25 mag 2018

Filled Under: ,

Debito Pubblico Italiano e Governo Conte: Dovremmo Avere Paura? SI

Una precedente ricerca del PIIE ha esaminato se l'aumento dei tassi di interesse potesse scatenare una crisi del debito in Italia. La risposta era "no", a due condizioni: in primo luogo, l'aumento dei tassi di interesse rifletteva la ripresa economica; e in secondo luogo, che il governo italiano sarebbe disposto a cooperare con le autorità europee - l'Unione europea, il meccanismo europeo di stabilità (MES) e la Banca centrale europea (BCE) - per gestire una perdita di fiducia del mercato.
Dieci mesi dopo, queste condizioni non valgono più. La reazione politica a rallentare la crescita e l'immigrazione ha prodotto il governo meno cooperativo che si possa immaginare, una coalizione tra il Movimento a cinque stelle di sinistra populista (M5S) e la Lega populista di destra. E i costi di finanziamento hanno iniziato a salire in reazione. Ciò significa che una crisi è imminente? Se è così, quanto sarebbe un problema?

Debito Pubblico Italiano e Governo Conte: Dovremmo Avere Paura? SI
Giuseppe Conte, Primo Ministro del Governo Pentaleghista

QUANTO MALE SAREBBE UNA CRISI DEL DEBITO?

La seconda domanda è più facile da rispondere rispetto alla prima. Una crisi potrebbe essere orribile, per due ragioni. Innanzitutto, nessuno dei potenti strumenti di stabilizzazione sviluppati dall'area dell'euro negli anni potrebbe essere utilizzato per salvare l'Italia.

A seguito di downgrade legati alla crisi, l'Italia non sarebbe più idonea al programma di acquisto di bond di allentamento quantitativo della BCE

La BCE smetterebbe di accettare i titoli italiani come garanzia. 

L'accesso ai programmi di sostegno di emergenza - l'ESM, e attraverso di esso, il programma delle transazioni monetarie definitive (OMT) - sarebbe condizionato all'adeguamento fiscale, il contrario di ciò che il nuovo governo italiano ha promesso. Se il governo non dovesse cambiare rotta, sarebbe costretto a uscire dall'euro, anche se questo non è il suo piano attuale.
E secondo, c'è l'interconnessione e la dimensione dell'Italia. Con la BCE che usa tutti gli strumenti disponibili per limitare il contagio, l'euro potrebbe sopravvivere a Italexit. Ma un'uscita avrebbe comunque messo in crisi l'Italia, l'economia dell'area dell'euro e l'Unione europea. Con il crollo del credito, degli investimenti e della fiducia dei consumatori, l'Italia entrerebbe in una profonda recessione. La ridenominazione di attività e passività di società e banche italiane comporterebbe bancarotte e conflitti legali. L'acredine che ne è derivata, sia all'interno del paese che in tutta Europa, farebbe impallidire ciò che è stato osservato durante la crisi del 2010-12. Se l'Italia uscisse anche dall'Unione Europea, un massiccio shock commerciale aggraverebbe la crisi finanziaria e la recessione in Italia e in tutta l'Europa.

I PIANI FISCALI DELLA COALIZIONE: RICETTA PER UNA CRISI DEL DEBITO

Quanto è probabile un tale scenario? Per rispondere a questa domanda, è necessario dare un'occhiata più da vicino agli incentivi che si presentano al governo di coalizione in entrata. Per avere successo nelle prossime elezioni, le due parti vorranno mantenere le loro principali promesse. Le promesse del contratto M5S-League sono compatibili con uno scenario in cui l'Italia (e l'Europa) non si trovano ad affrontare una crisi del debito? E cosa potrebbe accadere se non lo fossero?
Le promesse elettorali della M5S e della Lega sono entrambe incentrate su una posizione fiscale più espansiva, sebbene con grosse differenze. M5S ha promesso l'introduzione di un reddito minimo garantito, che ha attirato gli elettori nel sud economicamente sofferente. Il partito della Lega prometteva una tassa piatta, che attraeva gli elettori nel nord economicamente prospero. Entrambe le parti hanno sostenuto l'abrogazione di una controversa riforma delle pensioni introdotta nel 2011 dal governo dell'ex primo ministro Mario Monti. Il contratto governativotra le due parti presenta tutte e tre le promesse. Inoltre, entrambe le parti si sono impegnate ad abrogare un aumento altrimenti automatico dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) prevista nel bilancio 2018.
Quanto costerebbe questa generosità e come potrebbe essere finanziata? L'abrogazione dell'eventuale aumento dell'IVA richiederebbe 12,5 miliardi di euro. Per quanto riguarda le altre promesse, Carlo Cottarelli alle stime dell'Osservatorio Conti Pubblici Italianiche la flat tax della Lega costerebbe intorno ai 50 miliardi di euro, mentre il reddito garantito di M5S costerebbe circa 17 miliardi di euro. La rottamazione della riforma delle pensioni del governo Monti aggiungerebbe altri 8 miliardi di euro. Contando su alcune delle promesse minori, il totale raggiungerebbe ben 109-126 miliardi di euro (dal 6 al 7% del PIL).
Il contratto governativo è vago sul modo in cui tali misure sarebbero finanziate. Per quanto riguarda il reddito minimo garantito del M5S, suggerisce che parte del costo potrebbe essere coperta con le risorse del Fondo sociale europeo, ma se questo sarebbe possibile, e in quale misura, non è chiaro. Sia il contratto e il centro-destra originale programmamenziona anche l'intenzione di eliminare le detrazioni e ridurre le spese fiscali, ma non fornire dettagli. Allo stesso tempo, vale la pena ricordare che il programma originale di centrodestra era l'espressione di una coalizione tripartita con visioni diversesul percorso appropriato per le finanze pubbliche. Le proiezioni economiche della lega includevano un ricorso molto più ampio al finanziamento del deficit rispetto al partito di centro-destra che le proiezioni di Forza Italia facevano. La lega si è staccata da questa coalizione per perseguire l'alleanza con M5S. Senza l'influenza restrittiva di Forza Italia, potrebbe decidere di seguire le sue intenzioni iniziali.
Di conseguenza, la composizione della coalizione in entrata e il suo contratto di governo rendono difficile immaginare una linea politica che non la metta in rotta di collisione con i mercati finanziari e con l'Unione europea. L'entità dell'aumento del deficit implicato dalle misure combinate probabilmente violerà tutte le norme fiscali dell'UE e nazionali e porrà il debito su una traiettoria insostenibile. Inoltre, la possibilità che il governo possa utilizzare "mini-BOT" - titoli di stato negoziabili per liquidare arretrati, potenzialmente creando una fonte interna di finanziamento monetario all'interno dell'unione monetaria - è profondamente preoccupante. Schemi di questo tipo sono stati provati e falliti nelle crisi dei mercati emergenti. I mercati potrebbero vederli come il primo passo verso la reintroduzione di una valuta nazionale e potrebbero anche avere ragione.

