feriti nell'esplosione.

23 novembre 2000 - Il tenente Edward Matchnik, 21 anni, di Be'er Sheva, è stato ucciso in un'esplosione presso l'ufficio di coordinamento del distretto vicino a Gush Katif nella Striscia di Gaza. (I DCO congiunti furono istituiti ai confini delle aree governate dai palestinesi in base agli accordi di pace provvisori e erano responsabili del coordinamento della sicurezza e della cooperazione umanitaria.) Il sergente. Samar Hussein, 19 anni, di Hurfeish, è stata uccisa quando cecchini palestinesi hanno aperto il fuoco contro i soldati che pattugliavano la recinzione di confine vicino al valico di Erez.

24 novembre 2000 – Il Magg. Sharon Arameh, 25 anni, di Ashkelon, è stato ucciso dal fuoco di cecchini palestinesi in uno scontro vicino a Neve Dekalim nella Striscia di Gaza. Ariel Jeraffi, 40 anni, di Petah Tikva, un civile impiegato dall'IDF, è stato ucciso dal fuoco palestinese mentre viaggiava vicino a Otzarin in Cisgiordania.

8 dicembre 2000 - Rina Didovsky, 39 anni, un'insegnante di scuola di Beit Hagai mentre andava al lavoro, ed Eliyahu Ben-Ami, 41 anni, di Otniel, l'autista del furgone, furono uccisi quando un'auto piena di uomini armati aprì il fuoco sulla strada. furgone vicino a Kiryat Arba. Sergente Tal Gordon, 19 anni, è stato ucciso quando uomini armati a bordo di un'auto di passaggio hanno aperto il fuoco su un autobus Egged che viaggiava a sud da Tiberiade a Gerusalemme sulla tangenziale di Gerico.

21 dicembre 2000 - Eliahu Cohen, 29 anni, di Modi'in è stato ucciso stasera da terroristi palestinesi in un'imboscata sulla strada tra Givat Ze'ev e Beit Horon.

28 dicembre 2000 - Il capitano Gad Marasha, 30 anni, di Kiryat Arba e il sergente magg. della polizia di frontiera. Yonatan Vermullen, 29 anni, di Ben-Shemen, sono stati uccisi quando chiamati a smantellare una bomba sul ciglio della strada vicino al valico di Sufa nella Striscia di Gaza. La bomba fu smantellata, ma un'altra bomba esplose, uccidendo entrambi e ferendo altri due soldati. La Jihad islamica ha rivendicato l'attacco.

31 dicembre 2000 - Binyamin Zeev Kahane, figlio del defunto leader di destra Meir Kahane, e sua moglie Talia, furono uccisi quando cecchini palestinesi aprirono il fuoco mentre stavano guidando sulla tangenziale di Ramallah. Cinque dei loro figli, di età compresa tra due mesi e 10 anni, sono rimasti feriti.

Commenti

Popular Posts

Recensione Trading Fineco 2024

Molteplici regolamentazioni di alto livello, tra cui Consob in Italia e FCA nel Regno Unito Fondata nel 1999 La protezione degli investitori è di 100.000 € per contanti e 20.000 € per titoli Un track record pulito: nessun incidente normativo o multa di rilievo La nostra opinione su Fineco Bank Fineco Bank   è un agente di cambio e una banca italiana, regolamentata dalla Banca d'Italia, Consob e soggetta a regolamentazione limitata da parte delle principali autorità FCA e PRA.  Fineco Bank applica commissioni non di negoziazione basse, inclusa l'assenza di commissioni per inattività, deposito o prelievo.  La sua piattaforma di trading mobile è ben progettata e facile da usare.  In qualità di broker quotato con esperienza bancaria, Fineco Bank ottiene ottimi risultati in termini di sicurezza.  Il lato negativo è che puoi utilizzare solo il bonifico bancario per il deposito.  I materiali didattici consistono solo in pochi video, webinar e alcuni articoli di "Guida".  Inf

