6 gen 2018

Filled Under:

Befana, storia e leggende di una Festa SOLO italiana

Perchè si festeggia la Befana il 6 Gennaio? Ok, tutti conosciamo la storia dei Re magi del Vangelo, quindi si festeggia l'epifania di Gesù, maqual'è la storia e la leggenda intorno alla Befana?
Nel folklore italiano, la Befana è un'anziana donna che consegna doni ai bambini in tutta Italia alla vigilia dell'Epifania (la notte del 5 gennaio) in modo simile a San Nicola o Babbo Natale.

Una credenza popolare è che il suo nome derivi dalla Festa dell'Epifania. Epifania è una parola latina con origini greche. "Epifania" significa o "Festa dell'Epifania" (6 gennaio) o "manifestazione (della divinità)". Alcuni suggeriscono che la Befana discenda dalla dea Sabina / romana di nome Strenia, mischiatasi al mito della Sibilla, una delle massime espressioni dell'animismo tipico delle regioni dell'Italia centrale.

Nel folklore popolare, la Befana visita tutti i bambini d'Italia alla vigilia della festa della Befana di riempire le calze con caramelle e se sono stati buoni riempe le calze con caramelle e dolciumi vari, mentre se sono stati cattivi, li riempe con il carbone ( che poi nel tempo è diventato 'carbone dolce' buono anche da mangiare).
In molte parti povere dell'Italia e in particolare della Sicilia rurale, al posto del carbone veniva posto un bastone in una calza. Essendo una buona governante, molti dicono che spazzerà il pavimento prima di andarsene. Per alcuni lo spazzamento significava spazzare via i problemi dell'anno. La famiglia del bambino lascia in genere un piccolo bicchiere di vino e qualche boccone di cibo per la Befana che arriverà la notte.

Di solito è ritratta come una strega che cavalca una scopa nell'aria indossando uno scialle nero ed è coperta di fuliggine perché entra nelle case dei bambini attraverso il camino. Spesso sorride e porta con sé un sacchetto di cesto d'oro pieno di caramelle, regali o entrambi.

Viene anche indicata come la strega natalizia.

Befana, storia e leggende di una Festa SOLO italiana
La Befana è una festa legata alla magìa:
qui una bambina con le sue calze piene di doni


La leggenda della Befana


Secondo la leggenda cristiana, la Befana fu avvicinata dal magico biblico, noto anche come i Re Magi (oi tre re) pochi giorni prima della nascita di Gesù Bambino. Chiesero indicazioni su dove fosse il figlio di Dio, ma non lo sapevano. Fornì loro un riparo per una notte, poiché era considerata la migliore governante del villaggio, con la casa più piacevole. Gesù, ma ha rifiutato, affermando che era troppo impegnata con le sue faccende domestiche. Più tardi, la Befana ebbe un cambiamento di cuore e cercò di cercare gli astrologi e Gesù. Quella notte non fu in grado di trovarli, così fino ad oggi, la Befana sta cercando il piccolo bambino. Lascia tutti i buoni giocattoli per bambini e caramelle ( "caramelle") o frutta, mentre i cattivi bambini ottengono il carbone ( "Carbon"), cipolle o aglio.

Un'altra leggenda cristiana prende un tono leggermente più scuro, dato che la Befana era una donna normale con un bambino che amava molto. Tuttavia, suo figlio è morto e il suo risultato Sentendo la notizia della nascita di Gesù, lei era fuori per vederlo, delirante che fosse suo figlio. Alla fine mette Gesù e gli presenta dei regali per renderlo felice. Il bambino Gesù fu felice, e diede alla Befana un dono in cambio; lei sarebbe la madre di ogni bambino in Italia.

La Befana riceverà un tonfo dal suo manico di scopa, poiché non desidera essere vista. Questo aspetto della tradizione può essere progettato per tenere i bambini nei loro letti.

Un'altra leggenda leggendaria cristiana della Befana inizia al momento della nascita del piccolo Gesù. Befana passa le sue giornate a pulire e spazzare. Un giorno i magi, conosciuti anche come i saggi, vennero dalla bambina di Gesù. Befana li ha allontanati perché era troppo occupata a pulire. La Befana nota una luce brillante nel cielo; lei pensa che questo sia il modo di Gesù Bambino. Ha portato alcuni bambini e Gesù per il suo piccolo Gesù e Gesù Cristo. Cercò e cercò Gesù Bambino, ma non lo trovò mai. La Befana cerca ancora oggi, dopo tutti questi secoli. Alla vigilia dell'Epifania, la Befana arriva in una casa dove c'è un bambino e fa un regalo. È una bambina di un bambino, è ancora una bambina di Christ Child può essere trovata in tutti i bambini.
Befana, storia e leggende di una Festa SOLO italiana
La Befana del Vigile, una tradizione tutta italiana
scomparsa con i semafori

La storia 


La Befana non è mai stata una tradizione diffusa tra tutta la gente italiana. Originario di Roma e conosciuto e praticato dal resto della popolazione nel secolo scorso, è stato tradizionalmente preminente nella capitale e nella regione centrale d'Italia. regali ai bambini prima che la tradizione di Babbo Natale arrivasse dagli Stati Uniti negli ultimi decenni.

