6 nov 2018

Filled Under: ,

Economia: la Cina non convince gli Investitori europei

SHANGHAI - La riforma gli impegni assunti dal presidente cinese Xi Jinping in un discorso chiave di questa settimana non è riuscito ad andare abbastanza lontano, ha detto una lobby economica europea, chiedendo azioni concrete e tempi per aprire la seconda economia più grande del mondo.

Il presidente cinese Xi Jinping partecipa alla cerimonia di apertura della prima China International Import Expo (CIIE) a Shanghai, Cina, 5 novembre 2018. REUTERS / Aly Song / Pool
Xi ha promesso oggi di abbassare le tariffe, ampliare l'accesso al mercato e importare di più dall'estero all'inizio di una fiera commerciale a Shanghai, progettata per dimostrare buona volontà a fronte di crescenti attriti con gli Stati Uniti e altri.

Mentre Xi ha detto che la Cina accelera l'apertura dei settori dell'istruzione, delle telecomunicazioni e della cultura, tra gli altri, e intensifica l'applicazione dei diritti di proprietà intellettuale, le sue osservazioni hanno in gran parte fatto eco a precedenti impegni.



Economia: la Cina non convince gli Investitori europei


Il discorso di Xi "non è andato per quanto è necessario", ha detto in una dichiarazione lunedì la Camera di commercio dell'Unione europea in Cina.

La camera ha applaudito la promessa di Xi di rimuovere i limiti agli investimenti stranieri nei settori dell'istruzione e dei servizi medici e il suo obiettivo di accelerare i colloqui su un trattato di investimento Cina-UE.

"Ciò detto, gli affari europei avevano maggiori speranze per quello che era stato commercializzato dal governo cinese come un evento importante", ha detto la camera.


"Questa continua ripetizione, senza l'introduzione di misure concrete o di scadenze temporali sufficienti, ha lasciato la comunità imprenditoriale europea sempre più desensibilizzata a questo tipo di promesse", ha affermato.

La Camera ha anche affermato che le imprese sono state "disincantate" dalle zone di libero scambio cinesi, che Xi si è impegnata a espandere, definendole "un timido approccio alla riforma che non è allineato con il peso e la maturità economica della Cina".

"La Cina dovrebbe concentrarsi sull'apertura di nuovi settori della sua economia agli investimenti stranieri, non a" pilotare "le riforme nelle aree che sono separate dal resto del paese", ha detto.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha inveito contro la Cina per quello che considera un furto di proprietà intellettuale, barriere all'ingresso negli affari statunitensi e un deficit commerciale spalancato.

La Cina Xi Jinping promette di aprire mercati
Finora gli Stati Uniti hanno imposto tariffe per prodotti cinesi per 250 miliardi di dollari, e la Cina si è vendicata con dazi per $ 110 miliardi di beni statunitensi. Trump ha detto che se un accordo non viene fatto, potrebbe imporre tariffe su altri $ 267 miliardi di importazioni cinesi negli Stati Uniti.

L'Unione europea, che condivide le preoccupazioni degli Stati Uniti sulle pratiche commerciali della Cina, se non sulla strategia tariffaria di Trump, ha invitato la Cina a compiere passi concreti per aprire ulteriormente il proprio mercato alle imprese straniere e offrire condizioni di parità.

Migliori ETF 2019

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.