Migliori Azioni da Comprare Oggi 12 Marzo

 Ecco le migliori azioni di oggi della Borsa di Milano del 12 Marzo 2024 Titolo Valore Var % ESPE 4,12 13,19% ORACLE 118,2000 13,15% IMPRENDIROMA 2,3000 12,75% GISMONDI 1754 4,6000 12,20% IERVOLINO & LADY BACARDI ENTER 0,6400 9,22% FAE TECHNOLOGY 4,9000 8,17% COMPAGNIA DEI CARAIBI 0,8620 8,02% WACKER CHEMIE 111,0000 7,30% BIOERA 0,0320 6,67% GENERAL ELECTRIC 158,0000 6,40% MEGLIOQUESTO 0,201 5,79% TRATON 32,4000 5,54% GVS 6,7000 5,35% LEONARDO 20,8900 5,24% SCIUKER FRAMES 2,9250 5,22% Migliori azioni da comprare oggi: ESPE: ESPE (European Society for Philosophy of Education) è una società accademica internazionale che promuove la ricerca e la discussione filosofica sull'educazione. Fondata nel 1973, ESPE ha sede in Belgio e conta oltre 1.500 membri da tutto il mondo. Attività: Organizza congressi annuali e biennali su vari temi di filosofia dell'educazione. Pubblica la rivista "Educational Philosophy and Theory". Promuove la collaborazione tra ricercatori di d

Migliore Azione di Difesa: Graham Corporation

La guerra e le sfide geopolitiche hanno creato una maggiore domanda di tecnologie di difesa e mission-critical: potenziali venti favorevoli per il conglomerato industriale e diversificato Graham Corporation. La spesa globale per la difesa nel 2023 ha raggiunto la cifra record di 2,2 trilioni di dollari. La Marina degli Stati Uniti è il più grande cliente di Graham Corporation, che ha generato un arretrato record di 400 milioni di dollari e ordini ripetuti di 123,3 milioni di dollari per il terzo trimestre del 2023. Per l'anno fiscale 24, alla Marina/Marines degli Stati Uniti è stato assegnato un budget totale di 171,17 miliardi di dollari dal Dipartimento della Difesa, che ha assegnato alla Marina + 18 miliardi di dollari (al 12/03/24). Graham ha un solido rating quantitativo e una forte crescita e slancio, +100% nell'ultimo anno rispetto al settore industriale (XLI) +28% rispetto al settore aerospaziale e della difesa (XAR) +22%. Il Quant Team ha intervistato il team esecutivo

Resilienza: significato del Tatuaggio

Anche Gianluca Vacchi ha un tatuaggio con la scritta resilienza , ma cosa significa questa parola? La resilienza indica tutte quelle persone che, nonostante le avversità della vita, non si abbattono e si rialzano anche più forti di prima. Descrive tutte quelle persone che hanno un carattere forte e che sanno fare tesoro delle esperienze negative della vita e sfruttarle a proprio vantaggio. Descrive la capacità di evolvere anche grazie agli eventi negativi. Il termine ha spopolato grazie all’imprenditore Gianluca Vacchi c he tra Facebook e Istagram conta oltre un milione di fan. Vacchi ha tatuato la parola “resilienza” sul proprio corpo e ne ha fatto anche una filosofia di vita . Resilienza significato La resilenza indica la capacità di un corpo di resistere ad eventi che provocano uno choc e di riprendere la sua struttura iniziale. In ambito psicologico indica la capacità di un individuo di superare i momenti dolorosi dell’esistenza e di evolvere, nonostante le avversità.

App Bancarie Per Smartphone Recensione [2024]

 Qui di seguito, una recensione delle App di Banca per Smartphone, Un'app bancaria per smartphone è un'applicazione software creata da banche e istituti finanziari per consentire ai clienti di gestire i propri conti, visualizzare i dettagli finanziari ed effettuare transazioni monetarie utilizzando smartphone o tablet. Le app bancarie per smartphone offrono una serie di funzionalità che consentono ai clienti di gestire le proprie finanze in modo rapido e semplice, anche quando sono in movimento. Queste funzionalità possono includere: Controllo del saldo e dei movimenti dei conti Erogazione di bonifici e pagamenti Gestione delle carte di credito e di debito Richiesta di prestiti e servizi finanziari Accesso a informazioni e prodotti bancari Le app bancarie per smartphone sono un modo conveniente e sicuro per gestire le proprie finanze. Sono disponibili per la maggior parte delle banche e degli istituti finanziari, e possono essere scaricate gratuitamente dagli app store. E

E=mc2: The Italian formula, stolen by Einstein

The equation of Einstein's E=mc2 would not by....  Albert Einstein , but made 2 years before by a self-taught Italian mathematician, Olinto De Pretto . The shocking revelation comes from the Italian mathemacian and from an article of British newspaper " Guardian " that already years ago, had told the genesis of the famous formula of relativity (time and motion are relative to the observer's position, if the speed of light is constant), otherwise known as E = mc2  ( mass-energy equivalence )  .

