6 mag 2020

Grifo e Grifone: Significato del Simbolo di Perugia

Il grifone , il grifone o il grifone (in greco : γρύφων , grýphōn o γρύπων , grýpōn , forma precoce γρύψ , grýps ; latino : gryphus , che significa "curvo", nel senso di un becco o di un naso adunco) è una creatura leggendaria con il corpo, la coda e le zampe posteriori di un leone ; la testa e le ali di un'aquila; e talvolta gli artigli di un'aquila come i suoi piedi anteriori. Poiché il leone era tradizionalmente considerato il re degli animali e l'aquila il re degli uccelli, nel Medioevo, si pensava che il grifone fosse una creatura particolarmente potente e maestosa. Sin dall'antichità classica, i grifoni erano conosciuti per custodire tesori e beni inestimabili. [1]

Nei testi greci e romani, i grifoni e gli arimaspiani erano associati ai depositi d'oro dell'Asia centrale. Infatti, come scrisse Plinio il Vecchio, "si diceva che i grifoni deponessero le uova nelle tane per terra e questi nidi contenevano pepite d'oro". [2]

Nell'araldica medievale, il grifone divenne un simbolo cristiano del potere divino e un guardiano del divino. [3]


Contenuti
1 Etimologia
2 moduli
3 Storia
4 Possibile influenza dei dinosauri
5 parallelismi antichi
6 tradizioni medievali
7 In araldica
8 In architettura
9 In letteratura
10 usi moderni
10.1 Emblemi e mascotte della scuola
10.2 Organizzazioni pubbliche (non educative)
10.3 Negli sport professionistici
10.4 Parchi di divertimento
10.5 Nel cinema e in televisione
10.6 Negli affari
11 Utilizzare per animali veri
12 Origine
13 Vedi anche
14 Note e riferimenti
15 Altre letture
16 collegamenti esterni
Etimologia

Il Grifone di Pisa , nel Museo del Duomo di Pisa , XI secolo
La derivazione di questa parola rimane incerta. Potrebbe essere correlato alla parola greca γρυπός (grypos), che significa "curvo" o "uncinato". Potrebbe anche essere stata una parola di prestito anatolica: confronta Akkadian karūbu (creatura alata), [ citazione necessaria ] e cherubino simile foneticamente . Una parola ebraica correlata è כרוב ( kerúv ). [4]

Modulo


La maggior parte delle rappresentazioni statuarie di grifoni li raffigurano con artigli simili ad uccelli , sebbene in alcune illustrazioni più antiche i grifoni abbiano gli arti anteriori di un leone; generalmente hanno i quarti posteriori di un leone. La sua testa d'aquila ha convenzionalmente orecchie prominenti ; questi sono talvolta descritti come le orecchie di leone, ma spesso sono allungati (più simili a quelli di un cavallo ) e talvolta sono piumati.

Raramente, un grifone viene rappresentato senza ali, oppure un leone senza ali dalla testa d'aquila viene identificato come un grifone. Nel 15 ° secolo e successivamente nell'araldica , una tale bestia può essere definita un '' 'alkè' '' o un keythong .

Quando è raffigurato su stemmi, il grifone è chiamato Opinicus , che può derivare dal nome greco Ophinicus, in riferimento alla costellazione astronomica del serpente. In queste raffigurazioni, ha il corpo di un leone con due o quattro zampe, la testa di un'aquila o un drago, le ali di un'aquila e una coda di cammello. 
Grifo e Grifone: Significato del Simbolo di Perugia
Affresco di Grifo nel palazzo di Knosso, età del bronzo 
Gri

Storia


Il principale tipo di moneta dello stato della città greca di Abdera era noto come "il Grifone" a causa del mitico animale raffigurato su di esso
Rappresentazioni di ibridi simili a grifoni con quattro zampe e una testa a becco apparvero nell'antica arte iraniana e antica egizia risalente al 3000 a.C. [6] In Egitto, un animale simile a un grifone può essere visto in una tavolozza cosmetica di Hierakonpolis, nota come la "Tavolozza per due cani", [7] [8] che è datata a ca. 3300-3100 a.C. [9]

