24 feb 2020

Coronavirus ed economia globale

Città messe in quarantena in Italia, Iran, Corea del Sud mentre il coronavirus si diffonde a livello globale


L'epidemia di coronavirus che si sta diffondendo da Wuhan nella provincia cinese di Hubei è cresciuta a livello globale questo fine settimana, poiché i casi sono aumentati in Italia, Iran e Corea del Sud. Il personale medico sta correndo per scongiurare una pandemia mortale, sottolineando la necessità di un'offensiva coordinata e internazionale per arrestare la diffusione della malattia.

La Cina rimane il centro dell'epidemia, con 652 nuovi casi e 99 nuovi decessi domenica, portando il numero totale di casi in Cina a 76.940, con 2.444 morti.

La malattia si sta muovendo costantemente in Asia ed Europa. Inoltre, a causa del suo lungo periodo di incubazione, potrebbe non aver già individuato molte persone in Medio Oriente, Africa e America. Venerdì, il capo dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus ha avvertito che mentre "siamo ancora in una fase in cui è possibile il contenimento ... la nostra finestra di opportunità si sta restringendo".


Le persone stanno sul binario vicino a un treno fermato dalle autorità presso la stazione ferroviaria sul lato italiano del Brennero, Italia [Credit: AP Photo / Matthias Schrader]
Nella Corea del Sud, dove sono stati confermati 166 nuovi casi e quattro persone sono morte, portando il totale dei malati ad almeno 602, il governo ha dichiarato un'emergenza sanitaria di livello quattro, la più alta del Paese. A Daegu, l'attuale epicentro della malattia in Corea del Sud, il sindaco Kwon Young-jin ha chiuso scuole, servizi ecclesiali, centri commerciali e altri incontri pubblici, definendo la malattia una "crisi senza precedenti".

Coronavirus ed economia globale

Coronavirus ed economia globale

Covid-19 e finanza - Tassi di mortalità -

Il pericolo che l'Europa vedrà un'epidemia su vasta scala è in aumento. L'Italia ha messo in quarantena diverse città del nord durante il fine settimana, annullando eventi culturali, eventi religiosi e classi scolastiche e universitarie, poiché sono stati rilevati 149 nuovi casi, portando il totale da tre di venerdì mattina a 152, di cui tre sono morti.

Ieri il ministro francese della sanità Olivier Véran ha dichiarato di "monitorare attentamente la situazione in Italia". Ha anche affermato di considerare molto probabile un numero significativo di nuovi casi in Francia e che "si sta preparando" per "un'epidemia".

Di particolare preoccupazione è il fatto che un gruppo di pazienti affetti da coronavirus vicino a Venezia non abbia legami noti con la Cina. Questa infezione apparentemente aveva una fonte europea sconosciuta. Il governo italiano ha annunciato che la polizia e l'esercito saranno mobilitati per far rispettare gli ordini di quarantena e funzionari austriaci hanno già respinto un treno italiano al confine.

Il medico dell'OMS Walter Ricciardi ha incolpato il governo italiano, dicendo che "È stato fatto un grave errore a non mettere in quarantena le persone che sono arrivate in Italia dalla Cina". Ha aggiunto che "entro due settimane, sapremo se stiamo affrontando un'epidemia". Nel frattempo, ha consigliato agli italiani di "evitare luoghi affollati: metropolitane, autobus, treni, scuole, discoteche e palestre".

In Iran, le autorità hanno chiuso gran parte del paese dopo una sesta morte di coronavirus, con 28 casi segnalati finora. Le autorità sospettano che gli operai edili cinesi a Qom che sono tornati in Cina per il capodanno lunare il mese scorso possano aver portato la malattia in Iran. Vi sono anche rapporti non confermati secondo cui i pazienti affetti da coronavirus si ammalano e muoiono molto più rapidamente dopo il ricovero in ospedale in Iran che in Cina, probabilmente perché il virus si sta diffondendo dai loro polmoni ai loro cuori.

Il governo iraniano ha ordinato la chiusura di scuole, università e teatri a Qom, Markazi, Gilan, Ardabil, Kermanshah, Qazvin, Zanjan, Mazandaran, Golestan, Hamedan, Alborz, Semnan, Kurdistan e la capitale Teheran. Il capo dell'università di scienze mediche di Qom, Mohammadreza Ghadir, ha lanciato un appello alla televisione di stato iraniana, dichiarando: "Siamo in prima linea, abbiamo bisogno di aiuto ... Se posso dire una cosa, è: 'Aiuta Qom!'"

Il Pakistan e l'Afghanistan hanno chiuso i loro confini con l'Iran questo fine settimana nel timore che la malattia potesse diffondersi dall'Iran in tutto il Medio Oriente, dove i sistemi medici sono stati devastati da decenni di guerre imperialiste guidate dagli Stati Uniti e sanzioni economiche. Sabato due turisti iraniani sono risultati positivi al coronavirus negli Emirati Arabi Uniti e il Libano ha confermato venerdì il suo primo caso di coronavirus, una donna di 45 anni che ritorna da Qom, un famoso luogo di pellegrinaggio.