IL GOVERNO NON DOVREBBE CORREGGERE IL CORSO PRIMA CHE UNA CRISI DEL DEBITO AUMENTI, MA ITALEXIT NON È ALTRETTANTO PROBABILE

Si può immaginare che il programma governativo sia attuato su scala molto ridotta, in modo da evitare di violare le regole fiscali e rischiare la sostenibilità del debito? Forse. Ma data la mancanza di finanziamenti identificati, ciò sembra possibile solo se una delle parti della coalizione è pronta a ridurre in modo significativo, o almeno ritardare, le sue promesse di firma. Questo è ciò che rende la situazione attuale così preoccupante. Qualsiasi traiettoria che eviti una collisione sembrerebbe richiedere una scalata da parte della Lega, M5S o entrambi, e questo non è probabile che accada volontariamente.
Di conseguenza, uno scenario in cui il governo corregge la rotta prima che la situazione degeneri appare improbabile. Uno scenario in cui l'Italia perde l'accesso al mercato - forse innescato da un downgrade - seguito da un fallito tentativo di negoziazione con le autorità europee e con Italexit, sembra certamente possibile. Ma rimane improbabile, per diverse ragioni.
Primo, il governo potrebbe alla fine battere le palpebre. Una crisi a pieno titolo danneggerebbe l'Italia almeno tanto quanto il resto dell'Europa. Il sistema finanziario italiano è ancora fragile e molte banche sono fortemente esposte ai titoli di stato. Due terzi dei titoli di stato italiani sono di proprietà dei residenti. Quindi, una crisi del debito trasversale non è uno strumento che un governo italiano, anche uno che vuole sfidare i suoi partner internazionali, può facilmente utilizzare per abbassare il suo debito a scapito degli stranieri. Una crisi che porta a un default italiano danneggerebbe soprattutto gli italiani, e così anche i suoi effetti a catena. È difficile vedere come le parti che innescano una simile crisi non saranno punite nelle prossime elezioni.
In secondo luogo, la maggior parte delle politiche che potrebbero portare l'Italia sull'orlo della crisi si manifesterà nella revisione del bilancio 2018 o 2019. Questi bilanci devono essere approvati da entrambe le Camere del Parlamento. La maggioranza della coalizione di governo nella parte superiore - il Senato - è magra: 6 voti. Nel corso di un forte aumento degli oneri finanziari innescato da un bilancio irresponsabile (o dalla sua previsione), tale maggioranza potrebbe ben presto erodersi.
In terzo luogo, l'articolo 81 della Costituzione italianaintroduce un principio di bilancio equilibrato e l'articolo 97 stabilisce che le entità delle amministrazioni pubbliche, conformemente alla legislazione dell'UE, assicurano bilanci equilibrati e sostenibilità del debito pubblico. Un bilancio che contravvenisse bruscamente a queste regole potrebbe essere considerato incostituzionale dal presidente della Repubblica, che potrebbe rifiutarsi di firmarlo. Ciò ovviamente non sarebbe privo di costi, poiché avrebbe avviato una crisi istituzionale e una fase di incertezza, ma è possibile.
Di conseguenza, si possono immaginare diversi scenari in cui le crescenti condizioni di crisi - aumentare i costi di finanziamento, accelerare i deflussi - alla fine indurre una correzione. Sotto forte pressione da parte di imprese e italiani che desiderano rimanere nell'euro (forse una maggioranza esigua, ma comunque una maggioranza, secondo Eurobarometro), il sistema politico italiano ad un certo punto tirerà il grilletto di emergenza. Questo potrebbe venire in diverse forme. Di fronte a una crisi, la coalizione potrebbe decidere di posticipare o abbattere pesantemente i suoi piani fiscali. Oppure può andare avanti e scatenare un confronto con il presidente o perdere la sua maggioranza al Senato. Oppure potrebbe crollare perché uno dei due partner della coalizione non vuole unirsi all'altro nel saltare giù dalla scogliera.
Poiché uno degli scenari di questa classe è probabile che si verifichi, l'appartenenza italiana nell'area dell'euro potrebbe vivere per vedere un altro giorno. Una catastrofe europea può essere evitata. Ma i costi per farlo potrebbero comunque essere elevati, sia per la coesione politica e sociale in Italia che per il futuro dell'Europa.

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.