Nella mitologia iraniana , il grifone si chiama Shirdal , che significa "Lion-Eagle". Lo Shirdal è apparso nell'antica arte dell'Iran dalla fine del II millennio a.C. [10] Shirdals apparve sulle guarnizioni dei cilindri di Susa già nel 3000 a.C. [11] Shirdals sono anche motivi comuni nell'arte del Luristan , nella regione nord-nord-occidentale dell'Iran nell'età del ferro e nell'arte achemenide . [12]

Creature di tipo Griffin che combinano teste di rapaci e corpi di mammiferi erano raffigurate nel Levante , in Siria e nell'Anatolia nella media età del bronzo , [13] [14], datate intorno al 1950-1550 a.C. [15] Le prime raffigurazioni di tipi di grifone nell'arte greca antica si trovano negli affreschi del XV secolo a.C. nella Sala del Trono del Palazzo dell'età del bronzo di Cnosso , restaurata da Sir Arthur Evans. I compositi di uccelli-mammiferi erano un tema decorativo nell'arte greca arcaica e classica, ma divennero piuttosto popolari nel VI e V secolo a.C., quando i Greci iniziarono per la prima volta a registrare resoconti della creatura "gryps" dai viaggiatori in Asia, come Aristea di Proconneso. In Asia centrale , l'immagine grifone è stato incluso nella Scita "stile animale" artefatti della sesta al quarto secolo aC, ma non scritti spiegare il loro significato.


Figura in bronzo di un grifone, periodo romano (50 - 270 d.C.)

Due teschi di dinosauro rispetto alle sculture di Griffin nell'antica Persopolis . Paragonalo anche al bronzo romano sopra.

Griffin segreant indossa la corona murale di Perugia , 13 ° secolo

Un soldato che combatte contro un grifone, Salterio "Alphonso", 1284

Martin Schongauer: The griffin , XV century

Arazzo medievale, Basilea , c. 1450
Le immagini dei grifoni apparvero nell'arte dell'Impero persiano achemenide . La storica della gioielleria russa Elena Neva sosteneva che gli achemenidi consideravano il grifone "un protettore del male, della stregoneria e della calunnia segreta". [16] Ma non esistono scritti dalla Persia achemenide a sostegno della sua tesi. Robin Lane Fox , in Alessandro Magno , 1973: 31 e note p. 506, osserva che un "leone-grifone" attacca un cervo in un mosaico di ciottoli del IV secolo a.C. [17] a Pella , forse fungendo da emblema del regno di Macedonia o da personale del successore di Alessandro Antipatro .

Il Pisa Griffin è una grande scultura in bronzo che è stato in Pisa in Italia sin dal Medioevo, anche se è di islamica provenienza. È la più grande scultura islamica medievale in bronzo conosciuta, alta oltre tre piedi (42,5 pollici, o 1,08 m.), E fu probabilmente creata nell'XI secolo d.C. ad Al-Andaluz (Spagna islamica). [18] Dal 1100 circa fu collocato su una colonna sul tetto del Duomo di Pisa fino a quando non fu sostituito da una replica nel 1832; l'originale è ora nel Museo dell'Opera del Duomo di Pisa.

Possibile influenza dei dinosauri


Adrienne Mayor , un folclorista classico e storico della scienza, propose che l'idea e l'immagine dell'antica Grecia del grifone nell'arte e nella letteratura classiche a partire dal VII secolo a.C. fossero influenzate in parte dai resti fossili di dinosauri dal becco come Protoceratops osservati sul via ai depositi d'oro dei cercatori nomadi dell'antica Scizia (Asia centrale), [19] Questa ipotesi è necessariamente speculativa. Si basa su numerose fonti letterarie greche e latine e relative opere d'arte in un determinato arco di tempo, a partire dalla prima scritta descrizioni di grifoni come veri animali dell'Asia in un'opera perduta di Aristeas (un greco che viaggiò nella regione dell'Altai tra Mongolia e NW in Cina nel VII secolo a.C.) citato da Eschilo ed Erodoto (circa 450 a.C.) e termina con Eliano ( III secolo d.C.), l'ultimo autore antico a riportare eventuali "nuovi" dettagli sul grifone.