L'Africa attualmente ha solo un caso confermato di coronavirus, ricoverato in ospedale in Egitto, ma c'è una crescente preoccupazione che possano esserci già molti casi non rilevati lì, che arrivano dalla Cina, che ha ampi investimenti nel continente, o attraverso paesi terzi in Europa e nel Medio Est.

Arrestare questo virus precedentemente sconosciuto richiede uno sforzo massiccio e coordinato a livello internazionale per sviluppare e testare vaccini, produrre farmaci antivirali e produrre apparecchiature mediche. Tuttavia, l'attuazione coerente di tale politica richiede una rottura decisiva con le politiche di austerità e di guerra imposte dalle élite al potere capitaliste in tutto il mondo per diversi decenni.

L'epidemia di coronavirus è estremamente grave. Per ora, i funzionari del governo presentano spesso una stima dell'OMS sulla mortalità della malattia basata sulla divisione del numero di vittime del coronavirus per il numero di infetti confermati. Questo calcolo, che mostra che il 2 percento di quelli che hanno contratto la malattia è già deceduto, sembra sottostimare sostanzialmente la gravità della malattia e le sfide connesse alla sua cura.

A partire da ieri, è stato confermato che un totale di 78.993 persone sono state infettate dal coronavirus. Dei 25.889 non più trattati, 2.470 (9,5 per cento) erano morti e 23.419 erano guariti. Dei rimanenti 53.104 casi attivi, 41.535 (78 percento) soffrivano di sintomi lievi, mentre 11.569 (22 percento) erano in condizioni gravi o critiche, che richiedevano il ricovero in ospedale e l'ossigenazione per trattare la polmonite innescata dal coronavirus.

Pertanto, circa il 20% dei casi diagnosticati richiede cure ad alta tecnologia e ad alta intensità di lavoro per rimanere in vita. Complessivamente, di quei casi in cui il trattamento è terminato, circa uno su 10 si è concluso con la morte. Se il numero di pazienti continuasse a crescere a livello internazionale al ritmo attuale per diversi mesi, ciò potrebbe sopraffare i sistemi sanitari anche nelle economie più avanzate.

Naturalmente, molte persone hanno contratto il coronavirus senza ammalarsi gravemente e quindi non sono state diagnosticate, quindi i tassi complessivi di malattia grave e morte sono più bassi. Tuttavia, questo è poco confortante: sembra che i portatori di coronavirus non ancora individuati possano comunque diffondere la malattia ad altri, che si ammalano o addirittura muoiono. Soprattutto se il coronavirus diventasse endemico in aree dell'Africa o dell'Asia centrale, con meno ospedali avanzati, ciò potrebbe avere conseguenze devastanti.

Nel frattempo, l'umanità viene confrontata con le conseguenze di decenni in cui sono stati spesi trilioni di dollari per condurre guerre distruttive imperialiste e inondare un'aristocrazia finanziaria oscenamente ricca con fondi pubblici. Dal Mali e dal Congo alla Siria, all'Iraq e all'Afghanistan, milioni di persone sono morte in guerre di occupazione imperialiste o guerre per procura che hanno lasciato solo una scia di devastazione sulla loro scia. In queste aree, le infrastrutture mediche critiche sono state distrutte o non sono mai state costruite, lasciando centinaia di milioni di persone praticamente indifese.

Per quanto riguarda il Nord America e l'Europa, hanno sottoposto i loro centri medici a cicli infiniti di chiusure ospedaliere e tagli ai finanziamenti che costano miliardi di euro. Nei paesi europei, tra cui Portogallo e Francia, le infermiere che protestavano per un decennio di congelamento e insufficienza dei salari dell'Unione europea dopo l'incidente del 2008 hanno svolto un ruolo chiave negli scioperi contro l'austerità. Eppure i governi capitalisti di vari colori politici li hanno ripetutamente minacciati di licenziamento o aggressione da parte della polizia antisommossa.

Le autorità britanniche hanno rilasciato una dichiarazione sul coronavirus dichiarando: "Il nostro servizio sanitario nazionale di livello mondiale è ben preparato e stiamo facendo tutto il possibile per proteggere il pubblico". Ciò ha attirato una risposta caustica da John Campbell, un medico britannico che commentava online il coronavirus.

Lavorando negli ospedali locali, ha detto, "spesso non eravamo preparati per un lunedì mattina". Ha continuato: “Se ci fossero alcuni casi di infezioni al torace o influenza, stavamo lottando. L'idea che ci possa essere un'epidemia di coronavirus e che saremmo ben preparati è un'assurdità assoluta. Quindi, come possiamo criticare la Cina, l'Iran e la Corea del Nord per non averci detto tutta la verità, quando la voce ufficiale del governo del Regno Unito mi sta dicendo che siamo ben preparati ... per migliaia di persone che si ammalano tutte allo stesso tempo? ”

Disqus Comments