Molte persone credono que la Befana nome deriva dalla storpiatura degli italiani della parola epifania greca epiphaneia oro. Bastrina, i doni associati alla dea Strina. Nel libro Domestic Life in Palestine, di Mary E. Rogers (Poe & Hitchcock, 1865) L'autore osserva:

"L'anno Saggio Scopo delle Belle Arti da EL Tarbuck, mi ha portato a credere che questa usanza è una reliquia del culto pagano, e que la parola" Bastrina "si riferisce alle offerte qui utilizzati da apportare alla dea Strenia. Non potremmo certo aspettarci che i pagani che abbracciano il cristianesimo possano abbandonare del tutto i loro credi e costumi di addestramento ". Macaulay afferma:" Il cristianesimo ha conquistato il paganesimo, ma il paganesimo ha infettato il cristianesimo; i riti del Pantheon passarono nel suo "culto" e le subtilties dell'Accademia nel suo credo ". Molti costumi pagani furono adottati dalla nuova Chiesa. T. Speranza nel suo saggio su Architettura 'dice:' I Saturnali sono proseguite nel Carnevale e la festa con le offerte alla dea Strenia è stato continuato fait que del nuovo anno ... "- Pagina 408

Un'interessante teoria collega la tradizione dello scambio di doni ad un'antica celebrazione romana in onore di Ianus e Strenia, celebrata all'inizio dell'anno, quando i romani si scambiavano regali.

Nel libro Vestiges of Ancient Manners and Customs, Discoverable in Modern Italy and Sicily di Rev. John J. Blunt (John Murray, 1823), l'autore dice:

"Questo Befana Sembra essere l'erede al diritto di un qualche divinità pagana chiamato Scaduto Strenia, che ha presieduto i regali del nuovo-anno, 'strenae,' da qui, infatti, che deriva il suo nome. La sua presenza erano della descrizione Sami quelli hanno della Befana-fichi, datteri e miele. Inoltre le sue solennità sono stati vigorosamente opposizione da parte dei primi cristiani del proprio account è rumoroso, riottosi, e carattere licenziosa".

La tradizione della Befana sembra includere anche altri elementi culturali pre-cristiani, adattati alla cultura cristiana e legati alla celebrazione del nuovo anno. Lo storico Carlo Ginzburg la collega a Nicevenn. Il personaggio della vecchia signora dovrebbe quindi rappresentare il vecchio anno appena trascorso, pronto per essere bruciato per dare il posto a quello nuovo. In molti paesi europei esiste ancora la tradizione di bruciare in una vecchia signora all'inizio del nuovo anno, chiamata Giubiana nel nord Italia, con chiare origini celtiche. Gli antropologi italiani Claudia e Luigi Manciocco, nel loro libro Una casa senza porte, ripercorrono le origini della Befana delle credenze e delle pratiche neolitiche. Il team di antropologi ha anche scritto sulla Befana come un problema in agricoltura e agricoltura.

La Befana mantiene anche molte somiglianze con Perchta e le sue tradizioni alpine pre-cristiane.

La Befana oggi


La Befana è celebrata in tutta Italia, ed è diventata festa nazionale. Nelle regioni delle Marche, Umbria e Lazio, la sua figura è associata allo stato pontificio, dove l'Epifania ha avuto la maggiore importanza. Si pensa che Urbania sia la sua casa ufficiale. Ogni anno c'è un grande festival per celebrare la festa. Circa 30.000 a 50.000 persone stanno aspettando i festeggiamenti. Sono presenti centinaia di Befana che oscillano dalla torre principale. Si destreggiano, ballano e salutano tutti i bambini.

Tradizionalmente, tutti i bambini possono aspettarsi di trovare un pezzo di "carbone" nelle loro calze (in realtà caramelle fatte con colorante al caramello nero), poiché ogni bambino è stato almeno occasionalmente cattivo durante l'anno.

Tre luoghi in Italia sono oggi associati alla tradizione della Befana:

Piazza Navona nel centro di Roma è il luogo di un mercato popolare ogni anno tra il Natale e l'Epifania, dove sono in vendita giocattoli, zucchero e altre caramelle. La festa della Befana a Roma fu immortalata in quattro famosi sonetti in dialetto romano dal poeta romano del XIX secolo Giuseppe Gioacchino Belli. Nel 1928 Feste Romanesque di Ottorino Respighi ("Feste romane"), il quarto movimento, intitolato La Befana, è un ritratto orchestrale di questo festival di Piazza Navona. I romani credono che alla mezzanotte del 6 gennaio la Befana si mostri da una finestra di Piazza Navona, e vadano sempre a vederla (è uno scherzo che tutti dicono mentre vanno al banchetto per comprare caramelle, giocattoli e dolci).
La città di Urbania in provincia di Pesaro e Urbino all'interno delle Marche, dove si tiene ogni anno il festival nazionale della Befana, di solito tra il 2 e il 6 gennaio. Una "casa della Befana" è prevista per essere costruita e l'ufficio postale ha un cassetta delle lettere riservata alle lettere indirizzate alla Befana, rispecchiando quello che succede con Babbo Natale a Rovaniemi.
A Fornovo di Taro, una cittadina di Parma, l'incontro nazionale "Raduno Nazionale delle Befane e dei Befani" si tiene il 5 e il 6 gennaio.
In altre parti del mondo in cui esiste una vivace comunità italiana, le tradizioni che coinvolgono la Befana possono essere osservate e condivise con la comunità più ampia. Ad esempio, a Toronto, in Canada, un coro della Befana si presenta alla parata del Festival delle luci di Kensington Market. Donne, uomini e bambini vestiti con il costume della Befana e il naso al sole per invitarne il ritorno. Le streghe cantanti si sono riunite per strada per dare caramelle ai bambini, per schiamazzare e stridere alla musica per fisarmonica, e per cantare in ogni chiave immaginata mentre i partecipanti sfilano in cacofonia. A volte, i Befana ballano con la sfilata e scendono la passeggiata.
La canzone

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.