Passa ai contenuti principali

Festa del 25 Aprile e propaganda della Repubblica Italiana

Domani é il 25 Aprile, una festa molto importante per la Nostra nazione, infatti é l'Anniversario della Liberazione d'Italia.
Fin qui tutti siamo d'accordo, é ineccepibile che i tedeschi presenti in Italia si sono arresi, così come la stragrande maggioranza delle camice nere fedeli alla Repubblica di Salò.
Ma é stato solo l'inizio della tragedia politica italiana, che tutt'ora non é finita.
No, non é finita, per niente, tutt'oggi in Italia ci sono ( e ci credono!) fascisti e comunisti. Persone giovani, ma anche persone di una certa età, che ancora provano dei sentimenti per le due più grandi bugie politiche di sempre.
  • Il fascismo infatti si basa sul concetto che ci sono persone migliori di altre. Perché? Perchè fino a tutto il 1940 e oltre la scienza ci diceva che c'erano delle razze di esseri umani migliori ed alcune peggior, cosa che con il tempo la scienza e la biologia ha corretto.
  • Il comunismo: una teoria politica magnifica ma che non è mai riuscita a trovare una realtà oggettiva, se è vero che in una società tutti possiamo avere gli stessi diritti, non è fattibile che tutti possediamo le stesse cose. C'è gente a cui piace lavorare 16 ore al giorno, e ci sono persone a cui non piace lavorare per niente: NON SIAMO TUTTI UGUALI !!!
Festa del 25 Aprile e propaganda della Repubblica Italiana
Detto questo torniamo a delle realtà storiche INEQUIVOCABILI:
Senza "Alleati" in Italia ( probabilmente) oggi comanderebbero i figli del Duce - o chi per Loro -.
Che i partigiani abbiano liberato l'Italia è solo una notizia propagandistica, confezionata dalle associazioni di partigiani e dai partiti politici italiani ( TUTTI!).
  • Fascism an anti-semitism in Italy
Cerchiamo di fare un ragionamento sul contesto storico: dopo la sconfitta di Stalingrado e della campagna di Russia, nonché le sconfitte in Africa e della cosiddetta Battaglia d'Inghilterra, l'asse non aveva più chances di vincere la guerra.
Di più, con l'invasione dell'Italia da parte degli Alleati e l'avanzata russa da est la Germania stessa era spacciata.
Anche chi in Italia aveva paura ed era intimorito dall'armata tedesca, quando fu sicuro che la Germania avesse perso la guerra iniziò a prendere coraggio: era il 16 Aprile quando l'Armata Rossa accerchiò Berlino: l'ultima grande battaglia della IIA guerra mondiale era iniziata.
Le notizie anche in Italia arrivavano - eccome se arrivavano - per questo ( probabilmente) coloro che avevano responsabilità nella Resistenza ( Partito Comunista, Partito Socialista, Democristiani, Partito Repubblicano) iniziarono a 'spingere' per far sì che anche l'Italia e gli antifascisti potessero avere un ruolo importante nella IIa guerra mondiale nonché una visibilità nella guerra contro il nazismo.
Questo avvenne con la famosa dichiarazione di sciopero generale da parte di Pertini ( ex Presidente della repubblica e 'partigiano' della 1a ora, un vero e proprio - e forse unico - EROE NAZIONALE): "Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire. "

La RSI (Repubblica salò) fece una chiamata alle armi generale. La guerra si sapeva che sarebbe stata vinta dagli alleati; la maggior parte degli uomini si diede alla macchia, quindi ( per difendersi dai tedeschi e dalle camice nere, che li consideravano renitenti alla leva, quindi traditori) diventarono partigiani.
I partigiani della "prima ora" erano in realtà pochissimi, non si sa bene quanti, visto che la maggior parte degli esponenti di Sinistra e democristiani erano rifugiati in Francia ( e rientrarono solo in un secondo momento)
  • Italian political songs

Commenti

Post popolari in questo blog

Septum piercing anello al naso: significato di una moda particolare

Si chiama septum piercing, il piercing al naso, quello che in lingua italiana si chiama anello al naso, tipico delle antiche popolazioni africane e australiane, è diventata una moda, vediamo insieme cosa significa di questo nuovo trend: l'anello al naso o septum piercing in voga specialmente tra le ragazze, ma non disdegnato dai ragazzi.

Septum piercing - anello al naso: cosa significa?
Qual'è il significato di un anello al naso? i significati del Septum o piercing al naso sono molteplici, uno per ogni cultura e uno per ogni periodo storico.
Oggi come oggi, portarlo in Italia significa solo un vezzo, una moda, niente di più, ma andiamo a vedere alcune cose che bisognerebbe sapere riguardo un anello al naso.

L'anello al naso è tipico dei bovini, serviva per prendere i bovini con una corda e condurli dove si voleva, da qui il detto "prendere per il naso", cioè portare a spasso, come si dice a Roma, che nella lingua italiana potremmo dire "prendere in giro"…

Resilienza: significato del Tatuaggio

Anche Gianluca Vacchi ha un tatuaggio con la scritta resilienza, ma cosa significa questa parola? La resilienza indica tutte quelle persone che, nonostante le avversità della vita, non si abbattono e si rialzano anche più forti di prima. Descrive tutte quelle persone che hanno un carattere forte e che sanno fare tesoro delle esperienze negative della vita e sfruttarle a proprio vantaggio. Descrive la capacità di evolvere anche grazie agli eventi negativi.
Il termine ha spopolato grazie all’imprenditore Gianluca Vacchi che tra Facebook e Istagram conta oltre un milione di fan. Vacchi ha tatuato la parola “resilienza” sul proprio corpo e ne ha fatto anche una filosofia di vita. Resilienza significato La resilenza indica la capacità di un corpo di resistere ad eventi che provocano uno choc e di riprendere la sua struttura iniziale. In ambito psicologico indica la capacità di un individuo di superare i momenti dolorosi dell’esistenza e di evolvere, nonostante le avversità.
La resilienz…

20 Lavori Più Pagati Senza Laurea

L'Università  è sopravvalutata? I 20 migliori lavori di pagamento senza laurea
"Devi studiare per ottenere un buon lavoro."
Quella era una frase che mio padre mi picchiava continuamente nella testa più di quanto Lars Ulrich potesse battere sulla sua grancassa. (Nel caso ci sia un gap generazionale, Lars è il batterista del gruppo rock Metallica).
Mentre sono grato di aver seguito il consiglio di mio padre e di aver ottenuto la mia laurea in finanza, un interessante articolo di WalletPop.com ha colto la mia curiosità. L'articolo aveva dato uno sguardo ad alcuni dei lavori più pagati che si potrebbero ottenere senza laurea.


Come evidenziato dal College Board in un recente sondaggio che illustra i cambiamenti nelle tasse scolastiche tra il 2008 e il 2018 e il 2018, le tasse scolastiche sono in costante ascesa. Negli ultimi 10 anni, il costo medio di un diploma privato di 4 anni è aumentato di oltre $ 7000 entro il 2019, forse rendendo l'idea di ottenere quella laure…