Il suggerimento del sindaco è stato contestato in un blog in cui si afferma che "ignora i conti pre- micenei " e i compositi di uccelli-leone nell'arte prima del VII secolo a.C. [20]. Una moltitudine di creature composite immaginarie che combinano caratteristiche di uccelli, rettili e mammiferi si trovano nell'arte mediterranea e del Medio Oriente antica, inclusi quadrupedi con teste di uccelli nell'arte minoica, micenea ed egiziana. Tuttavia, non sappiamo come si chiamavano questi animali e non esistono "resoconti scritti pre-micenei" sui grifoni. In effetti, come osserva il Sindaco, nessun resoconto scritto prima di Erodoto nel V secolo a.C. sopravvive per dirci qualcosa sull'immaginario immaginario ibrido di leone-uccello nelle culture precedenti. Il suggerimento del sindaco ha lo scopo di spiegare la profusione di resoconti letterari greco-latini dei "gryps" (grifoni) come un vero animale dell'est e la popolarità di accompagnamento delle rappresentazioni artistiche sorte in Grecia dopo che viaggiatori come Aristeas riportarono storie di " grifoni"

Paralleli antichi


Diverse antiche creature mitologiche sono simili al grifone. Questi includono il Lamassu , una divinità protettiva assira , spesso raffigurato con un toro o il corpo di un leone, le ali d'aquila e la testa umana.

La mitologia sumera e accadica comprende il demone Anzu , metà uomo e metà uccello, associato al dio del cielo principale Enlil . Era un divino uccello della tempesta collegato al vento del sud e alle nuvole temporalesche.

La mitologia ebraica parla dello Ziz , che ricorda Anzu, così come dell'antica Fenice greca . La Bibbia menziona lo Ziz in Salmi 50:11. Anche questo è simile a un cherubino . Il cherubino, o sfinge, era molto popolare nell'iconografia fenicia .

In dell'antica Creta , grifoni è diventato molto popolare, e sono stati ritratti in vari media. Una creatura simile è il genio minoico .

Nella religione indù , Garuda è una grande creatura simile ad un uccello che funge da monte ( vahana ) del Signore Vishnu . È anche il nome della costellazione dell'Aquila .

Tradizione medievale


Nella leggenda medievale, i grifoni non solo si accoppiarono per la vita, ma se uno dei due partner fosse morto, l'altro avrebbe continuato il resto della sua vita da solo, senza mai cercare un nuovo compagno. [ citazione necessaria ] Il grifone divenne così un emblema dell'opposizione della Chiesa al nuovo matrimonio . [ discutibile - discutere ] Essendo l'unione di un uccello aereo e una bestia terrestre, nella cristianità fu visto come un simbolo di Gesù , che era sia umano che divino . Come tale può essere trovato scolpito in alcune chiese. [1]

Secondo il New Dictionary of Heraldry di Stephen Friar, si credeva che l'artiglio di un grifone avesse proprietà medicinali e che una delle sue piume potesse restituire la vista ai non vedenti . [1] I calici realizzati con artigli di grifone (in realtà corna di antilope ) e uova di grifone (in realtà uova di struzzo) erano molto apprezzati nelle corti medievali europee. 

Quando Genova emerse come una grande potenza marinara nel Medioevo e nel Rinascimento , i grifoni iniziarono ad essere raffigurati come parte dello stemma della repubblica , sollevandosi ai lati dello scudo recante la Croce di San Giorgio .

Nel XII secolo, l'aspetto del grifone era sostanzialmente fisso: "Tutti i suoi membri corporei sono come quelli di un leone, ma le sue ali e la maschera sono come quelle di un'aquila". [22] Non è ancora chiaro se i suoi arti anteriori siano quelli di un'aquila o di un leone. Sebbene la descrizione implichi quest'ultima, l'illustrazione che accompagna è ambigua. Fu lasciato agli araldi per chiarirlo.

Un ippogrifo è una creatura leggendaria, presumibilmente la progenie di un grifone e una giumenta.

In araldica


In araldica, la fusione tra leone e aquila del grifone guadagna coraggio e audacia, ed è sempre attratta da potenti mostri feroci. È usato per indicare forza, coraggio militare e leadership. I grifoni sono raffigurati con il corpo posteriore di un leone, una testa d'aquila con orecchie erette, un petto piumato e le zampe anteriori di un'aquila, compresi gli artigli. Queste caratteristiche indicano una combinazione di intelligenza e forza. 