Septum piercing anello al naso: significato di una moda particolare

Si chiama septum piercing , il piercing al naso , quello che in lingua italiana si chiama anello al naso , tipico delle antiche popolazioni africane e australiane, è diventata una moda, vediamo insieme cosa significa di questo nuovo trend: l' anello al naso o septum piercing in voga specialmente tra le ragazze, ma non disdegnato dai ragazzi. Piercing alla moda da mettere  I piercing alla moda possono variare nel tempo e tra le diverse culture. Tuttavia, al momento, alcuni dei piercing più popolari e alla moda includono: Piercing al lobo dell'orecchio : Il classico piercing al lobo dell'orecchio rimane sempre di moda e può essere abbellito con una vasta gamma di orecchini. Piercing al trago : Il piercing al trago, situato nella parte anteriore della cartilagine dell'orecchio, è molto popolare negli ultimi anni e offre un aspetto unico e accattivante. Piercing all'elica : L'elica è la parte esterna della cartilagine dell'orecchio e può ospitare diversi tipi

Previsione Prezzo Azioni Super Micro Computer 2024 e Analisi tecnica

Previsioni del prezzo di Aioni Super Micro Computer: cosa dicono gli analisti? Attualmente (8 marzo 2024): Prezzo : $1.159,80 Consensus degli analisti : $1.074 USD (media di 15 analisti) Target price massimo : $1.498,8 Target price minimo : $795 USD Previsioni a breve termine: Rialzista : Super Micro Computer ha registrato un forte rialzo del 17% nel fatturato del terzo trimestre. L'azienda ha aumentato le sue previsioni di fatturato. Il rally dell'intelligenza artificiale potrebbe favorire il prezzo delle azioni. Ribassista : L'offerta convertibile di Super Micro Computer potrebbe diluire le azioni e frenare la crescita del prezzo. Le tensioni geopolitiche e l'inflazione potrebbero influenzare negativamente il mercato azionario. Opinioni degli analisti: Morgan Stanley : ha ribadito il rating "Overweight" su Super Micro Computer con un target price di $1.300 USD. Goldman Sachs : ha un rating "Neutral" su Super Micro Computer con un

Come si divide il PIL italiano, le Spese ed Entrate dello Stato italiano 2024

PIL italiano: disaggregazione dagli ultimi dati (IV trimestre 2023) Settori di attività economica: Agricoltura, silvicoltura e pesca: 1,8% Industria: 22,4% Costruzioni: 4,9% Servizi: 69,7% Componenti della spesa: Consumi finali nazionali: 64,7% Investimenti fissi lordi: 17,3% Esportazioni nette: 18% Istituzioni: Famiglie: 57,2% Imprese: 38,6% Pubblica amministrazione: 4,2% Tassi di crescita: Rispetto al trimestre precedente: +0,2% Rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente: +0,6% Dati di riferimento: Anno 2023: +0,9% Media Eurozona (IV trimestre 2023): +0,1% Fonti: Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT): URL ISTAT - Comunicato stampa del 30 gennaio 2024 Eurostat: URL Eurostat - Database Note: I dati si riferiscono al PIL pro capite a parità di potere d'acquisto (PPP). Il PIL è la misura del valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti in un'economia in un determinato periodo di tempo. La disaggregazione del P

Greatest Italian Mysteries: True Cross and Iron Crown

In 324 d. C. the first Roman emperor who converted to Christianity : Constantine , he sent architects to dig Golgotha ​​, the hill in Jerusalem where Jesus was crucified It had been three centuries after the death of the son of God , and were found some archaeological evidences , including the True Cross , ie the cross where Jesus was crucified In Jerusalem, during the excavations , was the mother of the Emperor Constantine (the one that religiously influenced his son and made him become a Christian ) : Elena . Elena took her to Italy only 2 nails of the True Cross , and left the wood in Jerusalem. With a nail , we took a ' bite ' (called Sacred Bite now in the Duomo of Milan ) for the horse of his son, with another nail gave us a helmet, that Constantine wore in battle , this is to protect her son when he was in battle.
Sito associato al portale di economia e finanza: www.economia-italia.com