I grifoni possono essere mostrati in una varietà di pose, ma nell'araldica britannica non vengono mai mostrate le ali chiuse. I grifoni araldici usano la stessa terminologia di atteggiamento del leone , con l'eccezione che laddove un leone sarebbe descritto come dilagante, un grifone viene invece descritto come sergente. [24]

Nell'araldica britannica, un grifone maschio è raffigurato senza ali, il suo corpo è coperto da ciuffi di punte formidabili, con una piccola zanna che emerge dalla fronte, come per un unicorno . [25] Questa distinzione non si trova al di fuori dell'araldica britannica; anche al suo interno, i grifoni maschi sono molto più rari di quelli alati, che non hanno un nome specifico. È possibile che il grifone maschio sia nato come una derivazione della pantera araldica . [24]

Il mare-grifone , anche definito il Gryphon-marine , è una variante araldica del grifone possedere la testa e le gambe della variante più comune e quarti posteriori di un pesce o di una sirena . I grifoni marini sono presenti sulle braccia di numerose famiglie nobili tedesche, tra cui la famiglia Mestich di Slesia e la Baronia di Puttkamer . [24]

L' opincus è un'altra variante araldica, che è raffigurata con tutte e quattro le zampe come quelle di un leone. Occasionalmente, la sua coda può essere quella di un cammello o le sue ali possono essere assenti. L'opoto viene usato raramente in araldica, ma appare tra le braccia della Worshipful Company of Barbers . [26]


Grifo in Johann Vogel: Meditationes emblematicae de restaurata pace Germaniae , 1649

 

Un araldico grifone passante dello stemma della famiglia Bevan

 

Grifone guardiano araldico a Kasteel de Haar , Paesi Bassi, 1892-1912

 

Lo stemma dei Gryf della famiglia dei cavalieri Gryfici . Utilizzato da c. 481 famiglie nobili polacche .

In architettura


Statua di un grifone nella Basilica di San Marco a Venezia
Nella decorazione architettonica il grifone è di solito rappresentato come una bestia a quattro zampe con le ali e la testa di un'aquila con le corna , o con la testa e il becco di un'aquila. [ citazione necessaria ]

Le statue che segnano l'ingresso della City di Londra sono talvolta scambiate per grifoni, ma in realtà sono draghi (Tudor), i sostenitori delle armi della città . [27] Si distinguono più facilmente dai grifoni per le loro ali membranose, piuttosto che piumate.

In letteratura


Per i personaggi immaginari di nome Griffin, vedi Griffin (cognome)
Flavio Filostrato li menzionò in La vita di Apollonio di Tiana :

Per quanto riguarda l'oro che i grifoni scavano, ci sono rocce che sono macchiate di gocce d'oro come di scintille, che questa creatura può cavare a causa della forza del suo becco. "Perché questi animali esistono in India", ha detto, "e sono tenuti in venerazione come sacri al sole; e gli artisti indiani, quando rappresentano il Sole, ingoiano quattro di loro per disegnare le immagini; e per dimensioni e forza assomigliano ai leoni, ma avendo su di loro questo vantaggio di avere le ali, li attaccheranno e avranno la meglio sugli elefanti e sui draghi. Ma non hanno un grande potere di volare, non più che avere uccelli di volo corto; poiché non sono alati come è vero per gli uccelli, ma i palmi dei loro piedi sono palmati di membrane rosse, in modo tale da poterli ruotare, fare un volo e combattere in aria;[28]

E i grifoni degli indiani e le formiche degli etiopi, sebbene siano di forma diversa, tuttavia, da ciò che ascoltiamo, giocano parti simili; poiché in ogni paese essi sono, secondo i racconti dei poeti, i guardiani dell'oro e dedicati alle scogliere d'oro dei due paesi. [29]

I grifoni sono ampiamente utilizzati nella poesia persiana ; Rumi è uno di questi poeti che scrive in riferimento ai grifoni. [30]

In Dante Alighieri 's Divina Commedia , dopo Dante e Virgilio di viaggio attraverso l'Inferno e il Purgatorio ha concluso, Dante incontra un carro trascinato da un grifone in Paradiso Terrestre. Subito dopo, Dante si riunisce con Beatrice. Dante e Beatrice iniziano quindi il loro viaggio attraverso il Paradiso.

Sir John Mandeville ne scrisse nel suo libro di viaggi del XIV secolo:

In quel paese ci sono molti grifoni, più abbondanti che in qualsiasi altro paese. Alcuni uomini dicono che hanno il corpo verso l'alto come un'aquila e sotto come un leone; e veramente dicono che calmano, che sono di quella forma. Ma un grifone ha il corpo più grande ed è più forte di otto leoni, di tali leoni come in questa metà, e più grandi e più forti di cento aquile come quelle che abbiamo tra noi. Per un grifone ci sarà, volando verso il suo nido, un grande cavallo, se riuscirà a trovarlo sul punto, o due buoi che si uniranno insieme mentre vanno verso l'aratro. Perché ha i suoi artigli così lunghi, così grandi e grandi sui suoi piedi, come se fossero corna di grandi buoi o di trombe o di kine, in modo che gli uomini ne facciano coppe da bere. E delle costole e delle penne delle ali, gli uomini fanno archi, pieni di forza, per sparare con frecce e litigi.[31]


Griffin Misericordia , Duomo di Ripon , presunta ispirazione per il Gryphon a Lewis Carroll ‘s Alice nel paese delle meraviglie
John Milton , in Paradise Lost II, si riferisce alla leggenda del grifone nel descrivere Satana :

Come quando un Grifone attraverso il deserto
Con il corso alato minerale Hill o Moarie Dale,
insegue l'ARIMASPIANO, che per stelth
aveva avuto dalla sua sveglia detenzione purloind
L'oro custodito [...]

I grifoni compaiono nelle fiabe " Jack the Giant Killer ", " The Griffin " e " The Singing, Springing Lark ".

In The Son of Neptune di Rick Riordan , Percy Jackson , Hazel Levesque e Frank Zhang vengono attaccati dai grifoni in Alaska .

Nella serie di Harry Potter , il personaggio di Albus Silente ha un knocker a forma di grifone. Inoltre, il cognome Godric Grifondoro è una variante del grifone d'or francese ("grifone d'oro").

Pomponio Mela: "In Europa, la neve che cade costantemente rende quei luoghi contigui ai Monti Riphean così impraticabili che, inoltre, impediscono a coloro che viaggiano deliberatamente qui di vedere qualsiasi cosa. Dopo di ciò arriva una regione di terreno molto ricco ma abbastanza inabitabile perché i grifoni , una razza selvaggia e tenace di bestie selvagge, ama - in misura incredibile - l'oro che viene estratto dal profondo della terra lì, e perché lo custodiscono con una straordinaria ostilità verso coloro che vi hanno messo piede ". (Romer, 1998.)

Isidoro di Siviglia - "I Gryphes sono così chiamati perché sono quadrupedi alati. Questo tipo di bestia selvaggia si trova nelle Montagne Iperboree. In ogni parte del loro corpo sono leoni, e in ali e teste sono come le aquile, e lo sono feroci nemici dei cavalli. Inoltre fanno a pezzi gli uomini ". (Brehaut, 1912) [32]

Usi moderni
Il grifone è il simbolo del Philadelphia Museum of Art ; le loro fusioni di bronzo si posano su ogni angolo del tetto del museo , proteggendo la sua collezione. [33] [34] Allo stesso modo, prima della metà degli anni '90, un grifone faceva parte del logo di Midland Bank (ora HSBC ).

Il griffin è utilizzato nel logo di United Paper Mills , Vauxhall Motors e di Scania e dei suoi ex partner Saab Group e Saab Automobile . L'ultimo combattente prodotto dal gruppo Saab porta il nome " Gripen " (Griffin), a seguito della concorrenza pubblica. Durante la seconda guerra mondiale, la ditta Heinkel chiamò il suo pesante bombardiere per la Luftwaffe in onore dell'animale leggendario, come Heinkel He 177 Greif , la forma tedesca di "grifone". Atomica generaleha usato il termine "Griffin Eye" per la sua piattaforma di sorveglianza di intelligence basata su un aereo civile Hawker Beechcraft King Air 35ER [35]

La statua "Griff" di Veres Kalman 2007 nel cortile esterno del cimitero Farkashegyi di Budapest, Ungheria.


Statua "Griff" nel piazzale del cimitero Farkashegyi di Budapest, 2007
I grifoni, come molte altre creature immaginarie, compaiono spesso in opere del genere fantasy . Esempi di franchising orientati al fantasy con grifoni includono Warhammer Fantasy Battle , Warcraft , Heroes of Might and Magic , The Griffon in Dungeons & Dragons , Ragnarok Online , Harry Potter , The Spiderwick Chronicles , My Little Pony: Friendship is Magic e The Battle per Wesnoth .


Il dilagante grifone rosso era lo stemma dei duchi di Pomerania e sopravvive oggi come l'armeria del Voivodato della Pomerania Occidentale (storicamente, più lontano Pomerania ) in Polonia. Fa anche parte dello stemma dello stato tedesco del Meclemburgo-Pomerania Anteriore , che rappresenta la regione storica Vorpommern ( Hither Pommerania ).

 

Allo stesso modo, lo stemma di Greifswald , in Germania, nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore , mostra anche un grifone rosso rampante - arroccato su un albero, che riflette una leggenda sulla fondazione della città nel 13 ° secolo.

 

Lo stemma della Crimea

 

Sigillo di Heraklion , Grecia

 

Griffin tassidermia criminale, Museo zoologico, Copenaghen

 

Bandiera del reggimento Utti Jaeger dell'esercito finlandese

Emblemi e mascotte della scuola

Ulteriori informazioni: Elenco di grifoni come mascotte e araldica


Questa sezione richiede ulteriori citazioni per la verifica . Si prega di aiutare a migliorare questo articolo con l'aggiunta di citazioni di fonti affidabili . Il materiale non fornito può essere contestato e rimosso.
Trova fonti:  "Griffin"  -  notizie  · giornali  · libri  · studioso  · JSTOR ( settembre 2017 ) ( Scopri come e quando rimuovere questo messaggio modello )

Il Grifone è l'emblema e la mascotte dell'Università di Guelph
Tre grifoni formano lo stemma del Trinity College di Oxford (fondato nel 1555), originario dello stemma di famiglia del fondatore Sir Thomas Pope . La società di dibattito del college è conosciuta come il Gryphon e le note del suo maestro emerito mostrano che è una delle più antiche istituzioni di dibattito nel paese, significativamente più antica della più famosa Oxford Union Society . [36] I grifoni sono anche mascotte per VU University Amsterdam , [37] Reed College , [38] Sarah Lawrence College , [39] l'University of Guelph , e Canisius . [ citazione necessaria]

Il sigillo ufficiale della Purdue University è stato adottato durante il centenario dell'Università nel 1969. Il sigillo, approvato dal Consiglio di fondazione, è stato progettato dal Prof. Al Gowan, precedentemente a Purdue. Sostituì quello non ufficiale in uso da 73 anni. [40]

Il College of William and Mary in Virginia ha cambiato la sua mascotte in grifone nell'aprile 2010. [41] [42] Il grifone è stato scelto perché è la combinazione del leone britannico e dell'aquila americana.

Il 367 ° Training Support Squadron e il 12 ° Combat Aviation Brigade presentano grifoni nelle loro patch unità.

L'emblema della 15a divisione di fanteria greca presenta un grifone che brandisce un'ascia sulla sua toppa unitaria.

La scuola indipendente inglese del Wycliffe College presenta un grifone sul suo stemma scolastico.

La mascotte del St. Mary's College, una delle 16 università della Durham University, è un grifone.

La mascotte della Glenview Senior Public School di Toronto è il grifone e il nome è incorporato nelle sue squadre sportive.

La mascotte della L&N STEM Academy di Knoxville, Tennessee , una scuola pubblica di scienze, tecnologia, ingegneria e matematica al servizio dei gradi 9-12, è il grifone. La scuola è stata aperta nell'agosto 2011. Il grifone è anche incorporato nel team di robotica della scuola.

La mascotte della Charles G. Fraser Junior Public School di Toronto è il grifone e un'illustrazione di un grifone forma il logo della scuola.

La mascotte del Glebe Collegiate Institute di Ottawa è il grifone, e il nome della squadra è il Glebe Gryphons.

Il grifone è la mascotte ufficiale del Chestnut Hill College e della Gwynedd Mercy University , entrambi in Pennsylvania.

Inoltre, il grifone è la mascotte ufficiale della Maria Clara High School, nota come Blue Griffins nel gruppo PobCaRan di Caloocan City Philippines, che eccelle nelle cheerleader .

La mascotte della Leadership High School di San Francisco, in California, è stata scelta dal corpo studentesco con voto popolare per essere il grifone dopo il Golden Gate University Griffins, dove hanno operato dal 1997 al 2000.

Organizzazioni pubbliche (non educative)
Un grifone appare nel sigillo ufficiale del comune di Heraklion , in Grecia .

Negli sport professionistici
La squadra di hockey su ghiaccio professionale Grand Rapids Griffins dell'American Hockey League .

La mascotte di Suwon Samsung Bluewings "Aguileon" è un grifone. Il nome "Aguileon" è un composto che usa due parole spagnole ; "aguila" significa " aquila " e "leon" significa " leone ".

Parchi divertimento
L' attrazione principale di Busch Gardens Williamsburg è un sottobicchiere chiamato "Griffon", inaugurato nel 2007.

Nel 2013, Cedar Point Amusement Park a Sandusky, Ohio, ha aperto le montagne russe in acciaio " GateKeeper ", che presenta un grifone come mascotte.

Nel cinema e in televisione

Logo dell'azienda per Merv Griffin Entertainment, utilizzando una statua di grifone d'argento
La società cinematografica e televisiva Merv Griffin Entertainment utilizza un grifone per la sua società di produzione. Merv Griffin Entertainment è stata fondata dall'imprenditore Merv Griffin e ha sede a Beverly Hills, in California . Anche la sua ex società Merv Griffin Enterprises ha usato un grifone per il suo logo.

I grifoni compaiono in Le cronache di Narnia: Il leone, La strega e l'armadio e Le cronache di Narnia: Il principe Caspian .

Un grifone apparve nel film del 1974 The Golden Voyage of Sinbad .

In affari
Saab Automobile aveva precedentemente usato il grifone nel loro logo.

La società di sicurezza informatica Halock utilizza un grifone per rappresentare la protezione di dati e sistemi.

Utilizzare per animali veri
Alcune grandi specie di avvoltoi del Vecchio Mondo sono chiamate grifoni, tra cui l' avvoltoio ( Gyps fulvus ). Il nome scientifico del condor andino è Vultur gryphus , latino per "grifone-avvoltoio". La versione cattolica della Bibbia Douay-Reims utilizza il grifone per una creatura indicata come avvoltoio o ossifrage in altre traduzioni inglesi (Levitico 11:13).

Origine

I primi riferimenti storici al grifone descrivono l'area della Porta Dzungarian , una regione in cui gli scheletri di Protoceratops e Psittacosaurus sono molto comuni.
Una teoria, postulata dal sindaco di Adrienne , è che il grifone della letteratura e dell'arte greca classica sia stato influenzato da osservazioni e resoconti riportati nella regione mediterranea da commercianti e viaggiatori lungo la Via della Seta dal Bacino del Turfan e le parti occidentali del deserto del Gobi dove fossili bianchi completamente articolati di dinosauri protoceratop hanno beccato continuamente dinosauri contro il terreno rossastro. Tali fossili, visti da antichi osservatori, potrebbero essere stati interpretati come prove di una creatura mezzo uccello e mezzo mammifero. [43] [44]La ripetizione ripetuta e il disegno o il ricopio del suo volant sul collo osseo (che è piuttosto fragile e potrebbe essere stato frequentemente rotto o completamente esposto alle intemperie) può diventare grandi orecchie esterne di tipo mammifero, e il suo becco può essere trattato come prova di una parte-uccello natura e portano ad aggiungere ali di tipo uccello. [45]

Il paleontologo Mark Witton ha contestato questa ipotesi, ritenendo che si basi sull'ignoranza dei conti e dell'arte dei grifoni pre-greci, che si sono verificati considerevolmente prima dello scenario commerciale dell'Asia centrale. [46]Ma non esistono "resoconti scritti di grifoni pre-greci" che ci dicano cosa si credeva nell'immaginario ibrido uccello-mammifero e altre figure composte del periodo pre-classico. L'ipotesi del sindaco suggerisce che fossili sconosciuti che mostrano caratteristiche di uccelli e mammiferi - becchi, quattro zampe e uova nei nidi - possono aiutare a spiegare la credenza registrata in numerose fonti greche e romane da Erodoto e Eschilo a Plinio, Pausania e Eliano secondo cui i grifoni erano veri animali osservata nei deserti lungo la Via della Seta e potrebbe anche aiutare a spiegare la proliferazione di resoconti e illustrazioni di grifoni iniziati dopo il VII secolo a.C.
Disqus Comments